Welcome to SP!  -
The Ancient Beck Peck(c)oz Shelter with Federigo Zullo Bivouac & "The Revenents"
Article
Contribute 
 
 

The Ancient Beck Peck(c)oz Shelter with Federigo Zullo Bivouac & "The Revenents"

 
The  Ancient Beck Peck(c)oz Shelter with  Federigo Zullo Bivouac & "The Revenents"

Page Type: Article

Object Title: The Ancient Beck Peck(c)oz Shelter with Federigo Zullo Bivouac & "The Revenents"

Activities: Trad Climbing

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Aug 5, 2015 / Aug 7, 2015

Object ID: 948562

Hits: 1402 

Page Score: 77.48%  - 8 Votes 

Vote: Log in to vote

 

Phantom Overview

Let me tell you two stories that are then slmost three. Stories seem different, but instead are not only similar but, knowing exit Time, become identical. In the end it's always the same story, the same place, with the same characters and the repetitive things under the eyes. More or less. Revisited after so many years it seems one story, only a great human story that preocede together the world of Nature, a history that lasts a century. That of the '900. More or less. A story that also belongs to another Millennium, given the word, seems something very distant and out of time and instead is very close to us: the History of our Time and that began with 1000. It was in fact the end of the '800 when the Baron Beck Peckoz or Peccoz Gressoney, then the source "Walser", ie German, presided over its Preserve embracing the Valleys of St. Marcel, Laures, Arpisson and also he descended down to Grauson in Cogne Valley up below Punta Tersiva. His Gamekeeper roamed from one to the other by controlling Chamoises and Ibexes and chasing Poachers above o'er the ridges or down the ravines. We grew up with this Myth and these places appeared as "fairies" and out of time. In a space reserved for the Elect. So we went up to the "Becca" discovering the ancient Shelter by Baron at the pond, below the North Face Monte Emilius and the departure of his West Ridge in those days did not rise none. He was there to hear the rumble of boulders falling down the wall making a great uproar over the two small Glaciers Arpisson. He looked and listened. Dumb and silent. Fascinated. Who would have thought that in these places we would have spent an important part of our lives and of Our Youthful. Seeing amazing things, almost difficult to tell and even more to believe. But very true, but exclusively two. The other for another time ...




Voglio raccontarvi due storie che poi son quasi tre. Sembran Storie diverse, ma invece non solo sono similari ma, sapendo uscire dal Tempo, diventano identiche. Alla fin fine é sempre la stessa storia, nel medesimo posto, con uguali personaggi e con le ripetitive cose sotto agli occhi. Più o meno. Riviste dopo tanti anni sembra un'unica storia, un unica grande vicenda umana che và a braccetto con la Natura, un racconto che dura un Secolo. Quello del '900. Più o meno. Una storia che appartiene anche ad un altro Millennio che, vista la parola, sembra una cosa lontanissima e fuori dal tempo e che invece é a noi molto vicina: la Storia del Nostro Tempo e che iniziava con 1000.
Era infatti quasi la fine dello '800 quando il Barone Beck Peckoz o Peccoz di Gressoney, quindi d'origine "Walser", cioé tedesca, presiedeva la sua Riserva di Caccia sotto il Grand Avert, che abbracciava le Valli di Saint Marcel, delle Laures, Arpisson e scendeva anche giù al Grauson in Valle di Cogne fino al di sotto della Punta Tersiva. I suoi Guardiacaccia scorazzavano da uno all'altro dei valloni controllando Camosci e Stambecchi ed inseguendo i Bracconieri sù per le creste o giù per i burroni. Siamo cresciuti con sto Mito e questi luoghi ci apparivano come "fatati" e fuori dal tempo. In uno Spazio riservato agli Eletti. Così salivamo alla "Becca" scoprendo l'antico ricovero del Barone presso il laghetto, quasi al disotto la Parete Nord dell'Emilius ed alla partenza della sua Cresta Ovest che a quei tempi non saliva proprio nessuno. Si andava lì per ascoltare il rimbombo dei massi che cadevano lungo la parete facendo un grande frastuono sopra i Ghiacciaietti dell'Arpisson. Si guardava e s'ascoltava. Muti ed in silenzio. Affascinati. Chi avrebbe mai pensato che in sti posti avremmo trascorso una parte importante della nostra vita e di Nostra Giovinezza. Vedendo cose incredibili, quasi difficile da raccontar e certo ancor più da credere.
Però verissime, ma sol due. L'altre un'altra volta ...

