Welcome to SP!  -
Valletta's Point "La VIA degli ALPINI"
Article
Contribute 
 
 

Valletta's Point "La VIA degli ALPINI"

 
Valletta\'s Point <i>"La VIA degli ALPINI"</i>

Page Type: Article

Object Title: Valletta's Point "La VIA degli ALPINI"

Activities: Hiking, Mountaineering, Trad Climbing

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Feb 24, 2015 / Mar 13, 2015

Object ID: 931043

Hits: 1502 

Page Score: 78.27%  - 9 Votes 

Vote: Log in to vote

 

"Alpini" Overview




But when we guys from there it goes, in the Sixties, not called that. It was simply a way of descent alternatively, after the usual normal route via the Chamolè Hill (2641m) or after climbing the North Face of the Black Head (2820m), both above Lake Chamolé (2325m). Then he crossed the watershed and, bypassing the Mont Bellefaçe (2970m), he reached the Summit signal, consisting of a few wooden sticks that, perhaps once, had a Cross. The weather, the wind, the snow and the weather they had "destroyed" making them very poor thing. But we, after this beautiful crossing on 3000 metres with stunning views to the nearby Grivola, the we appreciated as it was at the end of a long grueling because our departures always took by home, that is a 659 metres. It was the signal-earned rest, before an equally long descent since the "hitchhiking" not always had success, although we were happy also for a simple wagon livestock ...

*******

The ROUTE of ALPINE TROOPS, in bottom in the picture from Tsa Setze Hill (right) to Chamolé Coastline/Replan two Pass, passing over Point of the Valletta (3090m).




*******


Ma quando noi da ragazzi lì s'andava, negli Anni Sessanta, non si chiamava così.
Era semplicemente una via di discesa alternativa, dopo la solita Via Normale tramite il Colle di Chamolè (2641 m) o dopo l'arrampicata sulla Parete Nord della Testa Nera (2820 m), entrambe sopra al Lago di Chamolé (2325 m). Poi si traversava sullo spartiacque e, scavalcando il Mont Bellefaçe (2970 m), si raggiungeva il segnale della Sommità, costituito da alcuni bastoni di legno che, forse una volta, eran anche una Croce. Il tempo, il vento, la neve e l'intemperie li avevan "distrutti" rendendo loro ben misera cosa. Ma noi, dopo questa bella traversata sui 3000 metri con splendide vedute sulla vicina Grivola, l'apprezzavamo per come fosse, al termine d'una lunga faticata poiché le nostre partenze avvenivano sempre da casa, ovvero a 659 metri. Era il segnale del meritato riposo, prima d'un altrettanto lunga ed estenuante discesa, poiché l'"autostop" non sempre aveva successo, anche se ci accontentavamo pur d'un semplice carro del bestiame ...

*

The entire Alpine Troops Route from Testa Nera (2820m; left or North) towards Valletta




With little equipment but with much enthusiasm. Maybe using the same sweater to make the Mountaineering and, to Sunday, the soccer goalie and a pair of boots almost always broken and also with holes in the soles. Good times, because these factors remained only marginal, as we were taken from "Animus Pugnandi" and even the cold, snow and frost could hinder their passion. So when you descended, always you turned to the back to see your track left in the snow immaculate, almost sorry to have contaminated this corner of purity. Including the Sky. But men, unlike the Nature that goes unnoticed and extremely silent, always have to leave a trace. Which soon disappears, erasing even that slight line that, while made you happy for the outcome of the trip, you simultaneously disturbed for the footprint left.

*

The First Part of Alpine Troops Via on Testa Nera





***

Con scarsa attrezzatura ma con molto entusiasmo. Magari usando lo stesso maglione per far dell'"Alpinismo" e, alla Domenica, il portiere di calcio e con un paio di scarponi quasi sempre rotti ed anche con le suole bucate. Bei tempi, perché questi rimanevano esclusivamente fattori marginali, presi come eravamo da "Animus Pugnandi" e neppur il freddo, la neve ed il gelo potevano ostacolare la passione. Così quando scendevi, sempre ti voltavi all'indietro per vedere la tua traccia lasciata nella neve immacolata, quasi dispiaciuto d'aver contaminato questo angolo di purezza. Cielo compreso. Ma gli uomini, a differenza di Natura che passa in silenzio oltremodo inosservata, sempre debbon lasciar traccia. Che in breve sparisce, cancellando anche quell'esile linea che, mentre ti rendeva contento per l'esito della gita, simultaneamente ti turbava per l'orma lasciata.

