The remains of Theban Legion in the Mountains "Valdôtaines"

Page Type
788 Hits
76.66% Score
Log in
to vote
The remains of Theban Legion in the Mountains
Created On: Sep 27, 2015
Last Edited On: Oct 2, 2015

"Theban & Valdôtaine" OVERVIEW

Let me tell you four stories that are then almost five. But very true, but exclusively four. Others another time, hoping that I always not too bored children ...

Voglio raccontarvi qui quattro storie che poi son quasi proprio cinque. Però vere, anzi verissime, ma sol quattro delle cinque. L'altre per un'altra volta ancora, sempre ch'io non annoi troppo i bambini ...

But how many Saints there were in Aosta Valley? Many. And how Blesseds? A little less. Hermits? Rare. Is a "metier & job" that requires too many sacrifices ... But where they came from? Follow the sign of San Grato, they came from there, from Valais. If you do not believe we're going to ask about the Abbé Joseph Marie Henry, tutelary deity of History Clerical in Aosta Valley. If you do not believe we're going to ask about the Abbé Joseph Marie Henry, Tutelary Deity of History Clerical in Aosta Valley. And someone else, like the ensign Monsignor Giuseppe Augusto Duc ancient Bishop of Aosta, to give a "historical twist" to our Story. That is so real that it appears as a

Fable or a Legend

Ma quanti Santi ci son stati in Valle d'Aosta? Più che molti. E quanti Beati? Un pò mi meno. Ed Eremiti? Rari. Questi é "mestier" che richiede troppi sacrifici ... Ma da dove arrivavano? Segui il cartello di San Grato, arrivavano di là, dal Vallese. Se non credete andremo a chiedere informazioni all'Abbé Joseph Marie Henry, Nume tutelare della Storia Clericale in Valle di Aosta. Ed a qualcuno altro, come l'insigne ed antico Vescovo d'Aosta Monsignor Giuseppe Augusto Duc, per dare un "tono storico" alla nostra Storia. Che é talmente vera da apparire siccome

Favola o Leggenda

We're not to disturb the Holy Anselm of Aosta (Philosopher, Theologian, Prior Abbot in the Abbey Bec-Héluin, Archbishop of Canterbury for intervention of King William II°, England Primate and made Holy by Pope Urban II° after the Council Bari calling it "the greatest genius of the Century" and naming him "Doctor of the Church"), which was too big but also too far from this valley, while the hearts of the people are facing in San Grato of Aosta (* unknown, + September 04th, 470), second Bishop during the fifth Century and the Patron of the City and Valley, in St. Emeric of Quart (* Villair Castle 1250, + Aosta, 1º September 1313), made Blessed by the Vatican as Bishop of Aosta since 1302 until 1313, and St. Julien, that someone wants to turn into Santa Giuliana female, ancient Hermit persecuted by the Romans or more "modern" Hermit Ollomont transferred in Fénis into an old Chapel that documents already in existence in 1327. Then we have other including highlights St. Giocondo third Bishop of Aosta since 496 until 502 or 504 after Eustasio and San Grato (at the beginning of the V° Century), but, it is not difficult to imagine, as are more than those of the first type that all of the other:
Rodolfo of Valpelline made Bishop of Sion in 1271, which now rests in the Grande Chartreuse. And then the Abbots "local", neither have been Saints but definitely worthy of the recognition of the People "Valdostano" as Pierre Chanoux Champorcher (Mountaineer, Naturalist, Scientist for 49 years Rector of the Hospice of the Little Saint Bernard), Boniface of Macynod Roisan (Canon and Doctor to the Court of Amedeo VI°, Scientist in Chambery since 1362 Rector of the "Hospital of the Maladière" in Aosta Town), Léon Clément Gerard (great Poet and Author of 50,000 verses in French), Jean Baptiste Cerlogne St. Nicolas (Poet "patoisan" and Author of a dictionary and a grammar in dialect), Monsignor Giuseppe Augusto Duc Aosta (Prelate and Historian, "the youngest and the oldest Bishop of the World" and author of "Histoire de l'Eglise d'Aoste" in 10 volumes in French, the Abbé Aimé Gorret Valtournanche the famous "Ours de la Montagne", participant to victory on Cervino or Matterhorn in 1865), Abbé Georges Carrel Châtillon (Mountaineer and promoter, founder, first President of C.AI. Aosta Section in 1866, Scientist and Naturalist), Abbot Joseph Marie Henry Courmayeur (Pastor to Valpelline by half Century and Tutelary Deity of the Toponymy and Author numerous works concerning the "L'Alpinisme et le Clergé valdotain", 1905, "Alpinisme", 1908, "History of the Aosta Valley", 1929, and its mountains as "La Raye di Soleil", 1935, and "Guide du Valpelline", 1921-25) etc. in a crescendo that goes almost to infinity.
Us, not to do harm to no one, we went to find four. One for each "category", with good peace of all ...

