Profitis Ilias

Page Type Page Type: Mountain/Rock
Location Lat/Lon: 36.97916°N / 26.97199°E
Additional Information County: Dodecanese
Activities Activities: Hiking
Seasons Season: Spring, Fall, Winter
Additional Information Elevation: 2218 ft / 676 m
Sign the Climber's Log

Overview

Profitis Ilias 

Profitis Ilias 676 m is the highest mountain on the island of Kalymnos, a Greek island located in the South - Eastern Aegean Sea and belonging to the Dodecanese, which literal meaning is "twelve islands". This archipelago is situated amongst Turkey, the island of Crete to the South, the Cyclades to the West and the island of Samos to the North and includes more than 163 islands and islets, of which only 26 are inhabited. Kalymnos is strongly characterized because of its mountainous features which form a unique landscape and a fascinating view of the sea. The mountains of Kalymnos are desertic and the highest peak is Profitis Ilias which rises in the middle of the island. The coasts of Kalymnos are quite steep and secluded forming many capes, coves and ports. 

The Italian Path winding down to Pothia
The Italian Path winding down to Pothia

Since 1997-1998 Kalymnos started to become known to the rock climbing community because of its excellent rock and its pleasant mediterranean ambience. Kalymnos is now considered as one of the planet’s most spectacular sport climbing destination. Nowadays the island counts several climbing sectors developed over the years, with sports itineraries from the less difficult and popular to the hard routes on big overhangs, which are only possible because of the incredible tufa structures and stalactites.
The island of Kalymnos has many paths, anyhow the trail to its highest point is absolutely a must! The itinerary is one of the finest of the island to enjoy an exceptional landscape, where rugged limestone mountains rise abruptly and dramatically nearby the Aegean island coastline. The summit view is breathtaking. 

Profitis Ilias 676 m è la montagna più alta di Kalymnos, un'isola greca situata nel Mar Egeo sud-orientale e appartenente al Dodecaneso, il cui significato letterale è "dodici isole". Questo arcipelago è situato tra la Turchia, l'isola di Creta a sud, le Cicladi a ovest e l'isola di Samos a nord e comprende più di 163 isole e isolotti, di cui solo 26 sono abitate. L'isola di Kalymnos è fortemente individuata per le sue prevalenti caratteristiche montuose che costituiscono un paesaggio unico con affasciananti vedute sul mare. I monti sono desertice e fra essi la vetta più alta è Profitis Ilias, che si eleva nel centro dell'isola. Le coste di Kalymnos sono piuttosto scoscese e appartate e formano numerosi promontori, calette e baie. Dal 1997 al 1998 Kalymnos ha iniziato a farsi conoscere dalla comunità degli arrampicatori grazie alla roccia di eccellente qualità e la sua gradevole atmosfera mediterranea. Kalymnos è ora considerata una delle destinazioni di arrampicata sportiva più spettacolari del pianeta. Oggi l'isola conta diversi settori di arrampicata che sono stati sviluppati nel corso degli anni, con itinerari sportivi che vanno dai meno difficili e popolari a quelli estremamente difficili su grandi strapiombi, possibili solo grazie alle incredibili strutture in tufo e alle stalattiti. L'isola di Kalymnos ha molti sentieri, tra questi sicuramente il sentiero che conduce sul punto più alto dell'isola è assolutamente da non perdere! Questo L'itinerario è uno dei più belli e consente di godere di eccezionali vedute, con aspre montagne calcaree che si innalzano bruscamente e drammaticamente sulle coste bagnate dall'Egeo. Il panorama dalla vetta è da non perdere!

History 

The signpost of The Italian Path in Pothia
The signpost of The Italian Path in Pothia

 

The island was formerly ruled by the Knights of St. John, who surrendered it in 1523 to the Turks of Suleman. From 1912 to 1943 it was occupied by the Italians and in 1945 by the Germans. After the WW2 the island was formally included as part of the Greek state. Many years ago the island was an important sponge producing center, famous for its sponge divers, who could hold their breath underwater for nearly 5 minutes.
Kalymnos as a climbers island was kissed to life when the Italian Andrea di Bari arrived in 1996 for a holiday period and he saw the excellent quality of the rock, guessing the enormous potential from the point of view of climbing. He returned next year in May with some climbing friends to put up some routes and in October of the same year with Andrea Gallo, who took some fotos for the climbing magazines. After publication in the spring of 1999 more climbers arrived and rules for the protection of new routes were set up. After 2000 many well known climbers of several countries appeared to set up new routes, or just came to climb some of the meanwhile famous difficult cave routes. 