Since Baron Peckoz old Shelter until Federigo Bivouac & up to the North Face

This story is inextricably linked with the old Shelter of Baron Beck Peckoz or, some say, Peccoz turning his name to a more Italian etymology, which is then Frenchified. The old building has seen, in addition to the living room of Gamekeeper homonym Reserve (today's Grand Avert Marquis Attilio Turati, far more reduced size being restricted the Valley of St. Marcel), the passage of many mountaineers and variousperformances, by 1926 and 1927 with the North Wall (Oldest climbers departed from Comboé, as the Abbé Henry in 1902, or even from Aosta with ascension done in a day as, again a few days later in 1902, for Questa and Mondini; or starting from Arpisson, see the group a roped climbers of 1897) until 1974 or so, when the shelter was still in existence, although now in semi-ruin. Because between this date and the beginning of the 80s he has gone into full being reduced to a pile of stones with some trunk hanging from the roof and the boards to float in the nearby pond. We lived this terminal phase between 1974 and 1984, year of the positioning of the Federigo Camp Zullo the Col Carrel (2907m, 28th July), but the climbs were done already with our departure in day from the same Pila-Resort and needed only now to make a short stop and certainly not to stay overnight. But the situation was not to be very different in 1960, when "Angelino" Bozzetti and "Piero" Rosset had preferred from far lower Comboé (2114m) to make the first ascent of the Black Triangle (3378m, it will be repeated only in 1983 by the "Cogneins"); then the degradation was already well under way at that time. The laying of the camp changed history by raising the interest for the North Slope and its Cresta O-NO, which up to this time had rarely traveled, with the construction in the summer of 2004 the "Via Ferrata". So, from '800 to today, a discourse in close union between Shelter Peckoz, Federigo Camp and North Slope enclosed between this ridge and the Edge N-NE (1906, but starting Les Laures). So, for a moment, we tried to go back in time. For forty years ...




Questa storia é legata indissolubilmente col vecchio Ricovero del Barone Beck Peckoz o, qualcuno dice, Peccoz volgendo il nome ad una etimologia più italiana, che poi risulta francesizzata. La vecchia costruzione ha visto, oltre al soggiorno dei Guardiacaccia dell'omonima Riserva (oggi del Grand Avert del Marchese Attilio Turati, di ben più ridotte dimensioni essendo ristretta al Vallone di St. Marcel), il passaggio di molti alpinisti e di diverse imprese, dal 1926 e 1927 con la Parete Nord (i più vecchi alpinisti partivano dal Comboé, come l'Abbé Henry nel 1902, oppure addirittura da Aosta con ascensione effettuata in giornata come, sempre pochi giorni appresso del 1902, per Questa e Mondini; oppure partendo dall'Arpisson, vedi la cordata del 1897) fino al 1974 circa, allorché il ricovero era ancora esistente, anche se ormai in semi-rovina. Perché tra questa data e l'inizio degli Anni '80 é andato in completa riducendosi ad un mucchio di pietre con qualche tronco penzolante dal tetto e le tavole a galleggiare nel vicino laghetto. Abbiamo vissuto questa fase terminale tra il 1974 ed il 1984, anno del posizionamento del Bivacco Federigo Zullo al Colle Carrel (2907 m, il 28 di Luglio), ma le nostre salite avvenivano già con partenza in giornata da Pila ed il medesimo serviva esclusivamente ormai per effettuare una breve sosta e non certamente per pernottare. Ma la situazione non doveva essere molto diversa nel 1960, allorché "Angelino" Bozzetti e "Piero" Rosset avevano preferito partire dal ben più basso Comboé (2114 m) per effettuare la prima ascensione del Triangolo Nero dell'Emilius (3378 m, sarà ripetuta solo nel 1983 dai "Cogneins"); quindi il degrado era già notevolmente in atto a quel tempo. La posa del bivacco ha cambiato la storia rilanciando l'interesse per il Versante Settentrionale e la sua Cresta O-NO, fino ad allora assai raramente percorsa, con la costruzione nell'estate del 2004 della "Via Ferrata" su questa montagna. Quindi, dall''800 ai giorni nostri, un discorso in stretto connubio tra Ricovero Beck Peckoz, Bivacco Federigo Zullo e Versante Nord, racchiuso tra la suddetta cresta e lo Spigolo N-NE (1906, ma partendo dalle Les Laures). Così, per un momento, abbiamo provato a ritornare indietro nel Tempo. Di quaranta anni ...

CARDELLINA s B&W on Nona s Becca Summit (3142m)
Ely in Federigo Zullo Bivouac (2907m)
The carrel Pass with the...
<font color=red><b>FEDERIGO ZULLO BIVOUAC</b></font>
FreeEly from  Becca  to Peak Garin 1986


Federigo Zullo Bivouac to the Hill Carrel and the North Wall of the Emilius


I am few over the hours 9'00s of the 28 of July 1984, when a deafening noise us alarm clock in ours most rudimentary shelter, or better "hideaway." The shovels of a mastodontic monster airplane they appear for the first time above the Pass Carrel, as far as a giant, impending and to be hanging in Space Dragonfly or and better as a great incumbent Dragonfly and suspended in the Space. A great iron bird that lifts and it transports a great silvered box. Its noise is deafening and the Echo that postpones the Wall North of the Emilius is roaring and us alarm clock in abrupt way from our drowsiness. Moving the sacks of cement, utilized in the shape of pillows, and the four tables residual of the Refuge of the Gamekeepers of the Baron Beck Peck(c)oz in the Nineteenth Century, all of this that you has remained of those Ancient Vestiges, that yet have given us shelter for halves the Night because we have been climbed to late evening, it causes the appointments of job (I was busy in the evening training of handball to my girls, then of run in house to prepare the backpack ). Yet up to halves the seventies, to the epoch of our "scorribandes" (terrible raids) on him then uncontaminated West Crest today redoubt to "ferraglia" (iron scrap), it was still standing, even if it already denoted, enough in evidence, yieldings and sinkings in the Northern part (see photo of 1976).

