Welcome to SP!  -
Valeille
Area/Range
Contribute 
 
Geography
 

Valeille

 
Valeille

Page Type: Area/Range

Location: Aosta Valley Cogne Municipality, Italy, Europe

Lat/Lon: 45.56945°N / 7.38953°E

Object Title: Valeille

Activities: Hiking, Mountaineering, Trad Climbing

Season: Spring, Summer, Fall

Elevation: 12110 ft / 3691 m

 

Page By: OsvaldoCardellina

Created/Edited: Jan 27, 2016 / Mar 31, 2016

Object ID: 964417

Hits: 958 

Page Score: 78.27%  - 9 Votes 

Vote: Log in to vote

 

White Brown Overview




Why Valeille? Where does this name is somewhat controversial but finally even simple. Why is nothing more than a derivation from the valle or vallée that indicate a valley less important than the main one, that of Cogne. We can say a little valley, but certainly here it indicates a deep valley. Widespread but with pastures and alpages reduced and limited by steep moraines and ancient glaciers. But at the root of Valeille it is also the inherent meaning of a valley wild and rugged and almost "bad", surrounded by the high walls of the Gran San Pietro (3691m) and the entire Chain of the Apostles to the West and a series of daring spiers and poorly "attractive" to the East, nevertheless it leads in Piedmont in the Valley of Teleccio or Telessio in the Southern side into the Piedmont Region with a lake of the same name (1917m) exclusively through the via on the eponymous pass (3306m). A transit for people bold and with surefooted, between steep moraines increasingly extended and perennial glaciers being phased withdrawal. Environment, after all, scarcely frequented even by hard Mountaineers and strong Climbers, while the bivouac invites the Experts Hikers to interesting visit with explorations.
Despite the length of an exhausting approach.




From Punta delle Sengie towards three Valeilles and Scatiglion up to the Ondezana,

by Gino Bolfo


Perché Valeille? Da cosa derivi questo toponimo risulta alquanto controverso ma in fondo anche semplice. Perché altro non é che una derivazione da valle o vallée tale da indicare una vallata meno importante di quella principale, ovvero dalla Val di Cogne. Possiamo dire una valletta, ma sicuramente qui si indica un vallone. Molto esteso ma con i pascoli ridotti e limitati dalle morene e dai ghiacciai. Ma in quel radicale di Valeille é insito anche il significato di un vallone aspro e selvaggio e quasi "cattivo" che, racchiuso tra le alte pareti del Gran San Pietro (3691 m) e dalla Catena degli Apostoli ad Occidente e da una serie di guglie ardite e scarsamente "accattivanti" ad Oriente, nonostante tutto conduce in Canavese nel Vallone di Teleccio o Telessio sul lato Meridionale ovvero già in Regione Piemonte tramite l'omonimo colle (3303 m), detto anche dell'Ondezana, al di sopra dell'identico lago (1917 m) presso il soprastante Rifugio Pontese. Un transito per gente ardita e dal piede sicuro, tra ripide morene sempre più estese e perenni ghiacciai in fase di progressivo ritiro. Un ambiente, tutto sommato, scarsamente frequentato anche da Alpinisti, mentre il bivacco invita gli Escursionisti Esperti ad una visita esplorativa.
Nonostante la lunghezza d'uno spossante approccio.




Gran San Pietro from near the Teleccio, Telessio or Ondezana Pass,

by OliettiPaolo

Getting There

By car:

  • From TORINO, MILANO, etc: Motorway A5. Exit at IVREA or Quincinetto (PIEDMONT) also Pont Saint Martin, Verrès, Châtillon, AOSTA East (Nus) and West (Aymavilles) Municipalities.

    From Aymavilles towards Cogne Valley
    From Aymavilles (646m) towards Cogne Valley with Regional Main Road: Vieyes (1132m) Fraction; continue to Silvenoire, Epinel and Crétaz Hamlets, Cogne (1534m), through Main Road. From Lillaz Fraction (1607m) to Guido Antoldi and Laura Malvezzi Bivouac, by paths in Valeille Vallon, with traces in terminal parts.

    Valeille Vallon from Teppelonghe Dessous





    It is not necessary to take Motorway A5: you can drive on State Road n° 26, in the direction of AOSTA - IVREA - TURIN.