Non stiamo a scomodare il famosissimo in tutta Europa Sant'Anselmo d'Aosta (Filosofo, Teologo, Priore ed Abate dell'Abbazia di Bec-Héluin, Arcivescovo di Canterbury per intervento del Re Guglielmo II°, Primate d'Inghilterra e fatto Santo dal Papa Urbano II° dopo il Concilio di Bari definendolo "Il più grande Genio del Secolo" e nominandolo "Dottore della Chiesa"), che é stato troppo grande ma anche troppo lontano da questa Valle e dal suo Popolo, mentre i cuori della Gente son più rivolti a San Grato di Aosta, secondo Vescovo d'Aosta, dopo Eustasio, durante il V° secolo nonché Protettore della Città e della Valle, a San Emerico o Emeric ed anche Americo del Villair de Quart, fatto Beato dal Vaticano come Vescovo d'Aosta, e Saint Julien o San Giuliano, che qualcuno vuol tramutare in Santa Giuliana al femminile, antico Eremita perseguitato dai Romani o più "moderno" Eremita d'Ollomont, indi trasferitosi a Fénis sul soprastante promontorio roccioso di San Giuliano. Poi ne abbiamo altri tra i quali si evidenzia San Giocondo terzo Vescovo d'Aosta dal 496 al 502 o 504 dopo Eustasio e San Grato, ma, non é difficile da immaginare, come sian più quelli del primo tipo che non tutti gli altri:
Rodolfo di Valpelline fatto Vescovo di Sion nel 1271, che oggi riposa nella Grande Chartreuse. E poi gli Abati "locali", che non son stati Santi ma sicuramente degni del riconoscimento del Popolo Valdostano, come Pierre Chanoux di Champorcher (Alpinista, Scienziato Naturalista e Rettore per 49 anni dello Ospizio del Piccolo San Bernardo), Bonifacio di Macynod di Roisan (Canonico e Medico alla Corte di Amedeo VI°, Scienziato a Chambery e dal 1362 Rettore dello "Ospedale della Maladière" ad Aosta), Léon Clément Gerard (grande Poeta e Autore di 50.000 versi in francese), Jean Baptiste Cerlogne di Saint Nicolas (Poeta "patoisan" ed Autore di un dizionario e di una grammatica in dialetto), Monsignor Giuseppe Augusto Duc (Prelato e Storico, "il più giovane ed il più vecchio Vescovo del Mondo" ed Autore della monumentale opera "Histoire de l'Eglise d'Aoste" in 10 volumi in francese, l'Abbè Aimé Gorret di Valtournanche il famoso "Ours de la Montagne", partecipe della vittoria al Cervino italiano per la "Cresta del Leone" insieme alle Guide Jean Antoine Carrel "Il Bersagliere" e Jean-Baptiste Bich, l'Abbé Georges Carrel di Châtillon (Alpinista nonché promotore, fondatore e primo Presidente della Sezioine del C.AI. di Aosta nel 1866, Scienziato e Naturalista), l'Abbé Joseph Maria Henry di Courmayeur (Parroco a Valpelline per mezzo Secolo nonché Nume tutelare della Toponomastica ed Autore di numerose opere concernenti la "Storia della Valle d'Aosta", 1929, e le montagne della Valle di Aosta come in "L'Alpinisme et le Clergé valdotain", 1905, "Alpinisme", 1908, "La Raye di Soleil", 1935, e "Guide du Valpelline", 1921-25) ecc. in un grande crescendo che và quasi all'infinito.
Noi, per non fare torto a persona, siamo andati a trovarne quattro. Uno per ogni "categoria", con buona Pace di tutti ...

But where do all these Saints arrived in Aosta Valley? Only from the Theban Legion or almost ...