The Old Group of COLONEL & The KING WINTER





*******

Recalling the General Edy Covi

Until one day, looking at old photographs, did you notice that the Sixties were spent, indeed had passed even the Seventies, at the end of which you had made the first winter ascent of Valletta. In a cold and distant day, but then that was heated by the Fire of Friendship and Adventure. And then he had appeared, the General Edy Covi was then "only" Colonel Alpine Troops, and that when I posted these photos I thought he was still alive. Instead, he said, the "Roby", was dead. There, in Padua, at the end of the Po Plain, where he came in Aosta Valley to command his "Alpini", that he would never see, such as "his" Punta of the Valletta. Our "Old Walrus was gone.

***

The Old Group of GENERAL & The King Winter 1977





*******

Fino a che un giorno, guardando vecchie fotografie, ti sei accorto che gli Anni Sessanta eran trascorsi, anzi eran passati anche quelli Settanta, alla fine dei quali avevi fatto la prima ascensione invernale della Valletta. In una giornata fredda e lontana, ma che allora tale non era perché riscaldata dal Fuoco dell'Amicizia e dell'Avventura. E poi era apparso Lui, il Generale Edy Covi che allora era "solo" Colonnello degli Alpini, e che quando ho postato queste foto pensavo che fosse ancora vivo. Invece, mi disse il "Roby", era morto. Là a Padova, al termine della Pianura Padana, da dove era venuto in Valle di Aosta per comandare i suoi Alpini, che non avrebbe più rivisto, come la "sua" Punta della Valletta.

The Old Group of GENERAL and The KING WINTER




*******

Moving from an Old Way

Was gone he, like the trail left by our Youth, that only some old photo shows have existed. A small footprint that slowly climbs to the summit, remaining almost secluded to avoid disturbing, but always in the balance between ease of convenient slopes and precipices horrendous. As with anything in Life.

... & Funny ... between  Becca  & Emilius To Valletta 1966
The SUN EMILIUS s  Mountain CHAIN
P. Valletta/P. Pian Bessey  Late Spring Mouldings 1969
Punta della Valletta
P. di Pian Bessey On Old Summit P. della Valletta 1966


"An Old Track towards the Sky"


Il nostro Vecchio Tricheco non c'era più. Era sparito anche lui, come la traccia lasciata dalla nostra Gioventù, che solo qualche vecchia foto dimostra esser esistita. Una piccola orma che lentamente sale verso la Cima, rimanendo quasi appartata per non disturbare, ma sempre in bilico tra facilità di comodi pendii ed orrendi precipizi. Come nella Vita.

New Valletta Summit

***




The New Top 2014, by p-mike

*******


Always, or nearly so, over the years we have made a visit to Punta of the Valletta. To start a new season, or simply to "fill" a Sunday "blank", for to understand that because the bad weather was coming go not too far. After the first winter of late December 1977, I returned with Marco Cossard said "Crevassino" June 25th of the following year for a long crossing departing to Punta de la Pierre (2653m) on the watershed with Cogne to get to Colle Fenetre Plan, at the entrance on the graceful Walloon of Comboé, through the Valletta. A tour that I had already done in the past, but in reverse and that contemplates the whole circling Basin Pila and that I recommend to all for the magnificent views on Grivola, entire Group of Gran Paradiso and contiguous Group of Mount Emilius. Today since summer 2003 in the first section up to the Hill of Tsa Setze has been staged a "Via Pano" and from this a "Via Ferrata", that goes along the Southwestern Ridge of the Valletta. I returned three years below with my son Christian and "Mock", after performing in the footsteps of Henry and Abbé Grégoire Comé in 1902, a "Tour of three days in the Group of Monte Emilius"; for us ended (6/7/8th August 1981) with the traditional ascent from Arbolle Walloon, where today there is the new refuge with the same name. Nothing special, like when I returned, again with Christian, July 22th, 1983.

