Welcome to SP!  -
Le FOUDRE
Article
Contribute 
 

Le FOUDRE

 
<i>Le FOUDRE</i>

Page Type: Article

Object Title: Le FOUDRE

Activities: Mountaineering

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Dec 28, 2013 / May 10, 2014

Object ID: 881117

Hits: 2431 

Page Score: 80.31%  - 12 Votes 

Vote: Log in to vote

 

Le FOUDRE

"Le Foudre/The Lighting", by johnparley





"Vous devez monter comme un foudre de guerre"/"You have to get like a thunderbolt of war", by Maurizio Castellan





Maybe you do not know what it means to be struck by lightning and I will understand. Among the many events that can happen frequenting the mountain this, surely, is what escapes most of the human imagination. If a landslide, an avalanche, a fall into a crevasse and other things you can get such an idea, because maybe helped by other events broadcast by the media and reported by the press, but here you do not have any support of this kind, and if not you fall into the problem you can not understand it at all. So it was for me too.




"Quicker, quicker! / Più svelto, più svelto!





The lightning did not exist and if there were like Gods who lived in highly Intermundia never mind the human race
. At most gorgeous designs were for a moment that lit up the sky. Then they went away, along with the time, to make their show more in there until the tutto. Au revoir to the next episode with relative free show!
Instead it is not so.
July 6th, 1986 when the "Peppino" and I meet to do the usual tour of Sunday, it's raining, even drizzling. For us, Sunday is a drama skip a Sunday wants to mean to stand still for fifteen days. A nice problem to which it seeks to address the claims of reducing a goal and content to another more easily and decreased over time. Not really as I've seen from the Swiss crew in the Great Saint Bernard for Pain de Sucre, Mount Fourchon or just for Fenetre Hill and its lakes. A row, Indian file, of open umbrellas under the time that it pours. No, this is not, but a trip with this rain you can also do. If increases in intensity then you go back home, but with a clear conscience in order. We tried, but if you just can not ... Let's start and we'll go to Point of the Valletta (3090m) above our house and where we have been dozens of times. You go up in Pila, and then Lake Chamolé, Crest Northeast Black Head (2820m), crossing the Mount Bellefaçe (2970m) and to Valletta. A walk like we were in the living room. From the hill, the drizzle became rain, but now that we are here so it's worth continuing. We are cautious and do not have umbrellas! Then a little rain gets well, maybe also does grow back hair begin to fall. The rocks are wet, but there is no problem and begin to cross to the South. When we arrive at the Top, on the contrary, it seems that it is also stopping rain. From this point alone will see both towers of Cogne and Aosta in the South and in the North. The sky is leaden clouds heavy with rain run over, but they seem high and harmless. So one looks at this side and the other, trying to uncover the gloomy mists that circulate around, looking beyond. Searching for bell towers. Then both here and both of there, with related comments. Just pointing at the mound. One a little higher up on the rope, the other just 1/2 feet below the ledge above.




"A Bolt from the Blue / Un coup de Tonnerre", by Camillo Roberto Ferronato





Suddenly broke out over my left ear
, as they both look down at Aosta. In a fraction of a millionth understand what's happened and in a moment I know to be paralyzed. From head to toe. Quick inventory: I only hear the right foot and half of the tibia. I lost the word and hear the language as after injection the dentist, but the brain is polished. The computer still runs fine. "Peppino" is not noticed anything. Only long after you hear the rumble of thunder that is lost down the valley towards the Northwest. I try to communicate with his arms and "death" of the touch on the shoulder. He turns, looks at me, turns around and continues his observation downstream. Amazing is not understood. I try again, same system. He turns back, looks at me and runs away terrified when he realizes down the ridge "comme un foudre de guerre" (as a lightning war). I am alone. I take note of the situation: it is a miracle that I'm alive, but I have to get down, get down and take away absolutely from this Top, because the sky becomes darker blacks and the clouds soon envelop me. With many adventures I can put your arms inside the strap of ski poles by sliding them to the elbows. To serve something, at least psychologically. Then inch by inch shoring up the right foot to start off the crest easy, but rocky and at times exposed. Overcome the blocks stacked with an impressive effort and determination. My brain pounds and supports me: "you have to get off, get off, get off ... ". And, like a robot, I get

"Is going to explode over the Aiguilles de Talèfre, Leschaux & Great Jorasses", by Camillo Roberto Ferronato





"You have to get off, and soon! / Devi scendere, e subito!", by bidasking





a hundred times the risk of tumbling and when I fall I get up, I pluck up courage and allotment. So for an infinite number of times down inch by inch, and when tired at best, control the situation I realize I'm down to just two meters. Where is it easier the three. Endless, but do not yield. When I reach the Black Head over three hours have passed and I began to feel that his right leg slowly recovers its sensitivity, then the left foot. There I meet "Peppino" which stands crouched at a boulder, yet full of fear. I apologize but I can not answer. I try, but babble issuing a series of guttural sounds. But until I arrived here, although now we need to get off the hill, lake and Pila for over 1000 meters in altitude. Go down, and after five words also take up the word, at least in monosyllables, because at home I can not even articulate sentences.

***

"Suddenly there came a thunderbolt / Soudain il se fit un coup de foudre", by Dario





Forse non sapete cosa vuol dire esser colpiti da fulmine ed io vi capisco. Tra i tanti eventi che posson accader frequentando montagna questo, sicuramente, é quello che sfugge maggiormente all'umana immaginazione. Se per una frana, una valanga, una caduta nel crepaccio ed altre siffatte cose puoi farti 'n'idea, anche perché magari aiutato da altri avvenimenti trasmessi dai mass media o riportati dalla stampa, qui invece non hai supporto alcun di questo genere e se non cadi nel problema non puoi comprenderlo del tutto. Così era anche per me. I fulmini non esistevan e se esistevan eran come degli Dei che vivevano negli Intermundia infischiandosene altamente del genere umano. Al massimo eran splendidi disegni che per un attimo illuminavano il cielo. Poi se ne andavan, insieme al temporale, ad effettuar lor show più in là fino a che sparivan del tutto. Arrivederci alla prossima puntata con relativo, gratuito, spettacolo!

"After Thunderstorm on Aiguille du Peigne", by Andrey Pramatarov





Invece non é così.

Quando il 6 Luglio 1986 il "Peppino" ed io c'incontriamo per fare la solita escursione della Domenica, piove, anzi pioviggina. Per noi domenicali é un dramma: saltare 'na Domenica vuole significar stare fermi per quindici giorni. Un bel problema al quale si cerca d'ovviar riducendo le pretese di una meta ed accontentandosi d'un'altra più facile e ridotta nel tempo. Non proprio come gli Svizzeri che ho visto partire in troupe dal Gran San Bernardo per il Pain de Sucre, il Mont Fourchon o semplicemente per il Col Fenetre ed i suoi laghi. Una fila indiana di ombrelli aperti sotto il temporale diluviante. No, così no, ma una gitarella con sta pioggerellina si può anche far. Se poi aumentasse d'intensità si torna casa, ma con la coscienza a posto. Noi ci abbiam provato, ma se proprio non si può ... Partiam dunque ed andremo alla Punta della Valletta (3090 m), qui sopra casa nostra ove siam stati decine di volte. Si sale a Pila, poi Lago e Colle di Chamolé, Cresta Nordest della Testa Nera (2820 m), traversata al Mont Bellefaçe (2970 m) ed alla Valletta. Una passeggiata come fossimo nel salotto di casa. Dal colle la pioggerellina diventa pioggia, ma ormai che qua siam tanto val la pena di continuare. Noi siam prudenti e non abbiam gli ombrelli! Poi un poco di pioggia fà bene, magari fa pure crescer di nuovo i capelli che incomincian cader. Le rocce son bagnate, ma non esiste problema ed iniziamo ad attraversare verso Sud. Quando arriviamo in cima, anzi, sembra stia smettendo di gocciolare.

