Welcome to SP!  -
Memento dedicated to Marco Cossard said "Crevassino" (1949-2013)
Article
Contribute 
 
 

Memento dedicated to Marco Cossard said "Crevassino" (1949-2013)

 
Memento dedicated to Marco Cossard said "Crevassino" (1949-2013)

Page Type: Article

Object Title: Memento dedicated to Marco Cossard said "Crevassino" (1949-2013)

Activities: Hiking, Mountaineering, Trad Climbing

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Jan 23, 2017 / Jan 24, 2017

Object ID: 992534

Hits: 819 

Page Score: 77.48%  - 8 Votes 

Vote: Log in to vote

 

Nostalgic Overview Overbearing

Passed three years since Marco has gone. "Crevassino" is not dead, he just decided to leave, deeply disappointed, this world.
It is gradually abandoned because they probably had nothing more to discover and even something that stimulated to live. It was a Poet? Do not I know, but certainly when he was young and in Middle Schools we attended together I would say so, yes. Instead of listening to lectures, as I looked out the window peering at distant horizons, he composed verses with rhymes, heroic verse and various abstruse, the result of an overactive mind and constantly torn by the Fancy and with great Imagination. Subject were the teachers and the girls class companions or females classmates that being a little misogynist, tended to ridicule or coddling the footsteps of Dante, Petrarch, Boccaccio as well. Something came out also from the Iliad and by the Odyssey, while the "Maya desnuda" of Goya passed surreptitiously from hand to hand reaching the top of the era eroticism. But Mark, who at that time was not yet called "Crevassino", was also a practical and, stimulated by the pyramids of Becca and the Emilius superjacent the Cloister of Saint Ours where he lived with his mother, he organized the first of our youth trips. Starting at night, and of course on foot. Crossing Aosta then head to the mountains of the surroundings and becoming masters of the trails. In an era where missing topographic maps and instructions were going to find them into old books by Abbots. Those who "dominated" the mountains looking at the same from the S. Orso Collegiate Church under the rugged Campanile. Incidentally were the same to discover and attend the Mountains. Anon imitated by the British Mountaineers ...

Wandering & Scrambling up in Aosta Valley and Surroundings since 1965 until 1976 & others.

<font color =gren><b>Youthful Mount Fallère</font> <i>(3061m)</i></b> 1965
Mountain Friends 1963/2013 With Marco Cossard 1965
 Crevassino  &  Buffalo  Bill 1976
Mountain Friends 1963/2013 Fallère with Massimo 1965
 By Crevassino  A Man to White & Blue Infinite 1973


Son passati giusto tre anni da quando Marco Cossard se n'é andato. "Crevassino" non é morto, ha solo deciso di lasciare, profondamente deluso, questo mondo.
Si é abbandonato progressivamente perché probabilmente non aveva più nulla da scoprire e neppure qualcosa che lo stimolasse a vivere. Era un Poeta? Non lo sò, ma sicuramente quando era giovane e frequentavamo le Scuole Medie insieme direi proprio di si. Invece di ascoltare le lezioni, mentre io guardavo fuori dalla finestra scrutando orizzonti lontani, lui componeva versi con rime, endecasillabi ed astruserie varie, frutto di una mente fervida e lacerata costantemente dall'immaginazione e dalla fantasia. Oggetto erano i professori e le compagne di classe che, essendo un pò misogeno, tendeva a mettere in ridicolo oppure a vezzeggiare sulle tracce di Dante, Petrarca ma anche Boccaccio. Qualcosa usciva fuori anche dall'Iliade e dall'Odissea, mentre la "Maya desnuda" del Goya passava furtivamente di mano in mano raggiungendo il top concesso dall'erotismo dell'epoca. Però Marco, che a quei tempi non si chiamava ancora "Crevassino", era anche un pratico e, stimolato dalle piramidi della Becca e dell'Emilius sovrastanti il Chiostro di Sant'Orso dove con la mamma abitava, organizzava le prime gite con grandi "cammellate" della nostra gioventù. Partendo di notte e logicamente sempre a piedi. Attraversando Aosta per poi dirigersi verso le montagne dei dintorni e diventando padroni dei sentieri delle circostanti colline. In un epoca dove le carte topografiche latitavano e le istruzioni andavi a cercarle nei vecchi libri dell'800 degli Abati. Quei Preti che "dominavano" le Montagne d'"alentour" guardando le stesse dalla Collegiata e sopra il robusto Campanile con mete sempre mirate alle medesime.
Eran stati gli stessi a scoprire e frequentare le Montagne della Valle. Tosto imitati dagli Alpinisti Inglesi, scandalizzando il Gorret per l'assenza dei nostri giovani ...


