Eastern Arpisson Laures Western Arpisson Morion Dard: The INFINITE TRAIL of the IBEXES

Page Type
Article
Activities:
Scrambling
949 Hits
78.27% Score
Log in
to vote
Eastern Arpisson Laures Western Arpisson Morion Dard: The INFINITE TRAIL of the IBEXES
Created On: Jun 22, 2015
Last Edited On: Jun 4, 2018

Steinbocks Overview



Who says the Mountains are for men, shamelessly mind. Or simply do not know the same with their History unwritten into the books, but eternally imprinted in their rocks. Only the presumption of men makes them think that from there passed through first and that their traces remain eternal, whereas others are carved by centuries and millennia, although not raise dust. A pass light, a subtle line that crosses mountains, ridges and walls, that just scratches the hard snow of the glaciers, crossing oceanic moraines, unchanging over time. As their passage: continuous and silent. Viewed from the top flight of the royal Eagle, which controls everything, so that nothing changes. A perfect balance that even the passage of man not can change. Just look at an old photograph to understand that everything is moving, but at the same time, immobile and immutable. Then, as the trumpet of the Last Judgment, it sounded the Horn of Hunt with a long and prolonged music, a whistle that has broken the calm of the air, a tune breeze that is dispersed among the valleys below, first with a powerful Eco under the rumbling walls then with a hiss increasingly faint and far as to accompany to underline the time passing. Even Heaven stands still, mute, silent, almost reverent before such Eternity, while the Sun, merciless, continued to burn these ancient rocks, crumbling them mercilessly every day. But the Herd was accustomed to everything and silently came to Arpisson from Laures, touching the walls of the Emilius then dropped down to the Gorgias of Dard at the foot of the North Face of "Becca", where a rich and safe pasture awaited him, broken only, from time to time, by the call of the Shepherd of Morion very ancient Alp, now in complete ruins and abandoned. Time has erased too, but not the Ibexes who return again and forever. Even the Baron Beck Peckoz has disappeared, and ran his Gamekeepers and Poachers along with them as well that passed "Lo Cordagnì" also always by the locals "Cordannier", leaving everything in an eerie silence and deafening. But the track is always living and transit is perpetual marking the seasons. As long as the Grass grows, the Water flows and the Wind blows ...

The INFINITE TRAIL

of the STEINBOCKS

on the

Emilius Mountain Chain, by Osw




Chi dice che le Montagne sono per gli uomini, spudoratamente mente.
Oppure semplicemente non conosce le medesime con la loro Storia non scritta sui libri, ma eternamente impressa nelle loro rocce. Soltanto la presunzione degli uomini fà loro pensare che da lì son passati per primi e che loro tracce rimangono eterne, mentre invece altre sono scolpite da Secoli e Millenni, anche se non alzano polvere. Un transitare leggero, un'impercettibile linea che scavalca montagne, creste e pareti, che appena scalfisce la dura neve dei ghiacciai e che attraversa oceaniche morene, immutabili nel tempo. Come il loro passaggio: continuo e silenzioso. Osservato dall'alto dal volo regale dell'Aquila, che tutto controlla, affinché non cambi nulla. Un equilibrio perfetto che neppure il passaggio dell'uomo può mutare. Basta osservare una vecchia fotografia per capire che tutto é in movimento, ma, allo stesso tempo, immobile ed immutabile. Poi, come la tromba del Giudizio Universale, è suonato il Corno di Caccia con un suono lungo e prolungato, un sibilo che ha spezzato la calma dell'aeree e si é disperso tra le sottostanti vallate, prima con un Eco potente sotto le rimbombanti pareti, poi con un soffio sempre più fievole e lontano tale da segnare ed accompagnare il Tempo che passa. Anche il Cielo s'é fermato, muto, silenzioso e quasi riverente di fronte a tanta Eternità, mentre il Sole, impietoso, ha continuato a bruciare queste rocce antiche, sbriciolandole senza pietà di giorno in giorno. Ma il Branco a tutto ciò era avvezzo ed in silenzio arrivava all'Arpisson dalle Laures, sfiorando le pareti dello Emilius per poi scendere giù verso la Gorgia del Dard ai piedi della Nord della "Becca", dove un ricco e sicuro pascolo lo attendeva, rotto soltanto, di tanto in tanto, dal richiamo del pastore del Morion, ormai in completa rovina ed abbandonato. Il tempo ha cancellato anche lui, ma non gli Stambecchi che tornano ancora e sempre. Anche il Barone Beck Peckoz é scomparso, e son spariti i suoi Guardiacaccia ed insieme a loro pure i Bracconieri, che "battevano Lo Cordagnì", lasciando tutto in un silenzio irreale ed assordante. Ma la traccia rimane sempre ed il transito è perpetuo segnando le stagioni. Fino a che cresce l'Erba, scorre l'Acqua e soffia il Vento ...



