Welcome to SP!  -
M. Emilius North Wall: All new routes of the postwar period / Ten part-2)
Route
Contribute 
 
Geography
 

M. Emilius North Wall: All new routes of the postwar period / Ten part-2)

 
M. Emilius North Wall: All new routes of the postwar period / Ten part-2)

Page Type: Route

Location: Aosta Valley, Italy, Europe

Lat/Lon: 45.67971°N / 7.38395°E

Object Title: M. Emilius North Wall: All new routes of the postwar period / Ten part-2)

Route Type: Hiking, Mountaineering, Trad Climbing

Season: Spring, Summer, Fall, Winter

Time Required: A long day

Rock Difficulty: Class 4

Difficulty: From III°- to V°+

Number of Pitches: 17

Grade: IV

Route Quality: 
 - 2 Votes
 

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Dec 18, 2014 / Feb 6, 2015

Object ID: 924924

Hits: 1779 

Page Score: 80.49%  - 12 Votes 

Vote: Log in to vote

 

Northern Overview




This large wall dominates the City of Aosta above 3000 metres. Facing the North has a height at its highest point of over 750 metres, while it is large for almost two kilometres, between its Edge North-northeast, which separates it from the vertical East Wall above Blantsette Glacier into Les Laures Walloon, and his part in the Western below the Mont Ròss de Comboé or large West Shoulder (3301m), where it loses somewhat of height and steepness. But his point of highest elevation is between the Summit (3559m) and a large rocky ridge that like a "big breast or udder" drops to split the two Glaciers Eastern and Western Arpisson up to the altitude of 2800 metres, before a characteristic rounded and alluvial fans in altitude of 2826 metres (See photo in bottom near the number 12). So in this area the wall is over 750 metres high; but this large spur does not come directly from the Vertex, but originates at the Top of the Black Triangle (3378m), great forepart vertical shaped black triangular shield becomes detached from the wall itself, that is, between the edge of the above and a steep gully rocky glacial-called "Couloir Ghost" by mountaineers. But the "true" North Wall is completely to the West of this sector definitely facing North. Concave it relaxes at first like a trapezoid inclined forming a lozenge ending as irregular parallelepiped gradually proceeds towards the West in the direction of Colle Carrel (2912m) at the adjacent Federigo Zullo Bivouac (2912m). But the same does not reach the hill, as contained by a secondary ridge, which is separated from the Northwest of Mont Ròss just below a characteristic reddish tooth (3150m; Red Tower by buxlex in SP) to arrive at the North Pond Peckoz (2873m) now in the Arpisson Walloon. Precisely against this margin runs out of the wall, contained in part higher, over the tooth, the Northwest Ridge of Mont Ròss and then from the West, that the same reaches the Little Emilius (3342m) and then the Vertex. The wall is "holds" on twin pillars separated by a large Central Channel, accompanied by another similar lines immediately to the West of the pier right or West, that constitute a perfect symmetry. This side from right to left is more towards the North-northwest, while the gully to the right and in the direction of the Little Emilius down a wall facing North and far more limited his right to an edge arched. In addition, gradually losing height, stretches an area less steep that the Little Emilius reaches the ends Western foot of Mont Ròss de Comboé. A third gully salt oblique "cutting" the wall from the base, here in the altitude of 2900 metres, reaching the North-northeast Edge just above the Black Triangle and at that particular "notching shaped closed hand" about 3400 metres, making it even more geometrically clear design of this face. All three couloirs are greatly exposed to falling rocks, especially the last one, because its morphology, is intended as a funnel, to convey everything that comes from the Top. This factor certainly makes the wall more difficult and dangerous for this specific reason has never recorded a large attendance by climbers; just go up to the nearby Becca di Nona to hear the frequent discharges that with their dull rumble distort the same blackening the Glacier Arpisson. Nevertheless, it has attracted the attention of long-time climbers, especially but not only local, in search of strong emotions and have a good Spirit of Adventure. We see its history.




North Wall All Routes since 1897 until 2006, by Antonio


Questa grande parete domina la Città d'Aosta dall'alto di 3000 metri. Rivolta a Settentrione presenta un'altezza nel suo punto massimo di oltre 750 metri, mentre é larga per quasi due Kilometri, compresa tra il suo Spigolo Nord-nordest, che la separa dalla verticale Parete Est sopra il Vallone delle Laures, e la sua parte più Occidentale al di sotto del Mont Ròss de Comboé o Spallone Ovest (3301 m), dove perde alquanto sia d'altezza che di ripidezza. Ma il suo punto di massima elevazione trovasi tra la Sommità (3559 m) ed un costolone roccioso che a guisa di "mammellone" scende a dividere i due Ghiacciai Orientale ed Occidentale di Arpisson fino alla quota di 2800 metri circa, prima d'una caratteristica e tondeggiante conoide di deiezione a quota 2826 metri (Vedi nella foto sopra presso il numero 12). Quindi in questo settore la parete supera i 750 metri d'altezza; ma questo grande sperone roccioso non proviene direttamente dal Vertice, bensì trae origine presso la Sommità del Triangolo Nero (3378 m), grande avancorpo verticale che a forma di nero scudo triangolare si distacca dalla parete vera e propria, cioé tra lo spigolo di cui sopra ed un ripido canalino roccioso-glaciale detto "Couloir Fantasma" dagli alpinisti. Ma la Parete Nord vera e propria si trova completamente ad Ovest di tutto questo settore decisamente rivolto a Settentrione. Di forma concava si distende dapprima a guisa di trapezio inclinato formando una losanga terminante a mò di parallelepipedo irregolare a poco a poco che procede verso Ovest in direzione del Colle Carrel (2912 m) presso l'attiguo Bivacco Federigo Zullo (2912 m). Ma la stessa non lo raggiunge, poiché contenuta da una cresta secondaria, distaccantesi da quella Nordovest del Mont Ròss appena al di sotto d'un caratteristico dente rossiccio (3150 m; Torre Rossa o Red Tower per buxlex in SP) per giungere a Nord del Laghetto Peckoz (2873 m). Proprio contro questo margine s'esaurisce la parete, contenuta invece nella parte più in alto, sopra il dente, dalla Cresta Nordovest del Mont Ròss e poi da quella Ovest, che dal medesimo raggiunge il Piccolo Emilius (3342 m) e quindi il Vertice. La parete si "regge" su due pilastri gemelli separati da un Canalone Centrale, accompagnato nelle linee da altro similare subito ad Occidente del Pilastro di destra od Ovest, che le configurano una simmetria perfetta. Questo lato da destra verso sinistra é più rivolto verso Nord-nordovest, mentre dal canalone di destra ed in direzione del Piccolo Emilius scende una parete decisamente più rivolta a Settentrione e limitata sulla sua destra da uno spigolo arcuato. Oltre, perdendo progressivamente d'altezza, si allunga un settore meno ripido che dal Piccolo Emilius raggiunge l'estremità Occidentali ai piedi del Mont Ròss de Comboé. Un terzo canalone sale obliquo "tagliando" la parete dalla base, qui in altitudine di 2900 metri circa, raggiungendo lo Spigolo Nord-nordest appena al di sopra del Triangolo Nero e presso quella particolare "dentellatura a forma di mano chiusa" a circa 3400 metri, rendendo ancora più geometricamente evidente il disegno di questa faccia. Tutti i tre canali sono esposti notevolmente alla caduta di pietre, soprattutto l'ultimo che, causa la sua morfologia, é destinato, come un inbuto, a convogliare tutto ciò che proviene dall'alto. Questo fattore rende sicuramente la parete più pericolosa che non difficile e proprio per questo specifico motivo non ha mai registrato grande frequentazione da parte degli alpinisti; basta salire alla vicina "Becca" per udir le scariche frequenti che col loro sordo rimbombo stravolgono la stessa insozzando il Ghiacciaio d'Arpisson. Ciononostante essa ha attratto da lungo tempo l'attenzione degli alpinisti, soprattutto ma non solo locali, in cerca di forti emozioni e dotati di buon Spirito d'Avventura. Vediamone la Storia.




From left: E Wall, N-NE Edge, Black Triangle & N Wall, by Camillo Roberto Ferronato







North Wall & Black Triangle from Arpisson Walloon in Spring 2006, by Emilio Bertona aka emilius










Six Routes small History




North Wall All Routes since 1945 until 2006 , by Antonio.


This work is aimed at those ascents that have been realized through new routes, from the end of World War II° to today, and inclusive of a period of nearly seventy years of age; in this period have been made other three climbs on it, but directed at ways previously drawn: two lonely climbs by Gianni Pais Becher Auronzo in July 1967 and Christian Cardellina in July 1998, both through the Via Binel-Crétier 1927; the third is by Alberto Sciardi end of June 1985 in the middle of the Central Couloir 1940. But, as already mentioned, belong to routes before or during the war it. Even if you do not belong to this specific examination and, if necessary, to a future, two brief notes regarding the history of this wall we want them back. How to "Bulletin C.A.I. 1878", p. 565, a first attempt is made at the beginning of the same summer by Martino Baretti and Luigi Bruno, both Turin, with the Guides of Susa Valley Augusto and Vittorio Sibille. Martino Baretti, in those days, in addition to being a renowned scientist scholar of minerals, is a character in sight in the panorama of Italian mountaineering. To he is dedicated a hill between the Viva Rocia and Becca Gay; moreover a summit on the crest of the Brouillard Mont Blanc bears his name. In relation confused it comes to Wall West, which does not exist, and a retreat to a around hundred meters from the Top, because the ice covering totally rocks. From the description seems more an attempt on the right side at the Little Emilius, by a way that will be held on 30th August 1897 by Ercole Daniele and Giovan Battista Devalle, always Piedmont, with Mountain Guides Valtournanche Alessandro and Luigi Pession. This is the first centered on the same goal, even if made in a field at the edge of the wall itself. Even more marginal is the descent by the Abbé Joseph Maria Henry with Guide Charvensod Grégoire Comé in September 17th, 1902. The same, after covering the West Ridge, fall to Colle Carrel at the edge of the great shoulder of Mont Ròss Comboé, dropping suddenly not difficult between blocks and snowfields up to Glacier Western Arpisson. Both of these routes, belonging to one "was exploratory" have not been the most traveled, but the way of 1897 is all but easy. When in 1906, with Abbots Bonin, Bovet and Engineer Tofani, Abbot climb the North-northeast Edge a glance over the Triangle gives it, prospecting, given the difficulties faced seemingly insurmountable, an escape downhill; considers it feasible along the gully oblique, but then the slope will fail and he will look good to think back to the Wall.




