Welcome to SP!  -
Aiguille J.J. Croux report of a trip "lightning"
Trip Report
Contribute 
 
Geography
 

Aiguille J.J. Croux report of a trip "lightning"

 
Aiguille J.J. Croux report of a trip "lightning"

Page Type: Trip Report

Location: Aosta Valley Mont Blanc-Courmayeur, Italy, Europe

Lat/Lon: 45.81067°N / 6.88476°E

Object Title: Aiguille J.J. Croux report of a trip "lightning"

Date Climbed/Hiked: Nov 30, 0000

Season: Summer, Fall

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Nov 23, 2014 / Nov 25, 2014

Object ID: 922892

Hits: 1155 

Page Score: 77.48%  - 8 Votes 

Vote: Log in to vote

 

David & Goliath OVERVIEW



Who knows why we love to talk always and only of our Victories and never of Defeats in Life? Incidentally is more spontaneous tell a success rather than of a waiver or a défaite. So for all. Soccer Coach said a friend of mine who is a good thing enhance the wins and minimize losses. When he lost a race no longer spoke of this, as if it had never existed. Was already belonging to the past and you know, says an Italian proverb, that "water is passed ago not more turn the mill". Sometimes these defaillances are due to chance, to external factors that do not depend on our will. on other occasions, instead we are the ones creating them committing errors of assessment. This was our problem: Mont Blanc is great, but its satellites are small dwarfs that we can "eat" in a moment. When and how we want to ... When and how we want to satisfy the mania of Omnipotence and Grandeur that exists in the human soul and to exalt and flaunt her stupidity, often uncontrollable ... In fact there was a reason: used to climb all the Summits of Mont Blanc (Crossings Aiguilles des Glaciers, Mont Dolent by Grapillon Ridge, Aiguille de Leschaux after recent snowfall, Aiguille de Talèfre under the storm etc.) And the Gran Paradiso and other (Traverses of the Apostles from Gran San Pietro, Becca Montandayné, crossings Great Arolla Monveso of Forzo and Summits Valeille, Scatiglion Ondezana, the Grande Rousse and Becca di Suessa/Grande Sassière etc.), as well as various walls (North Emilius, Becca di Monciair, Becca di Nona and Luseney, Northwest Punte Patrì etc.), used to, I said, to do everything in one day starting by home from Pian Felinaz (AO) at 6:00 to return in the evening was for us to become what "normal" to continue with this way of doing. Then, would you consider a good coffee in the morning at your house, before leaving for war!
But the surprise is always just around the corner!!




"This small mountain I devour!"

by Antonio


Chissà perché amiam parlare sempre e solo delle nostre Vittorie e mai delle Sconfitte nella Vita? Daltronde vien più spontaneo raccontar d'un successo ottenuto piuttosto che non d'una rinuncia o d'una défaite. Così per tutti. Diceva un Allenatore di Calcio mio amico che é cosa buona esaltare le vittorie e minimizzare le sconfitte. Quando perdeva una gara non ne parlava più, come non fosse mai esistita. Era già appartenente al Passato e si sà, dice un'adagio italiano, che "l'acqua passata non fà più mulino". A volte queste défaillançes son dovute al caso, a fattori esterni che non dipendono dalla nostra volontà. in altre occasioni invece siam proprio noi a crearle commettendo degli errori di valutazione. Questo fù il nostro problema: il Monte Bianco é grande, ma i suoi satelliti son dei nanerottoli che possiamo "divorare" in un attimo. Quando e come vogliamo, per soddisfare la mania di Onnipotenza e di Grandeur che esiste nell'animo umano e per esaltare ed ostentare la sua stupidità, spesso incontenibile ... In effetti una ragione esisteva: abituati a salire tutte le Sommità del Monte Bianco (Traversata delle Aiguilles des Glaciers, Mont Dolent per la Cresta del Grapillon, Aiguille de Leschaux dopo recente nevicata, Aiguille de Talèfre sotto al temporale ecc.) e del Gran Paradiso ed altrove (Traversata degli Apostoli, Becca di Montandayné, traversate Grande Arolla Monveso di Forzo e Valeille, Scatiglion Ondezana, della Grande Rousse e della Becca di Suessa/Grande sassière ecc.), nonché varie pareti (Nord dell'Emilius, della Becca di Nona, Becca di Monciair e della Luseney, Nordovest delle Patrì ecc.), abituati, dicevo, a far tutto in un'unico giorno partendo da casa da Pian Felinaz (Aosta) alle ore 6.00 per rientrar in serata era per noi diventata cosa "normale" proseguire con questo modo di fare. E, poi, vuoi mettere un buon caffé al mattino a casa tua, prima di partir pronti "a guerreggiar"!
Ma la sorpresina é sempre dietro all'angolo!!