The Theban Legion is the name given to a Roman Legion in hagiographic literature Christian. Completely decimated by order of Emperor Maximilian, as its members (about 6,600 men under the command of San Mauritius) would refuse to execute some Christians of Swiss Valais. In the opinion of the Bishop of Lyon in France, Eucherio (* 434 + 450), the legion was made up entirely of Egyptian Christians and worked at the Middle-Eastern borders of the Roman Empire. It moved around the III° Century in the "Mittel Europe", between the Bourg of Cologne and the Northern slope of the Alps under the command of the militar General Maximian, the 285 became the first "Caesar" and 286 "Augustus", by the Emperor Diocletian, used in the more Western sector of the Roman Empire, to fight against the Quadi and Marcomanni. These, they crossed the Rhine, carried out incursions in Gaul, and to quell the uprising of the peasants bagaudae. Paid their mission, the same but refused to persecute or kill local people and Christian Valais. The General Maximian, he resented the fact, ordered severe punishment for the entire Theban Legion through scourging and killing the rebels, including through decimation or elimination of a soldier every ten with stoning or by blows with a stick. The Theban Legion revolted against other unfair orders, under the stance of his Commander Mauritius, even him of the Christian Religion, which was followed by another massacre with almost complete extermination of the same to Agaunum, the current Bourg St. Maurice Valais in Switzerland, where there is still the same name to Abbey. The few survivors fled to the surrounding regions, and many of them fled to Aosta Valley beginning with San Porciero (inside the Champorcher Valley), San Giuliano (above Fénis Town), Sant'Evanzio (over Saint Denis Basin) and San Besso which, after being passed through the Valley of Cogne, repaired in Val Soana, above Campiglia Soana (Piedmont Region) bypassing the Hill of Arietta from the Vallon of the Urtier, in Northeast of Lillaz Hamlet.
Is History and is the Legend, perhaps a Fable, but definitely well told and a little witnessed and documented by Eucherio Lyon Bishop ...

La Legione Tebea è il nome d'una Legione Romana nella letteratura agiografica cristiana. Completamente decimata ad ordine dell'Imperatore Massimiano, in quanto i suoi componenti (circa 6.600 uomini al comando di San Maurizio) si sarebbero rifiutati di giustiziare alcuni Cristiani del Vallese. Secondo il parere del Vescovo di Lione, Eucherio (* 434, + 450), era composita interamente da Cristiani Egiziani ed operava presso i confini Medio-Orientali dell'Impero Romano. Venne trasferita intorno al III° Secolo nella "Mittel Europa", tra la Città di Colonia e le Alpi sotto il comando del Generale, dal 285 divenuto prima "Caesar" e nel 286 "Augustus", Massimiano per volontà dell'Imperatore Diocleziano, impiegato nel settore Occidentale dell'Impero, a combattere contro Quadi e Marcomanni che, varcato il Reno, effettuavano continue scorribande in Gallia, nonché per domare le rivolte dei contadini Bagaudi. Assolta la loro missione, la medesima però si rifiutò di perseguitare od uccidere le locali popolazioni cristiane del Vallese. Massimiano, risentito del fatto, ordinò una severa punizione per l'intera Legione Tebea tramite flagellazione ed uccisione dei ribelli, anche con la decimazione, ovvero eliminazione di un soldato ogni dieci con lapidazione o a mezzo di colpi di bastone. La Legione Tebea insorse anche contro altri ordini iniqui, sotto la presa di posizione del suo Comandante Maurizio, pur lui di Religione Cristiana, alla quale fece seguito un'altra strage con lo sterminio quasi completo della stessa ad Agaunum, l'attuale Bourg St. Maurice nel Vallese svizzero, ove esiste ancor oggi l'omonima Abbazia. I pochi superstiti fuggirono nelle regioni circostanti e molti di loro si rifugiarono in Val d'Aosta a cominciare da San Porciero (a Champorcher), San Giuliano (a Fénis), Sant'Evanzio (sopra Saint Denis) e San Besso che, dopo essere transitato per la Val di Cogne, riparò in Piemonte scavalcando il Colle dell'Arietta nell'Urtier raggiungendo, presso Azaria, il luogo dove oggi sorge il Santuario dedicatogli, sopra Campiglia Soana nell'omonima valle e sotto alla Rosa dei Banchi.
Questa é la Storia e questa la Leggenda, forse una Favola, ma sicuramente ben raccontata ed un pò documentata dal Vescovo Eucherio ...

Saints imported?