The Great Amilcare Crétier with marmot, by Lino Binel.


We think instead three young Aostans in 1926: are Lino Binel, Renato Chabod and Amilcare Crétier
that the Holiday August is leading to Peckoz Shelter decided to open a new route, almost thirty years later. The next day at 4.35 and at 5.00 depart attack the face in its center between the two pillars. They go up to seven hours, keeping the left margin of the Central Couloir, that is on the inside edge of the East Pillar, until large plaques icy convince them, not wanting to go to work to wrists and ice ax, to cross to the left to reach the Corner Nord-northeast. So they do and, encountering a party of Biella led by Alessandro Martinotti, with these end-topping 13.10. The humiliation of not being able to make the climb integral provokes them, for which I have been meeting for the following summer. But when you find August 20th, 1927 at Colle Carrel are only two. Chabod, "attracted to other mountains" does not show up. But the next day will be equally into three: the third is a nice marmot Amilcare caught with his bare hands, and who will make the ascent of the Northern Face scratching and blowing into his backpack. They get up at 4.10 and at 4.45 are the terminal crevasse Arpisson. To 11.20 are on top, after making a few small variations compared to the previous year remaining on the edge of the ridge and out on the West Ridge to fifty metres from the Top. But, once here and a beyond, the wall at the point of its maximum height, or the Eastern sector, it is not yet fully overcome. And so will be around 1940 when, Anselmo "Ansel" Falcoz with Massimo Mila, along the Central Canal, will come out even further to the West.




"Dulo" Ourlaz in action, by Collection Ourlaz Collection.


And also the Guide Aosta Giulio Adolfo "Dulo" Ourlaz with Lieutenant Alpine Troops of S.M.A. Emanuele Tosana
(Military School by Aosta) behave equally with almost same route: at the end of April 1942, making a great undertaking, will go through the great "Breast or Udder" that divides the wall from the Black Triangle and then conclude to the Summit by Corner Nord-northeast. Autumn will make a way in "mixed" through a small ridge in the couloir with the next crossing left on East Pillar and exiting as the climbers of 1927. This time span between the first ascents and those carried out during the years of conflict had been overshadowed by the tragedy that occurred August 25th, 1929 when the brothers Alessandro "Dino" and Jean Charrey with Cino Norat rushing on the East Wall in an attempt to make the first ascent. After is Turin (but by Friuli) Giusto Gervasutti "The Fortissimo" along with the Academic Renato Chabod Valsavarenche perform her June 26th, 1935, but lost because of this climb the "Race to the North of the Grandes Jorasses or Wanda", as he called Amilcare that meanwhile in 1933 with Antoine Gaspard and Basile Ollietti died at the Matterhorn after scoring the first of the South-southeast Ridge or Cresta De Amicis. Here seems to end the story of these two walls that sees repeat the East from Pietro "Piero" Rosset with Franco Garda and the first solo of Giovanni Matteo "Agostino" Zulian Luin-Grand Brissogne in September 1961 still on East; but the North seems to fall by the wayside, as the race moves to the Black Triangle (3378m) with its vertical 400 metres. The problem will be solved by Mountain Guide Valpelline Piero Rosset together another strong Guide Valpelline Angelo "Angelino" Bozzetti in 10 and 11th September, 1960, after a preceding try attempt in August always '60 in the first most difficult 120 metres on rocky base. But the North did not talk about it anymore. Until the end of the Seventies, when Camillo Roberto Ferronato and Osvaldo Cardellina, both of Pian Felina Fraction Charvensod, they think it is now time to they groped the first winter on the North. It will be a disappointment, because they are years of heavy snowfall and such to "paint" the wall of a huge layer. They can not even perform the basic approach to the rejected, among other things without skiing and even snowshoeing, by metres of snow and powder that makes them sink to the armpits at every step. A folly, for which sadly is what comes home. They think it will be done by someone else, more skilled and certainly luckier.
Are based in the following summer 1980 when August 31th opened a direct route to the Top, to left alongside the routes of 1926 and 27. In day to Pila Pila. In the first section are a nail red and type "modern", that makes others realize that arrived after the climbs of 1940 and 42, since the Quendoz-Trevisan 1970 attacks much more right at the base of the Right or Western Pillar. You will know that it was the other two attempts without success to return inside the gully oblique by abseiling. However, regardless of the way in 1970, is a return to this wall. After thirty-eight years, attempts apart. Two years later, in Autumn 1982, the two good climbers Aosta Roberto Arbaney and Danilo Chatrian, starting from what little remains of the old Hut Peckoz, repeat the Way of the '70 that define "rude climbing into rock in wild environment". If the they say ...




Last steps on North Wall "Direct" 1980, by Camillo Roberto Ferronato.


On July 28th 1984
, the two are repeated opening, along with Sandrino Casalegno Pian Felina, said "Little Wolf" and Maurizio Castellan Aosta, a route further to the left as well as more direct. But it is a path failure and once at stake "continue to dance", in the midst of great volleys of stones that sweep in a day of strong wind the wall for over two hours. From 10.00, now the attack, in addition to the 12.30 when leaving the channel oblique landing at the Top. Give the "blame" to friends Fénis Saint Marcel that simultaneously are going up the North-northeast Edge and which sometimes feel, distant voices. "For God stop swallow stones!" Instead of giving it to themselves about time to leave. But in summer 1980, always starting at this hour and with time even bad, it was not even a pebble dropped, as also tells Amilcare for its two ascents. But today it seems a trench of World War I with th'Emilius armed with powerful and unstoppable machine guns. Incidentally this is a climb made "to order". How to order? (sorry if I make a personal impact, but unfortunately and fortunately I was there) is because when the friend Enrico Mauro, Dolomites Climber Auronzo and Mountain Guide Matterhorn, is to ask me to make this climb during the placement Federigo Camp as the boy's father wants to make a movie while other climbers ascend along the edge, I'm not able to say no. It goes, consistent with work commitments. So when we arrive, starting at Midnight from home, the hill is now night. If the "shelter" Peckoz were the remains, now no longer even these. We rest in the open on four rickety tables, using the pillow for two bags of cement semi open. More or less at 9.15 a powerful roar wakes us up: the helicopter is over the hill and is laying the bivouac suspended from steel cables. We were sleeping so well! Invitation to idleness must leave. That's why we come to the bergsrunde that are over 10.00. We are not Lazy! Only a factor contingent ... In any case, on both occasions we do the climb in less than six hours, this last time a bit more. But these young people were never upwards and when I shouted from above by alerting them to a discharge of stones coming, curled up in the channel as kittens sheltering under the helmet. Emilius mercilessly machine-gunned them and bullets marked the snow couloir all around them. They did not take even a stone. This is to make it clear to you what is the North Face.
The following year 1985, June 29 day of "Fires of Saint Peter and Paul" the good Mountaineer Aosta Alberto Sciardi, while his brother looks at him from Becca di Nona, salt solo the Central Couloir, to Falcoz Mila, about year 1940, Route; descends through the West Ridge to the Mont Ròss de Comboé and then to the hill of the same name and the Plan of Valé, where he meets his brother. A great undertaking, although not under our discourse of ports open on the wall after the war. The next day, the Summit of Emilius, I go down to a sudden the West Ridge and I see the footprints in the snow out of the North. I will be later informed of the fact. Congratulations again!




Becca di Nona from Emilius Summit, by Alberto Sciardi.