"Sta montagna me la divoro!"

by Gabriele Roth

How much time can last a Journey: years, months, weeks, or one day?




But how much time can last a Journey: various years, numerous months, different weeks, or simply one day? Let's try to make a working hypothesis and two fingers of accounts. Year old? Hum, we are not Marco Polo and then times have changed and the caravans crossing to Asia not there are more. At most, for the more adventurous, today we start with backpack and bicycle. Months? We are not Roald Engelbregt Gravning Amundsen and even Robert Peary, Umberto Nobile, Aleksandr Kuznetsov, we do not even Nautilus (SSN-571) and the Inuits Etukishook, Ahwelah, Ootah, Seegloo, Egingway, Ooqueah are all retired. Then airships did not more build and nuclear submarines were banned from Greenpeace. Then we go in the opposite direction as Sir Ernest Shackleton and Robert Falcon Scott? Um, even in these parts is freezing cold. No, we go to sea with Christopher Columbus, Amerigo Vespucci, Ferdinando Magellano, Vasco de Gama, Abel Tasman, James Cook or go down quietly for lakes and rivers as did the Doctor David Livingstone). No, this were all people that wives could not stand more and sent them for a walk with small tour for few year. It is not our case. Then we go to the Himalayas for a few months along with Reinhold Messner and my Friend Ozein (Aymavilles) Abele Blanc. But these two have done together over 30 Eight thousand and I think that there are not more 8000 available. Like the sun in winter: there is little, because all summer all People take a little, so there is nothing for the winter. Great scientific explanation! We limit ourselves to a week. Bravo, and work? Yeah ... then you go on Saturday and Sunday. So everybody knows that we are "Men of Mountain of the Sunday". Twice bravo, so "slag" ourselves even more. Nothing, will be for Sunday morning, incognito. People wait on Sunday to sleep an hour longer, and so we do not see anyone. Brilliant! Then, we are like Julius: "Veni, vidi et vict" (I came, I saw and I won). In a moment he goes up and down in a return. We are not verbose. We're not there three days to spend money in shelters: soon, and well done, the "Trip Report"!




Ma quanto tempo può durar un viaggio: molteplici anni, numerosi mesi, diverse settimane, o semplicemente 'na giornata? Proviam fare un'ipotesi di lavoro e due ditina di conti. Anni? Hum, non siamo Marco Polo e poi i tempi son cambiati e le carovane che attraversan verso l'Asia non ci son più. Al massimo, per i più Avventurosi, oggi si parte con zaino e bicicletta. Mesi? Non siamo Roald Engelbregt Gravning Amundsen e nemmeno Robert Edwin Peary, Umberto Nobile, Aleksandr Kuznetsov, non abbiam neppur il Nautilus (SSN-571) e gli Inuits Etukishook, Ahwelah, Ootah, Seegloo, Egingway, Ooqueah son tutti stati prepensionati. Poi dirigibili non se ne costruiscon più ed i sottomarini atomici son stati messi al bando da Greenpeace. Allora andiamo in direzione opposta come Ernest Henry Shackleton e Robert Falcon Scott? Uhm, anche da queste parti fa un freddo cane. Niente, andiam per mare con Cristoforo Colombo, Amerigo Vespucci, Ferdinando Magellano, Vasco de Gama, Abel Tasman, James Cook o scendiamo tranquillamente pei laghi e fiumi com'ha fatto il Dottor David Livingstone). No. questa era tutta gente che le mogli non li sopportavan più e li mandavan a spasso a farsi un giro per qualche annetto. Non é il caso nostro. Allora andiamo in Himalaya per qualche mese insieme a Reinhold Messner ed al mio Amico Abele Blanc di Ozein (Aymavilles). Ma questi due insieme han fatto più di 30 Ottomila e credo che non ce ne sian più di disponibili. Come il sole d'inverno: ce n'é poco, perché d'estate tutti si prendon un pò di sole, così non ne riman più per l'inverno. Grande spiegazione scientifica! Limitiamoci ad una settimana. Bravo, ed il lavoro? Già ... allor si va Sabato e Domenica. Tanto lo sanno tutti che siam "Alpinisti della Domenica". Due volte bravo, così ci "sputtaniamo" ancor più. Niente si va Domenica mattino, in incognito. La gente spetta la Domenica per dormir un'ora di più e così non ci vede nessuno. Geniale! Poi, noi siam come Giulio: "Veni, vidi et vici". In un attimo si va sù ed in uno si vien giù. Non siam logorroici. Non stiam lì tre giorni a spender soldi pei rifugi: bel che fatto, il "Trip Report"!