A Life & a History

"Crevassino" The Great





Marco Cossard was born in Aosta Hospital June 23, 1949 and in the same dead January 16th, 2013. I June 26 of that year and month. Were almost brothers.
His mom and my roommates were two of us and took us on the same pillow. Then we lost, but we found ourselves in middle school and at the end we started to go to the mountains with a beautiful trip to the Fallère (3061 m) starting from the Priory of Saint Orso in Aosta, return, together with Massimo Centelleghe (is dead in January 2017), classmate and future Engineer. We got lost and found ourselves again, irony of the Destiny, at the end of June of 1971, after I had just got married. I met Joseph Lamazzi, his companion to evening courses for surveyors, and other with his two friends, Ezio Trussoni and Franco Lenzi, we went for the Becca of Nona (3142 m) and the Great Tour of Emilius, crossing the Head (3140 m) and Blantsette Pass. Then, bivouacked at Ménabreaz Shelter and all'Emilius risen, they went to the Punta Tersiva while I abandoned them to Arbolle Hill to return alone. They went on with all the pot, by Marcus, to go to the Alp of Ervillères (Grauson), where bivouacked, not before he made ​​a great "spaghetti" night. But then Marco was not yet "Crevassino"! Our paths diverged, partly because I did a type of climbing that Mark was not interested. Then again took to hanging out with a hike always treble whole Group of Mont Fallère,

Wandering around & Scrambling up in Aosta Valley and Surroundings, 1971, 1975, 1976, 1978


With  Crevassino  on Becca  & Emilius s Great Tour 1971
The Spirit hovers about over Waters of Frozen Loch, 1976
MONTE EMILIUS East Crest
On EMILIUS s SUMMIT January 05th, 1975 Five WINTER ASCENT first & sole in day from Gimillan
P. Garin Normal Route from Gimillan/Grauson 1978