The last day of the year 1984 recorded the first absolute winter ascent of the wall
. Are the two Mountain Guides of Valpelline Alberto Chéraz and Corrado Framarin get this great success and to celebrate the new year with a bang. December 30 arrvano new Federigo Camp Zullo at Carrel Hill and the next day realize this great undertaking climbing the Via Quendoz-Trevisan 1970, making thus the second repetition of the same. A prudent and wise decision, since the same, rising through the Pillar Right or West, is certainly much less exposed to the discharge of stones and snowslides. They also lucky because it did not snow and winds have swept across, so that it is more "black" than in summer. Lady Luck favors the brave. Bravi! Alberto will tell me on the phone while I write for SP "33 ROUTES OF Emilius (3559m) First part" in June of 2009: "A pitch really hard ..." I had known him in the hospital when I had worked for breaking Achilles tendon, in July 2008. Was to find another Guide Ziggiotto his friend, who had had an accident in the mountain. I never imagined to hear of his death two months later, struck down by a boulder that had cut the rope thus saving the customer. On Pilier Barnazat the Tour Ronde, the day after Holiday August 2009. I have "forgiven" him of having "cheated" to me the first winter. Rest in peace. And also I have "forgiven" the Corrado, who was a football player in my U.S. Aosta Soccer 1911. Simply were better than us, that this dream for a long time we kept in the drawer. In life you can not dream for too long ...
But now a small step back we have to do. Because if it is true that the area of the left had been revisited after 38 years, the right one did not see more people since 1897! When the party game from Arpisson had carried out the wall under the Little Emilius, a way across that, after the "taste" of Martino Baretti & Company in 1878, had seen them come out on top in this Summit and those of the gendarmes reddish Crest West. "After a nice climbing for a series of frames and chimneys, as the wall for a good tract covered with fresh snow, the party had to fall back on the right, to the Ridge West far below the first gendarmes that arise on it and ie about fifty meters higher than the sort of hand formed by characteristic projections of the ridge from the other part of the Wall ... " (This is Top of Black Triangle 3378m). So in "C.A.I. RM 1897", on p. 385. They continued with the same passing alternating side Arbolle (South) and "wandering" for short stretches on the North. Then came out to about 3430 metres or 130 from Summit, which also corresponds to what is written by the Baretti in Bulletin C.A.I. 1878, page 565: "... a dangerous and exhausting work of 4 to 5 hours, for all those rocks covered with ice and cut anywhere from walls impossible to overcome, difficult to get around, took us to 100 m. from the top. Can not to rise as high for the condition of the rocks as we are forced to retreat ... ". Nothing can be removed, however, to the courage of These Intrepid, the first to have Had the Idea of the North Slope Arpisson.




North Wall from Black Triangle 1976, by Osw.


So this is the situation when time September 26th, 1970
Renato Quendoz and Giuseppe "Pino" Trevisan arrive at the old Shelter Peckoz Carrel Hill; the same can still accommodate climbers, as the walls are intact and the roof has not yet collapsed. They have an ambitious and sleep here. A project that had been long in the mind us climb the Pillar Right or West. But when August 13th, 1967, after climbing Becca di Nona for repeating the North Wall by Via 1966, we arrive on the Summit of that we have a dual nasty surprise: the wall is covered with a fine layer of powder snow and, second and more importantly, Ilario does not feel well and has a little fever. Nothing, you return home. It will be for another time. But now that Renatino and "Pino" are here, Hilary has been dead for just a year. The September 29th, 1969 together with Gianni Junod on Aiguille JJ Croux, Via Ottoz. Indeed they are here for this reason, to dedicate a route to them. Renato has already made the fourth ascent of the East Wall precisely with Ilario July 18th, 1969, while "Pino" is a young man who is not entered for a long time in our company. With him I had opened a via on the West Face of the Roccia Viva in July 1968 and made other beautiful routes in 1969; but now everything has changed and he goes with Renato, who is always one of our but with a "round" a little different. Together for a short time, August 27th, they opened a beautiful and difficult route (IV°+ and V°+) on the East Wall of the South Summit of Arolletta Superior or Northern (3117m), more direct and to the side of the Via Cristiano-Danusso-Fornelli of September 28th, 1969. "Renatino" is a climber of small stature and even "skinny"; has no power but compensates with an excellent technique that allows him to always climb with great calm and serenity. Measured movements, is master of rock up to the maximum of the degrees and also is balanced, modest and is capable, if it is the case, to give up. Him I could always admire the simplicity, modesty and moderation. School "Angelino" Bozzetti, C.A.I. Aosta. On August 6th, 1967 I did with him a new route on the Vierge de Arolletta (2924m), the Pillar East right-of way Picchiottino-Robino of May 1965, the Carena-Cristiano-Fornelli-Balmamion-Rattazzini and Variant Manera-Giglio both the 1966 and other routes made in October, as well as on the left of the East-northeast Wall realized by strong Guide Pietro "Piero" Rosset with Enrico Donadoni in August of 1953. It is a large pillar of over 400 metres. An idea of Renato who has already tried the climb with Ruggero Busa cousin Ilario's. But they came back, as we are back we too after about 200/220 metres, after passing steps IV°+, V° and a really tough to sixth. But the night it had rained and the rock had become wet from still moist. So Renato decided, reached via 1966 in hand, it was better to return, given the late hour. We went down after a double rope "stupid" because we did not draw well the strings, in "free" in the throat immediately right. In fact, I still 10 metres above, because no longer flowed and I had to liberate Renato. An adventure in adventure, considered a "défaillances" because this was, in those days, if not reached the Top. So much so that when it came out in 1971 "Pennine Alps Vol. I°" by Gino Buscaini was not even mentioned. Renato had already put on the back burner. I had to remember I to him. If it was almost forgotten. But it was also good on ice, as I could appreciate July 7th, 1968 on the Northwest "Granpa" topped the two ropes had cut steps for 80 metres on the "verglass" to 60°; with our crampons mixed with eight points (about the same as those of Amilcare & Companions in July 1930) and with two ice screws semi tubular, which today would die laughing. For security, a leg inside up to the groin in a small crevasse of less than a meter. The other hanging out. While "Renatino" cut throwing icicles as big as an apple down the chute. Technical side and finest qualities of great balance static-dynamic.
The "Pino" was a good second and so well indulged the "Renatino". With him and other I redid the Northwest June 22th, 1969 and other beautiful climbs, especially on ice. I saw Renato mountain September 9th, 1973: he went to the Grand Combin with C.A.I, Aosta by Normal Spalla Isler, we at West Ridge. All starting from Cabane Valsorey, finished in one day in the middle of a big storm. Then I think he stopped going to the mountains. When I reviewed the "Pino" in 1998, having made only by the West Gully right or just to the side of their via, I heard say: "But you still doing those things?". I was puzzled. True, everything in Life goes ...

Antonio Ilario Garzotto ...
GERVASUTTI & CHABOD  BATTLE  Go to East Wall 1969
MONT PARAMONT <font color =blue>Central Serac on North Face</font> 1969
R. Quendoz sulla parete Est...
<b><font color=red>Gianni JUNOD</font> in <font color=gren>Guido MONZINO Refuge</font> and <font color=brown>Aiguille Jean Joseph CROUX</font></b>


West Pillar, a Via named & dedicated to Ilario Antonio Garzotto and Gianni Junod, by Various.


But not that morning of September 27th, 1970
, because "Renatino" and "Pino" are motivated in the right place and in shape. They attack at 7:00 am, wandering down the only glacier crevasses Western Arpisson and reach the maximum depression in the base; begin with a dihedral-ledge diagonally to the right, up to two other parallel dihedral, exploiting the left through a slit and reaching the red rocks. Go to the right, reaching 40 metres wide ledge with soil, then follow a ramp to the left to reach the true base of the pillar-spur. Wander left secured wall grayish. Here the edge, of brownish rocks, is outlined in its elegance and the attack on the left to rocks not good and exploiting small cracks come into a dihedral gray and difficult (V°-, 1 nail left) up to a stopping point; through a small ledge on the right and cross two metres for plaques with cracks (1 nail) reach the edge against the right couloir to reach a small terrace above by rounded rocks and with poor footholds. So exceed a plaque followed by a crack with stones unstable. Continue in vertical rocks easier but insecure reaching a terrace with a spike characteristic on the left, where they build a small mound; follow the edge for the other length of rope to a slit with lichen on the left followed by a vertical dihedral of four metres but with good holds. A subsequent slot very exposed (III°+/IV°) leads to a first tower reddish cross to the left by a plaque with lichen (IV°+, one nail left); thus reach the characteristic "boite à lettre" on the right; This forces them to remove the backpack left reaching the pinnacle of the tower. Continue to rock the easiest and plaques on the right to a slot that go out on a terrace (IV°). Subsequent plates and another gully lead them to a subsequent terrace (1 nail insurance); continuing in vertical succession to another groove and cracks easier to below a zone plates with black, bounded on the right by a second great tower reddish. Continue passing between plaques and the same through a dihedral followed by red rocks and broken by the terrace above followed almost entirely the wire edge reaching the West Ridge to a hundred metres from the Top. The via it is done, the Pillar is won. Forever and ever. He will say to me, "Pino": "But the last 200 metres, the easier ones but with all those boulders stacked perilously poised between them. I did not see the time to be out". Why, Sirs, the North Wall of Emilius is even this ...
And we come to the 90's.
So was synthesized in "33 ROUTES OF Emilius (3559m) First part" this climb that opens the doors of this decade about the North Wall of Emilius: (12) *** N-NW Face ("Couloir Fantasma"-"Phantom Gully", new route): Aldo Cambiolo and Pier Luigi Sartore; Jun 16/17th, 1990; d. in lev. 460m; (45°/85°); TD-/ED/TD+. By now, after the ascent of Sciardi of 1985, five years does not occur any more, six compared to a new way if we count starting from "Superdiretta" of 1984. The idea of this street is the ice climber of Aosta Aldo Cambiolo, Aspirant Guide since 1988 and then Mountain Guide since 1991. A line to which I had thought up since 1968, when a boy fantasizing, maybe on a postcard, on the climbs you had in mind to do (see photo in B&N above); but with other objectives, namely thinking of drawing a direct route to the Summit. Then it was well away from the Age Ice Climbers and equipment of the time they would certainly allowed such a performance. "A great rush of stones during the climb of 1980 for the "Direct Route", but through the couloir obliquely at the bottom, I had diverted from head completely from this idea a little crazy. Just just above, at a tower, I saw the same and take off with great noise that direction. just as well that not down the channel where we were going up us. Deleted forever any ambition in that sense. Crazy stuff or suicide. Instead to Aldo, strong ice climber (published three books about) as his mate Aosta Pierluigi Sartore, reminded of this line, as they call them in the specific jargon. It will be an uphill entirely of ice along the slender "glacial gut" that accompanies the Black Triangle on his right or West. Between this and the "Mammellone or Udder" rose by Ourlaz in April 1942; also "Dulo" had attacked here and then immediately navigate to the right on this great forepart that breaks between the two Glaciers Arpisson. For which what this route is dividing the Triangle real from the North Wall. Would say "Piero" (is failure to October): "No, no, this is not the Triangle", as the Via Libera.-Marlier 2006, leftmost. "The real Triangle is what we did in 1960, you see a geometric design. What further this looks like a triangle?". Cutting to the chase, we say, that is not even North Wall. Gentlemen yourself agree on what that is. Incidentally, with the proper proportions and respect, even the Grand Pilier d'Angle has a face turned to the North and one to the East, but always Grand Pilier d'Angle is. We put this away with those of North and then put back also with those of the Triangle in a future page. So Solomon, with all due respect to everyone. Surely, however, is a nice way that ... "It must be addressed only in the presence of ice", says Aldo. As it is called from Lino Fornelli in "Emilius Rosa dei Banchi Parco del M. Avic" by the same with Giulio Berutto, Edit. C.A.I./T.C.I., p. 124: "During the spring, when it begins the process of melting snow in the wall, is formed on the right an ice flow ephemeral (couloir ghost) that marks the wall as if to split her in two. This is the only climb of this kind of group. the thin layer of ice not ... ". A climb that, in our opinion, must remain ephemeral and not repeated because too dangerous, even if you can make a riveting on the rocks at the side. How did the two, who have made the night finding a "good ice, porous but delicate" to get then, bending to the left (East) on the Triangle and finally abseiling in the oblique couloir.




