Welcome to SP!  -
Old Climbings (An old way of climb)/1
Article
Contribute 
 

Old Climbings (An old way of climb)/1

 
Old Climbings (An old way of climb)/1

Page Type: Article

Object Title: Old Climbings (An old way of climb)/1

Activities: Mountaineering

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Apr 18, 2014 / May 16, 2014

Object ID: 894145

Hits: 836 

Page Score: 76.66%  - 7 Votes 

Vote: Log in to vote

 

Old Fashion Overview

But how is that climbed in the Sixties/Seventies and the equipment which was available both in climbing on rock and ice? And what is the security that was made on climbs? You have to make a huge leap backwards in time, only to realize that evolution is not never stop. We do not want to get to the wooden stairs that were used to cross the glaciers second already in the mid-eighteenth century and even the wooden pole used to pick up both the Grand Capucin the Père Eternel in the Twenties, but a little examination of the past is necessary for understand the present. Today, a huge avalanche on Everest has killed fourteen people, making it clear that the mountain can never be completely subjugated. Despite all organizations of this world, the danger is always present and is part of a game always dangerous, that can never be completely eliminated. In the words of Jean Couzy: "The Mountaineering is a game and just change the rules that changes the game"A. A Game, unfortunately often, Deadly, which also wrapped him climbing the Aiguille Noire of Péuterey. Here you do not want to take any lessons or impose rules, declare philosophies and even make suggestions. It is limited to simple considerations related to the experiences and the personal ideas, a modest list, which could make any climber because everyone attending the mountain is successful in something Good and in Bad, in Joy and in Pain, in the Enjoyment of tries scored and Despair aroused by events. Sometimes terrible, so as to make it clear that the only philosophy available to anyone who wants to play this human activity is that of the common motorist: "I am cautious, accidents befall only to others ...". Instead it is not so and this I can say categorically. Indeed, the only certainty is that I have to convey. The rest is all in the hands of Fate, or almost everything. And what are the ethical limits to the practice of this discipline? Do not know, in fact I know them: "There are" as there is no limit to human activity, for what it's worth today and it is almost a rule does not count anything tomorrow. Of course, a rule is irrefutable: "The Human Life is priceless", but this applies to all forms of life, but turns into a religious sense of the whole staff. We here we have to restrict the scope of action without wanting to make flights of fancy and even border on transcendent. We must remain in a practical and what is relevant to the mountains. I will not expose any invective, will emit no blame and above ratings, limiting myself to a few comments entirely subjective and also can not be shared; I will always consider simply the personal findings taking into account that often (as happened to me) is not the bravest mountaineer survived, but simply the luckiest. A little bit of logic, preparation and training, skills and a bit of instinct are needed, I would say indispensable. But not enough. Let's see why.