When the Mountains seemed "small" I did not love sleep in Refuges




So that Sunday morning of September 28th, 1986 the "Gigi" Gadin and "Peppino" Lamazzi dawn were under my house. The "Gigi" (which is a Professor of Technology and character typically, as he says, "Swiss") is a little concerned about the late hour, partly because the "Peppino" (which is a much more fatalistic Modenese Pavullo) had arrived late and he took it with comfortable. We have yet to decide what to do and where. As usual, the discussion is wide and "wandering" throughout the Valley of Aosta but then, being that we are very practical and have good sense of analysis, we arrive at the conclusion with broad agreement of the parties, denoting great ability to know promptly make a decision. Discarding a dozen other cases we arrive at a clear and unanimous conclusion (Ah, if these politicians Italians were able to imitate us!).

Phase One: from 6.30 to 9.45, more or less, we have to decide where to go yet. Being a group very "democratic", things go a little to long. Then the final decision and unequivocal: we go to Courmayeur to make the Aiguille Jean Joseph Croux (3257m), that "Gigi" has already climbed above the Refuge Monzino and under the Southern Slope of Mont Blanc. Alea iacta est. The die is suddenly or, better and better, the dice is cast! We start at 10.00. From home! The trip to Courmayeur in the summer is always an adventure (it had not yet been built Motorway Morgex), but, being now over the summer, and then we get to Courmayeur enough "soon" and towards the Veny Valley along the Regional Road up to La Visaille (about 1675 metres), where the path to the Shelter Monzino, built a little below the old glorious Hut Cesare Gamba at Châtelet (2663m).

Phase Two: the ascent to Monzino is routine; only to be made against the time, for the hour is late and, being the end of September, there remain many hours of light. We climb faster and surpass even the Shelter. There, in front, stands the rocky cliff Croux. We stopped to eat, and when we finish, increased 14.00, almost 15.00. But there is plenty of time to climb to the Summit. We have not miscalculated. But "Peppino" there second thoughts and says that, since the "race" we have done so far, for him and just sits quiet with no envy for us that we continue. We who, sweating like beasts and looking downstairs, we begin to have a little bit of envy against him. And some small change of mind exists, but then, with the action, everything passes and are set aside bad thoughts. Incidentally we came here to do the Croux and not to us the doctor prescribed.




Step Three: After a crossing on a track toward the Northeast, which progressively thins, begin to climb on the rocks of the Face West-southwest or "Via of the plaques". Are not difficult but rather covered with grassy ledges, alternating with small walls of easy climbing. We try to stay on the edge of the right and we reach a first notch, on the left with a slope of broken rock. Staying on the edge of the ridge, with climbing more difficult to get a second where, facing to the right, it turns out the abyss of Southeast Wall, which drops vertically for about 200 metres. Staying on the edge or just on its left, reach, through steep rocks and quite difficult, a second notch, shaped like a narrow window on the wall, which by this point we see fall on the underlying and upset by seracs almost evenly aligned, Glacier Freney. Suddenly next steeper and challenging leads us under a large reddish plaque. But in the mean time goes decidedly worse and large fog envelop more and more of the mountains, hiding even the rest of the way. By now it is very late and a subtle darkness is covering everything. Consult the clock. we can also reach the Top, now very close, but then the descent? Perhaps through the Northwest Ridge, easier, over the Col Innominata (3205m) that the "Gigi" has already done that but, at this time I did not know. We have no batteries and there is not even the moon. Better return. So we do not regret it. We have just enough time to get to the Monzino. Then there is total darkness and not even "Peppino", which has seen fit to go down.

Step Four: the descent is tragic, almost comic. The dark, while the mists envelop more and more the mountain, surprised us before the shelter and each step must be well controlled. We descend along the same route, and I assure you that we do not do with your hands in your pocket; then down the stony occasionally stumbling over a pebble. We pass the Monzino that now is dark and deep engagement a close fight with my lighter: the tenuous flame will drive us all the way down to La Visaille. The research of the chains that serve the rock wall is not easy but, after several attempts, we find us descending through the same, now washed by a trickle of water and humidity of the night that progresses. In complete darkness, because here you can not use it even lighter. Only between a section and the next in order to identify where the chain is placed below. Nevertheless in the end we come to the more simple part, where the path goes down. But we do not see the same except for a few meters, only to lose immediately after the path. When we get to the rock bands further down we lose him completely, as we hear on our left is the final part of the seracs of the glacier Frêney creak and then break themselves not far from us. We try to stay to the right, going down even with the less noble parts between smooth and polished plates mixed with bushes. It is not at all pleasant, but we make a virtue of necessity. Somehow we get down at the Dora Veny, where do I find that the plastic of my lighter is completely melted and my thumb with her. The "Gigi" does not speak more ill of smokers, while the "Pepin" rightly tired of waiting, is gone. When we get home to tell us that he had found at Visaille a Mountain Guide Courmayeur staring upward with binoculars: "I saw two lunatics who were leaving at 15.00 to go to Croux. At the end of September! In fact there were three, but one stopped and I have not seen him. For if it was you?". The "Pepin" replied: "No, no, do not know them really". Go to trust the Friends!.