place of preference for Marco and even for the renowned "Crevassino", and the same from the Northern Slope, crossing Testa (Head) Cordella-Mounts Flassin and Vertosan and the Punta Felita-Head of Fra-Head Serena-Ridge Corléans in Flassin small Vallon into the Great Sainct Bernard Valley. The first two with Lamazzi, called "Peppino, the last he and I and we are only at the end of summer 1972. Fine good hiking trips. Resume in a series of walks, this time more ongoing, early spring next starting, for a change, from Fallère and after to follow Méabé Mount-Longhede Summit-Becca of Aver-Cross of Fana Cornet Point, from which it adds Franco Lenzi, a friend of theirs from Genoa "Belin, Belin ( = "Genoesed" exclamation!) today do not go at all. I must go to sleep as soon as possible on a Saturday night!" To discover then on top of that you have carried in your backpack a nice slab of cement and concrete 50 cm x 30 cm, those that form the edge of the drainage of roads. We, accustomed to the jokes of this (always Mark) quirky subject, we are used to patrol along the way, at least a couple of times on our lot, because some stones has also put us in the past! So Mount Morion crossing of the Coast Champorcher-Becca of Viou-crossing of the two Percià Tops and great crossing, starting from Les Druges High in the Valley of Saint Marcel (Idea made ​​Mark, real mountain mule and desert camel and lover of these marathons, so as to nip the long mates!), which sees us go up to homonymous hill, climb over the two bits of Laval, Punta Gianni Vert up to Tessonet Hill, renounce Tersiva's Point, return back, the same via, to cross the Mont Vallonet and below the small hill, climb the Leppe Point, down to Slope Northwest to his Collar and Point of Lussert or Quota 3221 meters down its Wall South to the Lower Lake Lussert, go back to the Middle and the Upper, pass the Col des Laures entering the homonymous valley, cross under the East Wall of the Eastern Top of the Red Summits of Emilius reaching the Arbolle Hill and entering the valley of the fourth day, go back to Pass of the Three Capuchins and to the Mount Emilius (3559m), but the dark (we pile) and, perhaps even more , fatigue stop us in the middle ridge and descend to camp "rich" of a single blanket beside lake ice. A starry night and cold, with shivering and dawn understand why: we no longer find that Marco slipped a few meters lower, dragging in its "fall" the only pool, blissfully sleeping like a log, all the way down takes his insults and curses from the well-deserved "Peppino" and by Osw, which does not give answers, grinning under the mustache! Everything to make you understand who is our friend, who later became "Crevassino" when "open" phase mountaineering ... We decide to become a mountain climber Marco: rope, ice ax, crampons, gaiters. But nothing duvet, because it has a loden jacket in gray, which we call a wolf skin, which is by him considered somewhat better than the more beautiful anorak existing. As a general test, let's go on a glacier. Enough with the snowfields! So with the Franco and a certain R. Ravenna (the "Peppino" stay at home, perhaps because he wants to see more clearly) go to Valgrisenche to climb the Head Rutor, all in one day. From the Rifugio Bonne Scavarda, Glacier of Morion and then directly to the peak for a steep ice slope and exit at South Peak for a rock chimney and a share through a secondary road on the Southeast Slope, perhaps never traveled in the past, rising further to the left than that of August 16th, 1858. Descent to the Rutor Pass along the Via Crest Northeast or Normal on glacier of the same name on the other side in La Thuile Valley and then a new test: direct ascent to the West Face in Château Blanc of broken rocks and unsafe, downhill to the North Ridge homonymous hill and wide and long ride on the Glacier Château Blanc to return to Valgrisenche Valley. Everything works OK and our is doing very well, with some puff away indeed it works just fine but with some snort that becomes expletive (the Crevassino famous "cristonate" or that damn curse addressed to the sky) in the rocky chimney. So three days later, ie in August 1973, we go to the Refuge des Cosmiques to do a very long traverse towards four Summits of more 4000 metres between Courmayeur/Chamonix or Mont Blanc de Tacul (Eastern 4247m, Western 4248m), Mont Maudit (4468m), finally Mont Blanc (4810m).
This story as a matter of fact better a true history, almost terrible and worthy of the largest Tartarin de Tarascon by Alphonse Daudet, I will tell it next time ...

"CREVASSINO" or "Little Crevasse" towards Punta Bousson and Punta Galisia into the Gran Paradiso Group





The NIGHT of the Mont Blanc de TACUL at the MONT BLANC and the birth of the MYTH of the BIG "CREVASSINO"