Why Saint Evence? The Legend of the Holy Evanzio, such as San Besso in Cogne Valley bypassing the Hill of Arietta towards the current homonym Sanctuary nearby Azaria in the Campiglia Soana Valley (Piedmont Region) at the foot of Rosa dei Banchi and San Porciero in Champorcher, is brought back to the famous "Theban Legion" was completely destroyed. A bluff, at least visually, I reconnected with his two brothers Julien, who retired on the mountain above Fénis and Pantaleon near the Horn of Teodulo. But passing from Legend to History we must observe how the Chapel of St. Pantaleon, which stood on the site of a much older chapel of the thirteenth Century, always dedicated to the same saint and which had both oratory, just below the hill of the same name (1650m, 1645m), is traced back to 1845/6 and inaugurated by Bishop Jourdain in the following year. The Chapel was inaugurated in 1727 and restored 30 June 1996 is dedicated to St. Evence, as we said a veteran of the Theban Legion, who on rocky-wooded promontory built a primitive hermitage. It follows that Sant'Evanzio would liaise between the two brothers Giuliano or Julien and Teodulo or Théodule, inhabiting the hill located at the mouth of the Valtournenche and above Châtillon (South) and St. Denis (West) Commons. This is in fact the view reaches the tip of the Horn of Teodulo (3468m) to the Northeast and soon after Mont Cervin or Matterhorn, is the Hermitage of San Giuliano located to the South-southwest over Fénis Common and now over the Dora Baltea. As for the second, there are still traces of a remote cave above which has been built a chapel, as regards the first are not existence of signals of hermitages or chapels and moreover the place is not visible from this promontory since hidden by Cime Bianche (White Peaks). St. Evence, which legend says was founded by St. Evence brother of St. Théodule" Bishop of Sion into Valais Swiss, one can observe a forty bell towers scattered on average Valley of Aosta. But the legend is always and only legend, as history is always history; sometimes the first has historical foundations and the second touches the legend. An intermediate step that can transform almost the Legend and History in the second turn into History romanticized or, if you prefer, legendary. This also applies to the figures of Saint Pantaleon and Saint Denis ...

But who was St. Pantaleon, which was dedicated on the Chapel Hill and just below, and Saint Denis from which it receives the name of the town below?

Let us return to the above, noting that in the "History of the Saints" are some of one and a little of the other, but above all, highlighting how the Western tradition comes from the East and that in the latter the boundaries between history and legend They are somewhat soft and labile. This applies to St. Théodule, St. Pantaleon that St. Denis who, like Julien, Porciero and Besso, Saints are not born and raised very religious in Aosta Valley, but "imported". Even in some cases despite their nickname it was Frenchified. So from this famous "Theban Legion" which, apparently, produced more saints legionnaires arrived all these Saints & Hermits, among which is "saved" certainly the French St. Bernard was born in Menton, who had moved in Valley of Aosta and founder of the Hospices of Piccolo and Gran San Bernardo at the homonymous hills rightly dedicated to him now Centuries. And the "Grecian" St. Pantaleon revered throughout most of Europe and in the Valley is protector of Commons of Chamois and Valpelline and chapels which are scattered throughout (Gimillan, Erèsaz at Emarese and the hill of the same name). Pantaleone, or even Pantaleo and greek Panteleimon was born in Nicomedia in 275 AD and died here on July 27 305), was an ancient greek holy. Christian and medical staff of "Caesar" Galerius was martyred during the persecution of Diocletian. It is considered, with the Saints Cosmas and Damian, as the patron saint of doctors and midwives, and is revered as such by many Christian Churches some throughout Europe. Pantaleon is venerated throughout the East, where it is called "The Great Martyr" and is invoked as a miracle worker. On Mount Athos, Greece, the monastery of the Russian community, one of the twenty still exist today on the holy mountain, is dedicated to him (Monastery of St. Panteleimon). His saint's relics are at the Basilica of Saint-Denis in Paris and the other in the City of Porto in Portugal. Likewise for Saint Denis de Lutèce (in Paris of III° Century and always in Italy of the same III°), who it was the first Bishop of Paris, originally from the neighboring autonomous Municipality of St. Denis and venerated as a Saint by the Catholic Church and then the first Bishop of the French capital. The Catholic Church venerates him as a Holy, Martyr and Patron Saint of Paris and the Seine-Saint-Denis. Was martyred around 250 or 270 AD and was buried on the spot where they were first they erected the Basilica and then, on the same, or the Abbey or "Abbuy" of Saint Denis. The small religious building, with its bell tower is visible from several municipalities in the Aosta Valley. Here then we have to document a "more modern connection" between religious worship between between Catholic France and neighboring "Pious" Valley of Aosta without having recourse, as for St. Evence, St. Théodule, St. Julien, San Besso and San Porciero, the usual Legend of the Saints "imported" from the Theban Legion.