Un Approach & various Routes




Teleccio or Telessio Pass, even called of Ondezana,

by andrea.it


From Lillaz (1617m) towards Guido Antoldi and Laura Malvezzi Bivouac


From Cogne-Resort (1534m) using bus or car to nearby Lillaz Fraction (1617m; car parking in the middle of the built up area). Start along the path n° 15 towards the Valeille Vallon, after a terrace follow to a bridge near a big and isolated boulder. Cross the bridge and follow along the path, almost a muletrack, on the left side hydrographic of Valeille reaching the alternative 1910 metres. Leaving left (East) the deviation with path n° 15A towards in bottom Valeille last Pasture (1902m) and towards the Arolla Pass (2892m), continue a big landslide must be passed along tracks. Now along the track leading to the ridge of the morain on the left side (hydrographic) of Valeille Glacier. Continue, with increasingly steep and difficult path, follow the ridge till its end, once there was the old bivouac, and, on quite difficult slopes to the Guido Antoldi-Laura Malvezzi Bivouac (2920m), collocated on the great shoulder of the Eastern Ridge of Northern Tower of Saint Andrea (3643m). The first between the two bivouacs destroyed by avalanches in 1970/71 and 1976/77 winters, while the present is installed and opened, with association of the C.A.I. Aosta's Section, on August 20th, 1979 (EE; 4h'15/5h'00 by Lillaz).

Dalla Frazione di Lillaz (1617 m) al Bivacco Guido Antoldi e Laura Malvezzi


Dal Comprensorio di Cogne (1534 m) tramite bus od in auto raggiungere la viciniora Frazione di Lillaz (1617 m), ove si parcheggia l'auto nel grande piazzale sito quasi al centro del villaggio. Iniziare la salita imboccando il sentiero n° 15, quasi una mulattiera, dirigentesi nel Vallone di Valeille; dopo aver superato un gradone si prosegue sino a un ponte sito a breve distanza d'un grande macigno. Dopo averlo attraversato, continuare lungo la mulattiera sulla sinistra orografica della Valeille e, dopo aver lasciato al bivio 1910 m a sinistra (Est) la ramificazione per la sottostante Alpe di Valeille (1902 m) che con il sentiero n° 15A risale verso il Colle di Arolla (2892 m), superare su tracce di sentiero una enorme frana. Lasciare il ramo (rivolto alle pendici delle Punte Patrì) seguendo la traccia di sentiero che sale in cresta alla morena sulla sinistra orografica del Ghiacciaio di Valeille. Continuare, con percorso sempre più ripido e faticoso, sino quasi al termine la suddetta, dove sorgeva il vecchio bivacco. Da questo punto, superato un tratto su terreno abbastanza malagevole, si raggiunge il Bivacco Guido Antoldi-Laura Malvezzi (2920 m), collocato su d'uno spallone della Cresta Orientale della Vetta Settentrionale (3643 m) delle due Torri di Sant'Andrea. I primi due bivacchi sono risultati distrutti dalle grandi valanghe degli inverni 1970/71 e 1976/77, mentre l'attuale, non molto più in alto rispetto ai due precedenti ma forse più "sicuro", è stato inaugurato, con la compartecipazione del C.A.I. Sezione di Aosta, il 20 Agosto 1979 (EE; 4h'15/5h'00 dalla Frazione di Lillaz).

The entire Eastern long Watershed of the Valeille 2015
Torre del Gran San Pietro
Until the mid-upper head into Valeilles Vallon 2015
Torre del Gran San Pietro
From Punta Scatiglion towards the Ondezana 2015


A valley truly "wild". When parts to climb Valeille you is bad. The thought of along this narrow and endless valley becomes stressful. When he gets to the moraines, which lead to the promontory where is located the Bivouac Antoldi-Malvezzi, you're even worse. Not because it is a bad vallon. Nevertheless, indeed is so wild, how wonderful. But it was certainly the maximum for the villagers of past centuries, when the mountaineering was not yet born, and nobody cares. There were no mines, pastures were small and confined between those two impressive coastal find their climax in the final of the Tower Gran San Pietro and also the Teleccio Pass to go Piedmont, some nice problem created. We do not speak of the other to the East in the stretch that goes from Bardoney Hill, (after passing the Lavina Tower, Grande Arolla, the three Forzo Top., Roccia Azzura and Sengie) coming this far. On the opposite side there are only internal crossings with Valnontey and to navigate it's best to go around below. Above the mountain range becomes "more bitter and bad" going up to the Apostles Group. The credit then to have enhanced this valley lies with the Mountaineers, but then maybe not too much, because upward around here you can count them on your fingers. So is the Hunters of Alps, but before the opening of the National Park of Gran Paradiso. In 1922 year ...