Ma com'é che si arrampicava negli Anni Sessanta/Settanta e qual'era l'attrezzatura disponibile sia nell'arrampicata in roccia che su ghiaccio? E quale la sicurezza che s'effettuava nelle salite? Bisogna effettuare un bel salto all'indietro nel tempo, per poi accorgersi che l'evoluzione non s'é mai fermata. Non vogliamo arrivare alle scale in legno, che servivano ad attraversare i ghiacciai già nella seconda metà del Settecento, e neppure alla pertica in legno utilizzata per salire sia il Grand Capucin che il Père Eternel negli anni Venti, ma una piccola disamina del tempo passato é necessaria per comprendere il presente. Oggi che una enorme valanga all'Everest ha ucciso quattordici persone, facendo ben capire che la Montagna non può essere mai soggiogata completamente. Nonostante tutte le organizzazioni di questo mondo, il pericolo é sempre presente e fà parte di un giuoco da sempre pericoloso, che non può mai essere del tutto eliminato. Come diceva Jean Couzy: L'Alpinismo é un gioco e basta cambiarne le regole che cambia anche il gioco". Un Gioco, putroppo spesso, Mortale, che avvolse pure lui salendo all'Aiguille Noire. Qui non si vuole tener nessuna lezione, né imporre regole, dichiarare filosofie e nemmeno dare suggerimenti. Ci si limita a semplici considerazioni legate alle esperienze ed al vissuto personale; una modesta elencazione, che potrebbe effettuare qualsiasi alpinista perché a tutti frequentando la montagna qualcosa é successo nel Bene e nel Male, nella Gioia e nel Dolore, nel Godimento delle mete realizzate e nella Disperazione suscitata dagli eventi. A volte terribili, tali da far capire che l'unica filosofia disponibile a chi vuole svolgere questa attività umana é quella del comune automobilista: "Io sono prudente, gli incidenti capiteranno soltanto agli altri ...". Invece non é così e questo lo possiamo affermare in modo categorico. Anzi é l'unica certezza che mi permetto di trasmettere. Il resto é tutto nelle mani del Destino, o quasi tutto. E quali sono i limiti etici per la pratica di questa disciplina? Non lo sò, anzi li conosco: "Non esistono", come non esiste nessuna limitazione all'attività umana, poiché quello che vale oggi ed é quasi regola non conta più nulla domani. Certo una conclusione é inconfutabile: "La Vita Umana non ha prezzo", ma questo vale per tutte le forme viventi, però si tramuta in un senso religioso del tutto personale. Noi qui dobbiamo restringere il campo d'azione senza voler effettuare voli pindarici e neppur sconfinare nel trascendente. Dobbiamo restare nel pratico e in ciò che risulta attinente alla montagna. Non esporrò invettiva alcuna, né esternerò del biasimo e soprattutto giudizi, limitandomi a qualche considerazione del tutto soggettiva ed inoltre non condivisibile; semplicemente farò delle personali constatazioni sempre tenendo presente che spesso (come a me successo) non é il più bravo l'alpinista sopravvissuto, ma semplicemente il più fortunato. Un poco di logica, la preparazione e l'allenamento, le abilità ed un pizzico di istinto sono necessarii, anzi direi indispensabili. Ma non bastano. Vediamo il perché.

An old way of flying

Why do I put these two photographs, which are then the same with the first wrongly reversed? To see how it was made in artificial climbing in the Sixties/Seventies and what were the means available. Also, but this is not the primary goal. The same report I think instead that I have made ​​the fall from the roof of this 40 meters climbing in the "free" in the late spring of 1966, when I had not yet reached the age of seventeen. A flight ended scary back on plaques underlying avoiding, not intentionally, the iron pitons planted on the same by the military to use education Alpine Troops and finished with other tumbles 30 meters for up to an additional inside the Torrent Comboé, from which I drew, I live, my friend Ilario. These two photos, combined, bring me back to memory those awful feelings, with heaven, earth, rock turning mingled. It is true what they tell in an instant please review your entire life, you despair and also you give up. Then the terrible blow , I was reminded of the country when the butcher killed the cows and bulls by hitting them over the head with the ax. Equal. A feeling that always accompanied me. For this I have learned that you do not have to rock fall. Never. So was almost always. When in 1967 I showed the strong Alpine Guide "Angelino" Bozzetti from the place where I had fallen he could not believe: "Could not you're alive! Can not be dropped from there and be alive"Instead I was, and a few days later he, the King of free climbing without insurance died down from the Normal Noute of Noire, after winning first winter ascent in the West Wall, Ratti-Vitale Via. Two 40 meter ropes tied together descended the companion Louis Pramotton Donnas, then turning him down without insurance more about the South Wall to look for water. After three days, in order to gain time. A scream broke, a blow dry and "Angelino" disappeared under a roofs, 150 meters below. So I told Pramotton, met at the Petit Mount Blanc in the Eighties and except for the one nail driven; so he told me in 1970 the fort Guide Alessio Ollier Courmayeur in the evening at the Torino Refuge before going to Tacul. He was the one to retrieve it, even to cut the rope making it "fly" on Fauteuil des Allemands. The helicopter was not yet such things. So I told the good Guide and colleague Peter "Piero" Rosset, his close friend and companion of many ascents: "When I saw the bag from sliding down the snowfield baseline I had the impression that carrying a small suede ... at that moment I hated the mountains".