***




Punta della Valletta above Pila Basin, by livioz

*******


Something happened July 6 instead of three years later
, when right on the summit I was struck by lightning. One of those usual Sundays to fill: drizzling dawn and for us "mountaineers of the Sunday" this was a drama. Meant to stand still for fifteen days, waiting for the next. You go, do not go, this is the problem. You go, so it is only a drizzle and, if it gets worse, in a moment you return home. But from Chamolé Hill upwards becomes rain. Little importance, here we can come up with their hands tied and blindfolded! And so it will, almost. While on the Summit, under this almost pleasant drizzle, the "Peppino" looked to the Northeast to the Campanile (Bell Tower) of Saint Orso and I in Southeast to that of Cogne Common, I broke out near the left ear: a moment, even a flash with a red glow-bluish. Not even time to think. I was completely paralyzed. But the brain was conscious and I realized that I still had feeling in his right foot, up to half tibia. With his arms, as a paraplegic, I touched his shoulder "Peppino", which was slightly lower under the small mound with those four sticks "ramshackle" in the likeness of more than rustic lightning rod. He turned, looked at me and looked back at the bell tower. I repeated the operation and he turned again but, looking at me and realizing that I had been electrocuted, filled with terror ran down the ridge. More fast of the lightning and before that the thunder did hear his voice in the distance. Down towards "La Pera" or "The Pear" because of its shape, is known as the Punta de la Pierre. What to do? There was little to be done, before the arrival of another lightning (they do not occur any more), while a voice from the brain was pounding telling me that I had to get off.

***




First part of the descent from the Summit, by Antonio

*******


Get off, get off, get off ...
It went down like a paraplegic, probing rocks and stones with only one foot, resting and then recovering the other leg, always in a precarious balance that made me waver along this easy but, in those conditions, impossible crest. Wandering. I joined him at the Testa Nera (Black Head), I do not know for after how long. He excused himself by saying that the panic had overwhelmed. I understood, but I could not answer, because even the language was paralyzed and "stammered" noise rough. We went down to the West, because the side towards the Chamolé Pass, where the avalanche had overwhelmed us December 28th, 1980 bringing us down to Arbolle, it was impossible for me; following that little trace in the steep grassy slope that would become "La Via degli Alpini". I resumed the word in home after more than four hours and then gradually the sensitivity of the limbs and body. I returned three days later with my son Alessandro doing the entire trip from "La Pera" from Pila Pila passing from the hill where I could not go down and then down to the lake and the Alp Chamolé, running as behest escape the bad event, as if to prove to myself that I was still alive. So I was able to come back from time to time to my dear Valletta, without seeing too eclipsed over time youth raids that took me back to mind pleasant episodes and faces that no longer exist.

***




The New Summit 1990, by Osw

*******


Until one day, perhaps the July 8th, 1990 with my sons Christian and Alessandro, or in July 22th, same year, with the only Christian
, I had found the ridge "invaded" by fixed ropes and the Top "fenced" from iron poles and ropes metal in an artificial protective box. Later arose on the Summit a large and high metal Cross on a mound of stone, the interior of which there is a book into the drawer to record the ascents made. A plaque, placed by A.N.A. (National Association Alpine Troops) instead reminds all "Alpini", of Gressan Municipality, which now no longer exist. I went many times to the Valletta including the one with a "new General of Alpini": Roberto Stella, that of Stella Trio who in 1971 won the "Mezzalama Trophy". So brave, however humble. A prerogative of the Generals of the Alpine Troops. It was July 19th, 1998 and in the occasion took place the inauguration of the new Refuge Arbolle into the walloon with the same name; us before have completely "performed the grazing", then from the high observed the same, then we went down with Friends Emilio Bertona and Gianfranco Vicentini to join the party. It seems like yesterday, instead have passed almost twenty years, and little is left except a few languid photo, in the bottom of a drawer. In addition to the "Via degli Alpini". Logically passing through the Slope West-northwest and North Ridge ...