Così quella Domenica mattina del 28 Settembre 1986 il "Gigi" Gadin ed il "Peppino" Lamazzi erano all'alba sotto casa. Il "Gigi" (che è un Professore di Tecnica e dal carattere tipicamente, come dice lui, "Svizzero") é un pò preoccupato per l'ora tarda, anche perchè il "Peppino" (che é un Modenese di Pavullo molto più fatalista) era arrivato in ritardo e se la prendeva con comodo. Dobbiamo ancor decidere cosa far e dove. Come al solito, la discussione é ampia e "vaghiamo" per tutta la Valle di Aosta ma poi, essendo che siamo persone molto pratiche e dotate di ottimo senso di analisi, si giunge a conclusione con ampio consenso delle parti, denotando grandi capacità di sapere tempestivamente prendere una decisione. Scartando una dozzina di altre ipotesi arriviamo ad una conclusione univoca (Ah, se questi politici italiani fossero capaci di imitarci!).

Fase Uno: dalle ore 6.30 alle ore 9.45, più o meno, dobbiamo decidere ancora dove andare. Essendo un gruppo molto "democratico", le cose van un pò per le lunghe. Poi la decisione finale ed inequivocabile: andiamo a Courmayeur per fare l'Aiguille Jean Joseph Croux (3257 m), che il "Gigi" ha già scalato, sopra il Rifugio Monzino e sotto il Versante Meridionale del Monte Bianco. Alea iacta est.Il dado é tratto e si parte alle ore 10.00. Da casa! Il viaggio per Courmayeur in estate é sempre un'avventura (ancora non era stata costruita l'Autostrada fino a Morgex), ma, essendo ormai finita la stagione estiva, arriviamo a Courmayeur abbastanza "presto" e poi lungo la Strada Regionale della Valle Veny saliam fino a La Visaille (1675 metri circa), oove parte il sentiero per il Rifugio Monzino, costruito un pò sotto della gloriosa Capanna Cesare Gamba al Châtelet (2663 m).

Fase Due: la salita al Rifugio Monzino é di routine; soltanto che dev'esser fatta contro il tempo, poiché l'ora é tarda ed, essendo la fin di Settembre, non rimangono molte ore di luce. Saliamo veloci e sorpassiamo anche il Rifugio Monzino. Lì, di fronte, s'innalza lo scoglio roccioso dell'Aiguille Croux. Ci fermiamo a mangiare sulla morena sottostante e, quando terminiamo, sono passate le ore 14.00, anzi son quasi belle che le tre. Ma esiste tutto il tempo per salire alla Sommità. Non abbiam sbagliato i calcoli. Però "Peppino" ci ripensa e dice che, visto la "corsa" che abbiamo fatto fin qui, per lui basta ed avanza sedendosi tranquillo e beato al sole, senza nessun invidia per noi che continuiamo. Siamo noi che, sudando come bestie e guardando dabbasso, incominciamo ad avere un poco di invidia nei suoi confronti, là bello sdraiato al dolce sol del far niente. E qualche piccolo ripensamento c'é, ma poi, con l'azione, tutto passa e vengono accantonati i cattivi pensieri. Daltronde siam venuti qui per far la Croux e non ce l'ha prescritto il dottore.