Perché ho messo queste due fotografie, che poi son la stessa con la prima erroneamente rovesciata? Per fare vedere come si effettuava l'arrampicata in artificiale negli anni Sessanta/Settanta e quali erano i mezzi disponibili. Anche, ma non é questo l'obiettivo primario. Le stesse mi riportano in mente invece la caduta che ho effettuato da questo tetto di 40 metri arrampicando in "libera" a fine primavera del 1966, quando non avevo ancora compiuto i diciassette anni. Un volo pauroso finito di schiena sulle placche sottostanti evitando, non volutamente, i fittoni in ferro piantati sulle medesime dai militari ad uso istruzione delle Truppe Alpine e terminato con altri ruzzoloni per 30 metri ulteriori fino a dentro il Torrente Comboé, dal quale mi estrasse, vivo, il mio amico Ilario. Queste due foto, combinate, mi riportano in memoria quelle sensazioni terribili, con cielo, terra, roccia che ruotando si mischiavano. Risulta vero ciò che raccontano: in un attimo rivedi tutta la tua vita, ti disperi ed anche ti rassegni. Poi il colpo tremendo, mi faceva venire in mente il macellaio del paese quando uccideva le vacche ed i tori colpendoli in testa con la scure. Uguale. Una sensazione che m'accompagnava sempre. Per questo ho imparato che in roccia non devi cadere. Mai. Così é stato, quasi sempre. Quando nel 1967 feci vedere alla forte Guida Alpina "Angelino" Bozzetti il posto da dov'ero precipitato non voleva credere: "Impossibile che sei vivo! Non puoi essere caduto da lì ed essere vivo". Invece lo ero, e pochi giorni appresso lui, il Re dell'arrampicata libera senza assicurazione, moriva scendendo dalla Via Normale della Noire, dopo aver vinto in prima ascensione invernale la Parete Ovest, Via Ratti-Vitale. Due corde da 40 metri legate insieme calavano il compagno Luigi Pramotton di Donnas, poi lui giù senza assicurazione deviando più sulla Parete Sud per cercare acqua. Dopo tre giorni, per guadagnare tempo. Un urlo spezzato, un colpo secco ed "Angelino" spariva sotto a dei tetti, 150 metri sotto. Così mi raccontò Pramotton, incontrato al Petit Mont Blanc negli anni Ottanta e salvo per l'unico chiodo infisso; così mi raccontò nel 1970 la forte Guida Alessio Ollier la sera al Rifugio Torino prima di andare al Tacul. Era stato lui a recuperarlo, anzi a tagliare la corda facendolo "volare" sul Fauteuil des Allemands. L'elicottero non faceva ancora ste cose. Così mi raccontò la brava Guida e collega Pietro "Piero" Rosset, suo amico fraterno e compagno di tante ascensioni: "Quando ho visto il sacco scivolare giù dal nevaio basale ho avuto l'impressione che trasportasse un camoscetto ... in quel momento ho odiato la montagna".

Dangers subjective and ...

The distinction between objective and subjective dangers in the practice of Alpinism is now universally known, for which we shall certainly do not present it again here. It should simply be noted that while the second took place considerable progress with the progress due to education and materials for the first whole has remained unchanged since the Nature in its unpredictability remains the same. So who frequents the mountain always has to know that the dangers of landslides, rockfalls, avalanches, landslides, collapse of seracs and crevasses pitfalls always existed and will always exist in the practice of this discipline. The preparation, the skills, the equipment, the help of modern knowledge of the weather and other factors consist simply as an adjunct but not as a final solution of the problems and is not even enough Prudence, even at the highest levels of exercise. Factor always remains unpredictable, always lurking and ready to attack everyone. From the most to the least good. Otherwise you make only an exercise in stupidity and gullibility. One spontaneously to consider that some very rational people, do not say acculturated, and with a precise logic of life to normal when "trespass" in the mountains are no longer the same, as if they were in the throes of alteration of consciousness; their behavioral states vary completely, to the point of making them look like other people. An dangerous imbalance that often leads to stray from reality and fall back into pure consciousness. This is perhaps the good or the bad of this suggestion: it allows to escape from themselves or, more likely, to externalize what in fact it is in effect. Otherwise they become unexplainable certain types of behavior, as if to despise the danger, or, and more, to no longer consider the value of their lives. The research of another existence, and evasion by the newspaper, however, do not justify it. Turning to the mountains you see things of all kinds and colors, abnormal situations to the point of absurdity, for which spontaneous thing is also the consideration that accidents and misfortunes are in number significantly lower than what could be consequentially.
I try to give some suggestions. Maybe make you smile, but I will give it too:
1)- do not take a climb in the mountains with the mentality to go in the sun to tan, without thinking that soon you will put your feet on a glacier;
2)- do not expect to drop such a nice picnic, so the goal has already been reached, while you think through green meadows and instead trampled still a glacier;
3)- when you are on a ridge keep air concentration without distracting and minding your following as a load of sheeeps who goes before you, because from below, sly as a devourer of men, you look at the glacier.
Then everything can not be said, but this is already something ...