Perché Saint'Evence? La leggenda di Sant'Evanzio, come quella di San Besso a Cogne, oltre il Colle della Arietta, e di San Porciero a Champorcher, viene ricondotta alla famosa "Legio Tebea" andata completamente distrutta. Evanzio od Evence era un Eremita ritiratosi, dopo la disfatta della medesima, su questo promontorio. Un promontorio che, almeno visualmente, lo ricollegava ai suoi due fratelli Julien, fuggito sul monte sopra Fénis e Pantaleon al Corno del Teodulo. Ma transitando dalla Leggenda alla Storia dobbiamo osservare come la Cappella di Saint-Pantaleon, che sorgeva sui resti d'una ben più antica cappella del XIII° Secolo sempre dedicata allo stesso santo e che aveva funzioni d'oratorio, appena al di sotto dell'omonimo colle (1650 m, 1645 m), venga fatta risalire al 1845/6 ed inaugurata dal Vescovo Jourdain nell'anno successivo. La Cappella, quasi al termine Meridionale del divisorio tra i Comuni di St. Denis/Torgnon-Châtillon, venne inaugurata nel 1727 e ristrutturata il 30 giugno 1996 è dedicata a St. Evence, come abbiamo già detto, reduce della Legione Tebea, che su questo promontorio costruì un primigenio povero eremo. Risulta che Sant’Evanzio avrebbe fatto da collegamento tra i due fratelli Giuliano o Julien e Teodulo o Théodule, abitando l’altura sita all’imbocco della Valtournenche e al di sopra di Châtillon (Sud) e St. Denis (Ovest). Da questa infatti la vista raggiunge sia la punta del Corno del Teodulo (3468 m) verso Nordest e subito dopo il Cervino, sia l’Eremitaggio di San Giuliano che trovasi verso Sud-sudovest sopra Fénis ed ormai oltre la Dora Baltea. Mentre per il secondo esistono ancora le tracce remote d'una grotta sopra la quale é stata edificata una cappella, per quanto concerne il primo non risultano segnali d'esistenza di eremitaggi o cappelle e per di più il luogo non é visibile da questo promontorio, poiché occultato dalle Cime Bianche. Da St. Evence, che leggenda racconta sia stato fondato da St. Evence fratello di St. Théodule Vescovo di Sion, si posson osservare una quarantina di campanili sparsi su sulla media Val d'Aosta. Ma la Leggenda rimane sempre e sol leggenda, come la Storia storia; a volte la prima ha fondamenta storiche e la seconda sfiora leggenda. Un intermedio che può cambiare la Leggenda quasi in Storia e la seconda tramutarsi in Storia romanzata o, se preferite, leggendaria. Vale pur per le figure di St. Pantaleon e St. Denis ...
Ma chi eran St. Pantaleon, al quale é stato dedicato il Colle nonché la Cappella appena sotto, e St. Denis dal quale riceve il nome il Comune sottostante?