In the afternoon we go to the Rifugio Torino
to that des Cosmiques, then still in the wood before burning, and perched on the rocks of the Midi. Of course, these French behave much more friendly and courteous when they are "Chez-Nous" en Italie that when you go to visit them at their home or "Chez Eux-" en France. However, they give us a place to sleep, so to speak. The casino in shelters does not exist only in Italy, which is why I have always tried, where possible, to avoid them; better one night in your bed, perhaps with a few hours of sleep but quiet and a good cup of coffee in your home (but when is that the French will learn to do it!), even if it costs a few more hours for the approach, which is going to add up to the route. Here it is not possible because it depends on the Glacier cable car, the seventh wonder of the world, at least so says the advertisement. So early, paid the bill, we're leaving, almost furtively. The night is cooler than cool and attack the northern side of the Tacul, which go up easily and quickly (it is in danger of falling seracs, a factor for which there have been many casualties, including collective, because the way is frequented by many a groups of roped climbers which often proceed in single file) to reach the large crevasse that divides the glacial face, approximately in its middle part. This year is very broad, deep and overflows the edge of the upper slope and not a little. It was not so in 1970, but here the conditions are always changing often forcing the path to vary from year to year. It's about 2 and a half hours in the morning when we approach this passage, "Peppino" intertwined hands with boxing gloves and I will ascend above with one foot doing the human pyramid. Then a stretch and a leap and put my ice ax over the top edge, pulling, and "Peppino" pushing, "Ohissa" are over. I get about twenty meters and put my ice axe in a workmanlike manner. Now it's up to them, in the first Marcus which is the center of the rope. I put the rope pull, but as time passes and I'm looking for what you can see, with our poor batteries that have a light depth of no more than 3/4 meters. Suddenly, a sharp blow and the rope goes live like a violin string, but the "pike" does not move. I call. No answer, because the wind is rising and the noises are at the top. But even in the signals are coming from. I try to scream louder. Nothing. Top glittering stars and the bottom of 3000 meters the lights of the Chamonix Valley is the measure of this sidereal abyss. No one came, not even other climbers. Time becomes infinite. Then, I do not know how long after, because now I resigned myself to wait for the dawn, the rope suddenly becomes soft; anxiety increases even more and more. What the co .. or do! These two. After quite a bit of time in the dark is a template: Mark that is rough and flaky salt with small steps in stopping force. When is that I also recover the "Peppino" from which he can not answer the questions, as taken from an irrepressible laugh, can not be stopped. Only then will I know: now is the time when Marco in making human pyramid the procedure has been carried out in the same way. Only that the Mark, being smaller than me, he planted the "pick" not over the edge, but underneath, and when it's time to hoist the body is this is, logically, a parade and he is plunged into the crevasse. Down 8/10 meters and head down into the deepest darkness. The "Peppino", as a good pilot, the first identified and then they drew to shore, or against an inner wall of the crevasse. "He walked around like a top rope and to me it seemed to be a puppeteer," he laughs like crazy! Luckily he had not lost the crampons and ice ax hanging with her little thong to the wrist. "Go . Savage, G .. Tramp", screaming and cursing spinning. With great patience "Peppino" has managed to approach the icy wall and, slowly, to recover making it back to the small terrace. To safety.




This moment, Mark became "Crevasse" and then, more affectionately, "Crevassino"
or "Little Crevasse" and this nickname, coined by me, it was used by everyone in our company and accepted by him all things considered with pleasure; distinguished him from the others and gave him a certain tone to be true mountaineer and "experienced".
But he was not joking with the nicknames: from "Svaldino" to the me, "Peppino" for which denoted always gratitude and reverence to "Mike Burke" for the giant, almost Himalayan Camillo Roberto and the terrible "Cita & Cucù" for the Sandro and the Raffaella, husband and wife. At the bottom was a gay youth and playful and even a little unlucky, that mountain was not looking only fatigue but also fun. With nothing! How does it end this adventure? We go with the wind increases more and more and then become terrible with gusts of over 80 miles an hour (I would say at night the Radio), "Crevassino" lands on Great Shoulder 4187 meters in a black bag of rubbish, perhaps filled with art for these occurrences, while the two of us reach the Western Summit (4248m), finding shelter interlocking between the red rocks of granite. We are like on a turret and see below "Crevassino" which stands as the Captain Ackab. For each gust responds with a "Brrrrrrr!" infinite and ever more terrifying, but undaunted does not move, wrapped in his jacket loden gray, is just what a wolf skin. So we do test thoroughly, for over a nice quarter of an hour. Then we go down to retrieve the "beast", now half frozen, and try to go from the Tacul Plateau (4035 m) to the Col du Mont Maudit (4345m), but come halfway up the slope, we give up because the weather worsens even more and has accumulated a layer of fresh snow dangerous. Another time, because in the mountains you need to know as well give up. We all go down together to the Col du Midi (3532m) and go to climb to Punta Lachenal (3684m) and the nearby Quotas 3590 and, more to East, 3570 metres having fun with crampons on steep slopes, while "Crevassino" heats up in the sun, which in the meantime has appeared mockingly sweeping away everything, and basks in his jacket sleeping wolf. But this adventure is not never see him again: he's going to buy a nice duvet, stuffed with goose down!!! Of other drugs, and also hilarious adventures, worthy of the largest Tartarin de Tarascon, we will tell you in the near immediate future ...