Southern RANGES Ascending to Bousson/Galisia 1980
Descending from Northeast Crest of Becca Monciair 1994
LYSKAMMS TRAVERSE, after  Perazzi  South Edge on 1969


La differenziazione tra pericoli oggettivi e soggettivi nella pratica dell'Alpinismo risulta ormai universalmente conosciuta, per la quale cosa non staremo di certo qui a riproporla. Va semplicemente sottolineato che mentre per la seconda si son svolti notevoli passi in avanti con il progresso dovuto all'istruzione ed ai materiali, per la prima tutto é rimasto immutato, poiché la Natura nella sua imprevidibilità rimane sempre la medesima. Quindi chi frequenta la montagna sempre deve sapere che i pericoli legati a frane, caduta di pietre, valanghe, slavine, crollo di seracchi ed insidie dei crepacci sempre sono esistiti e sempre esisteranno nella pratica di questa disciplina. La preparazione, le abilità, l'attrezzatura, l'aiuto della conoscenza moderna del meteo ed altri fattori coesistono semplicemente come coadiuvante ma non come soluzione finale dei problemi e neppure risulta sufficiente la Prudenza, anche ai massimi livelli di esercitazione. Sempre permane il fattore dell'imprevedibile, sempre in agguato e pronto ad aggredire tutti. Dai più bravi ai meno. Altrimenti si effettua soltanto un esercizio di stupidità e dabbenaggine. Viene spontaneo il cosiderare come certe persone molto razionali, non dico acculturate, e con una precisa logica di vita nella normalità allorché "sconfinano" nella montagna non sian più le stesse, quasi fossero in preda ad alterazione di coscienza; i loro stati comportamentali variano completamente, al punto di farli sembrare altri. Uno squilibrio pericoloso che, spesso, porta a sconfinare dalla realtà ed a ricadere nella pura incoscienza. Questo é forse il bello od il brutto di questa suggestione: permette di evadere da se stessi o, più probabile, di esternare ciò che in effetti si é. Altrimenti diventano inspiegabili alcuni tipi di comportamento, quasi a voler sprezzare il pericolo o, e di più, a non considerare più il valore della propria vita. La ricerca d'un'altra esistenza e dell'evasione dal quotidiano non giustificano comunque ciò. Girando per le montagne vedi cose di tutti i tipi e colore, situazioni anomale al limite dell'assurdo, per la quale cosa vien spontanea anche la considerazione che infortuni e disgrazie sono in numero decisamente inferiori a quello che potrebbero essere consequenzialmente.
Qualche suggerimento provo a darlo. Magari farà sorridere, ma io lo dò ugualmente:
1)- non affrontate una salita in montagna con la mentalità d'andare prender sole per abbronzarvi, senza pensare che tra poco metterete i piedi su d'un ghiacciaio;
2)- non pensate alla discesa come ad una bella scampagnata, tanto la meta é già stata raggiunta, mentre credete di attraversare verdi prati ed invece calpestate ancora un ghiacciaio;
3)- quando siete su di una cresta aerea tenete la concentrazione senza distrarvi pensando ai fatti vostri e seguendo pecorilmente chi vi precede, perché da sotto, sornione come un divoratore di uomini, vi guarda il ghiacciaio.

