Welcome to SP!  -
Folk ... & Curtain IV° (Personalities & Characters)
Fact Sheet
Contribute 
 
Geography

Folk ... & Curtain IV° (Personalities & Characters)

 
Folk ... & Curtain IV° (Personalities & Characters)

Page Type: Fact Sheet

Location: Aosta Valley, Italy, Europe

Object Title: Folk ... & Curtain IV° (Personalities & Characters)

County: Aosta

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: May 24, 2013 / Sep 7, 2014

Object ID: 850582

Hits: 2764 

Page Score: 80.49%  - 12 Votes 

Vote: Log in to vote

 

TARTARIN of TARASCON, also called "Crevassino", by Alphonse DAUDET

^ The Great "Crevassino"

* * * * * * * * * * * * * * * *





Marco Cossard was born in Aosta Hospital June 23, 1949, I June 26 of that year and same month. His mom and my roommates were two of us and took us on the same pillow. Then we lost, but we found ourselves in middle school and at the end we started to go to the mountains with a beautiful trip to the Mount Fallère (3061 m) starting from the Priory of Saint Orso in Aosta, return, together with Massimo Centelleghe, classmate and future Engineer. We got lost and found ourselves again, irony of the Destiny, at the end of June of 1971, after I had just got married. I met Joseph Lamazzi, his companion to evening courses for surveyors, and other with his two friends, Ezio Trussoni and Franco Lenzi, we went for the Becca of Nona (3142 m) and the Great Tour of Emilius, crossing the Head (3140 m) and Blantsette Pass. Then, bivouacked at Ménabreaz Shelter and all'Emilius risen, they went to the Punta Tersiva while I abandoned them to Arbolle Hill to return alone. They went on with all the pot, by Marcus, to go to the Alp of Ervillères, where bivouacked, not before he made ​​a great "spaghetti" night. But then Marco was not yet "Crevassino"!
Our paths diverged, partly because I did a type of climbing that Mark was not interested. Then again took to hanging out with a hike always treble Group of Mont Fallère,

MOUNT FALLERE and surroundings AREA, 1965, 1972, 1973 and 1974.

Mount Fallère from West View, by  Crevassino  1972
M. Fallére Group Entire Traverse September 1974
<font color =gren><b>Youthful Mount Fallère</font> <i>(3061m)</i></b> 1965
Mont Vertosan in an Old Summer
M. Vertosan with its projection to a smoky Fallère 1972


place of preference for Marco, and the same from the Northern Slope, crossing Cordella Head-Mounts Flassin and Vertosan and the Punta Felita-Head of Fra-Head Serena-Ridge Corléans. The first two with Lamazzi, called "Peppino, the last he and I and we are only at the end of summer 1972. Fine good hiking trips. Resume in a series of walks, this time more ongoing, early spring next starting, for a change, from Fallère and after to follow Méabé Mount-Longhede Summit-Becca of Aver-Cross of Fana Cornet Point, from which it adds Franco Lenzi, a friend of theirs from Genoa "Belin, Belin ( = "Genoesed" exclamation!) today do not go at all. I must go to sleep as soon as possible on a Saturday night!" To discover then on top of that you have carried in your backpack a nice slab of cement and concrete 50 cm x 30 cm, those that form the edge of the drainage of roads. We, accustomed to the jokes of this (always Mark) quirky subject, we are used to patrol along the way, at least a couple of times on our lot, because some stones has also put us in the past! So Mount Morion crossing of the Coast Champorcher-Becca of Viou-crossing of the two Percià Tops and great crossing, starting from Les Druges High in the Valley of Saint Marcel (Idea made ​​Mark, real mountain mule and desert camel and lover of these marathons, so as to nip the long mates!), which sees us go up to homonymous hill, climb over the two bits of Laval, Punta Gianni Vert up to Tessonet Hill, renounce Tersiva's Point, return back, the same via, to cross the Mont Vallonet and below the small hill, climb the Leppe Point, down to Slope Northwest to his Collar and Point of Lussert or Quota 3221 meters down its Wall South to the Lower Lake Lussert, go back to the Middle and the Upper, pass the Col des Laures entering the homonymous valley, cross under the East Wall of the Eastern Top of the Red Summits of Emilius reaching the Arbolle Hill and entering the valley of the fourth day, go back to Pass of the Three Capuchins and to the Emilius, but the dark (we pile) and, perhaps even more , fatigue stop us in the middle ridge and descend to camp "rich" of a single blanket beside lake ice. A starry night and cold, with shivering and dawn understand why: we no longer find that Marco slipped a few meters lower, dragging in its "fall" the only pool, blissfully sleeping like a log, all the way down takes his insults and curses from the well-deserved "Peppino" and by Osw, which does not give answers, grinning under the mustache! Everything to make you understand who is our friend, who later became "Crevassino" when "open" phase mountaineering ...
We decide to become a mountain climber Marco: rope, ice ax, crampons, gaiters. But nothing duvet, because it has a loden jacket in gray, which we call a wolf skin, which is by him considered somewhat better than the more beautiful anorak existing. As a general test, let's go on a glacier. Enough with the snowfields! So with the Franco and a certain R. Ravenna (the "Peppino" stay at home, perhaps because he wants to see more clearly) go to Valgrisenche to climb the Head Rutor, all in one day. From the Rifugio Bonne Scavarda, Glacier of Morion and then directly to the peak for a steep ice slope and exit at South Peak for a rock chimney and a share through a secondary road on the Southeast Slope, perhaps never traveled in the past, rising further to the left than that of August 16th, 1858. Descent to the Rutor Pass along the Via Crest Northeast or Normal on glacier of the same name on the other side in La Thuile Valley and then a new test: direct ascent to the West Face in Château Blanc of broken rocks and unsafe, downhill to the North Ridge homonymous hill and wide and long ride on the Glacier Château Blanc to return to Valgrisenche. Everything works OK and our is doing very well, with some puff in the rocky chimney.
So three days later, ie in August 1973, we go to the Refuge des Cosmiques to the crossing of Mont Blanc de Tacul-Mont Maudit-Mont Blanc.
But this story I will tell it next time ...