***




Near the "New" Summit 1998, by emilius

*******


Sempre, o quasi, negli anni abbiamo fatto una visita alla Punta della Valletta. Per iniziar una nuova stagione, oppure semplicemente per "riempire" una Domenica "vuota", dove il cattivo tempo in arrivo faceva capire che non si sarebbe andati troppo lontano. Dopo quell'invernale di fine Dicembre 1977, ritornai con Marco Cossard detto "Crevassino" il 25 di Giugno dell'anno seguente per una lunga traversata con partenza alla Punta de la Pierre (2653 m) sullo spartiacque con Cogne per arrivare al Colle Plan Fenetre, all'ingresso del leggiadro Vallone di Comboé, passando per la Valletta. Un Tour che avevo già compiuto nel passato, ma in senso inverso e che contempla l'intera circonduzione della Conca di Pila e che consiglio a tutti per le magnifiche vedute sulla Grivola, intero Gruppo del Gran Paradiso ed attiguo Gruppo del Monte Emilius. Oggi dal 2003 nel primo tratto fino al Colle di Tsa Setze é stata allestita una "Via Panoramica" e da questo una "Via Ferrata", che sale lungo la Cresta Sudovest della Valletta. Son ritornato tre anni appresso con mio figlio Christian e "Lupetto" Casalegno, dopo avere effettuato, sulle orme dell'Abbé Henry e di Grégoire Comé nel Settembre 1902, un "Giro di tre giorni nel Gruppo del Monte Emilius; anche per noi si concluse (6/7/8 Agosto 1981) con la tradizionale salita dal Vallone di Arbolle, dove oggi esiste l'omonimo rifugio. Nulla di particolare, come quando vi ritornai, sempre con Christian, il 22 di Luglio 1983. Qualcosa successe invece il 6 di Luglio di tre anni dopo, quando proprio sulla Vetta rimasi colpito dal fulmine. Una dlle solite Domeniche da riempire: all'alba piovigginava e per noi "alpinisti della Domenica" quest'era un dramma. Significava star fermi quindici giorni, in attesa della successiva.

***




The last steps towards the Summit, by Antonio

*******


Si va, non si va, questo é il problema.
Si va, tanto é solo una pioggerellina e, se peggiora, in un attimo si torna casa. Ma dal Colle di Chamolé in sù diventa pioggia, prima leggera poi sempre più battente. Poca importanza, qui possiamo salire con le mani legate e gli occhi bendati! E siam profeti, che così sarà, o quasi. Mentre dalla Sommità, sotto questa quasi piacevole e rinfrescante pioggerellina, il "Peppino" guardava a Nordest verso il Campanile di Sant'Orso ed io a Sudest verso quello di Cogne, mi scoppiò vicino all'orecchio sinistro: un attimo, anzi un baleno con un bagliore rosso-bluastro. Neppure il tempo di pensare. Ero completamente paralizzato. Ma il cervello era cosciente e capivo che avevo ancora sensibilità nel piede destro, fino a mezza tibia. Con le braccia, come un paraplegico, toccai la spalla di "Peppino", che era leggermente più in basso sotto il piccolo tumulo con quei quattro bastoni "sgangherati" a somiglianza di più che rustico parafulmine. Si girò, mi guardò e tornò a guardare il campanile di Sant'Orso ad Aosta. Ripetei l'operazione e lui si voltò nuovamente ma, guardandomi e capendo che ero stato fulminato, preso dal terrore scappò giù per la cresta. Più veloce del lampo e prima che il tuono facesse sentire in lontananza la sua voce. Giù verso "La Pera", come é conosciuta la Punta de la Pierre. Che fare? C'era poco da fare, prima dell'arrivo d'un altro fulmine (non se ne verificherà più nessuno), mentre una voce dal cervello mi martellava dicendomi che dovevo scendere. Scendere, scendere, scendere, più "rapidamente" possibile giù ...