... and objective

Personally, I have to record three falls into crevasses, of which two alone and one after the other (returning from Becca Moncorvé after climbing even Gran Paradiso, May 19th, 1968); within an hour the sun had completely changed the situation of the glacier to return to the Normal Route, after eating alone at the top. In the first drop luck meant that in a very narrow crevasse the front points of one my crampon from the sun pierces the wall of ice below; a small "sidelong" showed me the ugly: an endless abyss with the first 30/40 metres of ice greenish, many color bluish and finally a black completely unfathomable. Stuck at the shoulders with my little Millet and arms outstretched, as indicated learned, waiting for the moment and the courage to pull the anchor from which depended providential my life; after a long time of reflection and before that forces me to abandon , with a "flicker of kidney" then made the plunge out. I was saved! But I was a soccer goalie and I did not even nineteen. The frenzy came over me, his heart pounding in his temples and began to run; no more than ten steps and I slipped with the left leg into another crevasse. Even this black and unfathomable. Extracted with consummate prudence limb I lay down, I'm not ashamed to say it, to "bear skin" crawling like a worm toward the track of the "Granpa". No one could see me and hear me even as a hump twenty yards separated me from them. So I learned that the glacier is not a dead thing and stops, but "breathes" and moves changing appearance from day to day and from hour to hour. And we also learned that the same is better not to venture out alone . But not enough. The other time (this unbelievable) in the crossing of the Apostles of July 22th, 1984 from Gran San Pietro Tower to that of Sant'Orso (Bear) at the Coupé of Money. When you are under the Sant'Andrea, to avoid a rocky pinnacle, which fell to the West to the edge of the glacier that dates back almost to the top of the rock. I slipped to 7/8 meters between this and that in a "letterboxed", curvy, deep calling to slip under the glacier, but "Lupetto" and Maurizio immediately arrested the fall with the rope, thanks to the friction of the rope and my body on the rock. It was not easy to get out, but I did it with patience. This episode taught me that in the case of free-fall into a crevasse brake did not work so quickly, at the expense of dragging the other; also that pops out is not simple matter, even with a foothold. Let alone in the empty ... So I decided to not fall more into a crevasse, and it was so. They are not well open crevasses and large ones by which we must be wary (but you never know ...), take rather in those apparentementi invisible, especially with fresh snow. Do not go it alone, hold the rope in maximum tension and always be attentive and responsive to any glacier. This is the advice I can give, pointing out that those who have not tried this experience can hardly understand. Word of someone who is stuck in the hole three times and threatened dozens of other times. It is not always good ...
I never risked a lot with the seracs, but conservatively I have always tried, where possible, to avoid them by changing the route. Are strange beasts and I do not like the descent from the Bossons with tutei those crossings under the large towers of ice. Then maybe go quietly upwards (enough) for the Mount Blanc of Tacul where there have been many collapses, but inconsistencies of life. Right from the Top of the Tacul in the early morning of August 15th, 1973, a storm with winds of more than 80 km per hour, I saw a big serac fall off on Brenva, which appeared here in profile in a dark greenish color dark dawn and muddy. He went down like a Cyclops, fearful, and swept three Japanese to whom I had given the day before of the apricots because they had more to eat. I learned from the newspapers the next day, but already at that moment I had come more than a suspicion, since the three of us had declared their intentions. Do not trust considerations on the sun and relative temperatures or exposure: the collapsing seracs at night, with the cold and, above all, due to the wind. When at their own terms; I know most of you do not say.

<font color=blue><b>MOUNT BLANC</font></b> EAST BRENVA s FACE
Bergschrund above the final...
Quietly climbing to North Wall of Mont Paramont 1969