Ritorniamo a quanto appena esposto, facendo osservare che nella "Storia dei Santi" troviamo un pò dell'uno ed un poco dell'altro ma, soprattutto, evidenziando come la tradizione Occidentale derivi da quella Orientale e che in quest'ultima i confini tra storia e leggenda sono alquanto labili e sfumati. Questo vale sia per St. Théodule, St. Pantaleon che per St. Denis che, come Julien, Porciero e Besso, non sono Santi nati e cresciuti nella religiosissima Valle di Aosta, bensì "importati". Anche in qualche caso nonostante il loro appellativo sia stato francesizzato. Così da questa famosa "Legione Tebea" che, a quanto pare, produceva più Santi che Legionari sono arrivati tutti questi Santi & Eremiti, tra i quali si "salvano" sicuramente il francese San Bernardo nato a Mentone e trasferitosi in Valle di Aosta, nonché fondatore degli Ospizi del Piccolo e del Gran San Bernardo presso gli omonimi colli a lui giustamente ormai da Secoli dedicati. Nonché il "greco" St. Pantaleon venerato in quasi tutt'Europa e che in Valle risulta protettore dei Comuni di Chamois e Valpelline e del quale si trovano cappelle sparse su tutto il territorio (Gimillan, Erèsaz presso Emarese ed al colle omonimo). Pantaleone, o anche Pantaleo ed in greco Panteleimon é nato a Nicomedia nel 275 dopo Cristo e qui morto il 27 luglio 305), è stato un antico santo greco. Cristiano e medico personale del "Cesare" Galerio subì il martirio durante le persecuzioni di Diocleziano. Viene considerato, con i Santi Cosma e Damiano, come Santo Patrono dei medici e delle ostetriche, e risulta venerato come tale da numerose Chiese Cristiane un pò in tutta Europa. Pantaleone è oggetto di venerazione in tutto l'Oriente, dove viene chiamato "il grande Martire" ed è invocato come taumaturgo. Sul Monte Athos, Grecia, il monastero della comunità russa, uno dei venti ancora oggi esistenti sulla santa montagna, è a lui dedicato (Monastero di San Panteleimon). Le sue sante reliquie si trovano nella Basilica di Saint-Denis a Parigi e altre nella Città di Porto in Portogallo. Così pure per Saint Denis de Lutèce (Italia, III° Secolo – Parigi, III° Secolo), che é stato il primo Vescovo di Parigi, originario dal limitrofo Comune di St. Denis e venerato come Santo dalla Chiesa Cattolica e quindi primo Vescovo della capitale della Francia. La Chiesa Cattolica lo venera qual Santo, Martire e Patrono di Parigi e della Seine-Saint-Denis. Morì martire verso il 250 o il 270 dopo Cristo e sul luogo dove fu sepolto furono erette dapprima la Basilica e poi, sopra la stessa, l'Abbazia o "Abbuy" di Saint Denis. Il piccolo edificio religioso, con il suo campanile, è visibile da diversi comuni della Valle di Aosta. Qui dobbiamo documentare quindi una "più moderna connection" tra il culto religioso tra la Cattolica Francia e la viciniora e "Pia" Valle d'Aosta senza dovere ricorrere, come per St. Evence, St. Théodule, St. Julien, San Besso e San Porciero, alla solita Leggenda dei Santi "importati" dalla Legione Tebea

But these Saints were also Mountaineers or Hikers?

Even Hikers or Mountaineers? We will see in a next Article, which will give us the Surprises and some funny and unexpected Answers. But then the Mountaineering is not born with the Swiss naturalist Horace Bénédict De Saussure (* 1740, + 1799) and his famous and renowned "Voyages dans les Alpes", edited in four volumes between 1779 and 1796 in Neuchâtel, Switzerland? It does not think so, because "our Saints, Blessed and Hermits" for many centuries "scoured" the Alps far and wide, crossing hills and mountains and visiting inaccessible places or only unknown. San Teodulo of Sion or Theodore of Octodurum, who went looking and found the ancient tombs of the Theban Legion, it seems who resided at the hill of the same name (3316m), included between Matterhorn Breithorn and where today is located the Refuge Teodulo since the Century III°, not for to make the ascent of one or the other. Maybe for to "get lost" in a deep Meditation together with the same or rescue some hapless Pilgrim ...

Anche Escursionisti od Alpinisti? Lo vederemo in un successivo Articolo, che ci darà delle Sorprese e delle simpatiche nonché impreviste Risposte. Ma allora l'Alpinismo non é nato con il Naturalista svizzero Horace Bénédict De Saussure(* 1740, + 1799) ed il suo "Voyages dans les Alpes", editato in quattro volumi tra il 1779 e il 1796 a Neuchâtel, in Svizzera? Sembra proprio di no, poiché i "nostri Santi, Beati ed Eremiti" già da molti secoli "battevan" l'Alpi in lungo ed in largo, scavalcando colli e montagne, visitando luoghi impervi e sconosciuti. E San Teodulo di Sion o Teodoro di Octodurum, che andò alla ricerca e scoprì le antiche tombe della Legione Tebea, sembra che soggiornasse all'omonimo colle (3316 m), tra Cervino e Breithorn dove oggi é collocato il Rifugio Teodulo, già dal Secolo III°, e non per effettuar la scalata dell'un o dell'altro.
Magari solo per "perdersi" in una profonda Meditazione insieme alle stesse o soccorrere qualche sventurato Pellegrino ...



No comments posted yet.

The remains of Theban Legion in the Mountains "Valdôtaines"

15 Images 0 Comments