Baron Beck Peckoz Shelter, where they begin to begin to put on in evidence the first signals of yelding of the structure but still "standing", in August 01th, 1976.




Staggering we go out unsecured, for way of saying because we were already en "plein air"; the helicopter, rotating his great shovels, similar to a bird flutted, slowly cove his package in a small base as soon as awry and to East of the Footstep. Ah already! We am here today for this. To celebrate the laying of the Federigo Zullo Bivouac the Guide Henry Mauro he has asked me to climb for the occasion the Wall North, from me already slope the 31 of the Month of August 1980, for a New and more Direct Street in comparison to those of Amilcare Crétier and 1926 and 27 Company.
This way for the second time "we race" the Footstep of the Great Amilcare, that is not the Father of Hannibal the Carthaginian one, on the contrary a great mountain climber of the Valley of native Aosta precisly of Verrès little Town, fallen very young on the Cervino also Matterhorn with the friends mountaineers Antonio Gaspard and Basilio Ollietti, after having opened a Route New on his Great Shoulder or Peak Tyndall through the "De Amicis Crest", in July 08th, 1933. Very young it had for first together with Lino Binel and to Academician Renato Chabod, faced the Northern Wall of the Emilius, still virgin, as of however the East Face one that will be conquered by this last together with Giusto Gervasutti named "The Fortissimo" (very very Strong) in the 26 of the Month of June of the Year 1935 (what the date of my birthday is!). Succesful reached after the 1929 Great Misfortune, where on the same one the perished as many very young Brothers Alexander, more know and named "Dino" Charrey, and Jean with Cino Norat, all Mountaineers of Aosta's Bourg and true promising boys for the "Nouvel Alpinisme Valdotain".
(you see under I approach the next chapters on the East one of the Emilius and on the Run to the Wall North of the Grandes Jorasses)

And also the Great Angelino Bozzetti with the other Guide of the Valpelline Pietro, also called "Piero" Rosset, in 1960, departed from this small shelter to win in First Absolute Ascension the dangerous Black Triangle (3378 meters), great projection vertical and impending of 400 meters over the Eastern Arpisson Glacier, and set among the Edge N-NE and the Wall North of the Emilius. For the second time the Destiny unites us to the nighttime departures or of first morning of these Great ones. But that first time, for we, still subsisted an appearance of refuge with the last "fringes" Southern still standing and two small beams half burnt that they supported four lose, dangling and precarious above our heads, of stone. Then reached also deep night with very bad weather, we had been able to effect, Roby and me, a nap protected from these ancient ruins, and to the dawn, power on a small fire with the rests of some tables and drained a bottle of good wisky, while the snowstorm of snow raged (so much today with this "tempaccio" or bad weather we won't combine anything), we brought Northerly slowly us at the base of the (always for the hours 10'00s), that was not seen even seen the cloudy incumbent on the same one. It is all right we make two or three draughts of rope and we return of it "lemme lemme" (quietly) Chez-Nous (House). In the transit from the "Shelter" Beck Peckoz to the wall a sudden tear among the clouds with to appear fleeting of a blue handkerchief of sky there given avava some small hope in more than to be able to effect the slope, immediately counterbalanced by the vision of the wall completely covered by the snow and frozen, such to seem the Ama Dablam. If gnawed sons will bloom… Instead, even if wound by the clouds and with bad conditions, climbed almost his 700 meters opening a Street New and more Direct, to the left of the Crétier and next to the Black Triangle. Instead, we four am of the idlers (also because as in 1980 we have been climbed at night and ours, more than an I camp out, it has to be considered as a brief nighttime standstill for an ascension in practice effected in day with Pila, Ski-Turistic Resort, departure) and so, ago as four years bring us to the attack of the wall that I they are over the hours 10'00s of the morning. So much Amilcar in the its two ascents in '26/'27 had said and written that, despite the appearances, not an only stone had stirred and our preceding slope had confirmed him in full. Only a small detail: in August of the 1980 into night it had snowed and everything was frozen … , as well as beautiful smooth as a smooth billiard-ball or, "elegantly, as an elegant patinoire".
But thing wants this "rompiscatole" (pain in the arse & in the neck) of helicopter, ... he slept so well, rather we had just lulled there. And the Absolute Silences of the Years Twenties & Thirties come to mind, broken only to blow of the lone wind and from the smothered rattle of a Marmot, that Amilcar had captured near the mini Hut and that, inserted in the backpack, together with him SHE had completed the First Ascension Absolute and Complete of the Wall North, because the preceding year together with the Renato and the Lino they had had to divert on the Edge of the Three Abbots, because of the terminal slides all in alive ice, or "verglass". What beautiful times. For us the Era of the Technology reserves us instead this deafening and annoying awakening! Also to the Hill Carrel is ended the Epoch of the Silence, that true of the Mountain where, looking at the Nighttime Sky over its head, you feel yourself lost but also facente departs some Sidereal Abysses…
33 ROUTES OF MONTE EMILIUS (3559m)
Amilcar with the Marmot, 1927/Crétier dopo la salita completa della Parete Nord 1927
For the occasion and guests to do him, another group with two ropes of Fénis and Saint Marcel, conducted from the Mountaineer Baptist Friend Pieiller, at the same time will climb the N-NE Edge on the thread of the vertical and dark Black Triangle. The all will be filmed by a helicopter of the organization, that instead cannot perform the project seen the bad meteorological conditions.
I was not and they don't agree for the positioning of the same in this place and, when Enrico asked me to his time a suggestion, I was Northerly me express for a small underlying morainic cone the, really to the Western and Oriental conjunction of the two Glaciers of the Arpisson, giving the purpose of point to the same base of departure for the Edge N-NE or of the Three Parish Priests also Abbots, for the Black Triangle, for all the streets of the Wall North and also for the Crest W-NW, from the 2000 Year "Via Ferrata". It will serve only so instead for this last, not having sense some for the slope to he Becca di Nona as soon as few more than 200 meters far.
Paradoxically, because every Living is in more contradiction with himself that not with the others, but so much is of it that us this night we sleep to the open one and when this arrives we look him at a few with envy, you could climb on him yesterday, instead that ugly night rolling us on the bad, rustic & simply tables gathered to the best to make place to four people; because I am there, besides Camillo Roberto Ferronato, companion of the four year-old slope or are, also the Friends Sandrino Casalegno also called "Lupetto" (Little Wolf) and Maurice Castellan. Three of "Feleunna" and one of Jovencan, that doesn't allow the rhyme, but a good assonance results. When we will reenter to late evening, after having climbed Northerly the in a day of very strong wind that feeds the "machine guns", with continuosly fall of rocks, of the wall for over two hours and, after the descent for the Crest East and relative Turn of the Emilius backwards from East towards West, the