Personalmente debbo registrare tre cadute nei crepacci delle quali due da solo ed una di seguito all'altra (ritornando dalla Becca di Moncorvé dopo aver salito anche il Gran Paradiso, il 19 Maggio del 1968); nel giro d'un'ora il sole aveva cambiato completamente la situazione del ghiacciaio per ritornare alla Via Normale, dopo aver mangiato solo in cima. Nella prima caduta la fortuna fece sì che in una crepaccia molto stretta le punte anteriori d'un mio rampone si conficcassero da sole nel muro di ghiaccio sottostante; una piccola "sbirciata" mi mostrò l'orrendo: una voragine infinita con i primi 30/40 metri di ghiaccio verdastro, altrettanti di colore bluastro ed infine un nero del tutto insondabile. Incastrato a livello delle spalle con il mio piccolo Millet e le braccia allargate, come da indicazioni appresa, attendevo il momento ed il coraggio di sfilare quell'ancoraggio provvidenziale dal quale dipendeva la mia vita; dopo un lungo momento di riflessione, e prima che le forze m'abbandonassero, con un "guizzo di reni" effettuai il tuffo fuori. Ero salvo! Ma ero un portiere di calcio e non avevo neppur diciannove anni. La frenesia m'invase, mentre il cuore batteva forte nelle tempie ed iniziai a correre; non più di dieci passi e mi riinfilai con la gamba sinistra in un'altra crepa. Anche questa nera ed insondabile. Estratto con somma prudenza l'arto mi distesi, non mi vergogno a dirlo, a "pelle d'orso" strisciando come un verme verso la traccia del "Granpa". Nessuno poteva vedermi e neppur udirmi, poiché una gobba di ghiaccio d'una ventina di metri mi separava da queste. Così imparai che il ghiacciaio non é cosa morta e ferma, bensì "respira" e si muove cambiando aspetto di giorno in giorno e d'ora in ora. Ed inoltre appresi che sui medesimi da soli é meglio non avventurarsi. Ma non basta. L'altra volta (questa incredibile) nella traversata degli Apostoli del 22 Luglio 1984 dalla Torre del Gran San Pietro a quella di Sant'Orso al Coupé de Money. Giunti sotto i Sant'Andrea, per evitare un pinnacolo roccioso, scesi ad Ovest fino al bordo del ghiacciaio che risale insin quasi alla sommità della roccia. Mi infilai per 7/8 metri tra questo e quella in una "buca da lettere", sinuosa e profonda che invitava a scivolar sotto al ghiacciaio, ma "Lupetto" e Maurizio arrestarono immediatamente la caduta con la corda, grazie anche all'attrito della corda e del mio corpo sulla roccia. Non fu facile uscirne, ma con pazienza lo feci. Quest'episodio m'insegnò che in caso di caduta libera in un crepaccio il freno non funzionava così repentinamente, a scapito di trascinare anche gli altri; inoltre che tornare fuori non é affatto cosa semplice, anche con un punto di appoggio. Figuriamoci nel vuoto ... Così decisi di non cadere più in una crepaccia, e sì fù. Non sono le crepacce bene aperte e larghe quelle dalle quali bisogna diffidare (però non si sà mai ...), piuttosto in quelle apparentementi invisibili, soprattutto con neve fresca. Non andar da soli, tenere la corda in massima tensione ed essere sempre attenti e reattivi su qualsiasi ghiacciaio. Questo il consiglio che posso dare, facendo presente che chi non ha provato questa esperienza difficilmente può comprendere. Parola d'uno che s'é infilato tre volte nel buco ed ha rischiato decine di altre volte. Non sempre va bene ...
Non ho mai rischiato molto con i seracchi, ma prudentemente ho sempre cercato, dove possibile, di scansarli cambiando il percorso. Son brutte bestie e non mi piace la discesa dai Bossons con tutti quei traversi sotto le grandi torri di ghiaccio. Poi magari vado sù tranquillamente (abbastanza) per il Mont Blanc de Tacul dove sono avvenuti molti crolli, ma son le incogruenze della vita. Proprio dalla Cima del Tacul nella prima mattina del 15 Agosto del 1973, in una bufera con vento ad oltre 80 Km. all'ora, ho visto staccarsi un grande seracco sulla Brenva, che da qui appariva profilarsi color verde marcio in un alba scura e limacciosa. Scese ciclopicanente tremendo e travolse tre giapponesi ai quali il giorno prima avevo dato delle albicocche, perché non avevano più da mangiare. Lo appresi dai giornali del giorno appresso, ma già in quel frangente m'era venuto più d'un sospetto poiché i tre ci avevano dichiarato le loro intenzioni. Non fidatevi delle considerazioni sul sole e relative temperature o dell'esposizione: i seracchi crollano anche di notte, col freddo e, soprattutto, causa il vento. Quando a loro più aggrada; di più non vi sò dir.