Big Bang on Northern Face of Mont Blanc de Tacul, by "Crevassino"





Marco é nato all'Ospedale di Aosta il 23 Giugno 1949 e nello stesso é mancato il 16 Gennaio 2013. Io il 26 Giugno stesso anno e mese. Eravam quasi fratelli.

Sua mamma e la mia erano compagne di stanza ed a noi due ci portavan sullo stesso cuscino. Poi ci perdemmo, ma ci ritrovammo alle scuole medie ed al termine iniziammo ad andare in montagna con una bella gita al Mont Fallère (3061 m) partendo dal Priorato di Sant'Orso in Aosta, andata e ritorno, insieme a Massimo Centelleghe (é mancato anche lui a Gennaio 2017), compagno di classe e futuro Ingegnere. Ci perdemmo nuovamente e ci ritrovammo, ironia del Destino, a fine Giugno del 1971, dopo che io mi ero appena sposato. Conobbi Giuseppe Lamazzi, suo compagno ai Corsi Serali per Geometri, ed isieme ad altri sue due amici, Ezio Trussoni e Franco Lenzi, andammo a fare la Becca di Nona (3142 m) ed il Gran Giro dell'Emilius, attraversando la Testa (3140 m) ed il Col Blantsette. Poi, bivaccato al Ménabreaz e saliti all'Emilius, loro proseguirono per la Punta Tersiva, mentre io li abbandonai al Colle di Arbolle per rientrare da solo. Proseguirono con tutto il pentolame, di Marco, per andare all'Alpe di Ervillères, ove bivaccarono, non prima di aver fatto una grande "spaghettata" serale. Ma allora Marco non era ancora "Crevassino"! Le nostre istrade si divisero, anche perché io facevo un tipo di alpinismo che a lui non interessava. Indi prendemmo nuovamente a frequentarci con una triplice escursione sempre nel Gruppo del Mont Fallère, luogo di preferenza per Marco; lo stesso dal Versante Settentrionale, la traversata Testa Cordella-Mont Flassin-Mont Vertosan e quella Punta Felita-Testa dei Frà-Testa di Serena-Cresta di Corléans. Le prime due con Lamazzi, detto "Peppino", l'ultima lui ed io soli e siamo sul finire dell'estate 1972. Belle gite di buon escursionismo. Si riprende con una serie d'uscite, questa volta maggiormente continuativa, all'inizio della primavera successiva iniziando, tanto per cambiare, dal Fallère quindi a seguire Mont Meabé-Cima di Longhede-Becca d'Aver-Croix de Fana-Punta del Cornet, dalla quale si aggiunge Franco Lenzi, un loro amico proveniente da Genova: "Belin, belin oggi non vado proprio un tubo. Bisogna che vada a dormir prima al sabato sera!" Per scoprire poi in cima d'aver trasportato nello zaino una bella lastra di cemento 50 cm x 30 cm, quelle che formano il bordo di scolo delle strade. Noi, avvezzi agli scherzi di costui (sempre Marco), stravagante soggetto, siamo abituati a perlustrare, strada facendo, almeno un paio di volte il nostro sacco, perché qualche sasso ce l'ha ficcato pur a noi nel recente passato! Quindi Mont Morion e traversata della Costa di Champorcher-Becca di Viou-traversata delle due Punte Percià e grande traversata, partendo da Les Druges Alte nel Vallone di Saint Marcel (Idea di Marco, vero e proprio mulo di montagna e cammello del deserto nonché amante di codeste maratone, tali da stroncar alla lunga i compagni!), che ci vede salire all'omonimo colle, scavalcare