TARTARIN alias "CREVASSINO" (= "Little Crevasse") in total ACTION & EFFORT

* * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * *


The NIGHT of the TACUL and the birth of the MYTH of "CREVASSINO"
In the afternoon we go to the Rifugio Torino to that des Cosmiques, then still in the wood before burning, and perched on the rocks of the Midi.
Of course, these French behave much more friendly and courteous when they are "Chez-Nous" en Italie that when you go to visit them at their home or "Chez Eux-" en France. However, they give us a place to sleep, so to speak. The casino in shelters does not exist only in Italy, which is why I have always tried, where possible, to avoid them; better one night in your bed, perhaps with a few hours of sleep but quiet and a good cup of coffee in your home (but when is that the French will learn to do it!), even if it costs a few more hours for the approach, which is going to add up to the route. Here it is not possible because it depends on the Glacier cable car, the seventh wonder of the world, at least so says the advertisement.
So early, paid the bill, we're leaving, almost furtively. The night is cooler than cool and attack the northern side of the Tacul, which go up easily and quickly (it is in danger of falling seracs, a factor for which there have been many casualties, including collective, because the way is frequented by many a groups of roped climbers which often proceed in single file) to reach the large crevasse that divides the glacial face, approximately in its middle part. This year is very broad, deep and overflows the edge of the upper slope and not a little. It was not so in 1970, but here the conditions are always changing often forcing the path to vary from year to year.
It's about 2 and a half hours in the morning when we approach this passage, "Peppino" intertwined hands with boxing gloves and I will ascend above with one foot doing the human pyramid. Then a stretch and a leap and put my ice ax over the top edge, pulling, and "Peppino" pushing, "Ohissa" are over. I get about twenty meters and put my ice axe in a workmanlike manner. Now it's up to them, in the first Marcus which is the center of the rope. I put the rope pull, but as time passes and I'm looking for what you can see, with our poor batteries that have a light depth of no more than 3/4 meters. Suddenly, a sharp blow and the rope goes live like a violin string, but the "pike" does not move. I call. No answer, because the wind is rising and the noises are at the top. But even in the signals are coming from. I try to scream louder. Nothing. Top glittering stars and the bottom of 3000 meters the lights of the Chamonix Valley is the measure of this sidereal abyss. No one came, not even other climbers. Time becomes infinite. Then, I do not know how long after, because now I resigned myself to wait for the dawn, the rope suddenly becomes soft; anxiety increases even more and more. What the co .. or do! These two. After quite a bit of time in the dark is a template: Mark that is rough and flaky salt with small steps in stopping force. When is that I also recover the "Peppino" from which he can not answer the questions, as taken from an irrepressible laugh, can not be stopped. Only then will I know: now is the time when Marco in making human pyramid the procedure has been carried out in the same way. Only that the Mark, being smaller than me, he planted the "pick" not over the edge, but underneath, and when it's time to hoist the body is this is, logically, a parade and he is plunged into the crevasse. Down 8/10 meters and head down into the deepest darkness. The "Peppino", as a good pilot, the first identified and then they drew to shore, or against an inner wall of the crevasse. "He walked around like a top rope and to me it seemed to be a puppeteer," he laughs like crazy! Luckily he had not lost the crampons and ice ax hanging with her little thong to the wrist. "Go . Savage, G .. Tramp", screaming and cursing spinning. Then with great patience "Peppino" has managed to approach the wall of ice and, slowly, to recover making it back to the small terrace. To safety.

* * * * * * * * * * * * * * * *

MONT BLANC de TACUL with North View; by hiltrud.liu.




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


From this moment, Mark became "Crevasse" and then, more affectionately, "Crevassino" or "Little Crevasse" and this nickname, coined by me, it was used by everyone in our company and accepted by him all things considered with pleasure; distinguished him from the others and gave him a certain tone to be true mountaineer and "experienced".
But he was not joking with the nicknames: from "Svaldino" for me, "Peppino" for which denoted always gratitude and reverence to "Mike Burke" for the giant, almost Himalayan Camillo Roberto and the terrible "Cita & Cucù" for the Sandro and the Raffaella, husband and wife. At the bottom was a gay youth and playful and even a little unlucky, that mountain was not looking only fatigue but also fun. With nothing!
How does it end this adventure? We go with the wind increases more and more and then become terrible with gusts of over 80 miles an hour (I would say at night the Radio), "Crevassino" lands on Great Shoulder 4187 meters in a black bag of rubbish, perhaps filled with art for these occurrences, while the two of us reach the Western Summit (4248m), finding shelter interlocking between the red rocks of granite. We are like on a turret and see below "Crevassino" which stands as the Captain Ackab. For each gust responds with a "Brrrrrrr!" infinite and ever more terrifying, but undaunted does not move, wrapped in his jacket loden gray, is just what a wolf skin. So we do test thoroughly, for over a nice quarter of an hour. Then we go down to retrieve the "beast", now half frozen, and try to go from the Tacul Plateau (4035 m) to the Col du Mont Maudit (4345m), but come halfway up the slope, we give up because the weather worsens even more and has accumulated a layer of fresh snow dangerous. Another time, because in the mountains you need to know as well give up. We all go down together to the Col du Midi (3532m) and go to climb to Punta Lachenal (3684m) and the nearby Quotas 3590 and, more to East, 3570 meters having fun with crampons on steep slopes, while "Crevassino" heats up in the sun, which in the meantime has appeared mockingly sweeping away everything, and basks in his jacket sleeping wolf. But this adventure is not never see him again: he's going to buy a nice duvet, stuffed with goose down!!!
Of other drugs, and also hilarious adventures we will tell you in the near future ...

* * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * *


Marco Cossard

é nato all'Ospedale di Aosta il 23 Giugno 1949; io il 26 Giugno dello stesso anno e stesso mese. Sua mamma e la mia erano compagne di stanza ed a noi due ci portavan sullo stesso cuscino. Poi ci perdemmo, ma ci ritrovammo alle scuole medie ed al termine iniziammo ad andare in montagna con una bella gita al Mont Fallère (3061 m) partendo dal Priorato di Sant'Orso in Aosta, andata e ritorno, insieme a Massimo Centelleghe, compagno di classe e futuro Ingegnere. Ci perdemmo nuovamente e ci ritrovammo, ironia del Destino, a fine Giugno del 1971, dopo che io mi ero appena sposato. Conobbi Giuseppe Lamazzi, suo compagno ai Corsi Serali per Geometri, ed isieme ad altri sue due amici, Ezio Trussoni e Franco Lenzi, andammo a fare la Becca di Nona (3142 m) ed il Gran Giro dell'Emilius, attraversando la Testa (3140 m) ed il Col Blantsette. Poi, bivaccato al Ménabreaz e saliti all'Emilius, loro proseguirono per la Punta Tersiva, mentre io li abbandonai al Colle di Arbolle per rientrare da solo. Proseguirono con tutto il pentolame, di Marco, per andare all'Alpe di Ervillères, ove bivaccarono, non prima di aver fatto una grande "spaghettata" serale. Ma allora Marco non era ancora "Crevassino"! Le nostre istrade si divisero, anche perché io facevo un tipo di alpinismo che a lui non interessava. Indi prendemmo nuovamente a frequentarci con una triplice escursione sempre nel Gruppo del Mont Fallère, luogo di preferenza per Marco; lo stesso dal Versante Settentrionale, la traversata Testa Cordella-Mont Flassin-Mont Vertosan e quella Punta Felita-Testa dei Frà-Testa di Serena-Cresta di Corléans. Le prime due con Lamazzi, detto "Peppino", l'ultima lui ed io soli e siamo sul finire dell'estate 1972. Belle gite di buon escursionismo. Si riprende con una serie d'uscite, questa volta maggiormente continuativa, all'inizio della primavera successiva iniziando, tanto per cambiare, dal Fallère quindi a seguire Mont Meabé-Cima di Longhede-Becca d'Aver-Croix de Fana-Punta del Cornet, dalla quale si aggiunge Franco Lenzi, un loro amico proveniente da Genova: "Belin, belin oggi non vado proprio un tubo. Bisogna che vada a dormir prima al sabato sera!" Per scoprire poi in cima d'aver trasportato nello zaino una bella lastra di cemento 50 cm x 30 cm, quelle che formano il bordo di scolo delle strade. Noi, avvezzi agli scherzi di costui (sempre Marco), stravagante soggetto, siamo abituati a perlustrare, strada facendo, almeno un paio di volte il nostro sacco, perché qualche sasso ce l'ha ficcato pur a noi nel recente passato! Quindi Mont Morion e traversata della Costa di Champorcher-Becca di Viou-traversata delle due Punte Percià e grande traversata, partendo da Les Druges Alte nel Vallone di Saint Marcel (Idea di Marco, vero e proprio mulo di montagna e cammello del deserto nonché amante di codeste maratone, tali da stroncar alla lunga i compagni!), che ci vede salire all'omonimo colle, scavalcare le due Punte di Laval, la Punta Gianni Vert fino al Colle Tessonet, rinunciare alla Punta Tersiva, ritornare all'indietro, stessa via, per attraversare al Mont Vallonet ed al sottostante colle, salire la Punta di Leppe, discenderne il suo Versante Nordovest al Colletto ed alla Punta di Lussert o Quota 3221 metri, scendere la sua Parete Sud verso il Lago Inferiore di Lussert, risalire a quello Medio ed a quello Superiore, superare il Colle des Laures entrando nell'omonimo vallone, attraversare sotto la Parete Est della Punta Orientale delle Punte Rosse dell'Emilius raggiungendo il Colle d'Arbolle ed entrando nel quarto vallone della giornata, risalire al Passo dei Tre Cappuccini indirizzandoci all'Emilius; ma il buio (non abbiamo pile) e, forse ancora di più, la fatica ci fermano a metà cresta e scendiamo a bivaccare "ricchi" d'una sola coperta presso il Lago Gelato. Una notte stellata e fredda, con i brividi ed all'alba capiamo il perché: non troviamo più Marco che, scivolato qualche metro più in basso, trascinando nella sua "caduta" l'unica coperta, beatamente dorme come un ghiro; per tutta la discesa si prende i suoi insulti e le meritate imprecazioni da parte del "Peppino" e mie, alle quali non dona risposte, sogghignando sotto ai baffi! Tutto ciò per farvi capire chi é il nostro amico, che poi diventerà "Crevassino", quando si "aprirà" la fase alpinistica ...
Decidiamo di far diventare Marco un alpinista: corda, piccozza, ramponi, ghette. Ma niente duvet, perché possiede un giubbotto in loden grigio, che noi chiamiamo a pelle di lupo, che é da lui ritenuto alquanto migliore della più bella giacca a vento esistente. Come prova generale, andiamo su di un ghiacciaio. Basta con i nevai! Così con il Franco ed un certo R. Ravenna (il "Peppino" resta a casa, forse perché vuol vederci più chiaro) andiamo in Valgrisenche per salire la Testa del Rutor, tutto in giornata. Da Bonne al Rifugio Scavarda, Ghiacciaio del Morion e poi direttamente alla Vetta per un ripido pendio di ghiaccio uscendo a Sud della Vetta per un camino roccioso ed una quota secondaria tramite una via sul Versante Sudest, forse mai percorsa in passato, che sale più a sinistra di quella del 16 Agosto 1858. Discesa al Colle del Rutor lungo la Cresta Nordest o Via Normale, ghiacciaio omonimo sul versante opposto in Valle di La Thuile e poi una nuova prova: salita diretta per la Faccia Ovest al Château Blanc su rocce rotte e poco sicure, discesa per la Cresta Nord all'omonimo colle e largo e lungo giro sul Ghiacciaio del Château Blanc per rientrare in Valgrisa. Tutto funziona OK ed il nostro se la cava bene, con qualche sbuffo nel camino roccioso.
Così tre giorni dopo, ovvero a Ferragosto 1973, ci rechiamo al Rifugio des Cosmiques per effettuare la traversata Mont Blanc de Tacul-Mont Maudit-Monte Bianco.
Ma questa storia ve la racconteremo la prossima volta ...

* * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * *


La NOTTE del TACUL e la nascita del MITO di "CREVASSINO"