Salé & Roises, Realm of Steinbocks, by Salval

The History of an eternal migration and transhumance

The KINGS

of the

ALPS, by OliettiPaolo




Here they macaws to boss around on their Kingdom: the Emilius Mountain, included the vertical East Wall above the Glacier Blantsette in the Vallon of the Laures, as well as the dismal Wall North and its stately and dark Black Triangle overhanging around two Glaciers Oriental and Western of the Arpisson; it is recurrent to find them, coming from these same vallon, in to certain period in the summer (revealable not!), in the steep grassy-morainic slant that from the ruins of the Morion very Ancient Pasture or, quietly stretched out to the sun to do "siesta" on the Hill of Salé in the Subgroup of the Roises. Sign of an old pasture as the man and by now had been abandoning for long time, on which more the happy ringing of the herds of cows doesn't resound) salt toward the basal clog of the North Wall of the "Becca". Also the cry of the "Baccan" (from noise or shepherd of the herd, that it made noise in to call his beasts back) he has been silent, cancelling the panel of a remote, fair and legendary mountainous life of "alpage" in elevated mountain and the relative Echo, coming from the box of resonance formed by the great wall. Then the "platoons" of ibexes, to manner of flock of wolves , "they ferry" again in contrary sense as Swiss clocks, toward the Arpisson's Vallon and they place him on the N-NE Edge of Emilius (often in peak to the horrid and vertical Black Triangle of the Monte Emilius (3378m), from the tall one of which they observe mistrustful, exposing their stately horns to climb on the crest these intruders of mountain climbers. As it happened in the first sighting of the three Abbots Louis "Jean" Bonin, Pantaléon Bovet, Joseph Marie Henry and Engineer Nino Tofani of St. Marcel, in the first slope of August 02th of 1906, where the Emotion and the Passion by the Abbot of Doues and Hunter-Mountaineer prevails on the strong Mountain Climber.

Emilius Crest NE & Northern Edge: "FIRST ASCENT OF MONTE EMILIUS (m. 3559) BY THE CREST NORTH-NORTHEAST The Emilius, the beautiful mountain overlooking Aosta, remained absolutely unexplored the East face and ridge North-North-East ... We decide then to go up again on the crest to climb over this "gendarme" or to turn it to East; when here is to appear on the same crest which we extend twelve beautiful ibexes, some with the stately horns, which illuminated by the sun, they lean out a moment to look us with curiosity. The emotion of Pantaléon Bovet is impressive and I skips to describe it: everything of its past of hunter wakes up in him; we have believed for a moment that he wanted to throw above himself to insane run for the rocks. It quivered of desire and it modulated the sweetest exclamations of wonder, calling the beasts with the strangest names, among a to pant violent of his able breast ... Meanwhile the twelve beasts, you surprise for that unlawful entry, they were fling in escape and, according to our ardent desire, they were directed to our crest. Now we follow carefully the movements: stand in line and passes where the first pass exactly the other: then divide; some continue the climb and the other disappear on the East side: only two, the most beautiful, overlook a moment on the spikes, in the form sawtooth, on the shoulder in half of the ridge. Then, nothing more. Evil: is a sign that we should we go up on precisely those spikes, which we had always planned to avoid ! ..."
"Rivista Mensile C.A.I. 1907", article in Monthly Magazine by the Engineer Nino Tofani, page 49. Edit. Italian Alpine Club, 1907.
"Le Raye di Solei", by the Abbot Joseph Marie Henry, pages 11 and 109. Edit. Montes Turin, 1935.