Summer North in July 14th, 1978, by Osw.


They spend more than eight years without anything happening.
Until July 12th, 1998 when Christian Cardellina accomplishes the second solo ascent of Via Binel-Crétier, after that of 1967 by Gianni Pais Becher; it is the third solo Wall considering also that of Alberto Sciardi in 1985. It is accomplished in a day from Pila Pila, starting from home at 9:00 and arriving on time for the dinner hour to 19.00. How does usually Christian, including "Granpa", Grivola and Herbetet. Only for the North of Gay stops at Bivouac Martinotti with strong Roberto Marchisio Turin (all the ways of the Eiger North alone in a week), roommate under the military service. the father, who, like all fathers are always the last to know things, informed by the "Peppino" Lamazzi on the occasion of the inauguration of the Refuge Arbolle July 19th, point in pride does not want to be outdone. So one month after opening by itself a new and very dangerous in the West Gully, one at the side of the Via Quendoz-Trevisan 1970, he already knew from 1974 at the end coming from the West Ridge. Also in the day from Pila. Wow, where is gone to finish the respect? So always in First Part: (3) N Wall and W Arête (Right Couloir, new route): Osvaldo Cardellina, only; Aug 09th, 1998; in day from Pila; diff. in lev. 720m (640 + 80m); (50°, 60°, 65°) D+/TD/D-.
We are the Epilogue with 2000. When Ezio Marlier, strong ice climber Pollein, Cogne Guide, opens November 19th a new route solo in the right sector, between the West Gully and the arched Western Corner, which separates it from stretch of lower height and below the Little Emilius and the Mont Ròss de Comboé. So in SP "First Part": (2) N Wall and W Arête (Right Route-"Spirito Libero" - "Free Spirit",new route): Ezio Marlier, solo; Nov 18/19th, 2006; diff. in level 720m (610+110m); (IV°, 4, M4); TD-/TD.
So says Ezio: "In the occasion of the ascent of Bocconi Amari on Mont Emilius with Rossano Libera, we realized the potential of future possible on that wall: a maze of white lines await the first ascent. After Bocconi Amari and as reported by the repetition of the extraordinary and very strong Robert Jasper, I feel satisfied, proud, but yet another "special situation" does not wait and knocks on my door, and I find myself with the backpack load through the Walloon Comboé to treading the snow to reach the base of the north face of Mount Emilius.
I just have to know where to go up, the possibilities are different, but what will be the most feasible? As it will be difficult? I can go? I know nothing about this street! I do not have no one to consult and share uncertainties and fears. "I'll Mica ordered the psychologist to come here ... you choose ... salts or go home!" I'm on top at 15.00 ... after 9 hours of climbing, is just born "Free Spirit" (600 m. IV / 4 / M4 ).
For the umpteenth time you feel strong and indestructible, a feeling that however hard as a blink, until the "special situation" next to the one that does fall in their fragility, and as a wall stands in front of up to get you kicked my face.
Again sweat bathes his face. Taking walks in the snow and solitude total, backpack heavier accompanies me to the base of another unknown wall, with the idea to find in its crevices a chance to climb to the summit.
Valle d'Aosta - Monte Emilius
FREE SPIRIT
First ascent: Ezio Marlier solo 18-19 / 11/2006
Difficulty: IV-4-M4
Length: 600m
The Way: Beautiful line in extraordinary environment and isolated (see Bocconi bitters).
Material: Some nails in place. Series of friend to red camelot, nuts and nails.
Approach: How to bitter pills to the base of the north, instead of continuing to head towards the black triangle at the base of the line.
Descent: along the railway track leading back to the bivouac Federigo.".
With this climb closes our discussion
, because I do not think what else has been achieved over the past eight years. For the North Wall of Monte Emilius then realized it is an evolution with these "hieroglyphics" through which you express these young "modern" though Ezio, who was a student at my school, my handball player and one of my luger, the younger is no longer even him. We were from the First (I°) to the Sixth (VI°) Degree: it was the "Our Age". This great undertaking, together with that of the Black Triangle which we will discuss in a future and specific page, however, was for him "proper", since he was born, grew up and still lives in locality Pollein.
Right at the foot of the North Face of Emilius.

Let's quickly History.


September 30th, 1970:
Renato Quendoz and Giuseppe "Pino" Trevisan, with start from the old Barack Peckoz nearby the homonym pond.
August 31th, 1980 ("Direct Route"): Osvaldo Cardellina and Camillo Roberto Ferronato, directly to the Summit in the Eastern sector, in a day from Pila.
Half of October 1982: Roberto Arbaney and Danilo Chatrian, first repetition of the Way in 1970 with the same departure.
July 28th, 1984 ("Superdirect to Summit Via"): Osvaldo Cardellina with Camillo Roberto Ferronato and Alessandro "Lupetto" Casalegno with Maurizio Castellan, directly to the Summit more to the left in the Eastern sector, in a day from Pila.
Dec 30/31th, 1984: Valpelline and Quart Mountain Guides Alberto Chéraz (+ August 16th, 2009 Tour Ronde Pilier Barnazat) and Corrado Framarin, first winter Via 1970 and first Winter absolute of the North Wall, starting from Federigo Zullo Bivouac.
June 17th, 1990 ("Couloir Ghost"): Mountain Guide Aosta Aldo Cambiolo with Pierluigi Sartore, starting from Bivouac Federigo Zullo at Carrel Hill.
August 09th, 1998: Osvaldo Cardellina, solo, via into right Couloir in Western sector.
November 18/19th, 2006 ("Free Spirit"): Guide Cogne Ezio Marlier, solo, in Western sector between West great Couloir and Little Emilius, starting Federigo Bivouac.




North Face in May 2006, by emilius.


Questo lavoro si rivolge a quelle ascensioni che son state realizzate, tramite nuove vie, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale ad oggigiorno, quindi comprensive d'un periodo di quasi settanta anni; in questo lasso di tempo sono state effettuate altre tre salite sulla medesima, ma rivolte a vie precedentemente tracciate: due salite solitarie da parte di Gianni Pais Becher di Auronzo nel Luglio 1967 e di Christian Cardellina nel Luglio 1998, entrambe tramite la Via Binel-Crétier del 1927; la terza é ad opera di Alberto Sciardi a fine Giugno 1985 per mezzo del Canalone Centrale del 1940. Ma, come già detto, appartengono a salite di prima o durante la guerra medesima. Anche se non rivolte a questa specifica disamina ed, eventualmente, ad una futura, due brevi note concernenti la storia di questa parete le vogliamo riportare. Come da "Bollettino C.A.I. 1878", pagina 565, un primo tentativo viene effettuato agli inizi della stessa estate da Martino Baretti e Luigi Bruno con le Guide della Valle di Susa Augusto e Vittorio Sibille; nella confusa relazione si parla di Parete Ovest, non esistente, e d'una ritirata ad un centinaio di metri dalla Sommità, causa il ghiaccio ricoprente completamente le rocce. Dalla descrizione appare più un tentativo sul lato destro presso il Piccolo Emilius, per via che sarà realizzata il 30 Agosto del 1897 da parte di Ercole Daniele e Giovan Battista Devalle con le Guide di Valtournanche Alessandro e Luigi Pession. Questo é il primo obiettivo centrato sulla medesima, anche se realizzato in un settore a margine della parete vera e propria; ancora più marginale é la discesa del 17 Settembre 1902 ad opera dello Abbé Joseph Maria Henry con la Guida di Charvensod Grégoire Comé. Gli stessi, dopo aver percorso la Cresta Ovest, rientrano al Colle Carrel al limite estremo dello Spallone del Mont Ròss, scendendo un tratto non difficile tra blocchi e nevai fino al Ghiacciaio Occidentale d'Arpisson. Entrambe queste vie, appartenenti ad un'"era esplorativa", non son state più ripercorse, ma la via del 1897 é tutt'altro che facile. Quando nel del 1906 l'Abbé sale lo Spigolo Nord-nordest un'occhiata da sopra il Triangolo la butta, prospettando, viste le difficoltà che incontrano apparentemente insormontabili, una via di fuga in discesa; la ritiene fattibile lungo il canalone obliquo, poi la salita andrà a buon fine e lui si guarderà ben di pensare nuovamente alla Parete Nord. Ci pensano invece tre giovani aostani nel 1926: sono Lino Binel, Renato Chabod ed Amilcare Crétier che nel giorno di Ferragosto si portano al Ricovero Peckoz decisi ad aprire una nuova via, quasi trent'anni dopo. Il giorno appresso alle 4,35 partono ed alle 5,00 attaccano la parete centralmente tra i due pilastri. Salgono per sette ore tenendosi al margine sinistro del Canalone Centrale, cioè sul bordo interno del Pilastro Est, sin quando grandi placche ghiacciate li convincono, non volendo mettersi a lavorare di polsi e piccozza, ad attraversare sulla sinistra per raggiungere lo Spigolo Nord-nordest. Così fanno e, incontrando una cordata di Biella guidata da Alessandro Martinotti, con questi concludono in vetta alle 13,10. Lo smacco di non esser riusciti a compiere la salita integrale li provoca, per la qual cosa si dan appuntamento per l'estate successiva. Quando però si ritrovano il 20 Agosto 1927 al Colle Carrel son sol in due. Chabod, "attratto da altri monti" non si presenta. Ma il giorno dopo saranno ugualmente in tre: il terzo é una bella marmotta catturata da Amilcare con le sole mani e che farà la scalata della Nord grattando e soffiando dentro al suo zaino. Si alzano alle 4,10 ed alle 4,45 sono alla crepaccia terminale. Alle 11,20 sono sulla Cima, dopo aver effettuato qualche piccola variante rispetto all'anno precedente restando sul filo di cresta ed uscendo sulla Cresta Ovest ad una cinquantina di metri dal Vertice.