"The ridge from Testa Nera to Mount Bellefaçe-Point of the Valletta, waiting for the rain storm", by Corvus





Da questa punta, singolarmente, si vedono entrambi i campanili di Cogne a Meridione e di Aosta al Settentrione. Il cielo é plumbeo e nubi gravide di pioggia scorron di sopra, ma sembran alte ed innocue. Così uno guarda di qua e l'altro, cercando di scoperchiar le nebbie uggiose circolanti dattorno, osserva di là. Cercando i campanili. Poi tutti e due di qua e tutti e due di là, con relativi commenti. Proprio in punta presso il tumulo. Uno un pò più in sù sulla Cima, l'altro appena 1/2 metri al di sotto sopra una cengia. Scoppia all'improvviso sopra il mio orecchio sinistro, mentre tutti e due guardiam giù verso Aosta. In un milionesimo di frazione comprendo cos'é successo ed in un attimo sò d'esser paralizzato. Dalla testa ai piedi. Rapido inventario: sento solo il piede destro e metà della tibia. Ho perso la parola e sento la lingua come dopo l'iniezione dal dentista, ma il cervello é lucido. Il computer gira ancor benino. "Peppino" non s'é accorto di nulla. Solo molto tempo dopo si sente il rombo del tuono sperdentesi giù nella valle in direzione Nordovest. Cerco di comunicare e con le braccia "morte" gli tocco la spalla. Si gira, mi guarda, si rigira e continua la sua osservazione a valle. Incredibile non ha capito. Riprovo, stesso sistema. Si gira nuovamente, mi guarda e quando comprende fugge terrorizzato giù per la cresta come un fulmine di guerra. Son solo. Prendo atto della situazione: é già un miracolo che sia vivo, però devo scendere, assolutamente scendere e togliermi da questa Cima, anche perché il cielo diventa sempre più scuro ed i nuvoloni neri presto m'avvolgeranno. Con mille peripezie riesco ad infilar le braccia dentro il laccetto dei bastoncini da sci facendoli scivolare ai gomiti. A qualcosa servirà, almen psicologicamente. Poi puntellando centimetro per centimetro il piede destro inizio a scender la cresta facile, ma rocciosa ed a tratti esposta. Supero i blocchi accatastati con una fatica ed una determinazione impressionante. Il cervello mi martella e mi sostiene: "devi scendere, scendere, scendere ...". E, come un automa, scendo rischiando cento volte di ruzzolare e quando cado mi rialzo, mi faccio coraggio e riparto. Così per un'infinità di volte discendendo centimetro per centimetro e, quando affaticato al massimo, controllo la situazione m'accorgo d'esser calato di soli due metri. Dov'é più facile tre. Interminabile, ma non cedo. Quando raggiungo la Testa Nera son passate oltre tre ore ed incomincio a sentir la gamba destra che riprende lentamente la sua sensibilità, poi il piede sinistro. Lì incontro "Peppino" che stà accovacciato presso un masso, ancora pieno di paura. Mi chiede scusa ma non riesco a rispondere. Provo, ma farfuglio emettendo una serie di suoni gutturali. Però fin qui son arrivato, anche se adesso bisogna discendere a colle, lago e Pila per oltre 1000 metri di dislivello. Scenderò e dopo cinque ore riprenderò anche la parola, almeno a monosillabi, perché neppur a casa riesco ad articolare le frasi.

"After three Stormy Days on Mount Blanc", by Andrey Pramatarov



Flash Memories

***


Grand Avert
 
Grand Avert
 
Grand Avert in...
 
33 Emilius s All Routes & Variants Traced Watershed 1986
 
Grand Avert
 


But it is there that you begin to reflect and think about that night, a boy, perched on great Crest N-NE of the "Becca" in the middle of 1000 that broke out near lightning, or that in September 09th, 1973 when, after climbing the West Ridge Combins Valsorey and Grafeneire, down on the Shoulder Isler an unexpected storm shook this great mountain and a downstairs Cyclops hurled boulders the size of a car. In the snow slide between it and the Cabane de Valsorey saw rain down from above a slab as big as the table of King Arthur, as they show in the movies, knock three times on the wall of the West Valsorey and then hover in the air floating to conclude its run over the heads of member that down. Aimed a group of rope climbers of three Swiss and above saw them dead. Instead touched their heads and then beat on snowfields and slide to the bottom. At the same hut tell us: "Cinquante centimetèrs, pas plus ...". All this in the midst of lightning and thunder ominously cavernous hell that the wall above expanded by acting as a giant echo chamber. Or go with the memory of that June 29th, 1976 when, after having made the crossing in day from Pila Peak Garin-Emilius's Red three Summits-Mount Valaisan-Top of Three Capuchins arrived in Emilius with the "Crevassino" and the "Peppino" to admire the Fires of Peter and Paul that "Agostino" Zulian and the Band of Brissogne then carried out, as usual. A show! In the dusk of the evening. Then the two went away, and, on the sly, Zulian also disappeared and the others behind him. In the dark of night. We stood in the Top Allegri Charvensod only Guido and me. A bivouac with no sleeping bag, no nothing, wedged between two boulders. Just on Top at 3559 metres. Beautiful! The rumble of thunder and the first drops woke us up in the middle of the night. The storm. Very strong ... We ran down the ridge without having even light. It was no use: the lightning lit up the ridge as it was broad daylight. Lit and extinguished the switch of the electric current with a precise rhythm and perfect sync. We fled by jumping from rock to rock, from block to block as chamois in full flight. In fact we had become of the chamois. In an apocalyptic frame. But it was short, at most an hour and we were so upset. Naive or stupid? And more upon arrival at the Top Mount Dolent at four o'clock in the afternoon of August 5th, 1979, after made the long ridge of Grapillon, under a very strong storm and with the French coming down, after climbing the North, we shouted "Descendez, descendez un terrible orage arrive énorme et de nouveau et vous allez à quatre heures. Mais vous n'avez pas peur de l'orage et de la foudre? Mais vous êtes fou!" ("Down, get a huge and terrible storm is coming and you go back to four hours. But you're not afraid of the storm and lightning? But you're crazy!". But there were less than 100 meters to the peak and we wanted to reach. Or that other time of the July 20th, 1980 when blacks already clouds at the base of the North Face of the Monciair, presaged no good, and the slope was made of snow gear that, with the passage of time, it became more and more gear and dangerous. What an effort, cut the avalanche here for sure! So we come to the rocks, instead of continuing on the same right on the ice, we go upwards to the rocks with the opening of a new direct variant to Becca. Under the storm that is unleashed making it hard to even wrap the rope.