Laures & Emilius North-northeast Edge, by Osw


With a pinch of imagination, you could also observe them to You caracoling among the Emilius's two Walls North and East
, to cross the two Glaciers Western and Oriental of the Arpisson, under the imposing Wall North of the Emilius with his terrible Black Triangle, to reach the fatiguing, tiresome and rocky Peckoz Pass near Seneva Becca, to go up again to the Becca of the Boucs (Beak of Steinbocks) or Testa a will Blantsette (Head of the Straw capillata, difficult graminacea to mow him graminacea difficult to mow and therefore it doesn't have any connection with the French blanche or white) and to climb, hacked against the sky with inimitable ability "alpine" and elegance, on the splendid one and indented edge. The very strong Parish Priest of Doues Hamlet Pantaléon Bovet breast inflated him for the excess excitement, to such it approves, sending forth every sort of exclamation trasumante and trasudante all of its passion of hunter, calling them through a series of "gridolini" (little and tiny cheers) and with every type of possible and unimaginable appellatives. But, for charity, do never tell him the hunters!! Someone of them has already come to stroll about at the base of the wall, but, not knowing the exact season, went with the bagpipes to the sack!!! … Everything has been equal, immovable and unchanged as if the time was eternally arrested, in the ex Reserve Baron Beck Peckoz Gressoney and actual ownership of the Attilio Turati Marquis of Turin as Natural Preserve of the Grand Avert. The eternity "silent uproar", as well as the magic comings & goings of the ibex marks, what pits the pendulum, the time of the two monolithic clocks of the "Pecks at of the Ninth Time", now called Becca di Nona, and of the Monte Emilius and of their crests and walls, while in the neighbor and rarely frequented Chain of the Great Roise (3357m) their Kingdom is Absolute and they looks, almost with contempt and bother, that rare mountain climber that dare to cross the limits and their confinements. They macaws the "bad cousins" of the Stainbocks of the Emilius and, with to rougher air and "servadza" (wild), dominated they the whole crest watershed from the becca of Salé towards the ancient "Becca of Leppy", where you often find them on the steep rocks beside the Normal Route or South-southeast Crest, above the below Vallonet Hill. Or they walk on the Great Oriental Shoulder of the Point Ilario Antonio Garzotto (3274m) looking towards the House of Hunting of Great Chaux, where they know that their nume guardian or the Gamekeeper, observe them and protect them, as it told us Osvaldo Pianfetti (+ August 05th, 2013) in September 29th, 1994 in the day of the positioning of the Cross on the Garzotto Summit.



Real Puppies, by Antonio


The females come down with their small verse the spellbound Valley of the Laures with his three beautiful green Lakes (Dessous, Long, Dessus)
as emeralds and very blue/azur as the sky, residual of the ancient Glacier of the Roizes that wants then to say glacier, through a great rocky channel among the Little Roise (3273m) and the two Points Gianni Junod or Central Roise (3300m), very steep and boxed among the walls and that the poachers know very well having been baptizing it for long time "La Tzenaille des Fémalles", or "The Couloir of Ibexes Females". This way it told says Giovanni Matteo Zulian "Agostino" of Luin Fraction of the Grand Brissogne, kingdom of fearless Hunters of the Alp; but somewhere summer "Agostino" there is not more. We like to see to climb him, almost racing behind the prey, on the steep rocky plates of the Wall Northwest of Becca Salé or the "Salì", as he said, of which any book has ever written that he has climbed her for first and alone. Or, from the opposite part, to cross the steep ones "barmes" (grassy-rocky ledges and centers of shelter and refuge for the night of chamoises and steinbocks) some Oriental Slope of Becca Seneva or still "to cut" the Wall Southeast of the Emilius in its half transferring himself from the Crest of the Three Capuchins to that of Brissogne or East Ridge. Others, as it tells Sergio Pession from his slope for the East Wall of the Great Roise with recovery of shot cartridges, also challenging the Gamekeeper they crossed to half coast the horrendous Oriental Walls of the Chain of the Roises in an eternity to wander about, without destination or line of preset slope because this to them nothing cared, "raking up" crest for crest and hole for hole,
in that ancient struggle as the man and eternally suspended between the Life and the Death on the border of the Good and the Evil...