le due Punte di Laval, la Punta Gianni Vert fino al Colle Tessonet, rinunciare alla Punta Tersiva, ritornare all'indietro, stessa via, per attraversare al Mont Vallonet ed al sottostante colle, salire la Punta di Leppe, discenderne il suo Versante Nordovest al Colletto ed alla Punta di Lussert o Quota 3221 metri, scendere la sua Parete Sud verso il Lago Inferiore di Lussert, risalire a quello Medio ed a quello Superiore, superare il Colle des Laures entrando nell'omonimo vallone, attraversare sotto la Parete Est della Punta Orientale delle Punte Rosse dell'Emilius raggiungendo il Colle d'Arbolle ed entrando nel quarto vallone della giornata, risalire al Passo dei Tre Cappuccini indirizzandoci all'Emilius; ma il buio (non abbiamo pile) e, forse ancora di più, la fatica ci fermano a metà cresta e scendiamo a bivaccare "ricchi" d'una sola coperta presso il Lago Gelato. Una notte stellata e fredda, con i brividi ed all'alba capiamo il perché: non troviamo più Marco che, scivolato "astutamente" qualche metro più in basso, trascinando nella sua "caduta" l'unica coperta, beatamente dorme come un ghiro. Per tutta la discesa si prende i suoi insulti e le meritate imprecazioni da parte del "Peppino" congiunte alle mie, alle quali non dona risposte, sogghignando sotto ai baffi! Tutto ciò per farvi capire chi é il nostro amico, che poi diventerà "Crevassino", quando si "aprirà" la fase alpinistica ... Decidiamo di far diventare Marco un alpinista: corda, piccozza, ramponi, ghette. Ma niente duvet, perché possiede un giubbotto in loden grigio, che noi chiamiamo a pelle di lupo, che é da lui ritenuto alquanto migliore della più bella giacca a vento o duvet esistente. Come prova generale, andiamo su di un ghiacciaio. Basta con i nevai! Così con il Franco ed un certo R. Ravenna (il "Peppino" resta a casa, forse perché vuol vederci più chiaro) andiamo in Valgrisenche per salire la Testa del Rutor, tutto in giornata. Da Bonne al Rifugio Scavarda, Ghiacciaio del Morion e poi direttamente alla Vetta per un ripido pendio di ghiaccio uscendo a Sud della Vetta per un camino roccioso ed una quota secondaria tramite una via sul Versante Sudest, forse mai percorsa in passato, che sale più a sinistra di quella del 16 Agosto 1858. Discesa al Colle del Rutor lungo la Cresta Nordest o Via Normale, ghiacciaio omonimo sul versante opposto in Valle di La Thuile e poi una nuova prova: salita diretta per la Faccia Ovest al Château Blanc su rocce rotte e poco sicure, discesa per la Cresta Nord all'omonimo colle e largo e lungo giro sul Ghiacciaio del Château Blanc per rientrare in Valgrisa. Tutto funziona OK ed il nostro se la cava bene, anzi più che bene ma con qualche sbuffo divenente imprecazione (le famose "cristonate" di Crevassino) nel camino roccioso. Così tre giorni dopo, ovvero a Ferragosto 1973, ci rechiamo al vecchio Refuge des Cosmiques per effettuare la traversata Mont Blanc de Tacul-Mont Maudit-Monte Bianco (4248m, 4468 m, 4810 m). Anche di quest'epica, quasi terribile, storia ne racconteremo immediatamente (qui sotto) la prossima ...