I Camp out it is it, systematized on the hill and it seems to smile us at the dark of the night taking around us.

Us, Poor Deadly
(I am me taut the "so-called ones", also balls, staying in head for the whole ascension) we transit for recovering the materials left near the I Camp out around Midnight and, perhaps rolled by the Work, we feel the giggles of it. But not for Camille, alias Rambo I°, because him, fresh newly-wed, has to be to supper Absssolutelityyyy from his Mother-in-law for the hours 19'00s and, very brief standstill in Peak, falls later down him for the East Crest to great leaps, impressive to see. In less than half time, The gones down the 500 meters of crest, we see him from the peak, where idly we stop enjoying us the deserved Relax, in vertical on the East Wall to race crossing the Glacier Blantsette in the base of the same, as to Madman. After an almost tragic flight wanting to go down (dissuaded in advance for this descent more quick but more and more dangerous and perhaps or already certainly impracticable) directly from the Blantsette Pass, grazing the Black Triangle on the underlying Oriental Glacier of the Arpisson, he will succeed in the enterprise, as it will tell us the day I approach.

POWER of the LOVE!!!


From left or North-northeast the hemi circular watershed of Arpisson's Tall Basin: Becca of Seneva, Peck(c)oz Pass, Tete Blantsette and homonym Collar, Black Triangle of The EMILIUS (3559m), with North Face (of 700 meters~), Little Emilius and the FEDERIGO ZULLO BIVOUAC (2907m), near the Carrel Hill (outline right, between Becca di Nona and Mount Ròss of Comboé), on the West-northwest Arête at Mount Emilius. In midst the Arpisson Eastern Glacier over the vallon with the same name, the East-Northeast Crest of Becca and the beginning of East Wall.