Aosta Mountain Guide & Partisan Giulio Adolfo "Dulo" Ourlaz, by Marinella Ourlaz.


Ma, una volta di qua ed una di là, la parete nel punto della sua massima altezza
, ovvero il settore Orientale, non é ancora completamente vinta. E così sarà anche nel 1940 allorchè Anselmo "Ansel" Falcoz con Massimo Mila, percorrendo il Canalone Centrale, usciranno ancora più in là ad Ovest. Ed anche la Guida Giulio Adolfo "Dulo" Ourlaz con il tenente Emanuele Tosana farà ugualmente: ad Aprile del 1942, compiendo una bella impresa, salirà tramite il "Mammellone" che divide la parete dal Triangolo Nero per poi concludere da sopra il Triangolo tramite lo Spigolo Nord-nordest; in Autunno effettuerà una via "mista" attraverso una crestina nel Canale Centrale con successiva traversata a sinistra sul Pilastro Est ed uscendo come la cordata del 1927. Questo lasso di tempo tra le prime salite e quelle svolte durante gli anni del conflitto era stato offuscato dalle tragedia che si verificava il 25 Agosto del 1929 quando i fratelli Alessandro "Dino" e Jean Charrey insieme a Cino Norat precipitavano sulla Parete Est nel tentativo di effettuarne la prima salita. Saranno il friulano, ma torinese d'adozione, Giusto Gervasutti "Il Fortissimo" insieme all'Accademico Renato Chabod della Valsavarenche ad effettuarla il 26 Giugno 1935, perdendo però a causa di questa ascensione la "Corsa alla Nord delle Grandes Jorasses o Wanda", come la chiamava Amilcare, che nel frattempo moriva nel 1933 con Gaspard ed Ollietti al Cervino dopo aver realizzato la prima della Cresta Sud-sudest o Cresta De Amicis. Qui pare concludersi la storia di queste due pareti che vede ripetere la Est da Pietro "Piero" Rosset con Franco Garda e la prima solitaria di Giovanni Matteo "Agostino" Zulian nel Settembre 1961; ma la Nord sembra proprio cadere nel dimenticatoio, mentre la corsa si sposta sul Triangolo Nero (3378 m) coi suoi 400 metri verticali. Il problema sarà risolto da Piero Rosset insieme all'altra forte Guida di Valpelline Angelo "Angelino" Bozzetti il 10 e 11 Settembre del 1960, dopo un tentativo in Agosto tale da portarli a superare i primi duri 120 metri. Ma della Nord non se ne parla più.
Fino al termine degli anni Settanta, quando Camillo Roberto Ferronato ed Osvaldo Cardellina, entrambi di Pian Felina Frazione di Charvensod, pensan bene che sia giunta l'ora di provare la prima invernale sulla Nord. Sarà una delusione, perché sono annate di grandi nevicate e tali da "verniciare" la parete d'uno strato enorme. Non riescon neppur ad effettuar l'avvicinamento alla base respinti, tra l'altro senza sci e nemmeno racchette, da metri di neve alta e farinosa che li fà sprofondare fino alle ascelle ad ogni passo. Una vera follia, per la quale cosa mestamente, coda tra le gambe, rientrano a casa. Pensano che sarà compiuta da qualcuno altro, più bravo e sicuramente anche un pò più fortunato.
Si rifanno nella successiva estate del 1980 quando il 31 Agosto aprono una via diretta alla Sommità, a fianco delle vie del 1926 e 27. In giornata da Pila a Pila. Nel primo tratto trovano un chiodo di color rosso di tipo "moderno", che fà capir che altri sono arrivati dopo le salite del 1940 e 42, poiché la Quendoz-Trevisan attacca decisamente più a destra alla base del Pilastro Ovest. Si saprà che era di altri due tentativi senza buon esito con ritorno dentro il canale obliquo a corda doppia. Comunque, a prescindere dalla via del 1970, é un ritorno a questa parete. Dopo ben trentotto anni, tentativi a parte. Due anni dopo, nell'Autunno 1982, i due bravi alpinisti di Aosta Roberto Arbaney e Danilo Chatrian, partendo da quel poco che resta del vecchio Rifugio Peckoz, ripetono la Via del '70 che definiscono "rude scalata in roccia in ambiente selvaggio". Se lo dicon loro ...




North Wall Exit out to Summit in "Direct" 1980, by Camillo Roberto Ferronato.


Il 28 Luglio 1984
i due di Pian Felina si ripetono aprendo, insieme a Sandrino Casalegno detto "Lupetto" ed a Maurizio Castellan, una via ancora più a sinistra nonché più diretta. Ma é un errore di percorso ed una volta in ballo "continuano a ballare", in mezzo a grandi scariche di pietre che spazzano in una giornata di forte vento la parete per oltre due ore. Dalle 10,00, ora dell'attacco, fino oltre le 12,30 quando escon dal canale obliquo approdando alla parte superiore. Dan la "colpa" agli amici di Fénis e Saint Marcel che simultaneamente stan salendo lo Spigolo Nord-nordest e dei quali ogni tanto si sentono, lontane, le voci. "Per dio smettete di mandar giù pietre!" Invece di darla a sé stessi in merito all'ora della partenza. Ma nel 1980, partendo sempre a questa ora e con il tempo anche brutto, non era sceso neppur un sassolino, come racconta anche Amilcare per le sue due ascensioni. Oggi invece sembra proprio una trincea della Prima Guerra Mondiale con l'Emilius armato di potenti ed inarrestabili mitagliatrici. Daltronde questa è una scalata fatta "su commessa". Come su ordinazione? (scusate se faccio un inciso personale, ma purtroppo e per fortuna c'ero anch'io) Si perché quando l'amico Enrico Mauro, Dolomitista d'Auronzo e Guida Alpina del Cervino, mi viene a chiedere di effettuar sta scalata in occasione del posizionamento del Bivacco Federigo Zullo al Colle Carrel poiché il padre del ragazzo vuol fare un film mentre altre cordate salgon lungo lo spigolo, non sono capace a dire di no. Si và, compatibilmente con gli impegni di lavoro. Così quando arriviamo, partendo a Mezzanotte da casa, al colle ormai é notte fonda. Se del "Rifugio" Peckoz si trovavan dei resti, adesso non ci son più neanche quelli. Ci riposiamo all'addiaccio su quattro tavole sgangherate, usando per cuscino due sacchi di cemento semi aperti. Più o meno alle 9,15 un rombo potente ci sveglia: l'elicottero é sopra il colle e sta posando il bivacco appeso a funi di acciaio. Stavamo dormendo così bene! Bando all'ozio si parte. Ecco perché arriviam alla terminale che son oltre le ore 10,00. Non siamo dei Pigroni! Soltanto un fattore contingente ... In ogni caso in entrambe le occasioni facciam la salita in men di sei ore, quest'ultima volta un qualcosina in più. Ma questi giovani non venivano mai sù e quando da sopra gridavo avvisandoli delle scariche in arrivo, si raggomitolavano nel canale come gattini riparandosi sotto l'elmetto. L'Emilius impietosamente li mitragliava ed i proiettili segnavano la neve tuttattorno a loro. Non han preso neppur un sassolino. Questo per farvi capire cosa sia la Parete Nord.
L'anno dopo o 1985, il 29 Giugno giorno dei "Fuochi di San Pietro e Paolo", il bravo Alpinista aostano Alberto Sciardi, mentre il fratello lo osserva dalla Becca di Nona, sale in solitaria il Canale Centrale, quello di Falcoz-Mila del 1940; scende tramite la Cresta Ovest (attuale "Via Ferrata" con inizio dietro al Federigo) fino al Mont Ròss de Comboè e poi all'omonimo colle ed al Plan di Valé, dove si riunisce al fratello. Una bell'impresa, anche se esula dal nostro discorso delle vie aperte sulla parete nel dopoguerra. Il giorno dopo, dalla Sommità dell'Emilius, scendo per un tratto la Cresta Ovest e vedo le orme nella neve in uscita dalla Nord. Sarò in seguito informato del fatto. Complimenti ancora!
L'ultimo giorno dello anno 1984 registra la prima invernale della parete. Sono le due Guide della Valpelline Alberto Chéraz e Corrado Framarin ad ottenere questo bel successo ed a festeggiare l'anno nuovo con un bel botto. Il 30 Dicembre arrvano al nuovo Bivacco Federigo Zullo ed il giorno appresso realizzano questa bella impresa salendo la Via Quendoz-Trevisan del 1970, compiendo quindi anche la seconda ripetizione della medesima. Una decisione oculata e saggia, poiché questa via, che sale lungo il Pilastro di Destra od Ovest, é sicuramente molto meno esposta alle scariche di pietre ed alle slavine. Hanno anche fortuna perché non ha nevicato ed i venti han spazzato tutto, tanto che é più "nera" di quanto non lo sia in estate. La Dea Bendata aiuta gli audaci. Bravi! Mi dirà Alberto al telefono mentre scrivo per SP "33 ROUTES OF EMILIUS (3559m) First part" nel Giugno del 2009: "Un tiro di corda veramente difficile ..." Lo avevo conosciuto nel Luglio 2008 in ospedale, quando m'ero operato per la rottura del tendine di Achille. Veniva a trovare Carlo Ziggiotto un'altra Guida Alpina di Courmayeur, suo amico, che aveva avuto un incidente in montagna. Mai avrei immaginato di sentire della sua morte due mesi dopo, stroncato in una doppia in discesa da un masso che aveva tranciato la corda, così salvando il suo cliente. Sul Pilier Barnazat alla Tour Ronde, il giorno dopo Ferragosto 2009. Gli ho "perdonato" di avermi "fregato" la prima invernale. Riposi in pace. E pure ho "perdonato" il Corrado, che é stato un mio calciatore nella U.S. Aosta Calcio 1911. Semplicemente son stati più bravi di noi, che questo sogno da lungo tempo tenevamo dentro al cassetto. Perchè nella Vita non si può sognar troppo a lungo ...