The KINGS

of the Watershed from Leppe, Vallonet, Laval, Gianni Vert, Tessonet and TERSIVA Summits, by emilius




Eccoli spadroneggiare sul loro Regno: il Monte Emilius, compresa la verticale Parete Est sopra il Ghiacciaio Blantsette nel Vallone delle Laures, nonché la tetra Parete Nord ed il suo maestoso e scuro Triangolo Nero precipitanti sui due Ghiacciai Orientale ed Occidentale dell'Arpisson; è ricorrente trovarli, provenienti da questi stessi valloni, in un certo periodo dell'estate (non svelabile!), nel ripido pendio erboso-morenico che dalle rovine dell'Alpe del Morion o, tranquillamente sdraiati al sole far "siesta" sul Colle di Salé nel Sottogruppo delle Roises. Segno di un pascolo antico quanto l'uomo ed ormai abbandonato da lungo tempo, sul quale più non riecheggia l'allegro scampanio delle mandrie di vacche, sale verso lo zoccolo basale della Parete Nord della Becca. Anche il grido del "Baccan" (da baccano o pastore della mandria, che faceva chiasso nel richiamare le sue bestie) è rimasto silente, cancellando il riquadro di una remota, leggiadra e leggendaria vita alpestre di pascolo in elevata montagna ed il relativo eco, proveniente dalla cassa di risonanza formata dalla grande parete. Poi i "plotoni" di stambecchi, a guisa di branco di lupi, "traghettano" nuovamente in senso contrario, come orologi svizzeri, verso il Vallone dell'Arpisson e si piazzano sullo Spigolo N-NE dell'Emilius (spesso in vetta al Triangolo Nero dell'Emilius 3378 m.), dall'alto del quale osservano diffidenti, esponendo le loro maestose corna, salire sulla cresta questi intrusi di alpinisti. Come avvenne nel primo avvistamento dei tre Curati Louis "Jean" Bonin, Pantaleone Bovet, Joseph Maria Henry e dell'Ingegnere Nino Tofani, nella prima salita del 2 Agosto 1906 dove L'Emozione e la Passione dell'Abate di Doues, nonché Cacciatore ed Alpinista, prevalgono su quest'ultimo.

Emilius Cresta N-NE: "PRIMA ASCENSIONE DEL MONTE EMILIUS (m. 3559) PER LA CRESTA NORD-NORDEST Dell'Emilius, la bella montagna che domina Aosta, rimanevano di assolutamente inesplorate la parete Est e la cresta Nord-Nord-Est ... Decidiamo allora di risalire sulla cresta per scavalcare questo "gendarme" oppure per girarlo ad est; quand'ecco apparire sulla cresta stessa cui noi tendiamo dodici bellissimi stambecchi, taluni con le corna maestose, i quali illuminati dal sole, si affacciano un momento a guardarci con curiosità. L'emozione di Pantaléon Bovet é impressionante e tralascio di descriverla: tutto il suo passato di cacciatore si desta in lui; abbiamo creduto per un momento che egli volesse slanciarsi a corsa folle su per le rocce. Fremeva di desiderio e modulava le più dolci esclamazioni di meraviglia, chiamando le bestie coi nomi più strani, tra un ansimare violento del suo petto capace ... Intanto le dodici bestie, stupite per quella violazione di domicilio, si erano slanciate in fuga e, secondo il nostro vivissimo desiderio, si erano indirizzate alla nostra cresta. Ne seguiamo ora con attenzione i movimenti: si mettono in fila e dove passa la prima passano esattamente le altre: poi si dividono; alcune continuano la salita e le altre spariscono sul versante Est: due sole, tra le più belle, si affacciano ancora un momento sugli spuntoni che formano spalla a denti di sega a metà della cresta. Poi, più nulla. Male: é segno che dovremo anche noi salire proprio su quegli spuntoni, che avevamo sempre pensato di evitare ! ... "
"Rivista Mensile C.A.I. 1907", articolo dell'Ingegnere Nino Tofani, pag. 49. Edit. Club Alpino Italiano, 1907.
"Le Raye di Solei", Abate Joseph Marie Henry, pagine 11 e 109. Edit. Montes Torino, 1935.