Nel pomeriggio andiamo dal Rifugio Torino a quello des Cosmiques, allora ancora in legno, prima che bruciasse, ed appollaiato contro le rocce della Midi.
Certo che sti francesi si comportano molto più amichevolmente e garbatamente quando sono "Chez-Nous" en Italie che non quando vai a trovarli a casa loro o "Chez-Eux" en France. Comunque ci danno da dormire, per modo di dire. Il casino nei rifugi non esiste soltanto in Italia, per questo motivo ho sempre cercato, ove possibile, di evitarli; meglio una notte nel tuo letto, magari con poche ore di sonno ma tranquille ed un buon caffé di casa tua (ma quando é che i Francesi impareranno a farlo!), anche se costa qualche ora in più per l'avvicinamento, che va ad assommarsi alla route. Qui non é possibile perché si dipende dalla Funivia dei Ghiacciai, settima meraviglia del mondo, almeno così dice la Pubblicità.
Per cui di buon ora, pagato il conto, ce ne andiamo, quasi furtivamente. La notte é più fresca che fredda ed attacchiamo il Versante Settentrionale del Tacul, risalendolo facilmente e velocemente (il pericolo consiste nella caduta di seracchi, fattore per il quale si sono verificate molte disgrazie, anche collettive, poiché la via é frequentata da molte cordate spesso procedenti in fila indiana) e raggiungendo la grande crepaccia che divide in due la faccia glaciale, all'incirca nella sua parte mediana. Quest'anno é molto larga, profonda ed il margine del pendio superiore deborda e non di poco. Non era così nel 1970, ma qui le condizioni cambiano sempre costringendo spesso a variare il percorso anno per anno.
Sono circa le ore 2 e mezza del mattino quand'affrontiamo questo passaggio; "Peppino" intreccia le mani coi guantoni ed io gli salgo sopra con un piede, facendo la piramide umana. Poi un allungo ed un balzo ed infilo la piccozza oltre il bordo superiore; tirando, e "Peppino" spingendo, "Ohissa" sono sopra. Salgo una ventina di metri ed infilo la picca a regola d'arte. Adesso tocca a loro, in primis Marco che é al centro della cordata. Metto la corda in tiro, ma il tempo passa e non vedo, per quel che si può vedere, con le nostre pile scadenti che hanno una profondità di luce non superiore ai 3/4 metri. All'improvviso, un colpo secco e la corda va in tensione siccome corda di violino, ma la picca non si muove. Chiamo. Nessuna risposta, anche perché il vento si sta alzando ed i rumori vanno in alto. Ma neppur da sotto arrivano segnali. Provo ad urlare più forte. Niente. In alto luccicano le stelle ed in basso di 3000 metri le luci della Valle di Chamonix danno la misura di questo abisso siderale. Non arriva nessuno, nemmeno altre cordate. Il tempo diventa infinito. Poi, non sò quanto dopo, perché ormai mi sono rassegnato ad aspettar le luci dell'alba, la corda diventa di colpo molle; l'ansia aumenta ancora maggiormemente. Ma che ca ..o fanno! Questi due. Dopo un bel pò di tempo appare nel buio una sagoma: é Marco che agitato e traballante sale con passettini a soste forzate. Quando é da me recuperiamo anche il "Peppino", dal quale alle domande non sa rispondere, poiché preso da un ridere incontenibile, non possibile da interrompere. Solo dopo saprò: quando é giunta l'ora di Marco nel fare la piramide umana la procedura é stata svolta in ugual modo. Solo che il Marco, essendo più piccolo di me, ha piantato la piccozza non oltre il margine, ma al di sotto e quando é giunto il momento di issarsi questa si é, logicamente, sfilata e lui é precipitato nel crepaccio. Giù di 8/10 metri ed a testa verso il basso nel più profondo dei bui. Il "Peppino", da buon nocchiero, prima lo ha individuato e poi lo ha tratto a riva, ovvero contro una parete interna al crepaccio. "Girava come una trottola intorno alla corda ed a me sembrava di essere un burattinaio", dice ridendo come un matto! Per fortuna non aveva perso i ramponi e la piccozza penzolava con il suo lacciolo al polso. "Di . selvaggio, D .. vagabund", urlava imprecando e roteando. Poi con somma pazienza "Peppino" é riuscito ad avvicinarlo al muro di ghiaccio e, piano piano, a recuperarlo facendolo risalire al piccolo terrazzo. In salvo.
Da questo momento Marco diventò "Crevasse" e poi, più simpaticamente, "Crevassino" e questo nomignolo, da me coniato, fu utilizzato da tutti quelli della nostrra compagnia e da lui accettato tutto sommato con piacere; lo contraddistingueva dagli altri donandogli un qual tono da alpinista vero e "vissuto".
Ma pur lui con i soprannomi non scherzava: da "Svaldino" per me, a "Peppino" per il quale denotava sempre gratitudine e riverenza, a "Mike Burke" per il colosso, quasi himalayano, Camillo Roberto ed il terribile "Cita & Cucù" pel Sandro e la Raffaella, moglie e marito. In fondo era una gioventù sgaiata ed allegra ed anche un poco sfigatella, che in montagna non cercava solo la fatica ma anche il divertimento. Con niente!
Come finisce quest'avventura? Saliamo con il vento che aumenta sempre di più per poi diventare terribile con raffiche ad oltre 80 Km orari (lo dirà alla sera la Radio); "Crevassino" si ferma sullo Spallone 4187 metri presso un saccone nero della spazzatura, forse riempito ad arte per queste evenienze, mentre noi due raggiungiamo la Vetta Occidentale (4248 m), trovando riparo ad incastro tra le rocce rossastre di granito. Siamo come su d'una torretta e vediamo in basso "Crevassino" ergersi come il Capitano Ackab. Ad ogni folata corrisponde un "Brrrrrrr!" infinito e sempre più terrificante, ma imperterrito non si muove, racchiuso nel suo giubbotto di loden grigio, si proprio quello a pelle di lupo. Così glielo facciamo collaudare a fondo, per oltre un bel quarto d'ora. Poi scendiamo a recuperare la "bestia", ormai mezza congelata, e proviamo ad andare dal Plateau del Tacul al Col du Mont Maudit (4345 m) ma, giunti a mezzo pendio, rinunciamo che il tempo peggiora ancor più e si é accumulato uno strato di neve fresca pericoloso. Sarà per un'altra, perché in montagna bisogna sapere anche rinunciare. Andiamo tutti insieme giù al Col du Midi (3532 m) ed ci rechiamo ad arrampicare alla Punta Lachenal (3684 m) ed alle vicine Quote 3590 e, più ad Est, 3570 metri divertendoci coi ramponi su ripidi pendii, mentre "Crevassino" si riscalda al sole, che frattempo beffardamente é apparso spazzando via tutto, crogiolandosi nel suo giubbotto a pelo di lupo. Ma da codesta avventura non lo rivedremo mai più: andrà a comperarsi un bel duvet, imbottito a piuma d'oca!!!
Di altre stupefacenti, ed anche esilaranti, avventure vi racconteremo in un prossimo futuro ...

* * * * * * * * * * * * * * * *

MONT BLANC de TACUL (4248m) with Northeastern View; in bottom Lachenal Point (3684m), by Antonio





* * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Céteun (Celestino Lucianaz) also the Arbolle's "MODZONs" MYTIC SHEPHERD

^ ^ The HISTORY of the Mystical and Mytic CETEUN of the CRETON Great Shepherd of Steers in his "Palace" of the Arbolle Walloon and its "POLENTA".

***

EM EMO and SUGG To Emilius from Pian Felina  65 EXPEDITION
Mountain Friends 1963/2013 Old Arbolle Shelter 1965
Emilius s  in the SUM  & Sur.  EMO  &  SUGG  Valtete   &  Osva
Ancient Shelter & Arbole s Phantoms
Mountain Friends 1963/2013 Alé, Alé Compañeros 1965


* * * * * * * * * * * * *


Memories of a beautiful Youth, crude and simple. It was just a good slice of "polenta" under the hail in a former hospital now disappeared."


He remained there with his herd of cattle throughout the Summer, up from when he was young. From the first days of June until September 29th, the day of St. Michael when there is the traditional "Desarpa"
(down to the valley floor with cattle from the mountain pastures or arps). Going from Créton House to Reverier Pasture, was feeding the Walloon of Dard, reached Ponteilles with its waterfall and then with the latest twists came to Comboé, where a long plain accompanied him to the hut and stables now in the age-old ruins of the Grand Plan Alp, at the end of small valley. Here came the "fun" part: a deep gorge with a path that more closely that already creates problems to walk and moreover is somewhat exposed to the discharge of stones from the Trident of Comboé. And he had to climb upwards by pushing the animals. An exceptional Enterprise! But not for Céteun, because he always performed by reaching the Walloon of th'Arbole, which they eventually did become Arbolle after careful research in Common (but Celestine spoke Arbole with o more in evidence and a single L-shaped, always) with its stone shelter, the roof and the rickety door now completely detached from its hinges.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Arbolle or Arbole?