Winter North in December 23th, 1977, by Osw.


Ma adesso un passettino indietro nel tempo e nella scansione degli eventi lo dobbiam fare.
Perché se é vero che il settore di sinistra era stato rivisitato dopo la bellezza di trentotto (38!) anni, l'opposto non vedeva più gente dal 1897! Ovvero settantatre (73!!). Quando la comitiva Daniele-Devalle con le loro Guide di Valtournanche Anselmo Pession e Luigi Bich, partita dall'Alpeggio d'Arpisson aveva effettuato la Nord sotto al Piccolo Emilius; una via di traverso che, dopo l'"assaggio" di Martino Baretti & Company del 1878, li aveva visti uscire in alto tra questa Sommità e quei gendarmi rossicci della Cresta Ovest. "Dopo una bella arrampicata per una serie di cornici e di camini, essendo la parete per un buon tratto coperta da neve fresca, la comitiva dovette ripiegare a destra, portandosi sulla cresta Ovest assai aldisotto dei primi gendarmi che sorgono su di essa e cioé ad una cinquantina di metri circa più in alto di quella specie di mano formata da caratteristici spuntoni della cresta Nord dall'altra parte della parete ..." (Si tratta del vertice del Triangolo Nero a 3378 m). Così in "RM C.A.I. 1897", alla pagina 385. Continuarono sulla stessa passando con alternanza sul versante Arbolle (Sud) e "girovagando" per brevi tratti sulla Nord ed infine nuovamente sull'altro. Uscirono quindi a circa 3430 metri ovvero a 130 dalla Sommità, il che corrisponde più o meno anche a quanto scrive il Baretti in Bollettino C.A.I. 1878, pag. 565: " ... un pericoloso e faticoso lavoro di 4 a 5 ore, per quelle roccie tutte coperte di ghiaccio e tagliate ovunque da pareti impossibili da superarsi, difficili a girarsi, ci portò a 100 m. dalla cima. Impossibile prendere più in alto per la condizione delle roccie battemmo in ritirata ...".
Omaggio al coraggio di Questi Intrepidi e Valorosi Alpinisti
, a quanto pare i primi in un serio tentativo sulla Parete Nord dall'Arpisson, dopo la Seneva del giorno prima.
Quindi questa é la situazione temporale quando il 26 Settembre 1970 Renato Quendoz e Giuseppe "Pino" Trevisan arrivano al vecchio Ricovero Peckoz al Colle Carrel; lo stesso può ancor ospitare alpinisti, poichè le mura sono intatte ed il tetto non é ancora crollato. Hanno un progetto ambizioso e qui dormono. Un progetto che avevam già da lungo tempo in mente noi: salire il Pilastro di Destra od Ovest. Ma quando il 13 Agosto 1967, dopo aver scalato la Becca di Nona per la Parete Nord ripetendo la Via del 1966, arriviamo sulla Sommità della stessa abbiamo una duplice brutta sorpresa: la parete é ricoperta da un fine strato di neve farinosa e, secondo e più importante, Ilario non si sente bene ed ha un pò di febbre. Niente, si ritorna a casa. Sarà per un'altra volta. Ma ora che Renatino e "Pino" son qui, Ilario é già morto da giusto un anno. Il 29 di Settembre 1969 insieme a Gianni Junod sull'Aiguille J.J. Croux, Via Ottoz. Anzi son qui per questo motivo, per dedicare una via agli stessi. Renato ha già effettuato la quarta ascensione della Parete Est proprio con Ilario il 18 Luglio 1969, mentre "Pino" è un giovane che s'é inserito non da molto tempo nella nostra compagnia. Con lui avevo aperto una via sulla Parete Ovest della Roccia Viva nel Luglio 1968 e fatto altre belle vie nel 1969; ma adesso tutto é cambiato e lui và con Renato, che é sempre uno dei nostri ma con un "giro" un poco diverso. Insieme da breve tempo, il 27 di Agosto, hanno aperto una bella e difficile via (IV°+ e V°+) sulla Parete Est della Cima Sud della Arolletta Superiore o Settentrionale (3117 m), più diretta ed a fianco della Via Cristiano-Danusso-Fornelli del 28 Settembre 1969. "Renatino" é un arrampicatore di piccola statura ed anche "mingherlino"; non possiede potenza ma supplisce con una tecnica sopraffina che consente a lui di arrampicare sempre tranquillo e con grande serenità. Misurato nei movimenti, é padrone della roccia fino al massimo dei gradi ed inoltre é equilibrato, modesto ed é capace, se é il caso, di rinunciare. Di lui ho potuto sempre ammirare la semplicità, la modestia e la moderatezza. Scuola "Angelino" Bozzetti, C.A.I. di Aosta. Il 6 Agosto del 1967 ho fatto insieme a lui una via nuova sulla Vierge de l'Arolletta (2924 m), sul Pilastro Est a destra delle vie Picchiottino-Robino del Maggio 1965, della Carena-Cristiano-Fornelli-Balmamion-Rattazzini e della Variante Manera-Giglio entrambe del 1966 e di altre vie realizzate ad Ottobre, nonchè a sinistra della Parete Est-nordest realizzata dalla forte Guida Pietro "Piero" Rosset con Enrico Donadoni nell'Agosto del 1953. Si tratta d'un grande pilastro di oltre 400 metri. Un'idea di Renato che ha già provato la salita con Ruggero Busa, il cugino di ilario. Ma sono tornati indietro, come siam ritornati pur noi a circa 200/220 metri, dopo aver superato passaggi di IV°+, V° ed uno veramente ostico di VI°. Ma la notte aveva piovuto e la roccia da bagnata era diventata pur sempre umida. Così Renato ha deciso, raggiunta la via 1966 a lato, ch'era meglio rientrare, vista l'ora tarda. Siam scesi, dopo una corda doppia "balorda", perchè non avevam ben pareggiato le corde, in "arrampicata libera" nella gola subito a destra. Anzi, io ancora 10 metri sopra, perchè le corde non scorrevano più ed ho dovuto liberare Renato. Un'avventura nell'avventura, considerata una "défaillances", perché tale era, a quei tempi, se non raggiungevi la Sommità. Tanto che quando nel 1971 uscì Alpi Pennine Vol. I°" di Gino Buscaini non era nemmen citata. Renato l'aveva già messa nel dimenticatoio. Ho dovuto ricordargiela. Se la era quasi scordata. Ma era bravo anche in ghiaccio, come ho potuto apprezzare il 7 Luglio 1968 sulla Nordovest del Gran Paradiso: in testa alle due cordate aveva tagliato gradini per 80 metri sul "verglass" a 60°; con i nostri ramponi da misto a otto punte (più o meno come quelli di Amilcare e Compagni nel Luglio del 1930) e con due chiodi semitubolari, che oggi farebbero morir dal ridere. Per sicurezza una gamba dentro fino allo inguine in una crepaccina di meno d'un metro. L'altra fuori a penzoloni. Mentre "Renatino" tagliava buttando ghiaccioli grandi come una mela giù per lo scivolo. Tecnica laterale sopraffina e doti di grande equilibrio statico-dinamico. Il "Pino" era un buon secondo e così bene assecondava il "Renatino". Con lui ed altri ho rifatto la Nordovest il 22 Giugno 1969 ed altre belle salite, soprattutto in ghiaccio. Ho rivisto Renato in montagna il 9 Settembre 1973: lui andava al Grand Combin con il C.A.I. di Aosta per la Normale della Spalla Isler, noi alla Cresta Ovest. Tutti partendo dalla Cabane di Valsorey, in una giornata terminata in mezzo a gran temporale. Poi credo che abbia smesso di andar in montagna. Quando ho rivisto il "Pino" nel 1998, dopo aver fatto da solo il Canalone Ovest di destra appena a lato della loro via, mi son sentito rispondere: "Ma fai ancora quelle cose?" Son rimasto perplesso. Proprio vero, nella Vita tutto passa ...