Gran Paradiso range from Col Finestra, near Mont Fallere
 
BECCA di MONCIAIR North Face at beginning
 
ALIEN with distorted face on NORTH WALL
 
MONCIAIR North Face New route because Rainstorm 1980
 
BECCA of MONCIAIR North Wall Direct and New Route
 
Becca di Monciair
 


And yet in many other situations that, unconsciously, we challenged; or fully aware of what you risked, but remember that if you begin to think of a single refrain, "and at that time, that other time and that other still ...". Always things going well you feel almighty. Always happen to others, never to me. Stupidly almighty ... Because here the only lightning of the day, as the cloud of Fantozzi (Italian comic), hit me in full. But even an inkling I'd had in August when from Aiguille of Talèfre in a cobalt blue sky by day, we had seen it coming a terrible storm From the Savoy to more than 300 km away. Just enough time to pack up and down and in a big hurry. But he pressed on and in less than an hour we arrived over the head with hail grain size of a walnut, while the downstairs Talèfre rebelled hurling large slabs of granite the size of a table. We laughed like crazy, especially that I was in shorts. Since then, sobered by the events, I began to run away, to go down as soon as you see it from far away, as soon as you hear the first smell in the air and then the stench. So we escaped from the Bivouac Rainetto at Trêlatète. It was full of French people said, "Where you go is just a storm, so he told the Radio.". But not a single one came out and were packed to capacity. And then down the cliffs in the dark hours of ten o'clock in the evening. Jumping down the rocks to shorten the path. In the light of lightning, like a Sabbath like crazy goats fleeing in an apocalyptic scene, to Lake Combal. Or that other time just below the Garin Hill with Emilio, July 18th, 2005. It came from Mount Blanc and rumbled like an Orc. Come, come like cats down to Arbolle Shelter, where we take shelter in the stable next door. They are the eleven o'clock in the morning, but we get home at eleven o'clock in the evening only. First violent until three o'clock, when a group of about fifty boys of Biella with their companions, taking advantage of a brief respite, they decide to go up the Chamolé before falling to Pila. Do not come halfway up the hill that another storm catches them in full,very strong and violent. We think with Emilio who we are going to entrust our children with a refuge at your doorstep. We sit quietly and only when paused, seemingly more important, is manifested we leave at 15 '20. It will be a daring downhill, but we can pass the hill and down to the lake just in time. Then he unleashes hell. The waves follow one another at a rate of 5/6 minutes apart. All a run in search of an additional pasture below. Then he paused. The ancient roof beams wobble as if they were affected by the fury of the Ocean. Also fear the collapse. Alp to alp go down in racing at breakneck speed. Then stop. How much? It is not known, at least until it seems to subside. When we are in Pila lightning flashing through the windows, open the underpass concrete. Bluish glow seem to pierce. Even the descent with the car is unforgettable. Water and mud flowing everywhere on the asphalt of the road, while the wind, between a deafening noise of thunder, lightning and explosion, breaking the branches of the trees throwing the spear as Lancelot. We fight. I want to stop by the shelter, he wants to get off. In fact, under the shelter of that thing. If one of these trunks hits the glass of the car passes us like chickens on a spit.

Monsieur Le FOUDRE prepares to break the bales!





Ma é lì che incominci a riflettere
e pensi a quella notte, da ragazzo, appollaiato sul Crestone N-NE della "Becca" in mezzo a 1000 fulmini che scoppiavan vicino, oppure a quel 9 di Settembre 1973 quando, dopo avere salito la Cresta Ovest dei Combins di Valsorey e Grafeneire, in discesa sulla Spalla Isler un imprevisto temporale faceva tremare questa grande montagna ed un Ciclope scagliava dabbasso macigni della taglia di un auto. Nello scivolo di neve tra la medesima e la Cabane de Valsorey vedemmo dall'alto piovere giù un lastrone grande come la Tavola di Re Artù, come la fanno vedere nei films, battere tre volte sulla Parete Ovest del Valsorey e poi librarsi nell'aria galleggiando per concludere la sua corsa sopra la testa delle cordate che scendevano. Mirò una cordata di tre svizzeri e da sopra li vedemmo morti. Invece sfiorò le loro teste per poi battere sui nevai e scivolare fino in fondo. Al rifugio gli stessi ci racconteranno: "Cinquante centimètres, pas plus ...". Il tutto in mezzo a lampi sinistramente infernali e tuoni cavernosi che la parete soprastante ampliava fungendo da gigantesca cassa di risonanza. Oppure vado di memoria a quel 29 di Giugno del 1976 quando, dopo aver compiuto in giornata da Pila la traversata Punta Garin-Mont Valaisan-Punte Rosse dell'Emilius-Punta dei Tre Cappuccini arrivai in Cima allo Emilius col "Crevassino" ed il "Peppino" per ammirare i Fuochi di Pietro e Paolo che "Agostino" Zulian e la Banda di Brissogne effettuavano, come da tradizione. 'No spettacolo! Nel crepuscolo della sera. Poi i due se n'andaron ed, alla chetichella, sparì anche il Zulian e gli altri a ridosso. Nel buio della notte. Restammo in Cima sol il Guido Allegri di Charvensod ed il sottoscritto. Un bivacco privi di sacco a pelo, senza nulla, incastrati tra due roccioni. Proprio in Cima a 3559 metri. Bellissimo! Il rombo del tuono e le prime gocce ci svegliaron nel mezzo della notte. Il temporale. Fortissimo ... Scappam giù di cresta senza aver neppur luce. Non serviva: i fulmini rischiaravan tutto a pieno giorno. Accendevan e spegnevan l'interruttore della corrente elettrica con un ritmo preciso, e sincronismo perfetto. Fuggimmo saltando di roccia in roccia, di blocco in blocco camosci in piena fuga. Anzi eravam diventati camosci. In una cornice apocalittica. Ma fu breve, al massimo un'oretta e non eravam così sconvolti. Ingenui o stupidi? Ed ancora all'arrivo in Cima al Dolent alle ore quattro del pomeriggio del 5 di Agosto 1979, dopo aver fatto la lunga cresta del Grapillon, sott'un temporale molto forte e con i Francesi che scendevano, dopo aver scalato la Nord, che ci'urlavano: "Descendez, descendez un orage arrive énorme et terrible et vous allez de nouveau à quatre heures. Mais vous n'avez pas peur de l'orage et de la foudre? Mais vous êtes fou!". Ma mancavano meno di 100 metri alla Cima e noi volevamo raggiungerla. Oppure quell'altra volta del 20 Luglio 1980 quando già neri nuvoloni, alla base della Parete Nord del Monciair, facevano presagire poco di buono; il pendio era costituito da neve marcia che, con il passar del tempo, diventava sempre più marcia e pericolosa. Che fatica, qui di sicuro tagliam la slavina! Così giunti alle rocce, invece di doppiarle a destra continuando sul ghiaccio, tiriam sù dritto aprendo una variante nuova direttamente alla Cima. Sotto il temporale che scoppia rendendo perfin difficoltoso l'avvolger corda.