Il Bivacco Federigo Zullo al Colle Carrel e la Parete Nord dell'Emilius


Son poc'oltre le ore 9'00 del 28 di Luglio 1984, quando un rumoraccio assordante ci sveglia nel nostro più che rudimentale rifugio, o meglio "nascondiglio". Le pale di un mastodontico mostro aereo appaion per la prima volta sopra il Colle Carrel, come una gigantesca incombente Libellula sospesa nello Spazio. Un grande uccello di ferro che solleva e trasporta una "boite" o scatola argentata. Il suo rumore è assordante e l'Eco che rinvia la Parete Nord dell'Emilius è fragoroso svegliandoci in modo brusco dal nostro dolce dormiveglia. Spostando i sacchi di cemento, utilizzati per cuscino, e le quattro tavole, residuo del Rifugio dei Guardiacaccia del Barone Beck Peck(c)oz nell'Ottocento; tutto ciò che è rimasto di quelle Antiche Vestigia, che eppure ci hanno dato riparo per quasi metà della Notte, perché siam saliti a tarda serata, causa gli appuntamenti lavorativi (ero impegnato nell'allenamento serale di pallamano alle mie ragazze, quindi di corsa a casa a preparare lo zaino).
Eppure fino alla metà degli Anni Settanta, all'epoca delle nostre scorribande sull'allora incontaminata Cresta Ovest-nordovest oggi ridotta a "ferraglia", era ancora in piedi, anche se già denotava alcuni cedimenti abbastanza vistosi nella parte Settentrionale (vedi foto del 1976).
Barcollando usciamo allo scoperto, per modo di dire perché già eravam "en plein air"; l'elicottero, roteando le sue grandi pale, simile ad un uccello starnazzante, lentamente cala il suo pacco in una piazzola, appena a monte ed a Est del Passo. Ah già! Noi oggi siam qui per questo. Per celebrare la posa del Bivacco Federigo Zullo la Guida Enrico Mauro mi ha chiesto di scalare per l'occasione la Parete Nord, da me già salita il 31 del Mese di Agosto 1980, per una Via Nuova e più Diretta rispetto a quelle di Amilcare Crétier and Company del 1926 e 27.
Così per la seconda volta “corriamo” la Pista del Grande Amilcare, che non é il Padre di Annibale il Cartaginese, bensì un ottimo alpinista della Valle d’Aosta originario della Cittadina di Verrès, caduto molto giovane sul Cervino insieme ad Antonio Gaspard ed a Basilio Ollietti, dopo aver aperto una Via Nuova sul suo Spallone o Pic Tyndall lungo la Cresta De Amicis, nel giorno 08 del Mese di Luglio del 1933. Giovanissimo aveva per primo insieme a Lino Binel ed all'Accademico Renato Chabod, affrontato la Parete Settentrionale dell’Emilius, ancora vergine, come d'altronde l'Est che sarà conquistata da quest'ultimo insieme al Giusto Gervasutti "Il Fortissimo", nel 26 del Mese di Giugno dell'Anno 1935 (che é la data del mio compleanno!). Successo ottenuto dopo la Grande Disgrazia del 1929, dove sulla stessa perirono gli altrettanto molto giovani Fratelli Alessandro, o meglio conosciuto come "Dino", Charrey insieme a Jean e con Cino Norat (vedi appresso i capitoli connessi sulla Est dell'Emilius e sulla Corsa alla Parete Nord delle Grandes Jorasses).
Pur la Grande Guida "Angelino" Bozzetti con l'altra della Valpelline Pietro Rosset, meglio conosciuto come "Piero", nel 1960, presero le mosse da questo rifugietto per vincere in Prima Ascensione Assoluta il temibile Triangolo Nero (3378 metri), grande avancorpo strapiombante di 400 metri precipitante sul Ghiacciaio Orientale dell'Arpisson, e posto tra lo Spigolo N-NE e la Parete Nord dell'Emilius. Per la seconda volta il Destino ci'accomuna alle partenze notturne o di primo mattino di questi Grandi.




Ma quella prima volta, per noi, sussisteva ancora una parvenza di ricovero con le ultime "frangie" Meridionali ancor in piedi e due travicelle mezze bruciacchiate che sorreggevano quattro lose in pietra, penzolanti e pericolanti sopra le nostre teste. Pur allora, arrivati a notte fonda con un tempaccio, avevamo potuto effettuare, Roby ed io, un sonnellino protetti da queste vetuste rovine, ed all'alba, acceso un focherello con i resti di alcune tavolacce e scolata una "butta" di buon whisky, mentre imperversava la tormenta di neve (tant'oggi con questo tempaccio non combineremo un bel tubo di niente), ci portammo lentamente alla base della Nord (sempre per le ore 10'00), che neppure si intravvedeva, visto i nuvolosi incombenti sulla medesima. Va bene facciamo due o tre tiri di corda e ce ne torniamo "lemme lemme" Chez-Nous (= a Casa). Nel transito dal "Rifugio" Beck Peckoz alla parete uno squarcio improvviso tra le nubi con l'apparire fugace di un fazzoletto azzurro di cielo ci avava dato qualche speranziella in più di poter effettuare la salita, subito controbilanciata dalla visione della parete completamente ricoperta dalla neve e ghiacciata, tale da apparire come l'Ama Dablam. Se son rose fioriranno … Invece, anche se avvolti dalle nuvole e con pessime conzioni, salimmo i suoi quasi 700 metri aprendo una Via Nuova e più Diretta, più a sinistra della Crétier e vicino al Triangolo Nero. Noi quattro, invece, siamo dei pigroni (anche perché, come nel 1980, siamo saliti di notte ed il nostro, più che un bivacco, deve esser considerata come una breve sosta notturna per un'ascensione in pratica effettuata in giornata con partenza da Pila) e così, come quattr'anni orsono, ci portiamo all'attacco della parete, che son oltre le ore 10'00 mattutine. Tanto Amilcare aveva detto e scritto che, nonostante le apparenze, non un sol sasso s'era mosso nelle sue due salite del '26/'27 e la nostra precedente salita lo aveva "pienamente confermato in pieno". Solo un particolarino: nell’Agosto del 1980 in nottata aveva nevicato e tutt'era ghiacciato … , nonché bello liscio come una "biglia da bigliardo" o, più "elegantemente, come un'elegante patinoire".
Ma cosa vuole questo rompiscatole d'un elicottero, ... si dormiva sì bene, anzi ci si er'appena assopiti. E ci vengono in mente i Silenzi Assoluti degli Anni Venti e Trenta, rotti solo dal soffiare solitario e solingo del vento e dal rantolo soffocato di una Marmotta, che Amilcar aveva catturato nei pressi del Rifugio dei Peck(c)oz e che, infilata nello zaino, insieme a lui LEI, aveva compiuto la Prima Ascensione Assoluta e Completa della Parete Nord, perché l'anno precedente insieme al Renato ed al Lino avevano dovuto deviare sullo Spigolo dei Tre Abati o, meglio, Curati, a causa degli scivoli terminali tutti in ghiaccio vivo, o cosiddetti in "verglass". Che bei tempi. Per noi invece l'Era della Tecnologia ci riserva questo risveglio assordante e fastidioso! Anche al Colle Carrel si è conclusa l'Epoca del Silenzio, quello vero della Montagna, dove, guardando sopra la tua testa il Cielo Notturno, ti senti disperso, ma anche facente parte dei Sideral Abissi …
33 ROUTES OF MONTE EMILIUS (3559m)
Mountain Guide "Angelino" Bozzetti/Angelo Bozzetti, vincitore del Triangolo Nero 1960