Anticamente l'isola fu governata dai Cavalieri di San Giovanni, che la cedettero nel 1523 ai Turchi di Suleman. Dal 1912 al 1943 fu occupata dagli Italiani e nel 1945 dai tedeschi. Dopo la II Guerra Mondiale l'isola fu formalmente inclusa come parte dello stato greco. Molti anni fa l'isola era un importante centro di produzione di spugne, famosa per i suoi sommozzatori, che potevano trattenere il respiro sott'acqua per quasi 5 minuti. Kalymnos come luogo per l'arrampicata iniziò ad essere frequentata dopo che l'italiano Andrea di Bari nel 1996 arrivò sull'isola per un periodo di vacanza e si rese conto dell'eccellente qualità della roccia, intuendo l'enorme potenziale dal punto di vista dell'arrampicata. Tornò l'anno successivo a maggio con alcuni amici arrampicatori per realizzare alcuni itinerari e nell'ottobre dello stesso anno con Andrea Gallo per scattare foto per le riviste di arrampicata. Dopo la pubblicazione nella primavera del 1999, arrivarono altri alpinisti e vennero stabilite le regole per la protezione dei nuovi itinerari di arrampicata. Dopo il 2000 molti famosi scalatori di diversi paesi vennero a Kalymnos per attrezzare nuove vie o per scalare alcune delle famose e difficili vie all'interno delle strapiombanti grotte.

Getting There

Getting to Kalymnos

In the year 2006 it was built a small airport on Kalymnos, but the flight is expensive and sometimes may be cancelled when the weather is bad, so the approach by sea from the nearby and larger island of Kos remains the favourable solution. In fact the Kalymnos harbour of Pothia is reached quickly from Kos via ferry or hydrofoil starting from the Mastichari harbour. The crossing Kos - Kalymnos is active throughout the year, because many people of Kalymnos take the ferry every day to go to work in Kos.
In summer and mid seasons there are different charter flights connecting Kos and the main European airports, including low coast airlines, while from November to April, which is also an ideal time to climb, the island of Kos is only reached by daily flights departing from Athens Eleftherios Venizelos airport.

Getting to the start of the trail

The town of Chora with its crusader castle, Chora Castle or Palaiochora,  is one of the most famous attractions of Kalymnos. It's the starting point to climb Profitis Ilias. From Pothia, the capital of Kalymnos, drive along the main road that crosses the whole island in the direction of Myrthies and Masouri. As you reach Chora you must leave the main road and turn right in the direction of the castle. If you are starting from Masouri or Myrthies, you must instead drive towards Pothia and turn left once you arrive in Chora.  To reach the starting point of the path to Profitis Ilias follow the signposts to the castle, crossing the narrow streets of Chora to get a large dirt square where it starts the route. At the beginning to juggle the back streets of the village and find the start is not a very simple affair,  but once identified the starting point the path is well traced without any orientation problem.

Start of the trail to Profitis Ilias
Start of the trail to Profitis Ilias

 

Come arrivare a Kalymnos

Nel 2006 a Kalymnos è stato costruito un piccolo aeroporto, ma il volo è costoso e talvolta può essere cancellato in caso di brutto tempo. Di conseguenza l'approccio via mare dalla vicina e più grande isola di Kos rimane la soluzione migliore. In effetti il ​​porto di Kalymnos di Pothia è raggiungibile rapidamente da Kos tramite traghetto o aliscafo con partenza dal porto di Mastichari. La traversata Kos - Kalymnos è attiva tutto l'anno, in quanto molti abitanti di Kalymnos prendono il traghetto ogni giorno per andare a lavorare a Kos.

In estate e in mezza stagione ci sono diversi voli charter che collegano Kos e i principali aeroporti europei, comprese le compagnie aeree "low cost", mentre da novembre ad aprile, che è anche il momento ideale per scalare, l'isola di Kos è raggiungibile solo con voli giornalieri in partenza dall' Aeroporto di Atene Eleftherios Venizelos.