***


Le FOUDRE Before the Storm to Summit Castle 1979
 
Le FOUDRE Thunderstorm over Aiguille of Triolet 1979
 
Le FOUDRE Arriving from Aiguilles Triolet & Verte 1979
 
Le FOUDRE Thunderstorm on Verte from Dolent 1979
 
Mont Dolent from Arête du Grapillon (3823m)
 


Ed ancora a tante altre situazioni che, inconsciamente, abbiam sfidato; oppur pienamente consapevoli di cosa si rischiasse ma che se cominci a ricordare ti vien in mente un'unico ritornello "e quella volta, quell'altra volta e quell'altra ancora ...". Andando le cose sempre bene ti senti Onnipotente. Capiterà sempre agli altri, mai a me. Stupidamente onnipotente ... Perché qui l'unico fulmine della giornata, come la nuvoletta di Fantozzi, m'ha centrato in pieno. Ma già un sentore l'avevo avuto a Ferragosto quando dall'Aiguille de Talèfre, in una giornata dal cielo blù cobalto, avevamo visto arrivare un terribile temporale. Dalla Savoia ad oltre 300 Km di distanza. Giusto il tempo di fare le valige e giù ed in grande fretta. Ma lui incalzava ed in meno di un'ora ci arrivò sopra la testa con la grandine a chicchi grandi come una noce, mentre il Talèfre si ribellava scagliando dabbasso grossi lastroni di granito della dimensione di un tavolo. Si rideva come matti, soprattutto io che ero in calzoni corti. Da allora, rinsavito dagli eventi, ho incominciato a scappare, a scendere appena lo vedi da lontano, appena ne senti prima l'odore nell'aria e poi la puzza. Così siamo scappati dal Bivacco Rainetto al Trêlatète. Era pieno di Francesi che dicevano: "Mais où allez est juste une tempête, alors il a dit à la Radio" (Ma dove andate é solo un temporale, così ha detto la Radio). Però non ne usciva fuori gnanca uno e stavano stipati all'inverosimile. Ed allora giù per le balze con il buio delle ore dieci di sera. Giù saltando sulle rocce per accorciare il sentiero. Alla luce dei fulmini, come in un Sabbath simili a capre pazze che fuggono in una scena apocalittica, fino al Lago Combal. Oppure quell'altra volta appena sotto il Col Garin con Emilio, il 18 Luglio 2005. Arrivava dal Monte Bianco e rumoreggiava come un Orco. Via, via come le gatte, giù al Rifugio di Arbolle, dove ci ripariamo nella stalla adiacente. Sono le ore undici del mattino, ma arriveremo a casa soltanto alle undici della sera. Prima violento fino alle tre, quando una comitiva di una cinquantina di ragazzi di Biella con i loro accompagnatori, sfruttando una breve tregua, decidono di risalire il Colle di Chamolé per poi scendere a Pila. Non arrivano a metà della salita che un altro temporale li coglie in pieno, fortissimo e viùlent. Pensiamo con Emilio a chi andiamo ad affidare i nostri figli, con un rifugio a due passi. Noi ce ne stiamo tranquilli e solo quando una pausa, apparentemente più importante, si manifesta partiamo alle 15 e 20'. Sarà una discesa rocambolesca, ma riusciamo a passare il colle ed a scendere al lago appena in tempo. Poi si scatena l'Inferno. Le ondate si susseguono al ritmo di 5/6 minuti una dall'altra. Tutto un correre alla ricerca di un ulteriore baita sottostante. Poi pausa. Le antiche travi del tetto traballano come fossero colpite dalla furia dell'Oceano. Temiamo anche il crollo. Di alpe in alpe scendiamo correndo a perdifiato. Poi sosta. Di quanto? Non si sà, almeno finché sembra placarsi. Quando siamo a Pila i fulmini lampeggiano tra le finestre, aperte, del sottopassaggio in cemento. Bagliori bluastri sembrano trapassarle. Anche la discesa con l'auto é indimenticabile. Acqua e fango scorrono ovunque sopra l'asfalto della strada, mentre il vento, tra un rumore assordante di tuoni ed esplosioni di fulmini, spezza i rami degli alberi lanciandoli come la lancia di Lancillotto. Litighiamo. Io voglio fermarmi al riparo, lui vuol scendere. In effetti al riparo di che cosa. Se un di questi tronchi colpisce il vetro dell'auto ci trapassa come polli allo spiedo.

"When the wait Thunder become silent as an Animal sniffing the danger / Quand'attendi il Temporale diventi silenzioso com'un Animale" che sgniffa il pericolo, by Osw




Conclusions lightning much also less and less

A mirror of water is always a wedding invitation for Lightning, by Antonio





Perhaps you 've bored remembering, with a lot of dates, events of the past, but this one has a specific purpose, for it marks the scanning time in the past with many dangers. I could tell dozens of other episodes, but shall become repetitive. I told her and tell someone special or pleasant, more or less. Passing more or less unscathed. Incidentally all those who go to the mountains have come across such situations. Normal, more or less. Not everyone, however, have undergone the experience of being struck by lightning and still smaller number than that, the event took place, they can tell it. Miracles? More or less, because, while in other situations such as falling rocks, small landslides, mudslides, avalanches, falls into the wall, you may be up to a certain point reactive against this man you can not do anything. Like a tiger hits you by surprise behind and in less than a minute you find yourself to be a piece of shit, a nullity beating surprise. And then there are remedies against this Infernal Power? No. No remedy, only some wiggle room, better a loophole.




Easy: never turn your back to the tiger. Look at her straight in the eye and, if you can, meet it. How? Looking for a way to escape, that is escaping. Lie down on the ground like a bear skin? All bales. Well, clearly, do not stand on the rocky points, under the trees, in small caves, in corners, near the water, remove and remove anything that is metal. Logically granted. Instead try to play early and, when they saw the storm, get off now, or, rather, seek refuge in a shelter, a bivouac, a cabin or car. The rest is just a figment of sick fantasies or dangerous illusions. It sounds easy but it is not so simple. At the end of June and beginning of July 2005 a series of perturbations lead the Valley of Aosta a barrage of storms. A chain, one day and one not. When Emilio June 29th Arbolle go to the shelter and from there to Garin Hill (2815m) the day it does not seem the worst, but the last part of the climb to the hill we see him get right, right from the Mount Blanc, which is here in full line. He travels so fast that in a moment, like a beast, there is above. Just as we arrive. Down immediately below the bivouac Franco Nebbia (2740m), there at your doorstep without any hassles. We do not make time to enter that already sends his greetings with powerful rain showers that lightening, crossing it, they shimmer. But while I'm about to close the door of the little aluminum barrel hear voices. It seems to me. Pull the latch and good night! Then I have a doubt. I walked out with Emilio and swearing under the deluge listening. They look exactly like the items in the dense fog, that envelops everything. They are the voices. Upward at the top of the Spiers of Arbolle. Confused, but the voices. I call indeed scream "You are out of the way, you have to get off, down, must come down, get off. The camp is here, under you". Meanwhile rages outside. I'm going out and within the camp, and every time I call loudly, among the insults by Emilio, who do not tell you what he told me. Instead they arrive: Outi are Kajanner and his wife Ismo Rautiainen Helsinki, soaking wet. From the hill a track, while the trail descends , misleading salt ridge but only serves to cross Lake Garin without losing altitude. However you should just leave ends. They do not know and continue upwards until you go crashing into the spiers on a plot of grass "Ollina", very dangerous and slippery, there you stop and start, fortunately, talking. It is not easy to hear from the bottom and under a severe thunderstorm and do not always find the Guardian Angel ...