Fase Tre: dopo una traversata su d'una traccia verso Nordest, che progressivamente si assottiglia, iniziamo a salire sulle rocce del Versante Ovest-sudovest o "Via delle Placche". Non sono difficili ma piuttosto ricoperte da cengie erbose, che si alternano a muretti di facile scalata. Cerchiamo di restare sullo spigolo di destra e raggiungiamo un primo intaglio, con sulla sinistra un pendio di rocce rotte. Restando sul filo di cresta, con arrampicata più difficile arriviamo ad un secondo dove, affacciandosi a destra, si scopre l'abisso della Parete Sudest, che scende verticale per circa 200 metri. Restando sullo spigolo od appena sulla sua sinistra, raggiungiamo, tramite rocce ripide ed abbastanza difficili, un secondo intaglio, a forma di stretta finestra sulla parete, che da questo punto si vede precipitare sul sottostante, e sconvolto dai seracchi quasi regolarmente allineati, Glacier du Freney. Un tratto successivo più ripido ed impegnativo ci porta sotto una grande placca rossiccia. Ma nel frattempo il tempo va decisamente peggiorando ed ampi banchi di nebbia avvolgono sempre di più la montagna, occultando anche il prosieguo della via. Ormai é molto tardi ed una sottile oscurità sta ricoprendo ogni cosa. Consultiamo l'orologio. Possiamo anche raggiungere la Sommità, ormai molto vicina, ma poi la discesa? Magari tramite la Cresta Nordovest, più facile, sopra il colle dell'Innominata (3205 m) che il "Gigi" ha già fatto ma che, in questo momento io non lo sapevo. Non abbiamo pile e non c'é neppure la luna. Meglio tornare. Così facciamo e non ce ne pentiremo. Abbiamo giusto il tempo per arrivare al Rifugio Monzino. Poi é buio totale e non troviamo nemmeno il "Peppino", che ha pensato bene di scendere a valle.

Fase Quattro: la discesa é tragica, quasi comica. Il buio, mentre le nebbie avvolgono sempre di più la montagna, ci sorprende prima del rifugio ed ogni passo deve essere ben controllato. Scendiamo lungo la via di salita e vi assicuro che non lo facciamo con le mani in tasca; poi giù per la pietraia ogni tanto inciampando in qualche sassetto. Passiamo accanto al Monzino che ormai é buio profondo ed ingaggio una lotta serrata col mio accendino: quella tenue fiammella ci guiderà fino in fondo, giù a La Visaille. La ricerca delle catene che servono il salto roccioso non é semplice ma, dopo vari tentativi, le troviamo calandoci tramite le stesse, ormai bagnate da un rivoletto d'acqua e dall'umidità della notte avanzante. Al buio completo, perché qui non si può usare neppure l'accendino. Soltanto tra un tratto ed il successivo per individuare dove é collocata la catena sottostante. Tuttavia alla fine arriviamo al settore più semplice, dove scende il sentiero. Ma non lo vediamo se non per pochi metri, per poi perdere lo stesso continuamente. Quando arriviamo alle fasce rocciose più in basso lo perdiamo completamente, mentre sentiamo sulla nostra sinistra la parte finale dei seracchi del Ghiacciaio di Frêney scricchiolare per poi infrangersi a poca distanza da noi. Cerchiamo di restare più a destra, scendendo anche con le parti meno nobili tra lisce e levigate placche frammiste a cespugli. Non é per nulla piacevole, ma facciamo di necessità virtù. In qualche maniera arriviam in fondo presso la Dora di Veny, dove debbo constatar che la plastica del mio accendino è completamente fusa ed il mio dito pollice con lei. Il "Gigi" non parla più male dei fumatori, mentre il "Pepin", giustamente stufo d'aspettar, se n'é di già andato.
Quando arriveremo a casa ci racconterà che alla Visaille aveva trovato una Guida di Courmayeur che binocolava in sù bofonchiando: "Ho visto due matti che partivano alle 15.00 per andar alla Croux. A fin Settembre! Anzi eran tre, ma uno s'é fermato e non l'ho più visto. Per caso era lei?". Il "Pepin" di rimando: "No, no, non li conosco proprio".
Vai a fidarti degli amici!




"Dizzying Aig. Croux and upset Glacier du Frêney"

by om

Images

 View from SW of the Peutérey RidgeMont Blanc de Courmayeur - S sideNorthern RANGES Summary Great Péuterey Arête & Miage LochMont Blanc from Val VenyBrouillard, Innominata and Peutérey  ridges <br>seen  from Arp Vieille sup. alpageMonzino Hut from the opposite side of val Veny<B>BLANCHE, GUGLIELMINA, ANGLAISES, NOIRE</B> and <B>CROUX</B>
a destra l\'Aiguille Croux mt....in primo piano l\'Aiguille...MOUNT BLANC again Blanche & Noire of Péuterey 2000Aig. J.J. Croux So you can not escape Your Destiny 1967Aiguille J.J. Croux Youth Dreams with open Eyes 1967<font color=green><b>Aiguille Blanche</font>,<font color=green> Aiguille  Jean Joseph Croux</font>, <font color=green>Guglielmina Peak</font> and <font color=green>Noire</font> after <font color=blue>snowfall</font></b>MOUNT BLANC Aig.s Blanche, Guglielmina & Noire 2000
[ View Gallery - 3 More Images ]



Comments

No comments posted yet.