La NOTTE del TACUL al Monte Bianco e la vera storia della nascita del MITO di "BIG CREVASSINO".

Nel pomeriggio andiamo dal Rifugio Torino a quello des Cosmiques, allora ancora in legno, prima che bruciasse, ed appollaiato contro le rocce della Midi. Certo che sti francesi si comportano molto più amichevolmente e garbatamente quando sono "Chez-Nous" en Italie che non quando vai a trovarli a casa loro o "Chez-Eux" en France. Comunque ci danno da dormire, per modo di dire. Il casino nei rifugi non esiste soltanto in Italia, per questo motivo ho sempre cercato, ove possibile, di evitarli; meglio una notte nel tuo letto, magari con poche ore di sonno ma tranquille ed un buon caffé di casa tua (ma quando é che i Francesi impareranno a farlo!), anche se costa qualche ora in più per l'avvicinamento, che va ad assommarsi alla route. Qui non é possibile perché si dipende dalla Funivia dei Ghiacciai, settima meraviglia del mondo, almeno così dice la Pubblicità. Per cui di buon ora, pagato il conto, ce ne andiamo, quasi furtivamente. La notte é più fresca che fredda ed attacchiamo il Versante Settentrionale del Tacul, risalendolo facilmente e velocemente (il pericolo consiste nella caduta di seracchi, fattore per il quale si sono verificate molte disgrazie, anche collettive, poiché la via é frequentata da molte cordate spesso procedenti in fila indiana) e raggiungendo la grande crepaccia che divide in due la faccia glaciale, all'incirca nella sua parte mediana. Quest'anno é molto larga, profonda ed il margine del pendio superiore deborda e non di poco. Non era così nel 1970, ma qui le condizioni cambiano sempre costringendo spesso a variare il percorso anno per anno. Sono circa le ore 2 e mezza del mattino quand'affrontiamo questo passaggio; "Peppino" intreccia le mani coi guantoni ed io gli salgo sopra con un piede, facendo la piramide umana. Poi un allungo ed un balzo ed infilo la piccozza oltre il bordo superiore; tirando, e "Peppino" spingendo, "Ohissa" sono sopra. Salgo una ventina di metri ed infilo la picca a regola d'arte. Adesso tocca a loro, in primis Marco che é al centro della cordata. Metto la corda in tiro, ma il tempo passa e non vedo, per quel che si può vedere, con le nostre pile scadenti che hanno una profondità di luce non superiore ai 3/4 metri. All'improvviso, un colpo secco e la corda va in tensione siccome corda di violino, ma la picca non si muove. Chiamo. Nessuna risposta, anche perché il vento si sta alzando ed i rumori vanno in alto. Ma neppur da sotto arrivano segnali. Provo ad urlare più forte. Niente. In alto luccicano le stelle ed in basso di 3000 metri le luci della Valle di Chamonix danno la misura di questo abisso siderale. Non arriva nessuno, nemmeno altre cordate. Il tempo diventa infinito. Poi, non sò quanto dopo, perché ormai mi sono rassegnato ad aspettar le luci dell'alba, la corda diventa di colpo molle; l'ansia aumenta ancora maggiormemente. Ma che ca ..o fanno! Questi due. Dopo un bel pò di tempo appare nel buio una sagoma: é Marco che agitato e traballante sale con passettini a soste forzate. Quando é da me recuperiamo anche il "Peppino", dal quale alle domande non sa rispondere, poiché preso da un ridere incontenibile, non possibile da interrompere. Solo dopo saprò: quando é giunta l'ora di Marco nel fare la piramide umana la procedura é stata svolta in ugual modo. Solo che il Marco, essendo più piccolo di me, ha piantato la piccozza non oltre il margine, ma al di sotto e quando é giunto il momento di issarsi questa si é, logicamente, sfilata e lui é precipitato nel