Right there within walking distance from the lake, where this effluent through a small loop winding to its waters plunging to below Comboé, going past a high rock wall. Dangerous. And Céteun knew so much that had protected this great jump of stone walls that still exist. But, perhaps, because he had only strengthened the dangerous edge he had frightened his ancestors that here, told, once also brought cows and a little more towards the "Bassa" (Lower) of Garin also foals. Not those by inhabitants of Charvensod, like him, but those of Pollein so it is that the ruins were one called shelter of Modzons (steers) and the other just above the Pouleins, ie foals. And no one knows that the Municipality of Pollein takes its name from these his, so that on the title page of the Common there is a beautiful white colt and rampant. Maybe they think it is the symbol of Ferrari. But not Céteun, he rooted knew them well and had also seen the past floods that inundated the plain of Félenna, where we live today, which is nothing more than an expansion of the flood plain of the River Baltea which served to broaden the waters when came the floods. And even this Céteun knew this and was not surprised when the waters had flooded the country in 1957. He and his ancestors had built his home at 50 meters higher at the edge of the wood, the Créton. But even that, over time, had gone into disrepair with the roof that gave way more and more every day, but not at this point to make him afraid. He used to sleep well at Arbole upward, with a little straw over four tables and warming on cold nights 2500 metres crouching next to his mangy dog​​, older than him now that did not bark even more by releasing only guttural sounds from above that bristly beard that made him just wild. Like his master. But instead Céteun was a little generous man and when he saw us arrive youngsters always offered something of what little they had. A good warm milk, "Brossa" (fresh milk and worked as usual) and a slice of good and hot Polenta (a mixture of corn flour with water, the food of the poor all over the Alps and now great fashionable in restaurants). With the hail that emitted its rattling on the roof of the small plates distorted, which anticipated the entrance to the ruins, was the best restaurant in the world. I assure you ...

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *

AUGUST 23th, 1965.


Return from Reds Points North Face in first ascent and in descent (always same route) to Arbole Walloon and Pasture.

" POLENTA " & "BROSSA"
---->>> (=Rustic and gastronomical speciality alpine by yellow corn meal and remains cow milk only just of the Aosta Valley)

by and near


"Céteun" or Celestino aka Celestin (Celestino Lucianaz * 1899/ + 1973), "Modzons" (steirs) Old Shepherd and his worn dog barking always.

Aemilius s SUMMIT & Surroundings EMO & SUGG North Face Reds Point s
Punta Rossa of Emilius Central Summit by North Face 1965
From Arbolle s Valley to PASS & PEAK GARIN on 1968
Emilius s  in the SUMM & Surr. EMOTIONS  & SUGG GELATO or FROZEN Lake
From Testa Nera <i>(2820m)</i> to Peak Garin


* * * * * * * * * * * * *


In the next episode we will tell you the History, more in detail, of the MYSTICAL & MYTIC CE'TEUN (CELESTINO) of the CRETON Village (an only house isolated to the border of the wood above the Fraction of Pian Felina, Municipality of Charvensod, Region Valley of Aosta, Italy, Europe, World, Universe) great Shepherd of Steers in his Palace of the Arbolle’s Walloon and author

by the better

"POLENTA"

of the

WORLD


From left:
Ilario Antonio Garzotto, Osvaldo Cardellina

and the

" MYSTIC" & MYTIC CETEUN

in Arbole's "Barracks"/Shacks, in the showers and hail.


* * * * * * * * * * * * *






Nella prossima puntata vi racconteremo, più dettagliatamente, la Storia del MISTICO & MITICO CETEUN (Celestino) del CRETON Village (un'unica casa isolate al margine del bosco sopra la Frazione di Pian Felina, Comune di Charvensod, Regione Valle d'Aosta, Italia, Europa, Mondo, Universo) grande Pastore di Manzi nella sua Reggia del Vallone di Arbolle e autore della

POLENTA

più buona del

MONDO.


* * * * * * * * * * * * *


Restava lassù con la sua mandria di manzi tutta l'Estate, sin da quand'era giovane. Dai primi giorni di Giugno fino al 29 Settembre, giorno di San Michele quando avvien la tradizionale "Desarpa"
(discesa al fondovalle delle mandrie dagli alpeggi o arps). Saliva dal Créton ai pascoli di Reverier, imboccava il Vallone del Dard, raggiungeva Ponteilles con la sua cascata e poi con gli ultimi tornanti arrivava al Comboé, dove una lunga pianura l'accompagnava alla baita ed alle stalle ormai in secolare rovina del Grand Plan, giù in fondo al vallone. Qui arrivava il bello: una gola profonda con un sentiero più che ristretto, già a piedi problematico ed inoltre alquanto esposto alle scariche di pietre dal Trident de Comboé. E lui doveva salirla spingendo sù gli animali. 'N'impresa eccezziunale! Ma non pel Céteun, ché lui la eseguiva da sempre raggiungendo il Vallone dell'Arbole, che poi han fatto diventare Arbolle dopo accurate ricerche in Comune (ma Celestino pronunciava Arbole con la o più in evidenza ed una sola elle, da sempre) con la sua baracca in pietra, il tetto sgangherato e la porta ormai completamente distaccata dai cardini. Proprio lì a due passi dal lago, ove questo tramite un piccolo emissario, a forma di piccola ansa serpeggiante, concede alle sue acque precipitar fin al sottostante Comboé, passando a fianco d'un'alta parete rocciosa. Pericolosa. E Céteun lo sapeva tanto'é che aveva protetto questo grande salto con dei muretti di pietra, ancor oggidì esistenti. Ma, forse, li aveva sol rafforzati perché il pericoloso ciglio doveva aver già spaventato i suoi antenati che qui, raccontava, una volta portavan anche le vacche ed un poco più avanti verso la Bassa di Garin pure puledri. Non quelli degli abitanti di Charvensod, come lui, ma quelli di Pollein tanto ne é che son rimasti ruderi l'un chiamato rifugio des Modzons (dei manzi) appen sopra e l'altro dei Pouleins, cioé dei puledrini. E nessun sà che il Comune di Pollein prende il suo nome da questi, tanto che sul frontespizio troviamo un bel puledro bianco e rampante. Forse pensan sia il simbolo della Ferrari. Ma non Céteun, lui le sue radici le conosceva bene ed aveva visto anche le passate alluvioni inondanti la Piana di Félenna, dove oggi abitiamo, che altri non é che una golena d'espansione del Fiume Dora Baltea atta ad allargare l'acque quando arrivavan le piene. Ed anche questo Céteun lo sapeva bene e non si meravigliava quando le stesse nel 1957 avevano allagato il paese. Lui ed i suoi antenati la sua casa l'avevan costruita 50 metri più in alto, al limitar del bosco, al Créton. Ma anche questa, nel tempo, era andata in rovina con il tetto che ogni giorno cedeva sempre di più, ma non a tal punto da fare a lui paura. Era abituato a dormire così sù all'Arbole, con un poco di paglia sopra quattro tavole e scaldandosi nelle notti fredde dei 2500 metri accovacciandosi vicino al suo cane spelacchiato, vecchio più di lui che ormai non abbaiava neanche più rilasciando solo suoni gutturali da sopra quell'ispida barba da renderlo proprio selvatico. Come il suo padrone. Ma Céteun invece era un ometto generoso e quando vedeva arrivar noi giovanotti offriva sempre qualcosa di quel pò ch'aveva. Un buon latte caldo, "Brossa" (latte appena munto e lavorato come da tradizione) ed una fetta di bella e calda Polenta. Con la grandine che emetteva il suo tintinnio sulle distorte lamiere del piccolo tetto, anticipante l'ingresso al rudere, era il miglior ristorante del mondo. Ve l'assicuro ...