Rouèses & Emilius, Kingdom of Ibexes, by Osw


Con un pizzico di fantasia, anche Voi li potreste osservare caraccollanti tra le due Pareti Nord ed Est, a cavallo dello Spigolo nord-nordest
, attraversare i due Ghiacciai Occidentale ed Orientale dell'Arpisson, sotto l'imponente Parete Nord dell'Emilius con il suo verticale Triangolo Nero, raggiungere il faticoso, ostico e roccioso Col Peckoz presso la Becca di Seneva, risalire alla Becca des Boucs (Becca degli Stambecchi) o Testa Blantsette (Testa della Festuca capillata, graminacea difficile a falciarsi e quindi non ha alcuna attinenza con il francese blanche ovvero bianco) ed arrampicarsi, stagliati contro il cielo con impareggiabile abilità "alpinistica" ed eleganza, sullo splendido e dentellato spigolo. Il petto dell'Abate di Doues Pantaléon Bovet si gonfiò per l'eccitazione a dismisura, a tal vista, emettendo ogni sorta di esclamazione trasumante e trasudante tutta la sua passione di cacciatore, chiamandoli tramite una serie di gridolini e con ogni tipo d'appellativi possibili ed inimmaginabili. Ma, per carità, non ditelo giammai ai cacciatori!! Già qualcuno di loro é venuto a gironzolare alla base della parete, ma, non conoscendo la stagione esatta, se ne andò con le pive nel sacco!!! … Tutto é rimasto uguale, immobile ed immutato come se il tempo si fosse eternamente arrestato, nell'ex Riserva del Barone Beck Peckoz di Gressoney ed attuale proprietà del Marchese Turati di Torino, come Riserva Naturale del Grand Avert o Riserva Turati. L'eterno "silenzioso trambusto", nonché il magico andarivieni degli stambecchi segna, quale fosse il pendolo, il tempo dei due monolitici orologi della Becca dell'Ora Nona, oppure oggi conosciuta qual Becca di Nona, e dell'Emilius e delle loro creste e pareti, mentre nella vicina e raramente frequentata Catena della Grande Roise (3357 m) il loro Regno é Assoluto ed osservano, quasi con disprezzo e fastidio, quei rari alpinisti che osan varcar i limiti dei loro ancestrali confini. Sono i "cuginastri" degli Stambecchi dell'Emilius e, con un'aria più rozza e "servadza" (selvaggia), dominano l'intera cresta spartiacque dalla Becca di Salé all'antica "Becca di Leppy", ove spesso li ritrovi sulle ripide rocce a fianco della Via Normale o Cresta Sud-sudest, sopra il Col Vallonet. Oppure passeggiano sullo Spallone Orientale della Punta Garzotto (3274 m) guardando verso la Casa di Caccia di Grande Chaux, dove sanno che il loro nume tutore, ovvero il Guardiacaccia, li osserva e li protegge, come ci raccontò Osvaldo Pianfetti il 29 di Settembre del 1994 nel giorno del posizionamento della Croce. Le femmine discendono con i loro piccoli verso l'incantata Valle delle Laures con i suoi tre bellissimi laghi verdi come smeraldi, blù ed azzurrissimi com'il cielo, residuo dell'Antico Ghiacciaio delle Rouèses che poi vuole dir semplicemente ghiacciaio, tramite un canalone tra la Petite Roise (3273 m) e le due Punte Gianni Junod o Roise Centrale (3300 m), molto ripido ed incassato tra le pareti e che i bracconieri conoscono molto bene battezzandolo da lungo tempo "La Tzenaille des Fémalles", ovvero il Canalone delle Femmine. Così raccontava Giovanni Matteo Zulian detto "Agostino" di Luin Frazione del Grand Brissogne, regno di imperterriti Cacciatori dell'Alpe; ma da qualche Estate "Agostino" non c'é più. Ci piace vederlo arrampicare, quasi correndo dietro alla preda, sulle ripide placche rocciose della Parete Nordovest della Becca di Salé o del "Salì", come lui diceva, della quale nessun libro ha mai scritto che lui l'ha salita per primo e da solo. Oppure, dalla parte opposta, attraversare le ripide "barmes" (cengie erboso-rocciose e sedi di rifugio e riparo per la notte di camosci e stambecchi) del Versante Orientale della Becca di Seneva od ancora "tagliare" la Parete Sudest dell'Emilius nella sua metà trasferendosi dalla Cresta dei Tre Cappuccini a quella di Brissogne od Est. Altri, come racconta Sergio Pession dalla sua salita per la Parete orientale della Grande Roise con ritrovamento di cartucce sparate, sfidando i Guardiacaccia, attraversavano a mezza costa le orrende Pareti Est delle Roizes in un eterno girovagare, senza meta o linea di salita prefissata che questo a loro null'importava, "rastrellando" cresta per cresta e pertugio per pertugio,
in quella lotta antica come l'Uomo ed eternamente sospesa tra la Vita e la Morte sul Confine del Bene e del Male.



Rouèses Chain the origin of Steinbocks, by Osw







Comments

No comments posted yet.



Eastern Arpisson Laures Western Arpisson Morion Dard: The INFINITE TRAIL of the IBEXES

Article
11 Images 0 Comments