***


From <b>PEAK GARIN</b> to Garin Lake and Arbolle s Valley
 
Le FOUDRE Ismo & Osw in return on Garin Hill after storm
 
Le FOUDRE
 
Le FOUDRE
 
Garin FOUDRE This Someone comes I do not like 1971
 
<b> PEAK GARIN (3461m)</b> from <b>Red Point W Summit (3401m)</b> also from <b>North</b> on <b><i>1968</b></i>
 


Bad weather does not stop and July 6th take another storm going up the Point of Dard and then wandering on the ridges. But being that there is no two (2) without the three (3) five (5) days after we go to Becca Pouignenta above Lake Pietra Rossa , in turn over to Arpy Group of Mount Colmet. Antonio precedes us early in the morning , forced by the fact that it is a fisherman, while we who follow the lazy wheel, but apart from a couple of hours. At Lake Superior we gather and go to Becca, then go back to Red Stone. But he arrives. Stealthy like a jaguar sends us the first roar from the black ridges of Colmet. Hmmm, better pack your bags. But the "friend", who knows how long he was there to observe, now part of the assault. Not even time to take the small path between smooth and steep rocky banks already rushes to the attack. More and more we run him roaring. A beast that screams, thunder and lightning spear, like a dragon. The ski poles tremble, but the fishing rods carbon by Antonio, folded in my backpack, fry. Frrrr ..... frrrrr. We expect the lightning at any moment. Antonio looks like a nuclear power plant in boiling water. It looks puzzled for a moment, and so are we. Suddenly it has become very dangerous subject and the disreputable company. He looks at us, you know, and then put the turbo and off like a torpedo. We find the car, at the Hotel Genzianella to San Carlo Hill, at the beautiful fountain carved into the wooden trunk.But how much water around here?

"Illusion of tranquility!"





Forse v'ho annoiato ricordando, con tanto di date, episodi del passato, ma questo possiede uno scopo preciso, poiché segna la scansione nel tempo di molti pericoli passati. Potrei raccontare di altre decine di episodi, ma diventerei ripetitivo. Ho raccontato e racconterò di qualcuno particolare od ameno, più o meno. Passando indenni più o meno. Daltronde tutti quelli che vanno in montagna si sono imbattuti in situazioni del genere. Normalità, più o meno. Non tutti però hanno subito l'esperienza di essere colpiti dal fulmine ed ancora in numero più ridotto quelli che, avvenuto l'evento, possono raccontarvela. Miracolati? Più o meno, perché, mentre per altre situazioni come la caduta di pietre, piccole frane, slavine, valanghe, cadute in parete, si può essere fino ad un certo punto reattivi, contro questo signore tu non puoi fare nulla. Come una tigre ti colpisce a tradimento alle spalle ed in meno d'un attimo ti ritrovi ad essere un pezzo di merda, una nullità bastonata a sorpresa. Ed allora ci sono dei rimedi contro questa Infernale Potenza? No. Nessun rimedio, sol qualche scappatoia o piccolo sotterfugio. Facile: mai dare le spalle alla tigre. Guardarla bene negli occhi e, se puoi, affrontala. Come? Cercando una via di fuga, cioé scappando. Stenderti a terra a guisa di pelle d'orso? Tutte balle. Beh, chiaramente, non star sulle punte rocciose, sotto gli alberi, in piccole grotte, in diedri, vicino all'acqua, togliere ed allontanare tutto ciò che é metallico. Logicamente scontato. Cercar invece di giocar d'anticipo e, vedendo arrivar temporale, scender subito oppur, meglio, cercare un rifugio presso un rifugio, un bivacco, una baita o l'auto. Il resto é solo frutto di fantasie insane o di pericolose illusioni. Sembra facile ma non é così semplice. Alla fin di Giugno ed inizio di Luglio 2005 una serie di perturbazioni portano sulla Valle di Aosta una raffica di temporali. A catena, un giorno si ed uno no. Quando con Emilio il 29 Giugno andiamo al Rifugio di Arbolle e da questo al Col Garin (2815 m) la giornata non sembra delle peggiori; ma dall'ultimo tratto di salita al colle lo vediam rivare dritto, dritto dal Monte Bianco, da qui in piena linea. Viaggia tanto veloce che in un' attimo, come una belva, c'é sopra. Proprio mentre arriviamo. Giù subito al sottostante Bivacco Franco Nebbia (2740 m), lì a due passi senza problemi. Non facciam tempo ad entrare che già invia i suoi saluti con potenti scrosci di pioggia che i lampi, trapassandola, fan luccicare . Ma mentre sto per chiudere la porta della piccola botte in alluminio sento voci. Sembra. Tiro il chiavistello e buona notte! Poi mi vien dubbio. Esco fuori con Emilio imprecante e sott'al diluvio scolto. Sembran proprio delle voci, nella fitta nebbia che tutt'avvolge. Son delle voci. Sù in alto tra le Guglie di Arbolle. Confuse, ma delle voci. Chiamo, anzi urlo "Siete fuori strada, dovete scendere, giù, dovete venir giù, scendere. Il bivacco é qui, sotto di voi!". Intanto fuori infuria. Esco ed entro dal bivacco ed ogni volta chiamo a squarcia gola, tra gli insulti dell'Emilio, che non vi racconto cosa mi dice. Invece arrivano: sono Outi Kajanner e la moglie Ismo Rautiainen di Helsinki, bagnati fradici. Dal colle una traccia, mentre il sentiero discende, ingannevole sale in cresta ma serve soltanto per attraversare al Lago Garin senza perder dislivello. Però la si deve abbandonare appena termina. Loro non lo sanno e continuano verso l'alto fino a che non vanno a sbattere contro le guglie su di un terreno di erba "Ollina", molto pericoloso e scivoloso; lì si fermano ed iniziano, fortunatamente, a parlare. Non é facile sentirsi da sotto e sotto ad un violento temporale e non sempre trovate l'Angelo Custode ...