Per l'occasione ed invitate a farlo, un altro gruppo con due cordate di Fénis e Saint Marcel, condotte dall'amico Battista Pieiller,contemporaneamente scalerà lo Spigolo N-NE sul filo del Triangolo Nero. Il tutto sarà filmato da un elicottero dell'organizzazione, che invece non potrà eseguire il progetto viste le cattive condizioni meteorologiche.
Non ero e non sono d'accordo per il posizionamento dello stesso in questo posto ed, allorché Enrico mi chiese a suo tempo un suggerimento, mi ero espresso a favore di una piccola conoide morenica sottostante la Nord, proprio alla congiunzione dei due Ghiacciai Occidentale ed Orientale di Arpisson, dando allo stesso lo scopo di punto base di partenza per lo Spigolo N-NE o conosciuto come dei Tre Curati, per il Triangolo Nero, per tutte le vie della Parete Nord ed anche per la Cresta O-NO, dal 2000 divenuta Via Ferrata. Così invece servirà solo per questa ultima, non avendo senso alcuno per la salita alla Becca di Nona, appena poco più di 200 metri distante.
Paradossalmente, perché ogni Vivente é in contraddizione più con se stesso che non con gli altri, ma tanto ne è che noi questa notte dormiamo all'aperto e quando questo arriva lo guardiamo un pò con invidia. Potevan montarlo ieri, invece che brutta notte rotolandoci sulle dure e rustiche tavolacce raggruppate alla meglio per fare posto a quattro persone; perché ci sono, oltre a Camillo Roberto Ferronato, compagno della salita di quattro anni or sono, anche gli Amici Sandrino Casalegno detto "Lupetto" e Maurizio Castellan. Tre di "Feleunna" ed uno di Jovencan, che non consente la rima, ma risulta una buona assonanza. Quando rientreremo a tarda sera, dopo aver scalato la Nord in una giornata di vento molto forte che alimenta ininterrottamente le "mitragliatrici" della parete con scariche violente per oltre due ore e, dopo la discesa per la Cresta Est e relativo Giro dell'Emilius alla rovescia da Est ad Ovest, il

Bivacco è la, belle che sistemato sul colle e sembra sorriderci nel buio della notte prendendoci in giro.


Noi, Poveri Mortali
(mi sono tirato le cosiddette restando in testa per tutta l'ascensione) transitiamo per là, per recuperare i materiali lasciati nei pressi del Bivacco, intorno alla Mezzanotte e, forse stralunati dalla Fatica, ne sentiamo i risolini. Ma non per Camillo, alias RAMBO I°, perchè lui, fresco sposino, deve essere a cena Asssolutamenteeee dalla Suocera per le ore 19'00 e, dopo molto breve sosta in Vetta, si precipita giù per la Cresta Est a grandi balzi, impressionanti da vedere. In meno di mezz'ora, scesi i 500 metri di cresta, lo vediamo dalla Cima, dove noi oziosamente sostiamo godendoci il meritato Relax, in verticale sulla Parete Est correre attraversando il Ghiacciaio Blantsette alla base della medesima, come un Forsennato. Dopo un quasi tragico volo volendo scendere (sconsigliato in anticipo per questa più rapida, ma alquanto più pericolosa e forse impraticabile discesa) direttamente dal Col Blantsette rasentando il Triangolo Nero sul sottostante Ghiacciaio Orientale dell'Arpisson, riuscirà nell'impresa, come ci racconterà il giorno appresso.

POTERE dell'AMORE!!!

Northern Face between West-northwestern Ridge & North-northeast Edge (left)








Revenents!!!