The Great SAKEM EMILIO & INDIAN APACHE "Cavallo Pazzo" alias CRAZY HORSE

^ ^ ^ When you rode the wild clouds

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Who was Emilio Bertona aka emilius? Its history begins with the mountain very late in his life but the same approach is very far back in time through his passion for skiing and dates back to the immediate post-war period. When with few resources, ski (or tables?) wooden with rudimentary attacks in Kandahar and little money in your pocket (not served because it had not yet been built Cable-way Aosta- Pila) were used or if there were other goals (build or buy the house) all the fans gathered at dawn in the Place Emilio Chanoux to make the trip Sunday: a long climb with skins up to Pila and, in the days of best fit and fine weather to the toe to Couiss (or Point of Blizzard ; 2661 metres) on the watershed Aosta/Cogne in front of the beautiful Grivola and Great Nomenon, there built a small shelter with the stones of the surroundings. Where today was built the Bivouac Arno (open always) in memory of Mountain Porter Simone Faccarello said "Arno", a great lover of this area. Then return with a unique descent through the woods along the Leys(z)ettaz with no track traced if not by themselves. Skipping stone walls dividing a farm from another, a lawn from the next with a vertical drop of over 2000 metres uphill and the same down. It was the top of the Sunday of the years 1945/55 and when someone is prevented to attend, waiting, now with the darkness, the companions return and asking them how many people were there often felt respond: "Oh, a disaster! Over twenty people ... ". Then the period of greatest prosperity but also of hard work. Emilio had started early to know the sweat and by the end of Primary School his mother, widowed when he was three years, not to see him around doing nothing (that good times!) Had sent him to learn the craft of mattress by Caveggia in Aosta, then fourteen years it had become electrician building, in that area, what at that time was the largest building in the city. At sixteen he entered in the Establishment Cogne, where his father was working, first as a turner, simultaneously attending the School Cogne, and then in the Steel Mill, where, he told me, when they left the work shift their faces were shriveled and gray for the temperatures upto 2000 C°. Giusto my father also worked there, "a working man, small and quiet" Emilio told me so. He concluded, after nearly twenty years, despite not having degree or diploma if not that of the factory school, as head of the party planning chemistry. The practice was worth more than the grammar in those days, when the Cogne had 8000 workers, the very fine magnetite or loadstone mines and steel producing the most renowned in the world. In the meantime January 28th, 1954 he married Giuliana Bacchetta by whom he had an only daughter, Cinzia, and, being that she was, had become a brilliant trader in the world of footwear.
Meanwhile, in 1960, had been completed the construction of the Gondolas that would change the entire look of the Basin of Pila and also, successively, the construction of the A5 Motorway in Aosta Valley, in the first stretch from Turin to Aosta and then from this until Morgex Town would have completely together they changed the goals to skiing and the mountains. Progress always opened more doors to the large tourist centers, especially Gressoney, Champoluc, Cervinia, Courmayeur and Cogne. In addition to Pila, Emilio had become a fan of the slopes of the Plateau Rosa, the Youla but more importantly, thanks to the of Glaciers-Mount Blanc Coumayeur/Chamonix Cablecar, the descent, still in fashion, Thoula on the glacier below the West the two Refuges Turin. In cross-country skiing had also participated in the renowned "Cup of Steel" on the slopes of Pila defying athletes to the value of Vincenzo "Cenzi" Perruchon, Italian Olympic and strong Mountain Guide Cogne.

"Granpa" with Roberto & Gianfranco

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


But his sporting world was not this because, until he was young, his passion was the Athletics in the areas of Speed and Jumps, in this last had also won the Italian title of the third category, while the 100 and 200 metres plans, specialties where he defended himself very well. This was his primary passion, skiing a complement. Football will come much later, in the early Seventies as the glorious U.S. Aosta Football 1911 as Sporting Director Manager. She'll be here, too, the whole rigmarole and working together for four seasons from 1988 to 1992 him as President him as President and I like a Technical Director General, we will have the pleasure to lead the team for the first time in its history between the Professional Football Italian and leave the Company in June next, and to salvation obtained for the équipe, in his first professional championship, we left them free hand and the freedom to make or unmake in letting all those pundits who put a spoke in the wheels. Within a few seasons they themselves have led to bankruptcy and no longer exists. Thus began his adventure in the Mountains, almost by accident. So we started to go to the mountains together. The baptism was rude to Emilio: August 7th, 1992 from the San Carlo Hill went to the Hill of the Cross over Arpy, we crossed the ridge and, with a small crossing to the East, we reached and climbed the North Face of Northern Point of Mount Colmet (3020m) through a via that was not the most traveled in 1939 (Route A. Adami, O. Figerod, A. Piatto e S. Marcoz of 24th, June) and then down along the North Ridge-northwest (Via A. Adami, L. Savoye and C. Paradisi July 17th, 1938), navigate to the base of the wall and reach the Pietra Rossa Lake, whence that of Arpy. Then 16th, September, a nice walk from Gimillan Hamlet to the Lakes Lussert and the Laures Hill (3035m) for a total of six hours and four uphill downhill, altogether of 10 hours, that Emilio had partly somatized with the use of the camera in order to limit the "damage" in giving birth to him in time a new passion of Alpine Photography. But the next 20, climbing, and under a heavy rain with a cold that affected his stomach, from Pila Resort to Grimondet Pastures and then along the easy North Ridge north Pointe de la Pierre (2653m) on top of Emilio accused a terrible congestion and return was dramatic. So he never went out in the mountains until 1998 and that was perhaps a clear omen of what would happen Mount Zerbion on September 20th, 2010. Occasions and premonitions for those who believe in numbers, the dates, in the repetitions of situations, and especially in Destiny ...