***


Le FOUDRE
 
Le FOUDRE
 
Le FOUDRE
 
Le FOUDRE
 
Le FOUDRE Storm on Mont Colmet/Mont Lussé
 


Il cattivo tempo non la smette ed il 6 di Luglio prendiamo 'n'altro temporale salendo la Punta del Dard e poi girovagando sù per le creste. Ma essendo che non c'é il due (2) senza il tre (3) cinque (5) giorni dopo andiamo alla Becca Pouignenta sopra il Lago di Pietra Rossa, a sua volta sopra quello di Arpy nel Gruppo del Mont Colmet. Antonio ci precede di buon mattino, costretto dal fatto che é pescatore, mentre noi che siamo dei pigroni seguiremo a ruota, ma distanziati d'un paio di ore. Al Lago superiore ci riuniamo ed andiamo alla Becca, poi torniamo a Pietra Rossa. Ma lui arriva. Furtivo come un giaguaro ci invia il primo ruggito dalle nere creste del Colmet. Uhmmm, meglio far valige. Ma l'"amico", che chissà da quanto tempo era lì nascosto ad osservarci, parte subito all'assalto. Neppur tempo d'imboccar il sentierucolo tra lisce e ripide banconate rocciose che già si slancia all'attacco. Più corriamo e più lui ruggisce. 'Na bestia che urla, tuona e lancia saette, quasi fosse un drago. I bastoncini da sci tremano, ma le canne da pesca al carbonio dell'Antonio, ripiegate nello zaino, friggono. Frrrr .....frrrrr. Ci aspettiam fulmine da un momento all'altro. Antonio sembra una centrale nucleare in ebollizione. Ci osserva perplesso un attimo, ed anche noi lo siamo. Improvvisamente é diventato soggetto assai pericoloso e dalla compagnia poco raccomandabile. Lui ci guarda, capisce e poi inserisce il turbo e via come un siluro. Ci ritroviam all'auto, presso l'Hotel Genzianella al Col San Carlo, presso il bel fontanile ricavato nel troncone di legno. Ma quant'acqua han da ste parti?

"But if the storm is snow, you're on another planet ..."




But you want it to remove the bad little habit?

"How do you see it? Not so good! / Come la vedi? Mia tant bìn!", by Osw





When August 24th, 2005 with Emilio and Nicola, the Judge, decide to go to Dondena (Champorcher Valley) to the Rosa dei Banchi (3164m), the weather is beautiful and so we go for Refuge Dondena, the three Alps Pendent (hanging) and a detrital ramp, where it passes a small track, we reach the Bocchetta del Marmo Bianco (White Marble; 2901m), wide saddle between the summits of various Beccher Peaks and the Beak of Pragelàs. The Next Quote about 2925/30 meters takes us on the watershed between the Walloon of Banchi (West) and one in Piedmont of Piamprato. The climb is beautiful, scenic and easy. We cross another six units including the Top Beccher and Point of Fontane, after which a notch, leads to the final part of the North Ridge of the Rosa. Always quietly chatting, photographing, but turning his back to the valley. Everything seems quiet and not scare those big black clouds coming from the East. But less than 100 metres from the Summit, where the ridge becomes more aerial and as we face the only important step, a thunderclap surprise us by making us behind ears ring. The storm! What you do? Just a few metres and we Top. So while the mists envelop us climb the last part, where the ridge becomes more narrow and exposed. Seeing less and less, but in short we are on Rosa. Strange luminescence wrap around the large Cross that begins to fry. Do you want to get up here and do the usual photo? The do, while the air is charged with electricity by emitting a glow and strange lights. Never mind that the two of them have not ever taken, but I know what I want to say that ... Unforgivable! And while I think I say it too. The best! Then he, tired of so much stupidity, it explodes. Very angry and violent. Have not you ever learn? And then way down the ridge. But here I rely on my experience: they will go, but not too much. I hear them talking behind my back. But I just run away and within 20 minutes I walked across the ridge down for more than 2 Km to a fork in the first quota. I take shelter in a small canyon-rift fault planning to be protected, but the rocks 15/20 meters above will vibrate with electricity and I fear the worst. They, unconscious, coming lashed by rain but quietly chatting. Then everything calms down. But who is to blame and when did you take away from this bad habit of not knowing how to renounce Top?

***


Southeastern Graian Alps from Rosa dei Banchi Northeast Ridge
 
CURT XI To Rosa dei Banchi Summit or Return ... 2003
 
C. delle Fontane & Rosa dei Banchi from Northwest 2005
 
Rosa of Banchi Storm & Fog near the Summit 2003
 
<b><font color=green>Rosa dei Banchi</font> <font color=purple><i> in</font><font color=red> HARD</font><font color=purple> STORM amongst</font> <font color=red>flashs of lightning</i></font></b> 2003
 


Quando il 24 Agosto 2005 con Emilio e Nicola, il Giudice, decidiamo di andare da Dondena (Valle di Champorcher) alla Rosa dei Banchi (3164 m) il tempo é bello e così andiamo per il Rifugio Dondena, le tre Alpi Pendent (che pendono) e con una rampa detritica, dove passa una piccola traccia, raggiungiamo la Bocchettaa del Marmo Bianco (2901 m), ampia sella tra le varie sommità delle Cime Beccher ed il Becco di Pragelàs. La successiva Quota 2925/30 metri circa ci porta sullo spartiacque tra il Vallone dei Banchi (Ovest) e quello in Piemonte di Piamprato. La salita é bella, panoramica e facile. Attraversiamo altre sei quote tra le quali la Cima Beccher e la Punta delle Fontane, dopo la quale un intaglio, porta alla parte finale sulla Cresta Nord della Rosa. Sempre tranquillamente chiacchierando, fotografando ma voltando le spalle a valle. Tutto sembra tranquillo e non spaventano quelle grosse nuvole nere sorvolanti da Oriente. Ma a meno di 100 metri dalla Sommità, dove la cresta diventa più aerea e mentre affrontiamo l'unico passaggio importante, un rombo di tuono ci sorprende alle spalle facendoci fischiar le orecchie. Il temporale! Che si fà? Mancano pochi metri e siamo in Cima. Così mentre le nebbie ci'avvolgono saliamo l'ultima parte, dove la cresta diventa più stretta ed esposta. Vedendo sempre di meno, ma in breve siamo sulla Rosa. Strane luminescenze avvolgono la grande Croce che inizia a friggere. Vuoi arrivare fino a qui e non fare le foto di rito? Le facciamo, mentre l'aria si carica d'un elettricità emettendo bagliori e strane luci. Pazienza loro due che non lo hanno mai preso, ma io che sò cosa vuole dire ... Imperdonabile! E mentre lo penso lo dico anche. Il massimo! Poi lui, stanco di tanta stupidità, esplode. Rabbioso e molto violento. Possibile che non s'impari mai? Ed allora via giù per la cresta. Ma qui faccio valere la mia esperienza: loro si vanno, ma non troppo. Li sento ciaciaràr alle mie spalle. Io invece proprio fuggo ed in 20 minuti ho percorso tutta la cresta in discesa per più di 2 Km fino ad una forcella sotto la prima quota. Mi riparo in un minuscolo canyon, un'anfratto-giogaia, pensando d'esser protetto, ma le rocce 15/20 metri al si sopra vibrano di elettricità e temo il peggio. Loro, incoscienti, arrivano sferzati dalla pioggia ma tranquillamente chiacchierando. Poi tutto si placa. Ma di chi é la colpa e quando mai ti toglierai questo vizietto di non saper rinunciar alla Cima?

"This will get behind hidden, like the Tiger! / Occhio, non dargli mai le spalle!", by emilius



And what has been your Biggest Fear ?