Come arrivare all'inizio del sentiero

La città di Chora con il suo castello crociato è il punto di partenza per salire sulla vetta di Profitis Ilias. Da Pothia, la capitale, seguire la strada principale che attraversa l'intera isola in direzione di Myrthies e Masouri. Quando si raggiunge Chora si deve lasciare la strada principale e svoltare a destra in direzione del castello. Se si parte invece da Masouri o Myrthies, si deve prendere la direzione di Pothia e girare a sinistra una volta arrivati a Chora. Seguendo le indicazioni per il castello, si attraversano le stradine di Chora per raggiungere una grande piazza sterrata dove inizia il percorso per Profitis Ilias. All'inizio trovare la partenza del sentiero non è un affare del tutto semplice, ma una volta identificato l'inizio il percorso è ben tracciato e non presenta problemi di orientamento.

Route description

Profitis Ilias crossing

Summit altitude: 676 m
Difficulty: EE
Difference in level: 550 m to the summit + 250 m on the Italian Path 

A nice walk across the narrow streets of Chora leads to a large dirt square located beneath the crag topped by the Chora crusader castle.  At the beginning from the square it starts a wide mule track which enters the valley passing through two opposing rocky walls. A little further up the valley widens, always bounded by rocky walls. After some small houses the wide mule track becomes a narrow path that enters a rocky valley with some caves. Further on, there is a fence and a long wall built with dry-stones on the right, at the end of which you reach a wide col where the view extends on the opposite side. Just before reaching the pass along the stone wall on the right of the path, a gate with the signpost "Profitis Ilias" in Greek allows you to cross the stone-all and continue along the path.

Profitis Ilias, the gate across the stone-wall
Profitis Ilias, the gate across the stone-wall
Profitis Ilias, toward the col above the Vathy Valley
Profitis Ilias, toward the col above the Vathy Valley

 

Along the way we will be accompanied by splendid views of Kos, Leros, the coasts of Turkey and the villages of Kalymnos. At this point the path, which until now had been heading north, changes direction and begins to rise to the right (East). The path always continues climbing obliquely to the right, then gains the steep final stretch now in sight of the monastery that rises above on the top of the mountain. You reach the magnificent peak with the Aghios monastery and a simple summit signal. After the usual photos we reverse the same itinerary to gain the col near the gate and from here there are two possibilities: 

- return to Chora along the ascent route

- alternatively descend to the Vathy Valley to make a longer loop, that at its end will lead us to Pothia, the capital of the island

Goat on the path to Profitis Ilias, Kalymnos
Goat on the path to Profitis Ilias, Kalymnos
Profitis Ilias the summit Monastery
Profitis Ilias the summit Monastery

If we choose the second option a long trip is waiting for us: a long drop down to the Vathy Valley on the other side along the flank of the mountain, then a trek along the valley floor and lastly a veritable pearl, the paved trail known nowadays as The Italian Path which leads over the lower hills between the Vathy Valley and Pothia, the main town. From the pass the path starts winding down, clear at first but later not everywhere. Reached the bottom of the valley the path heads to the right skirting dry-stone walls and reaching the small monastery of Aghios Nikolaos, where the path joins a wide dirt track, continuing in the same direction for a long time, skirting sheepfolds and animal pens. Shortly before the dirt road makes a sharp left-hand bend, start paying attention to a signpost on the right that marks the point where to leave the road and take a path on the right that begins to climb at first narrow and steep, then turns into a magnificent tone-paved path, known as the Italian Path, that goes up to reach a hill that allows you to cross the mountain range between Vathy Valley and Pothia in its lowest point. Reached the hill the path continues in a fantastic environment with wonderful views up to the top overlooking the city of Pothia. With some last downhill hairpin bends the path reaches the last houses of the town. From here a brief walk across the town will lead you near the port, where with a bit of luck you will be able to enjoy a drink near the harbour, before the arrive of the bus that will bring you back to Chora.