On the trail ...Always dreams but with clearer Ideas 1968
Becca di Nona (3142m) After the North Face
Peckoz Pass, Blantsette Head & Emilius s North Face
After Replay Route 1966 on North Face 1967
On the trail Grégoire & 1902 ... Old Dreams Youth 1967


Western Pillar, an old Idea of Osvaldo, by Ilario Antonio Garzotto & Osw.


Ma non quella mattina del 27 Settembre 1970
, perché "Renatino" ed il "Pino" son motivati al punto giusto ed in forma. Attaccano alle ore 7,00, aggirando in basso gli unici crepacci del Ghiacciaio Occidentale d'Arpisson arrivando alla base nella massima depressione. Iniziano tramite un diedro-cengia in diagonale destro, fino ad altri due diedri paralleli, sfruttando quello di sinistra tramite una fessura e raggiungendo delle rocce rossastre. Passano a destra toccando con 40 metri un'ampia cengia con terriccio, quindi seguono una rampa a sinistra raggiungendo la vera base del pilastro-sperone. Aggirano a sinistra una paretina grigiastra. Qui lo spigolo, di rocce brunastre, si delinea nella sua eleganza e l'attaccano sulla sinistra per rocce non buone e sfruttando fessurine entrano in un diedro grigio e difficile (V°-, 1 chiodo lasciato) fino ad un punto di sosta; tramite una cengetta attraversano due metri a destra e per placche fessurate (1 chiodo) raggiungono il bordo contro il canale a destra raggiungendo un terrazzino al di sopra tramite rocce arrotondate scars d'appigli. Quindi superano una placca seguita da fessura con sassi instabili. Continuando in verticale per rocce più facili ma insicure raggiungono una terrazza con spuntone caratteristico sulla sinistra, ove costruiscono un ometto; seguono lo spigolo per un'altra lunghezza di corda fino ad una fessura con licheni ed a sinistra un diedro verticale di 4 metri, ben appigliato. Una successiva fessura molto esposta (III°+/IV°) conduce ad un primo torrione rossastro che si attraversa a sinistra tramite placca con lichene (IV°+, 1 chiodo lasciato); raggiungono così la caratteristica "boite à lettre" a destra; questa li costringe a toglier lo zaino raggiungendo a sinistra il culmine della torre. Proseguono per rocce più facili e placche a destra verso una fessura che salgono uscendo sopra un terrazzo (IV°). Le restanti placche ed un altro canalino li portano ad una successiva (1 chiodo d'assicurazione); proseguono in successione verticale per un altro canale e fessure più facili fino al di sotto d'una zona con placche nere, delimitata sulla destra da un secondo grande torrione rossastro. Continuano tra placche ed il medesimo tramite un diedro rosso seguito da rocce più rotte e dalla terrazza soprastante seguono quasi integralmente il filo dello spigolo raggiungendo la Cresta Ovest ad un centinaio di metri dalla Cima. La via é fatta, il Pilastro é vinto. Per sempre. Mi dirà il "Pino": "Ma gli ultimi 200 metri, quelli più facili ma con tutti quei massi accatastati in bilico. Non vedevo l'ora d'esser fuori!". Perchè, Signori, la Parete Nord é anche questo ...




Mountain Guide Cogne Aldo Cambiolo, by Roberta Vittorangeli.


E veniamo agli Anni 90.
Così era stata sintetizzata in "33 ROUTES OF EMILIUS (3559m) First part" questa salita che apre le porte a questo decennio riguardo la Parete Nord dello Emilius: (12) *** N-NW Face ("Couloir Fantasma"-"Phantom Gully", new route): Aldo Cambiolo and Pier Luigi Sartore; Jun 16/17th, 1990; d. in lev. 460m; (45°/85°); TD-/ED/TD+. Ormai, dopo la salita di Sciardi del 1985, sono cinque anni che non si verifica più nulla, sei rispetto ad una via nuova se teniamo il conto partendo dalla"Superdiretta" del 1984. L'idea di questa via viene al ghiacciatore di Aosta Aldo Cambiolo, Aspirante Guida dal 1988 e poi Guida Alpina dal 1991. Una linea alla quale avevo pur pensato anch'io fin dal 1968, quando da ragazzo fantasticavi, magari su d'una cartolina, sulle salite che avevi in mente di compiere (vedi foto in B&N sopra); ma con altri obiettivi, ovvero pensando di tracciare una via diretta alla Sommità. Allora si era ben distanti dall'Era dei Ghiacciatori e le attrezzature dell'epoca non avrebbero certamente consentito una tale performance". Una grande scarica di pietre durante la scalata del 1980 per la "Via Diretta", tramite però il canale obliquo nella parte inferiore, mi aveva distolto completamente da quest'idea un pò folle. Proprio appena sopra, presso un torrione, avevo visto staccarsi la medesima e prendere con grande fragore quella direzione. Meglio così che non giù pel canale ove stavam salendo noi. Cancellata per sempre ogni velleità in quel senso. Roba da matti o da suicidi. Invece ad Aldo, forte ghiacciatore (ha pubblicato tre libri in merito, tra i quali uno con il "Maestro" Gian Carlo Grassi) come il suo compagno di Aosta Pierluigi Sartore, viene in mente questa linea, come lor le chiaman nello specifico gergo. Sarà una salita interamente su ghiaccio lungo quell'esile "budello glaciale" accompagnante il Triangolo Mero sulla sua destra od Ovest. Tra questo ed il "Mammellone" salito da Ourlaz nell'Aprile del 1942; anche "Dulo" aveva attaccato qui per poi traversare subito a destra su questo grande avancorpo che si infrange tra i due Ghiacciai di Arpisson. Per la qual cosa questa via é divisoria il Triangolo vero e proprio dalla Parete Nord. Direbbe "Piero" (é mancato ad Ottobre): " No, no, questo non é Triangolo", come diceva per la Via Libera Marlier del 2006, più a sinistra. "Il vero Triangolo é quello che abbiamo fatto noi nel 1960; lo vedi dal disegno geometrico. Quello più in là ti sembra un triangolo?". Tagliando la testa al toro, diciamo noi, che non é neppure Parete Nord. Signori mettetevi daccordo su quello che é. Daltronde, con le dovute proporzioni e rispetto, anche il Grand Pilier d'Angle ha una faccia rivolta a Nord ed una ad Est, ma sempre e comunque Grand Pilier d'Angle é. Mettiamo questa via con quelle della Nord e poi la metteremo di nuovo anche con quelle del Triangolo in una futura pagina. Salomonicamente, con buona pace di tutti. Sicuramente però é una bella via che ... "Deve essere affrontata esclusivamente in presenza di ghiaccio", come dice Aldo. Come la chiama Lino Fornelli in "Emilius Rosa dei Banchi parco del M. Avic" ad opera dello stesso con Giulio Berutto, Ed, C.A.I./T.C.I., alla pag. 124: "Durante la stagione primaverile, quando inizia il processo di scioglimento della neve in parete, si forma sulla destra una colata di ghiaccio effimero (couloir fantasma) che segna la parete come volesse dividere lei in due. Questa é l'unica salita di questo genere del gruppo. Il sottile strato di ghiaccio non ...". Una salita che, a nostro avviso, deve rimanere effimera e non più ripetuta poiché troppo pericolosa, anche se consente di effettuare una chiodatura sulle rocce a lato. Come hanno fatto i due, che la hanno realizzata di notte trovando un "buon ghiaccio, poroso ma delicato" per arrivare poi, piegando a sinistra (Est) sul Triangolo ed infine scendere a corda doppia nel canale obliquo.
Passano oltre otto anni senza che succeda nulla. Fino al 12 Luglio 1998 quando Christian Cardellina compie la seconda salita solitaria della Via Binel-Crétier 1927, dopo quella del Luglio 1967 di Gianni Pais Becher; si tratta della terza solitaria della parete considerando anche l'ascensione di Alberto Sciardi nel 1985. Viene compiuta in giornata da Pila a Pila, partendo da casa alle 9,00 ed arrivando puntuale per l'ora di cena alle 19,00. Come fà di solito Christian, "Granpa", Grivola ed Herbetet compresi. Solo per la Nord della Gay si ferma al Bivacco Martinotti con il forte Roberto Marchisio di Torino (tutte le vie della Nord dello Eiger da solo in una settimana), compagno di camera sotto la "Naja". Il padre, che come tutti i padri vien sempre a saper le cose per ultimo, informato dal "Peppino" Lamazzi in occasione dell'inaugurazione del Rifugio di Arbolle il 19 Luglio, punto nell'orgoglio non vuol esser da meno. Così un mese dopo apre da solo una via nuova e molto pericolosa nel Canalone Ovest o di Destra, quello a fianco della Via Quendoz-Trevisan 1970, che già conosceva dal 1974 nella parte finale arrivando in traversata dalla Cresta Ovest. Sempre in giornata da Pila. Perbacco, dov'é andato a finire il rispetto? Così sempre in First Part: (3) N Wall and W Arête (Right Couloir, new route): Osvaldo Cardellina, solo; Aug 09th, 1998; in day from Pila; diff. in lev. 720m (640+80m); (50°, 60°, 65°) D+/TD-/D-.