In the Mountains you may experience strange Phenomena or at least abnormal? Of course, because we had the opportunity to verify them personally. They can be visual, auditory, touch, taste and smell, and, thanks to the Sixth Sense, Sensations. These are subsequently substantiated by the first. But not always what happens.
This is not the case ours, because, after having already experienced the Spectrum of Broken with the reflection of his own inverted image upon a pinnacle of the West Ridge-northwest of Emilius (1th August 1976, including the red hat cowboy) and the appearance of the U.FO Mothership climbing the Regional Road Pila to go to climb the East Face of the Punta Rossa Emilius (25th August 1974), I was still missing this Experience. That of "Revenents" or the Deads returning from beyond to go only to scare or forewarn Livers. Everyone can think what they want; believe or not believe, because it is not my problem: I these events I have experienced and lived from life, from the full Reality. As well as on that night between 6th and 7th August, 1981 during the dark night after a strong storm in our little tent "Salewa", located on the Lac Gelé Glacier or Ancient Glacier of Emilius, between him and the Punta Rossa to the South. Already I lived other experiences such as landslides (September 6th, 1973, during the descent of the Southwest Face of Mont Velan), falls in crevasses (19th May 1968, Becca Moncorvé returning from Gran Paradiso and Sant'Andrea Tower in the crossing of the Apostles by Gran San Pietro, 22th July 1984), the avalanche (descent on Chamolé Hill towards Arbolle, December 28th, 1980, during an attempt to Emilius winter) or, worse, the lightning (Punta della Valletta, July 6th, 1986), but if you do not have normal experience at least natural that, with the passage of time, leave the time they find and are gradually removed from the Mind.
These not, because there remain obsessively for all Life.





In Montagna si possono verificare dei Fenomeni strani o per lo meno anomali? Certamente, anche perché abbiamo avuto l'occasione personale di verificarli. Possono essere visivi, uditivi, di tatto, di gusto e di odorato e, grazie al Sesto Senso, Sensazioni. Queste vengono successivamente confortate dai primi. Ma non sempre ciò accade.
Non si tratta del caso nostro, poiché, dopo avere già sperimentato lo Spettro di Broken con il riflesso della propria immagine capovolta su d'un pinnacolo della Cresta Ovest-nordovest dell'Emilius (1 Agosto 1976, compreso il cappello rosso da cow-boy) e l'apparizione dell'Astronave Madre degli U.F.O. salendo la Strada Regionale di Pila per andare a salire la Parete Est della Punta Rossa dell'Emilius (25 Agosto 1974), mi mancava ancora quest'Esperienza. Quella dei "Revenents", ovvero i Morti che tornan dall'al di là per andare a spaventare o solamente preavvisare i Viventi. Ognuno può pensar ciò che vuole; credere o non credere, perché non é un mio problema: io questi eventi li ho esperimentati e vissuti dal vero, dalla piena Realtà. Così come in quella notte tra il 6 e 7 di Agosto 1981 dopo un forte temporale nella nostra piccola tenda "Salewa", posizionata sul Glacier del Lac Gelé od Antico Ghiacciaio dell'Emilius, tra il medesimo e la Punta Rossa a Sud. Di già avrei vissuto altre esperienze come le frane (6 Settembre 1973, durante la discesa della Parete Sudovest del Mont Velan), le cadute nei crepacci (19 Maggio 1968, Becca di Moncorvé al ritorno dal Gran Paradiso e nella traversata degli Apostoli, 22 Luglio 1984), la valanga (discesa dal Colle di Chamolé verso il Vallone d'Arbolle, 28 Dicembre 1980, durante un tentativo di invernale all'Emilius) o, peggio, il fulmine (Punta della Valletta, 6 Luglio 1986), ma son esperienze, se non normali, almeno naturali che, col trascorrere del tempo, lascian il tempo che trovano e vengono progressivamente rimosse dalla Mente. Queste no, perché permangono ossessivamente per tutta la Vita.






"THE REVENENTS" also "The RETURN of DEADS"


Emilius s  in the SUMMIT and Surroundings EMOTIONS & SUGGESTIONS 17th, at sunset
Evening at base of East Face/Alla sera al Lac Dessous


"... After the descent from the Emilius a temporal violent gathers us in the curtain Salewa two places, sets above the Lake Frozen on the ancient Glacier of the Emilius Mountain. You has instigated since 19.10' ~ at 21.30' o'clock ~ violent and prolonged. I am very worried for his their child and, among to flash some lightnings and the rhombus "cavernous" of the thunders, that find good box of resonance against the walls of the Red Point and the Emilius, I find it hard to prender sleep. Times 1'00~: una hand, open, from the outside it crushes me the head. Surely I am dreaming in drowsiness. But the phenomenon repeats him a second time as soon as more in there in the night... Awake" Lupetto" (Little Wolf) that calm snores. "Wolf Wolf" there is someone!" ... "Ma va là = italian expression or but you go there that bushels dreaming, what you are dreaming ... bushels dreaming, whoever want that is to this time here aloft!" ... However it doesn't pass very that touches to him and it jumps sù as a cricket... We put the frontal one and, brandishing ice-axe in hand, we go out to patrol. Will it be a chamois or a steinbock? It has candidly snowed out. Half span, and everything is firm. Mute, eternally immovable. Also the dark color and lower part sky seems suspended. As also the black great clods, still threatening. But firm. Nothing moves and there is not even trace of a birdie. We return to sleep, it does him to say. With the dawn all disappears and we departs for the crossing of the Red Points from the Arbolle's Pass to that des Laures. In the time all eclipses him in the memory of the meander of the brain... and in the meander of the memory... But years later, telling what happened in a study to a friend... an oldie, that small oldies of Aosta Valley with the graven face in papier-maché. Better in stone. Him that he/she listens in silence, almost of glass as his/her grey suit with clean shirt and without tie and the round hat from' 800 to the eyelashes. Type "big shoes and thin brain." It follows and he listens. Then, to surprise, and unpredictably it stirs from the numbness on his chair, and it exclaims. But it is not an exclamation, it is almost a sentence. Accented by that ancient it sing-songs "valdotaine" mixed to three idioms (Provenzal Patois, French and Italian), almost for fear not to be understood... "Mahhh..., ggniente of strange. Ren of étrange. Us sont les Revenents, ceux here reviennent; near if in that place has happened to death tragedian violent ou... Their Spirit n'a pas de paix... Leurs Esprits doesn't have peace"... The 25 August of 1929, to less than 420 m~ on-line of air from our curtain, his brothers' rope "Dino" and Jean Charrey and of Cino Norat fall from the East wall, to few from the peak. (All and three as soon as twenty-year old...).......".