"Before the Storm", by Antonio





But there is always a time that makes you more afraid of the other, and for which you can not wait for it to finish, as in a nightmare. What is it? In general, you always remember the last one, as for women, but it is not always the case. And then you go looking in the memory, both in the far than in the near and not without a few surprises. Maybe it was that time at the Mount Blanc of Tacul back in August Assumption 1973, when the storm broke over her shoulder with wind gusts of more than 80 km per hour and went to hide behind the granite turrit of Western Point? We saw the sunrise from the Top of the serac fall off Major Via with its greenish ice, killing three Japanese. Those who the day before going to Cosmiques I had asked for food and to whom I gave my apricots. But at that time we did not know (we would bed the next day) and we laughed like crazy feeling the brrr .... brrrr by "Crevassino", that, just under undaunted as Captain Akab, faltered at every gust, but more like an old wolf defending his jacket loden, he said better than any duvet. No it was not that, because despite the bitter cold, we laughed too.



Maybe the time of the August 13th, 1994 when, starting quietly, as I usually do in my shorts, for the last from Refuge Emmanuel the Danilo had "burned" all other groups of a rope climber. Even those who had left two hours before along the Normal of the Gran Paradiso: the iced "wall " above Becca of Moncorvé came suddenly, on a gorgeous day, with relentless gale that you threaded needles of ice into the eyes. The cap flew off over 200 meters into the Ciarforon, while anchored two-handed ax I tried to resist for me not to take away me too. No chance to pull out the backpack and get dressed. It will be the Guide Jacquemod Mount Blanc Courmayeur that, since it was the only night party, arrived at the Top with the customer, coming back will help me to do so. Danilo had already sticks of ice hanging from the nose and ears "take it down, down right away because otherwise cut them to him !" No, it was not even that, in the end there was no apparent danger to lightning and then we had found help. Archived. So, then, ah yes that time going up to the Zullo Bivouac in the late afternoon of June 16th, 2002 we broke over his head, shaking the walls of Emilius. As we ran up the steep slope with my heart in my throat, which seemed to burst duty, to reach the bivouac, he fell more and more and the cannon shots will explode inside the ears. Enveloping like an octopus, gave us no respite and every step cost a incredible effort hampered by wind gusts of rain. More to the anxiety for the effort. The Dean Gianfranco (as these can defend themselves Deans!) Reached him first, Emilio and I immediately afterwards literally throwing ourselves into it. By now we felt the vibrations of her and electricity already pervaded the body. Terrible, because I do not have to be on a high top or on a wall for fear it difficult. He did not look at anyone, he does not look making preferences: you can hit there, but also in the meadow near the pasture. It does not do rebates per person and do not look anyone in the face. Everyone is equal before the law. The Beast! At the Alpe di Chaligne (Tza ligne alp or lightning) came into the barn through the window and out of a hundred cows lying he glared at fifty, those with the stomach to the floor, the other went over the back with a sine wave geometrically perfect and impartial. Or that time of the August 1th, 1976 when Camillo appeared with the Ghost of Broken: my image upside down, including the red cowboy hat and wrapped in a white cotton and bruise on the pinnacle previously climbed into the fork and he did not notice that below anything. No, not even this, but now I am reminded of the time that I've made him really ... It was August 5th, 2002 when we descended from the Mont Colmet (3029m), after having crossed to the Col Comba Sorda. The Dean, Judge Francesco Fioretti said Frank (a friend of Bari) and myself, an easy hike made ​​in good company. Only that good companies will lead you to chat and doing what you do not realize what goes over your head. The sky had clouded over quickly, so much so that it seemed to come down in the evening. Just before the Lake Pietra Rossa showed with a nice that thunders in the valley, but without seeing the lightning. Lengthen up and down. And now, with all the water that there is around here. The Dean takes Frank and go. Me and Nico behind, more confident. Nico does not move, the magistrates do not fall apart ever. Even before the storm. Beyond the waterfall on a rocky stretch jump up. Here everything is easier and there is no danger, and soon it is on Lake Arpy , where a large private road leading to the San Carlo Hill.

"Arpy before Storm", by livioz





Every time I turn around, but Nico does not arrive. You can see who has decided to die! But I'm not so stupid as to let die a Magistrate. The Dean, yes, but never a Magistrate. I'm not so dumb! The violence of the storm is unheard of and around the Valley of Arpy trembles and shining water that goes down to the small falls from the Colmet Pouignenta, but when it falls in intensity and seems to end is even worse. Strange flashes appear and disappear in an instant a few meters inside the fir forest, on the roadside. They look like wisps a cemetery and their light strip like a snake ghost. Truly to do poop on me. Because if you have to die electrocuted engaged on some difficult or prestigious top wall there may be. It's part of the game. But so ignominiously down from Lake Arpy not. Even the Aappearances and the Dignity must be safeguarded . Or not? ...

"After the Storm", by AlbertoRampini





Ma c'é sempre una volta che ti fà più paura delle altre e per la quale non vedi l'ora che finisca, come in un incubo. Quale é? In genere si ricorda sempre l'ultima, come per le donne, ma non é sempre così. Ed allora si va alla ricerca nella memoria, sia in quella lontana che in quella vicina e non senza qualche sorpresa. Sarà stata quella volta al Mont Blanc du Tacul nel lontano Ferragosto 1973, quando la tempesta esplose sulla sua spalla con raffiche di vento ad oltre 80 Km all'ora ed andammo a rifugiarci dietro la granitica torretta della Punta Ovest? Vedemmo all'alba dalla Cima il seracco della Via Major staccarsi con il suo ghiaccio verdastro uccidendo tre giapponesi. Quelli che il giorno prima salendo alle Cosmiques mi avevano chiesto del cibo ed ai quali diedi le mie albicocche. Ma in quel momento non lo sapevamo (lo avremmo letto il giorno dopo) e ridevamo come dei matti sentendo i brrr .... brrrr di "Crevassino" che, appen di sotto imperterrito com'il Capitano Akab, vacillava ad ogni raffica, ma sempre difendendo come un vecchio lupo il suo giubbotto in loden, a suo dir migliore di qualsiasi duvet. No non era quella, perché, nonostante il freddo terribile, ridevamo troppo. Forse quella volta del 13 Agosto 1994 quando, partendo tranquillamente, io come mio solito in calzoni corti, per ultimi dal Rifugio Emanuele con il Danilo avevam "bruciato" tutte le cordate. Anche quelle partite due ore prima lungo la Normale del Gran Paradiso: al "muro" ghiacciato sopra la Becca di Moncorvé arrivò all'improvviso, in una splendida giornata, implacabile con vento fortissimo che t'infilava gli aghi di ghiaccio dentro gli occhi. Il berretto volò via di oltre 200 metri verso il Ciarforon, mentre ancorato a due mani alla piccozza cercavo di resistere per non farmi portare via pur io. Senza possibilità di sfilare lo zaino e vestirmi. Sarà la Guida Jacquemod di Courmayeur che, essendo partito di notte, era l'unico arrivato in Cima con il cliente, rientrando m'aiuterà a farlo. Il Danilo aveva di già i candelotti di ghiaccio penzolanti da naso ed orecchie "portalo giù, giù subito perché altrimenti gliele tagliano!" No, ma non era stata neppur quella, alla fine non c'era apparentemente pericolo per i fulmini e poi avevam trovato aiuto. Archiviato.