Ezio Marlier on Northwest Wall Black Triangle in October 2006, by Rossano Libera.


Siamo all'Epilogo con gli Anni 2000.
Quando Ezio Marlier, forte ghiacciatore di Pollein e Guida Alpina di Cogne, apre il 19 Novembre una nuova via solo nel settore destro, tra il canalone Occidentale e quello spigolo arcuato, che la separa dal tratto di minor altezza e sottostante il Piccolo Emilius ed il Mont Ròss de Comboé. Così in First Part" di SP: (2) N Wall and W Arête (Right Route-"Spirito Libero" - "Free Spirit",new route): Ezio Marlier, solo; Nov 18/19th, 2006; diff. in level 720m (610+110m); (IV°, 4, M4); TD-/TD.
Così dice Ezio: "In occasione della salita di Bocconi Amari sul Mont Emilius, con Rossano Libera, ci rendemmo conto delle future potenzialità possibili su quella parete: un dedalo di righe bianche che aspettano la prima salita. Dopo Bocconi Amari e quanto riportato dalla ripetizione dello straordinario e fortissimo Robert Jasper, mi sento appagato, orgoglioso, ma l’ennesima “situazione particolare” non si fa aspettare e bussa alla mia porta, e mi ritrovo con lo zaino carico attraverso il vallone di Comboé a pestar neve per raggiungere la base della parete nord del Monte Emilius.
Devo solo scegliere da dove salire, le possibilità sono diverse, ma quale sarà la più fattibile? Quanto sarà difficile? Riuscirò a passare? Non so niente di questa via! Non ho nessuno con cui consultarmi e condividere incertezze e paure. “Mica te lo ha ordinato lo psicologo di venire fin qui… decidi… sali o torna a casa!” Sono in cima alle 15.00… dopo 9 ore di salita, è appena nata “Spirito Libero” (600 m. IV/4/M4).
Per l’ennesima volta ci si sente forti e indistruttibili, un sentimento che però dura quanto un battito di ciglia, fino alla “situazione particolare” successiva, a quella che fa ricadere nelle proprie fragilità, e come un muro si pone di fronte fino a farti sbattere la faccia.
Ancora una volta il sudore bagna il viso. Percorrendo sentieri nella neve e nella solitudine più totale, lo zaino sempre più pesante mi accompagna alla base di un’altra sconosciuta parete, con l’idea di scovare nei suoi anfratti una possibilità di salire in vetta.
Valle d’Aosta - Monte Emilius
SPIRITO LIBERO
Prima salita: Ezio Marlier in solitaria 18-19/11/2006
Difficoltà: IV-4-M4
Lunghezza: 600m
La via: Bella linea in ambiente straordinario e isolato (vedi Bocconi amari).
Materiale: Alcuni chiodi in posto. Serie di friend fino al rosso camelot, nuts e chiodi.
Avvicinamento: Come per bocconi amari fino alla base della nord, invece di proseguire verso il triangolo nero dirigersi alla base della linea.
Discesa: lungo la ferrata che riporta al bivacco Federigo.".
Con questa salita si chiude la nostra disamina
, anche perché non credo che altro sia stato realizzato in questi ultimi otto anni. Per la Parete Nord del Monte Emilius si é quindi realizzata una evoluzione con questi "geroglifici" tramite i quali s'esprimon sti giovani "moderni", anche se Ezio, che é stato mio alunno a scuola, giocatore di pallamano nonché un mio slittinista, tanto più giovane non é più neppur lui. Noi siam rimasti dal Primo (I°) al Sesto (VI°) Grado: era la "Nostra Epoca". Questa bell'impresa, insieme a quella del Triangolo Nero della quale parleremo in futura e specifica pagina, era comunque per lui più che "doverosa", poiché é nato, cresciuto ed abita ancora in quel di Pollein.
Proprio ai piedi della Faccia Nord dell'Emilius.

Facciamone rapidamente un profilo dal punto di vista Storico-Cronologico.


27 Settembre 1970:
Renato Quendoz e Giuseppe "Pino" Trevisan, con partenza dalla vecchia Baracca Peckoz presso il laghetto omonimo.
31 Agosto 1980 ("Via Diretta"): Osvaldo Cardellina e Camillo Roberto Ferronato, via diretta alla Sommità nel settore Orientale, in giornata da Pila.
Metà Ottobre 1982: Roberto Arbaney e Danilo Chatrian, prima ripetizione della Via 1970 tramite identica partenza.
28 Luglio 1984 ("Via Superdiretta alla Sommità"): Osvaldo Cardellina con Camillo Roberto Ferronato e Alessandro "Lupetto" Casalegno con Maurizio Castellan, via diretta alla Sommità più a sinistra e sempre nel settore Orientale, in giornata da Pila.
30/31 Dicembre 1984: le Guide di Valpelline e Quart Alberto Chéraz (+ 16 Agosto 2009 Tour Ronde Pilier Barnazat) e Corrado Framarin, prima invernale della Via 1970 e prima invernale assoluta della Parete Nord, con partenza dal Bivacco Federigo Zullo.
June 17th, 1990 ("Couloir Fantasma"): la Guida di Aosta Aldo Cambiolo con Pierluigi Sartore, partendo dal Bivacco Federigo Zullo presso il Colle Carrel.
09 Agosto 1998: Osvaldo Cardellina, solo, via nel Canalone di destra nel settore Occidentale, in giornata da Pila.
18/19 Novembre 2006 ("Spirito Libero"): la Guida di Cogne Ezio Marlier, solo, nel settore Occidentale tra il canalone ed il Piccolo Emilius partendo dal Bivacco Federigo.








Photographing the Routes




North Wall into Western Couloir towards West Ridge 1974, by Osw.


Emilius  North Wall ATTACK 1980
Em ... North Wall: at beginning on oblique Couloir 1980
On the North face of Monte Emilius <i>3559m</i><br>at about 200 meters from the bergschrund
Curtain III Emilius North Face New & Direct Route 1980
On the North face of Monte Emilius <i>3559m</i><br>at about 300 meters from the bergschrund


During "Direct Route" in August 1980, by Camillo Roberto Ferronato & Osw.


CHARON from     INFERI   (Hell)
Le FOUDRE Arriving on Summit after North Wall 1980
Direct Route & Exit Out to N-NE Great Crest 1978
MONTE EMILIUS after North Face with Rainstorm 1980
<FONT COLOR=RED><B>WARRIOR S  REST from NORTH FACE</b></font>


After "Direct Route" in August 1980, by Various Authors.


28 luglio 1984: at the base of the North face<br> of monte Emilius <i>3559m</i>
M. Emilius (3559 m.) parete...
During the second ascent of the Direttissima route to the N face of Monte Emilius  <i>3559m</i>
M.Emilius (3559 m.)...
monte Emilius (3559 m.)...


Lower part "Superdirect Route" in July 1984, by Alessandro Casalegno & Camillo Roberto Ferronato.


On green/blue  verglass  of North Emilius s  Wall 1984
From Classic to New Routes North Wall Superdirect 1984
Northern flank
On the N face of Monte Emilius <i>3559m</i><br> about 250 meters from the bergschrund
M. Emilius s  N face  <i>3559m</i> (July 28, 1984):<br> about 300 meters from the bergschrund


Steps in Middle part on "Superdirect Via" 1984, by C. Ferronato, M. Castellan & buxlex.


Curtain III Em. North Wall New & Superdirect Route 1984
On the N face of monte Emilius <i>(3559m)</i><br> about 450 meters from the bergschrund
Approaching the exit of the  Direttissima  route <br>on the north face of Monte Emilius
During the second ascent  of the Direttissima route of the N face of Monte Emilius
 Vous devez monter comme un foudre de guerre  under the Thunderstorm 1984


At beginning on Upper part "Superdirect Via" 1984, by Camillo Roberto Ferronato & Maurizio Castellan.


<font color=green><b>EMILIUS s</FONT> <FONT COLOR=BLUE>NORTH Face, Direct Summit R.te July 1984</b></font>
Emilius s North Wall Direct Route & Arpisson Vallon
 N face of Monte Emilius: Osvaldo Cardellina<br> on the slab rated UIAA IV (July 28, 1984)
Emilius s North Face Direct Route & Arpisson
 N face of Monte Emilius:  on the IV move<br> about 480 meters from the bergschrund


Terminal part 1984, by Camillo Roberto Ferronato & Emilio Bertona.





North Wall exit out from Upper part of Right Couloir to Top 1974, by Osw.


Images

North wall of monte Emilius...Monte Emilius (3559 m), parete nordMONT PARAMONT <font color =blue>Central Serac on North Face</font> 196933 ROUTES OF MONTE EMILIUS (3559m) 33 ROUTES OF MONTE EMILIUSLe Pareti Nord...EMILIUS 33 ROUTES HISTORY Climbings Scrambles & ... North Wall 2006
33 ROUTES OF MONTE EMILIUS (3559m) Emilius\'s All Routes & Variants Splendid View from North-northeastOn the trail ... Two Faces & Three CrestsParete Nord dell\'Emilius<b><font color=green>EMILIUS</font ><font color=blue> North Wall</font></b>On the N face of Monte Emilius <i>3559m</i><br> about 250 meters from the bergschrundViews of Monte Emilius
[ View Gallery - 61 More Images ]