crepaccio. Giù di 8/10 metri ed a testa verso il basso nel più profondo dei bui. Il "Peppino", da buon nocchiero, prima lo ha individuato e poi lo ha tratto a riva, ovvero contro una parete interna al crepaccio. "Girava come una trottola intorno alla corda ed a me sembrava di essere un burattinaio", dice ridendo come un matto! Per fortuna non aveva perso i ramponi e la piccozza penzolava con il suo lacciolo al polso. "Di . selvaggio, D .. vagabund", urlava imprecando e roteando. Poi con somma pazienza "Peppino" é riuscito ad avvicinarlo al muro di ghiaccio e, piano piano, a recuperarlo facendolo risalire al piccolo terrazzo. In salvo. Da questo momento Marco diventò "Crevasse" e poi, più simpaticamente, "Crevassino" e questo nomignolo, da me coniato, fu utilizzato da tutti quelli della nostra compagnia e da lui accettato tutto sommato con piacere; lo contraddistingueva dagli altri donandogli un qual tono da alpinista vero e "vissuto". Ma pur lui con i soprannomi non scherzava: da "Svaldino" per me, a "Peppino" per il quale denotava sempre gratitudine e riverenza, a "Mike Burke" per il colosso, quasi himalayano, Camillo Roberto ed il terribile "Cita & Cucù" pel Sandro e la Raffaella, moglie e marito. In fondo era una gioventù sgaiata ed allegra ed anche un poco sfigatella, che in montagna non cercava solo la fatica ma anche il divertimento. Con niente! Come finisce quest'avventura? Saliamo con il vento che aumenta sempre di più per poi diventare terribile con raffiche ad oltre 80 Km orari (lo dirà alla sera la Radio); "Crevassino" si ferma sullo Spallone 4187 metri presso un saccone nero della spazzatura, forse riempito ad arte per queste evenienze, mentre noi due raggiungiamo la Vetta Occidentale (4248 m), trovando riparo ad incastro tra le rocce rossastre di granito. Siamo come su d'una torretta e vediamo in basso "Crevassino" ergersi come il Capitano Ackab. Ad ogni folata corrisponde un "Brrrrrrr!" infinito e sempre più terrificante, ma imperterrito non si muove, racchiuso nel suo giubbotto di loden grigio, si proprio quello a pelle di lupo. Così glielo facciamo collaudare a fondo, per oltre un bel quarto d'ora. Poi scendiamo a recuperare la "bestia", ormai mezza congelata, e proviamo ad andare dal Plateau del Tacul al Col du Mont Maudit (4345 m) ma, giunti a mezzo pendio, rinunciamo. Il tempo peggiora ancor più e si é accumulato uno strato di neve fresca pericoloso. Sarà per un'altra, perché in montagna bisogna sapere anche rinunciare. Andiamo tutti insieme giù al Col du Midi (3532 m) ed ci rechiamo ad arrampicare alla Punta Lachenal (3684 m) ed alle vicine Quote 3590 e, più ad Est, 3570 divertendoci coi ramponi su ripidi pendii, mentre nel frattempo "Crevassino" si scalda al sole, che beffardamente é apparso spazzando via tutto, crogiolandosi nel suo giubbotto a pel di lupo un pò taroccato. Da codesta avventura non lo rivedremo mai più: "pensionato" il giubbotto, andrà a comperarsi un bel duvet come Dio comanda, imbottito a piuma d'oca!!!
D'altre stupefacenti, anche esilaranti nonché degne del più grande Tartarin de Tarasconne d'Alphonse Daudet, avventure racconteremo in un prossimo futuro ...

Walking & Climbing from 1972 toward 1982 & more in Aosta Valley and Surroundings.

By  Crev...  Marco Cossard on Fallère in December 1982
Mont Fallère Summit after Northern Little Wall 1972
Punta Plattes des Chamois Tying  Great Crevassino  1980
First Winter on Becchi di Fana, 29th, December 1974
 Crevassino  Goes to War: Year? Unknown, perhaps to the Thirty Years War ...

Images


Comments

No comments posted yet.