Below Mount Velan

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Even when we start is due to a fortuitous event: July 19th, 1998 the inauguration of the Refuge occurs Arbolle, just above the old shack where Celestino Lucianaz said "Cetèun" spent his summers to look after the cattle, and where we from boys loved to transit. It was a place linked to so many Ghosts of the past, and therefore of life. Of a life that was lost in the distant centuries of farming. Will never return. Maybe. To observe the event went from the top to make the crossing, for a change , from Testa Nera to Point of the Valletta (3090m), so we would have seen it all from the top. We went with Gianfranco, the Dean. From the top we could see the andarivieni many people, celebrating. We went down too. I also found the "Peppino", who told me if I knew that my son had repeated the Christian Crétier Via on the North of Emilius, in the second solo ascent, after that of Gianni Pais Becher in 1967. I fell from the clouds! I knew that Christian had done Gran Paradiso, Grivola, Herbetet and North of the Becca di Gay, with Roberto Marchisio his buddy of Turin, which placed at the base of the tent, had traveled solo in a week, all the existing routes on the North face of the Eiger, but more than I knew nothing. Christian, a taciturn, starting at 10.00 from home with sneakers and return to the 19:00 hour of dinner prepared by her mother. Always very punctual. Besides is not given to know. These children! It had to be an occasional excursion, instead it imposed an association. A bad accident occurred June 13th, 1999: going down from Mount Faroma (3073m), 100 metres below the rope and just below the crest, a large slab of rock capsized over his thigh, trying to do the same resistance opposing the weight of the boulder caused him a severe ankle sprain. We had to take him back to the car Gianfranco and I. An ordeal for everyone. We were joined by the General of the Alpine Troops Roberto Stella and occasionally , in the month of August, friends of Bari. Then gradually Gianfranco taken by other interests, departs and arrives Antonio Giani. Coincidentally or almost since December 16th, 2004. Easy winter hike to Mount Saron, where Emilio produces a sprained ankle, falling into complete darkness. So, along with Antonio formed a new trio, and indeed the end of the Summer of 2007, when I last but not least to various problems of physical nature by a bicycle accident with a broken sternum and two heart attacks last good tendon rupture Achilles, was he to be his companion in the remaining seasons. Two lovers of photography, which logically photographed.

A long & hardened Sodality

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


But the true association is between the two of us that in ten years, and we make more than 400 trips and ascents and that in the Winter of 2001/2 are very numerous exits, either on foot or with snowshoes. Ten years is a period of enormous, an Eternity, especially considering the pace of the outputs, three or four a week. But as in all things in Life everything has a Beginning and everything has an End. Emilio died September 20th 2010 down, alone, from Mount Zerbion (2722m). Maybe a congestion, as in the September 20th, 1992, causing a heart attack returning from the Summit sits on a wooden bench in a quarter of an hour from his car. They will find it at dawn with her ​​head resting on his backpack.
Forever ......

With Virgin Mary

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Ma chi era Emilio Bertona alias emilius? La sua storia con la montagna prende inizio molto tardi nella sua vita ma un avvicinamento alla medesima é molto lontano nel tempo tramite la sua passione per lo sci e risalente all'immediato dopoguerra. Quando con pochi mezzi, sci (o tavole?) in legno con rudimentali attacchi Kandahar e pochi soldi in tasca (non servivan perché ancor non era stata costruita la Cabinovia Aosta-Pila) o se c'erano servivan ad altri scopi (costruir oppur comperar casa) tutti gli appassionati si radunavano all'alba in Piazza Emilio Chanoux per effettuar la gita della Domenica: una lunga salita con le pelli di foca fino a Pila e, nei giorni di miglior forma e di bel tempo, fino in punta al Couiss (o Punta della Tormenta; 2661 metri) sullo spartiacque Aosta/Cogne di fronte alla splendida Grivola ed al Grand Nomenon; lì costruirono un piccolo ricovero con le pietre dei dintorni. Dov'oggi é stato edificato il Bivacco Arno (sempre aperto) in memoria del Portatore Simone Faccarello detto "Arno", grande amante di questa zona. Poi il rientro con un'unica discesa in mezzo al bosco lungo la Leys(z)ettaz senza nessuna pista tracciata se non da se stessi. Saltando i muretti in pietra divisori un podere da un altro, un prato dal successivo con un dislivello di oltre 2000 in salita ed altrettanti in discesa. Era il top della domenica degli anni 1945/55 e quando qualcuno, impedito a partecipare, attendeva, ormai con il buio, i compagni al rientro e chiedendo lor quanta gente vi fosse lassù spesso si sentiva risponder: "Oh, un gran casino! Più di venti persone ... ". Poi vennero i tempi di maggior agiatezza ma anche di duro lavoro. Aveva iniziato presto l'Emilio a conoscer sudore e già alla fine della Scuola Elementare la mamma, rimasta vedova da quando lui aveva tre anni, per non vederlo in giro a far nulla (che bei tempi!) lo aveva mandato ad apprendere il mestiere di materassaio da Caveggia in Aosta; poi a quattordici anni era diventato elettricista costruendo, in quel settore, quello che a quei tempi era il più grande palazzo della città. A sedici era entrato nello Stabilimento Cogne, dove già lavorava il padre, dapprima come tornitore, frequentando simultaneamente la Scuola Cogne, e poi in Acciaieria, dove, mi raccontava, quando uscivan dal turno di lavoro le loro facce erano incartapecorite e di colore grigio per le temperature che arrivavano anche a 2000 C°. Lì lavorava anche mio padre Giusto: "un uomo lavoratore, piccolino e taciturno", così mi raccontava Emilio. Concluse, dopo quasi un ventennio, pur non avendo laurea o diplomi se non quello della scuola di fabbrica, come responsabile della parte programmazione chimica. Pratica valeva più della grammatica a quei tempi, allorché la Cogne aveva 8000 operai, miniere di pregiatissima magnetite e produceva l'acciaio più rinomato del mondo. Nel frattempo il 28 Gennaio 1954 aveva sposato Giuliana Bacchetta dalla quale aveva avuto l'unica figlia Cinzia, ed, essendo che lei lo era, era diventato un brillante commerciante nel mondo delle calzature.
Intanto nel 1960 era stata terminata la costruzione della Cabinovia che avrebbe cambiato completamente l'aspetto del Bacino di Pila ed anche, successivamente, la costruzione 'Autostrada A5 della Valle di Aosta; dapprima nel tratto da Torino ad Aosta e poi da questa insino a Morgex avrebbero insieme mutato completamente gli obiettivi verso lo sci e la montagna. Il progresso apriva sempre di più le porte verso i grandi centri turistici, soprattutto Gressoney, Champoluc, Cervinia, Cogne e Courmayeur. Oltre a Pila, Emilio era diventato un appassionato delle piste del Plateau Rosa, della Youla ma soprattutto, grazie alla Funivia dei Ghiacciai del Monte Bianco, della discesa, ancor oggi di moda, della Thoula sul ghiacciaio sottostante ad Ovest i due Rifugi Torino. Nello sci da fondo aveva partecipato anche alla "Coppa di Acciaio" sulle nevi di Pila sfidando atleti del valore di Vincenzo "Cenzi" Perruchon, Olimpionico e forte Guida Alpina di Cogne.