Una bella passeggiata attraverso le strette stradine di Chora conduce a una grande piazza sterrata situata sotto la falesia sormontata dal castello crociato di Chora. Dalla piazza inizia una larga mulattiera che entra nella valle passando attraverso due pareti rocciose contrapposte. Poco più in alto la valle si allarga, delimitata sempre da pareti rocciose. Dopo alcune casupole l'ampia mulattiera diventa uno stretto sentiero che entra in una valle rocciosa con alcune grotte. Più avanti sul lato destro inizia una recinzione e un lungo muro costruito con pietre a secco, alla fine del quale si raggiunge un ampio valico dal quale si apre la vista sul lato opposto. Poco prima di raggiungere il passo, lungo il muro di pietra sulla destra del sentiero, un cancello con il cartello "Profitis Ilias" in greco permette di attraversare il muretto e proseguire lungo il sentiero. Lungo la strada saremo accompagnati da splendide vedute di Kos, Leros, le coste della Turchia e i villaggi di Kalymnos. A questo punto il sentiero, che fino ad ora si era diretto a nord, cambia direzione e inizia a salire a destra (est). Il sentiero continua sempre a salire obliquamente a destra, quindi guadagna il ripido tratto finale ora in vista del monastero che si erge sopra la cima della montagna. Raggiungi la magnifica vetta con il monastero di Aghios e un semplice segnale di vetta. Dopo le solite foto invertiamo lo stesso itinerario per ottenere il colle vicino al cancello e da qui ci sono due possibilità:

- ritorno a Chora lungo il percorso di salita

- in alternativa scendere nella valle di Vathy per fare un giro più lungo, che alla fine ci porterà a Pothia, la capitale dell'isola

Se scegliamo la seconda opzione ci aspetta un itinerario più lungo: una lunga discesa verso la valle di Vathy dall'altra parte lungo il fianco della montagna, quindi un trekking nel fondovalle e infine una vera perla, il sentiero lastricato noto con il nome di "Sentiero Italiano" che conduce sulle colline più basse tra la Val Vathy e Pothia, la città principale. Dal passo il sentiero inizia a sinuarsi, dapprima chiaro ma in seguito non dappertutto. Raggiunto il fondo della valle il sentiero si dirige a destra costeggiando muri a secco e raggiungendo il piccolo monastero di Aghios Nikolaos, dove il sentiero si unisce a una larga strada sterrata, proseguendo nella stessa direzione per lungo tempo, costeggiando ovili e recinti per animali . Poco prima che la strada sterrata faccia una brusca curva a sinistra, inizia a prestare attenzione a un cartello sulla destra che segna il punto in cui lasciare la strada e prendi un sentiero a destra che inizia a salire dapprima stretto e ripido, quindi svolta in un magnifico sentiero lastricato, noto come il Sentiero italiano, che sale fino a raggiungere una collina che consente di attraversare la catena montuosa tra la Val Vathy e Pothia nel suo punto più basso. Raggiunto il colle il sentiero prosegue in un ambiente fantastico con viste meravigliose fino alla cima che domina la città di Pothia. Con alcuni ultimi tornanti in discesa il sentiero raggiunge le ultime case della città. Da qui una breve passeggiata attraverso la città ti condurrà vicino al porto, dove con un po 'di fortuna potrai goderti un drink vicino al porto, prima dell'arrivo dell'autobus che ti riporterà a Chora.

Trail along the Vathy Valley,  Kalymnos
Trail along the Vathy Valley, Kalymnos
Vathy Valley, start of the Italian Path (Kalymnos)
Vathy Valley, start of the Italian Path (Kalymnos)

 

 

Red Tape

Flowers of Colchicum blooming from the stones desert
Flowers of Colchicum blooming from the stones desert

 

 

No fees no permits required

When to Climb

All year round excluding the su mer months, really too hot.

Where to stay

Various possibility to stay in the numerous studios and rooms for rent, in addition to hotels. On Kalymnos there is no organized campsite and free camping is strictly forbidden on the island.

Meteo

Meteo Kalymnos

 

Maps

Profitis Ilias map
Profitis Ilias map


Parents 

Parents

Parents refers to a larger category under which an object falls. For example, theAconcagua mountain page has the 'Aconcagua Group' and the 'Seven Summits' asparents and is a parent itself to many routes, photos, and Trip Reports.