<b>Emilius s in the SUMMIT </b>& Surr. <font color=red>EMO</font> &<font color=purple><b> SUGGESTIONS   The DARK FACE</b></font>
The Dark East Wall/Tetra e serale Faccia Est


I REVENENTS


"... Dopo la discesa dall'Emilius un violento temporale ci coglie nella tendina Salewa a due piazze, posta sopra il Lago Gelato sull'Antico Ghiacciaio del Monte Emilius. Si scatena dalle 19.10'~ alle 21.30~ violentissimo e prolungato. Sono molto preoccupato per il bambino e, tra il lampeggiare dei fulmini ed il rombo "cavernoso" dei tuoni, che trovano ottima cassa di risonanza contro le pareti della Punta Rossa e dell'Emilius, faccio fatica a prender sonno. Ore 1'00~: una mano, aperta, dall'esterno mi schiaccia la testa. Sicuramente sto sognando in dormiveglia. Ma il fenomeno si ripete una seconda volta appena più in là nella notte ... Sveglio "Lupetto" che ronfa tranquillo. "Lupo Lupo" c'é qualcuno!" ... "Ma va là che stai sognando, stai sognando ... sogni, chi vuoi che ci sia a quest'ora quassù!" ... Però non passa molto che tocca a lui e salta sù come un grillo ... Mettiamo la frontale e, brandendo piccozza in mano, usciamo a perlustrare. Sarà un camoscio o uno stambecco? Fuori, ha candidamente nevicato. Mezza spanna, e tutto é fermo. Muto, eternamente immobile. Anche lo scuro e basso cielo pare sospeso. Com'anche i neri nuvoloni, ancora minacciosi. Ma fermi. Nulla muove e non c'é traccia neppure di un'uccellino. Torniamo a dormire, si fa per dire. Con l'alba tutto scompare e partiamo per la traversata delle Punte Rosse dal Col d'Arbole a quello des Laures. Nel tempo tutto s'eclissa nella memoria dei meandri del cervello ... e nei meandri della memoria ... Ma anni dopo, raccontando l'accaduto in uno studio ad un amico ... un vecchietto, quei piccoli vecchietti valdostani con la faccia scolpita in cartapesta. Meglio in pietra. Ascoltante in silenzio, quasi di vetro, come il suo abito grigio con camicia linda e senza cravatta e il tondo cappello da '800 alle ciglia. Tipo "scarpe grosse e cervello fino". Segue e ascolta. Poi, a sorpresa, e imprevedibilmente, si muove dal torpore sulla sua sedia ed esclama. Ma non é un'esclamazione, é quasi una sentenza. Accentuata da quell'antica cantilena valdostana mischiata a tre idiomi (Provenzal Patois, Francese ed Italiano), quasi per timore di non esser inteso ... "Mahhh ..., ggniente di strano. Ren d'étrange. Ce sont les Revenents, ceux qui reviennent; sellì vicino é avvenuta una morte tragica ou violente ... Il loro Spirito n'a pas de paix ... Leurs Esprits non hanno pace" ... Il 25 Agosto del 1929, a meno di 420 m~ in linea d'aria dalla nostra tenda, la cordata dei fratelli "Dino" e Jean Charrey e di Cino Norat precipitava dalla parete Est, a poco dalla vetta. (Tutti e tre appena ventenni ...).......".



Images

Parete Nord dell\'EmiliusBecca di Nona33 ROUTES OF MONTE EMILIUS (3559m) Remains of the Old BARON BECK PECKOZ SHELTER 1976Curtain III Em. North Wall New & Superdirect Route 1984Ely in Federigo Zullo Bivouac (2907m)Ancient Shelter & Arbole\'s Phantoms
33 ROUTES OF MONTE EMILIUS (3559m)Mount Emilius North Wall over of th\'Arpisson Vallon<font color=purple>Emilius  ... <b>Mont Mort & Barasson GHOSTS 1996</b></font>il monte Emilius mt. 3559...CARDELLINA\'s B&W on Nona\'s Becca Summit (3142m)FreeEly from "Becca" to Peak Garin 1986Northern flank
[ View Gallery - 6 More Images ]



Comments

No comments posted yet.