The Emilius with emilius

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Ma il suo mondo sportivo non era questo perché, fin da giovane, la sua passione era l'Atletica Leggera nei settori della Velocità e dei Salti; in quest'ultimo aveva vinto anche un titolo italiano di terza categoria, mentre sui 100 e 200 metri piani si difendeva molto bene. Questa era la sua passione primaria, lo sci un complemento. Al Calcio arriverà molto più tardi, agli inizi degli anni Settanta come Dirigente nella gloriosa U.S. Aosta Calcio 1911. Compirà, anche qui, tutta la trafila e lavorando insieme per quattro stagioni dal 1988 al 1992 lui come Presidente io come Direttore Tecnico e Generale, avremo la soddisfazione di portare la squadra per la prima volta nella sua storia tra i Professionisti del Calcio Italiano e di abbandonare la Società nel Giugno successivo, a salvezza ottenuta della squadra, al suo primo campionato professionistico, e lasciando in mano gratuitamente il tutto, con massima libertà di far o meglio disfare, a quei saccentoni che mettevan bastoni tra le ruote. Nel giro di poche stagioni la portarono al fallimento ed oggi più non esiste. Così iniziò la sua avventura in Montagna, quasi per sbaglio. Così incominciammo ad andar montagna insieme. Il battesimo fu brusco per l'Emilio: il 7 Agosto 1992 andammo dal Colle San Carlo al Colle della Croce sopra Arpy, percorremmo in cresta e, con una piccola traversata verso Est, raggiungemmo e salimmo la Parete Nord della Punta Nord del Mont Colmet (3020 m) tramite una via che non era stata più percorsa dal 1939 (Via A. Adami, O. Figerod, A. Piatto e S. Marcoz del 24 Giugno) per poi scender lungo la Cresta Nord-nordovest (Via A. Adami, L. Savoye e C. Paradisi del 17 Luglio 1938), traversare nuovamente alla base della parete e raggiungere il Lago di Pietra Rossa, donde a quello d'Arpy. Poi il 16 Settebre 1992 una bella escursione da Gimillan ai Laghi del Lussert ed al Col des Laures (3035m) per un totale di sei ore in salita e quattro in discesa; complessivamente 10 ore, che Emilio aveva in parte somatizzato con l'uso della macchina fotografica, per limitar "danni" facendo nascere in lui nel tempo una nuova passione, quella della Fotografia Alpina. Ma il 20 successivo, salendo, sott'una fitta pioggia e con un freddo che colpiva lo stomaco, da Pila all'Alpe Grimondet e poi lungo la facile Cresta Nord alla Punta de la Pierre (2653 m) Emilio in cima accusò una tremenda congestione ed il ritorno fu drammatico. Così non andò più in montagna fino al 1998 e quello fu forse un chiaro presagio di quanto sarebbe accaduto sullo Zerbion il 20 Settembre 2010. Ricorrenze e premonizioni per chi crede nei numeri, nelle date, nel ripetersi delle situazioni e, soprattutto, nel Destino ...

APACHES & SIOUX into COMBOE WALLOON




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Anche quando ricominciamo é dovuto ad un caso fortuito: il 19 di Luglio 1998 avviene la inaugurazione del Rifugio di Arbolle, appena al di sopra della vecchia stamberga dove Celestino Lucianaz detto "Cetèun" passava le sue estati ad accudire i manzi e dove noi ragazzi amavamo transitare. Era un luogo legato a tanti Fantasmi del tempo passato, e quindi di vita. Di una vita lontana che si perdeva nei secoli della pastorizia. Non tornerà mai più. Forse. Per osservar l'avvenimento dall'alto andammo ad effettuare la traversata, tanto per cambiare, dalla Testa Nera alla Punta della Valletta (3090 m); così avremmo visto tutto dall'alto. Andammo con Gianfranco, il Preside. Da sopra vedevam l'andarivieni di molta gente, che festeggiava. Scendemmo pur noi. Trovai anche il "Peppino", che mi disse se sapevo che mio figlio Christian aveva ripetuto la Via Crétier sulla Nord dell'Emilius, in seconda salita solitaria, dopo quella di Gianni Pais Becher nel 1967. Cadevo dalle nuvole! Sapevo che Christian aveva fatto Gran Paradiso, Grivola, Herbetet e Nord della Becca di Gay, con Roberto Marchisio un suo commilitone di Torino che, piazzata la tenda alla base, aveva percorso in solitaria in una settimana, tutte le vie esistenti sulla parete Nord dell'Eiger, ma di più non sapevo. Christian, un taciturno, partenza alle 10.00 da casa con scarpe da ginnastica e ritorno per le 19.00, ora della cena preparata dalla mamma. Sempre puntualissimo. Oltre non vien dato di saperne. Questi figli! Doveva essere un'escursione occasionale, invece s'impose un sodalizio. Un brutto incidente avvenne il 13 Giugno 1999: scendendo dal Monte Faroma (3073 m), 100 metri sotto la Cima ed appena sotto cresta, un grande lastrone di roccia gli si capovolse sopra la coscia; cercando di far resistenza opponendosi al medesimo il peso del macigno gli provocò una grave distorsione alla caviglia. Dovemmo portarlo a spalla Gianfranco ed io fino all'auto. Un supplizio per tutti. A noi s'aggiunsero il Generale degli Alpini Roberto Stella ed occasionalmente, nel mese di Agosto, gli amici di Bari. Poi progressivamente Gianfranco, preso da altri interessi, s'allontanò ed arrivò Antonio Giani. Casualmente o quasi dal 16 Dicembre 2004. Una facile escursione invernale al Mont Saron, dove Emilio si produsse una distorsione alla caviglia, scendendo nel buio completo. Così, insieme ad Antonio si formò di nuovo un terzetto ed anzi dalla fine dell'Estate del 2007, quando io per vari problemi non ultimi di natura fisica da un incidente in bici con rottura dello sterno, a due infarti e buon ultima la rottura del tendine di Achille, fu proprio lui a fargli da compagno nelle restanti stagioni. Due amanti della fotografia che, logicamente, fotografavano.

With Antonio

* * * * * * * * * * * * * * * * * * *




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *


Ma il vero sodalizio, é tra noi due, che in dieci anni compiamo oltre 400 escursioni e nell'Inverno del 2001/2 son molto numerose le uscite, a piedi o con racchette da neve. Dieci anni risultano un periodo enorme, un'Eternità, soprattutto considerando il ritmo delle uscite, tre o quattro alla settimana. Ma come in ogni cosa della Vita tutto ha Inizio e tutto possiede una Fine. Emilio muore il 20 di Settembre del 2010 scendendo, da solo, dal Monte Zerbion (2722 m). Forse una congestione, come in quel 20 Settembre del 1992, provoca un infarto, tornando dalla Cima si siede su d'una panchina di legno ad un quarto di ora dall'auto. Lì lo troveranno all'alba con la testa reclinata sullo zaino.
Per sempre ......


"Cavallo Pazzo (Crazy Horse)" it 'better to go home ...




* * * * * * * * * * * * * * * * * * *

Images