There are not subjective and not objective ... are avalanches

They say that from Mount Blanc, Face Brenva fall avalanche snow dust which spread out for 2 km and rise over 1000 metres. They are the seracs that smashing downstream crumble turning into steam like clouds. But what are these avalanches? Snow masses that are simply attracted by the force of gravity, glide down the valley. Without looking at anyone anything, everything overwhelm. Sometimes, even the men. So are objective dangers? Sometimes yes, sometimes not, because in a certain sense are predictable. In fact, there is also a service through which a gradation Avalanche Forecast indicates the danger to exist. All they see it, but not all listen to him, so that every year there are many victims. Even in seemingly innocuous places. I want to tell you this: it was December 28th, 1980 when we decide, in five, to go for the winter at Mount Emilius (3559m), or the Punta Rossa (3400m). How to Emilius or to Punta Rossa? Here or there, it does not matter. At first we were already in January 5th, 1975 starting by Gimillan, the second ever; rather it is uphill in the winter once in 1939 by Dr. "Ansel" Falcoz, which then fell to Cogne by ski. For us it does not matter: one or the other, just to break the monotony of winter that is pressing upon us. But there is a problem. To enter the Valley of Arbolle must overcome the Chamolé in the presence of snow high enough, as with the "Forks Caudine"; otherwise rise from Comboé for the bottleneck, which is even worse. Okay, the first solution. From the lake to avoid the loaded slopes we carry to the left on the Costa Chamolé and from this we cross the pass (2641m). Here, however, the joint survey with the ax gives us the first response: 3cm. crust, 50 cm. of powdery and under ice "verglass". What to do? We did not even ski and snowshoes. We need to cross floor plan under the Testa Nera (Black Head), hoping not to cut the avalanche and get it started. We know that it is quite possible. I decide that I only start and Roby (also Camillo), leaving the rest of the hill. If it happens pull us out. It happens. While navigating high against the rocks (in the summer here the trail descends to the shelter, feasible even by children), the boundary between the swollen and steep snow slope and the same, the danger is quite high. A "Crack" sudden me confirmation. The crust is broken and the layer of flour envelops us like a billow sea impetuously. Then the total darkness, as if we do not exist. Swim, float, as indicated by the manual . All lies! Down there do not exist any more. How long I can not say , but certainly for 100 yards when the avalanche it " spits " out in parallel as two dolphins head forward. Position 45°. I look at Camillo 's eyes out and the teeth to Dracula. My brain, I laugh. At least mentally. "Beautiful you were", I reply in the future. Maybe, maybe I was even worse. Always plasticity of the brain. But it is a moment for us rewinds bringing down another 100. Spits out there , with his feet stuck between the rocks and snow, in which we are engaged and locked up behind him. I have been " sighted " because the others arrive and we extract. Loud and incredibly no semblance of snow in the respiratory tract. For the rest, despite the clothing by divers we are everywhere, just everywhere. After the reorganization, invitation to continue receiving in return only rude gestures and profanity. We go down to Comboé for the bottleneck ; the thermometer registers -17° and wine on the roof of the hut, ice inside the bottle. Luckily they said that avalanches come down because of the heat ...
But how come? Simple, as in the comics. One gets rolling a ball of snow and it enlarges the image as a "boule de neige" which gradually larger and larger, which then breaks down the snowy slope slips downstairs widening. It sounds like a joke, but it is absolutely true, as happened to us in 1969 on the North Wall Paramont 800 meters below your feet. We managed to escape laterally for a moment, breath but I, I was out by now, I hold. While the avalanche was preparing for the big jump on the serac below. First, to get the groove on the side of the big serac had timed the continuous avalanches that they walked in precise rhythm and relentless: 10/12 seconds to climb those 40 meters (just a pitch) at breakneck speed; and there were four. Two at a time, who goes first? Other times they are skiers who cut the slope and pulled him, or worse, pulling it on to others. Ouch!, Incidentally this is not a scientific treatise, but better because it comes from real experiences and lived.

Emilius s in the SUMMIT & Mountain CHAIN & Surroundings EMOTIONS & SUGGESTIONS  BEFORE of the AVALANCHE
MOUNT PARAMONT (3300 m) <font color =blue>icy NORTH FACE</font> Above the serac and escaping the avalanche
Mount Emilius & Surroundings After AVALANCHE 1990