***




The complete traverse towards the Summit, by Corvus

*******


E come un paraplegico scesi, sondando rocce e pietre con quell'unico piede
, appoggiando e poi recuperando a striscio l'altra gamba, sempre in un precario equilibrio che mi faceva vacillare sulla facile ma, in quelle condizioni, impossibile cresta. Vagando. Lo raggiunsi alla Testa Nera, non sò in quanto tempo. Si scusò dicendo che il panico l'aveva sopraffatto. Capivo ma non potevo rispondere, perché anche la lingua era paralizzata e "farfugliavo" rumori sconnessi. Scendemmo ad Occidente, perché di qua verso il Colle di Chamolé, dove la valanga ci aveva travolti il 28 Dicembre 1980 portandoci giù fino ad Arbolle, mi era impossibile; seguendo quella piccola traccia nel ripido pendio erboso che sarebbe diventata "La Via degli Alpini". Ripresi la parola a casa dopo oltre quattro ore e poi progressivamente la sensibilità degli arti e del corpo. Ritornai tre giorni dopo con mio figlio Alessandro effettuando tutta la traversata dalla " Pera" da Pila a Pila passando dal colle dove non avevo potuto scendere e poi giù fino al Lago ed all'Alpe di Chamolé, correndo come per volere sfuggire a quel brutto evento, quasi a volere dimostrare a me stesso che ancora ero vivo. Così potei ritornare di tanto in tanto alla mia cara Punta della Valletta, senza vedere troppo eclissarsi nel tempo le scorribande giovanili che mi riportavano alla mente tanti episodi piacevoli e volti non più esistenti.

***




The Summit Cross from Arbolle Walloon, by Antonio

*******

Fino a che un giorno, forse l'8 di Luglio 1990 con i miei figli Christian ed Alessandro o il 22, stesso mese stesso anno, con il solo Christian, avevo trovato la cresta "invasa" da corde fisse ancorate a chiodi e la Sommità "recintata" da paletti in ferro nonché corde metalliche in un artificioso box protettivo. In seguito sorse sulla Sommità una grande Croce metallica sopra un tumulo in pietra, all'interno del quale esiste in un cassetto il libro per registrare le ascensioni effettuate. Una targa, deposta dall'A.N.A. invece ricorda tutti gli Alpini, appartententi al Comune di Gressan, che ormai non esistono più. Andai molte altre volte alla Punta della Valletta compreso quella con un "nuovo Generale degli Alpini": Roberto Stella, quello del Trio Stella che nel 1971 vinse il "Trofeo Mezzalama". Tanto bravo, quanto semplice ed umile. Una prerogativa dei Generali degli Alpini. Era il 19 Luglio 1998 e nell'occasione avveniva l'inaugurazione del Rifugio d'Arbolle all'ingresso nell'omonimo vallone. "Pascemmo" completamente, indi dall'alto osservammo la medesima, poi scendemmo con gli Amici Emilio Bertona e Gianfranco Vicentini a partecipare pur noi alla festa. Sembra che fosse proprio ieri, invece son passati quasi vent'anni e poco é rimasto se non qualche languida foto nel fondo d'un cassetto. Oltre alla "Via degli Alpini". Logicamente passando pel Versante Ovest-nordovest e la Cresta Nord ...

***




Towards the Summit Cross 1998, by emilius


*******

Images

Punta della VallettaPunta della VallettaPunta della Valletta <i>(3090m)</i> East sidePunta della Valletta The first part of "Alpine Troops" Route to Valletta 1968P. di Pian Bessey On Old Summit P. della Valletta 1966P. Valletta/P. Pian Bessey  Late Spring Mouldings 1969
On the Trail of an old Trek of Exploration (1902)Punta della Valletta Subgroup from Northeast 1998Ridge from Punta della Valletta<br> to Pointe de la PierrePunta della Valletta Return from Valletta\'s Point (3090m)Point of the Valletta <i>(3090m)</i> The First in Winter 1977... & Funny ... between "Becca" & Emilius To Valletta 1966
[ View Gallery - 9 More Images ]



Comments

No comments posted yet.