"Arpy after Storm", by besucher01





Allora, allora, ah sì quella volta che salendo al Bivacco Zullo nel tardo pomeriggio del 16 Giugno 2002 ci esplose sopra la testa facendo tremar le pareti dell'Emilius. Mentre correvamo su quel ripido pendio con il cuore in gola, che pareva dovesse scoppiare, per raggiungere il bivacco, lui si abbassava sempre di più ed i colpi di cannone ti esplodevan dentro le orecchie. Avvolgente com'un polipo, non ci dava tregua ed ogni passo costava una fatica incredibile ostacolati da vento con raffiche di pioggia. Più per l'ansia che per lo sforzo. Il Preside Gianfranco (come sanno difendersi sti Presidi!) lo raggiunse per primo, Emilio ed io subito appresso buttandoci letteralmente dentro. Ormai ce lo sentivam addosso e le vibrazioni d'elettricità pervadevano già il corpo. Terribile, anche perché non bisogna esser su d'un'alta cima o su d'una parete difficile per temerlo. Lui non osserva differenziando o facendo preferenze: ti può colpire lì, ma anche nel prato vicino all'alpeggio. Non fà sconti a persona ed in faccia non guarda nessuno. Tutti uguali davanti alla legge. La Bestia! All'Alpe di Chaligne (Tza ligne ovvero alpe del fulmine) entrò nella stalla dal finestrino e su cento vacche sdraiate ne fulminò cinquanta, quelle con il ventre al pavimento; alle altre passò sopra la schiena con una sinusoide geometricamente perfetta ed imparziale. Oppure quella volta del 1 Agosto 1976 quando con Camillo si manifestò lo Spettro di Broken: la mia immagine capovolta, compreso il rosso cappello da cowboy, ed avvolta in un cotone bianco e livido sul pinnacolo precedentemente salito e lui nella forcella sottostante che non s'accorgeva di nulla.

"Broken's Spectrum", by dragan2





No, neppure questa, ma adesso mi vien in mente quella volta che me la son fatta veramente addosso... Era il 5 Agosto 2002 quando scendevamo dal Mont Colmet (3029 m), dopo averlo attraversato fino al Colle di Comba Sorda. Il Preside, il Giudice, Francesco Fioretti detto Frank (un amico di Bari) ed il sottoscritto; una facile escursione fatta in buona compagnia. Solo che le buone compagnie ti portan a chiacchierare e ciò facendo non t'accorgi di cosa ti passa sopra il capo. Il cielo s'era rapidamente rannuvolato, tanto che sembrava scendesse sera. Appena prima del Lago di Pietra Rossa si presentò con un bel tuono rimbombante nel vallone, ma senza far veder fulmine. Allungare il passo e scendere. E subito, con tutta l'acqua che c'é qu'attorno. Il Preside prende il Frank e se ne và. Io e il Nico dietro, più tranquilli. Nico non si scompone, i Magistrati non si scompongon mai. Neppure davanti al temporale. Oltrepassata la cascata sul salto roccioso allungo il passo. Qui é tutto più facile e non esiste pericolo ed in breve si é al Lago d'Arpy, ove una larga strada poderale conduce al Col San Carlo. Ogni tanto mi giro, ma Nico non arriva. Si vede che ha deciso di morire! Ma non sono così scemo da lasciar morir un Magistrato. Il Preside sì, ma un Magistrato giammai. Non sono così stupid! La violenza del temporale é inaudita e tutto il Vallone dell'Arpy trema e brilla d'acqua che scende a cascatelle dal Colmet alla Pouignenta; ma quando cala d'intensità e sembra finir é ancor peggio. Strani bagliori appaion e scompaion in un'attimo a pochi metri dentro l'abetaia, sul ciglio della strada. Sembran fuochi fatui in un cimitero e la loro luce striscia come un serpente fantasma. Veramente da caccarsi addosso. Perché se devi morir fulminato impegnato su qualche difficile parete o prestigiosa cima ci può anche star. Fa parte del gioco. Ma così ignominiosamente scendendo dal Lago di Arpy no. Anche le Apparenze e la Dignità debbon essere salvaguardate. O no? ...

"Even little Mountains have their THUNDERSTORMS & ... their GHOSTS"

***


"Even little Summits have their Thunderstorms and ...

 Aug 01, 1976: along the Monte Emilius s west<br> ridge; in the foreground  Piccolo Emilius <i>3342m</i>
 
MOUNT EMILIUS Original West Ridge with Storm 1976
 
Brooken s SPECTRE on WEST Ridge
 
MONTE EMILIUS 33 ROUTES HISTORY W-NW Ridge 1976
 
EMILIUS s 1976 INFERNAL WEST RIDGE and Integral from Carrel Pass
 


and ... their Phantoms"

CHARON from     INFERI   (Hell)
 
Old Classic Routes West Natural & Infernal Ridge 1976
 
Emilius s in the SUMMIT and Surr. EMO & SUGGESTIONS  BLIZZARD & SNOWSTORM
 
EMILIUS s INFERNAL & Integral stormy WEST RIDGE 1976
 
Le FOUDRE Arriving on Summit after North Wall 1980
 


, by Camille & Osw


MONTE EMILIUS after North Face with Rainstorm 1980
 
MONTE EMILIUS SW Spur crossing 1974 with Variant on North Face Right Route 1998
 
Le FOUDRE Arriving the Storm on Mount Ruvic 1987
 
33 From East Summit to Leppe & Roises Traverses 1974
 
EMILIUS s SW Buttress, First Ascent 1974: Descendig from Comboé s TRIDENT
 

Images


Comments


[ Post a Comment ]
Viewing: 1-6 of 6    

visentinLa

visentin

Voted 9/10

LA foudre not Le Foudre..
Posted Jan 5, 2014 9:28 am

OsvaldoCardellinaRe: La

OsvaldoCardellina

Hasn't voted

Mon ami, Le Foudre La Foudre pas. Comme tous les textes anciens et leur vocabulaire! Mais ce n'est pas si important, il est important que vous compreniez ce que je veux dire ...
Posted Jan 5, 2014 10:01 am

OsvaldoCardellinaRe: La

OsvaldoCardellina

Hasn't voted

My friend, Le Foudre (Lightning) La Foudre (always Lightning) not. Like all ancient texts and vocabulary! But it is not so important, it is important that you understand what I mean ...
Posted Jan 5, 2014 10:08 am

visentinRe: La

visentin

Voted 9/10

Indeed : I understand your English very well, but not your French :) So please replace this LE with a LA, the title will stop to sound ridiculous, believe me...
Posted Jan 13, 2014 3:35 pm

OsvaldoCardellinaRe: La

OsvaldoCardellina

Hasn't voted

Vous ne semblez pas très perspicace en interprétation de textes, que vous n'êtes pas un foudre de guerre. Relisez bien le sens de l'histoire ...
You do not seem very insightful interpretation of texts, you're not a lightning war ("un foudre"). Reread the sense of history ...
Posted Jan 15, 2014 1:20 am

OsvaldoCardellinaRe: nice

OsvaldoCardellina

Hasn't voted

OK!
HELLO & THANKS
osw
Posted Mar 28, 2014 1:33 am

Viewing: 1-6 of 6