Dicon che dal Monte Bianco, Versante Brenva, scendano delle valanghe la polvere di neve delle quali si allarga per 2 Km. ed si innalza oltre 1000 metri. Sono i seracchi che fracassandosi verso valle si sbriciolano vaporizzadosi come nuvole. Ma cosa sono ste valanghe? Semplicemente sono masse nevose che, attratte dalla forza di gravità, scivolano verso valle. Senza guardar in faccia niente e nessuno, tutto travolgono. A volte, anche gli uomini. Allora son pericoli oggettivi? Delle volte sì, altre no, perché in un certo senso sono prevedibili. Difatti esiste anche un Servizio di Previsione Valanghe che tramite una gradazione segnala la pericolosità sussistente. Tutti lo vedono, ma non tutti l'ascoltano, di modo che ogni anno si registran numerose vittime. Anche in luoghi apparentemente innocui. Di questo vi voglio raccontare: era il 28 Dicembre 1980 quando decidiamo, in cinque, di andare a fare l'invernale al Monte Emilius (3559 m), oppure alla Punta Rossa (3400 m). Come all'Emilius od alla Punta Rossa? Di qua o di là, non ha importanza. Al primo siam già stati il 5 Gennaio 1975 partendo da Gimillan, alla seconda mai; anzi risulta salita in inverno una sola volta nel 1939 dal Dottor "Ansel" Falcoz, con discesa a Cogne tramite sci. Per noi non ha importanza: l'uno o l'altra, pur di romper la monotonia dell'inverno incalzante alle porte. Però esiste un problemino. Per entrar nel Vallone di Arbolle bisogna superare il Colle di Chamolé in presenza di neve abbastanza alta, come con le "Forche Caudine"; altrimenti salir dal Comboé per la strettoia, il che par ancor peggio. Va bene la prima soluzione. Dal lago per evitare i pendii carichi di neve ci portiamo a sinistra sulla Costa di Chamolé e da questa attraversiamo al colle (2641 m). Quivi giunti però il sondaggio con la piccozza ci dà il primo responso: 3 cm. di crosta, 50 cm. di farinosa ed al di sotto ghiaccio vivo. Che fare? Non abbiamo sci e neppure racchette da neve. Dobbiamo attraversare pian piano sotto la Testa Nera, sperando di non tagliare la valanga e farla partire. Sappiamo che risulta alquanto possibile. Decido che iniziamo solo io ed il Roby (Camillo), lasciando gli altri al colle. Se succede ci tiran fuori. Succede. Pur traversando in alto contro le rocce (in estate qui scende la mulattiera per il rifugio, fattibile anche dai bambini), al limite tra il gonfio e ripido pendio di neve e le medesime, il pericolo risulta alquanto elevato. Un "Crack" improvviso me lo conferma. La crosta si spezza e lo strato di farina ci avvolge impetuosamente come cavallone marino. Poi il buio totale, come se non esistessimo. Nuotare, galleggiare, come indicano i manuali. Tutte balle! Là sotto non esisti più. Per quanto tempo non lo posso dire, ma sicuramente per 100 metri quando la valanga ci "sputa" fuori in parallelo come due delfini a testa in avanti. Posizione 45° circa. Guardo Camillo: ha gli occhi fuori ed i denti alla Dracula. Risorse del cervello, mi vien da ridere. Almeno mentalmente. "Bello tu eri", mi replicherà in futuro. Può darsi, magari ero anche peggio. Plasticità sempre del cervello. Ma si tratta d'un attimo perché ci riavvolge portandoci giù per altri 100. Ci sputa fuori, incastrati con i piedi tra i massi e la neve, nella quale siamo immersi e bloccati fino alle spalle. Sono stato "previdente", perché arrivano gli altri e ci estraggono. Vivi ed incredibilmente senza parvenza di neve nelle vie respiratorie. Per il resto, nonostante il vestiario da palombari, ce l'abbiamo dovunque, ma proprio dappertutto. Dopo il riassetto, invito a proseguire ricevendo in cambio solo gestacci e parolacce. Scendiamo al Comboé per la strettoia; il termometro registra -17° ed il vino, sul tetto della baita, ghiaccia dentro la borraccia. Meno male che dicevan che le valanghe scendono a causa del caldo ... Ma come nascon? Semplice, come nei fumetti. Uno fà rotolar 'na pallina di neve e questa si ingrandisce come una "boule de neige" che, via via ingrandendosi, rompe il pendio nevoso poi scivolando dabbasso ed allargandosi. Sembra una barzelletta, ma risulta assolutamente vero, come successe a noi nel 1969 sulla Parete Nord del Paramont, con 800 metri sotto ai piedi. Riuscimmo a scappare lateralmente per un attimo, per un soffio mentre io, ormai fuori, riuscii a trattenere Ila. Mentre la slavina si preparava al gran salto sul seracco sottostante. Prima, per salire il canalino a lato del grande seracco avevamo cronometrato le continue slavine che lo percorrevano a ritmo preciso ed implacabile: 10/12 secondi per salire a perdifiato quei 40 metri (giust'un tiro); ed eravamo in quattro. Due alla volta, chi va per primo? Altre volte sono gli sciatori che tagliano il pendio tirandosela addosso o, peggio, tirandola sopra ad altri. Ohi!, daltronde questo non é un trattato scientifico, ma meglio perché proviene da esperienze vere e vissute.




Images


Comments

No comments posted yet.