Sengie Valeille Scatiglion & Ondezana, by Osw

The Vallons most important & the recommended Excursions (10)


1)- From Lillaz Fraction (1607m) towards Loie Loch (2346m) at the beginning of Valeille between the same and the adjacent Bardoney Vallon:
easy and not too long Excursion with path in East-southeast towards the three Lillaz renowned Waterfalls and Quertatset Pasture (1750m), collocated immediately over the same. From this crossing into the dense forest above along the Loie Torrent and passing near homonym alp (2217m) with trail n° 12 to the beautiful Loie or Loe Lake (T/F; 2h'30/3h'00).
2)- By Lillaz Hamlet to Great Boulder (1607m, 1750m): Walk with path n° 15 in South to the Great Boulder at the entrance on true Valeille Vallon (T/F; 0h'45/1h'00).
3)- Lillaz towards Valeille Alp (1607m, 1902m): Walk-Excursion with the same path always n° 15 in South to fork 1910 metres, near Valeille Alp (E/F; 1h'15/1h'30).
4)- By Valeille to the Arolla Alps near Casotto P.N.G.P. (1902m, 2258m): Excursion with path n° 15A in East to Arolla Northern Pass (2915m) (E/F+; 3h'45/4h'15).
5)- From the following crossroads 1910 metres near Valeille Alp: long, tiring and demanding Excursion with path n° 15 and through always evident traces into the steep moraines on terminal part in South to Guido Antoldi and Laura Malvezzi Bivouac (2920m), under the Saint Andreas Tower in middle Apostles Group (EE/F; 3h'45/4h'15).
6)- From Antoldi-Malvezzi Bivouac below the East Wall St. Andrea Tower and Teleccio or Telessio Pass: short and enough easy Climbing in Southwest crossing Valeille Western Glacier towards overhanging Teleccio Pass (3312m), between the Gran San Pietro Tower at the end of Apostles Group and Punta Ondezana (A/F+; 1h'45/2h'00).
7)- By Teleccio Pass to Ondezana: Climbing in Southeast through easy Northwest Ridge to Punta Ondezana (3487m), in East of Apostles Group (A/F+; 1h'00/1h'15).
8)- By Antoldi-Malvezzi Bivouac, Eastern Valeille Glacier: long and challenging Climbing with great traverse crossing in East the glacier and through Western Gully of Northeast Valeille Pass (3121m) and subsequent traverse on watershed with Bardoney Vallon through Valeille Northeast, Central Summits, Valeille Southwest Pass, Southwest Top, Scatiglion Pass and Punta (3298m, 3311m, 3201m, 3357m, 3291m, 3397m) to Punta Ondezana and Teleccio Pass (A/PD+/AD; approximately from 8 to 10 hours).
9)- From the fork 1910 metres near the Valeille Alp towards the Punta di Valmiana or de Vermiana (3202m): quite easy but rather long Excursion-Climbing pathless in West into the wild Gran Val with scarce traces into the moraines in terminal part to Valmiana or Vermiana Pass (3090m); from this by South-southeast Ridge to the neighbor Punta Valmiana (3202m) (EE/A/F+/PD-; 4h'15/4h'45). Also from altitude about 3200 metres in Gran Val direcly by Southeast Slope (EE/F+; 3h'45/4h'15). And moreover from the path before the cross in West without paths into the lonely and desolated Vallon of Maqueneille and previous route EE/F+; same time and difficulties)
10)- By Lillaz towards the alternative 2350 metres and Punta Fenilia (+; 3053m): long easy Excursion with path n° 16 in Southwest to the alternative 2350 metres (here through a path always n° 16 but with more large tour and starting by Cogne) and from junction through a small unnumbered path to Fenilia (E/F; 3h'45/4h'15).

Valeille Petite Grande Arolla & Punta di Forzo 2016
Valeille Loie Rossin Tsesère Points from Northwest 2016
Valeille Punta del Rossin and Pointe de Tsesère 2016
Valeille East watersheed from Rossin to Forzo 2016
Valeille Punta del Rossin & Punta Tsesère by NW 2016


Un vallone veramente "selvaggio". Quando parti per salire la Valeille ti vien male. Il pensiero di percorrere questo stretto ed interminabile vallone diventa stressante. Quando poi arrivi alle morene, conducenti al promontorio dove é collocato il Bivacco Antoldi-Malvezzi, stai ancor peggio. Daltronde se la chiamano Valeille un motivo deve pur esserci. Per me quel terminale "radical eille" é stato aggiunto in modo spregiativo. Non perchè sia un brutto vallone. Tuttaltro, anzi è tanto selvaggio, quanto splendido. Ma non era certamente l'ultra top per i valligiani dei secoli passati, quando l'Alpinismo non era ancor nato e non fregava a nessuno. Non c'eran miniere, i pascoli eran piccoli e ristretti tra quelle due impressionanti costiere che trovano il loro apice finale nella Torre del Gran San Pietro ed anche il Colle di Teleccio, per andar in Piemonte, qualche bel problema lo creava. Non parliamo degli altri ad Oriente nel tratto che và dal Colle di Bardoney, (dopo la Lavina passando la Grande Arolla, le tre Sommità del Forzo, la Roccia Azzurra e le Sengie) giungendo fino a questo punto. Dalla parte opposta esistono solo valichi interni con la Valnontey e per traversar é meglio fare il giro sotto. Sopra la catena montuosa diventa sempre "più aspra e cattiva" salendo verso gli Apostoli. Il merito quindi di avere valorizzato questo vallone spetta agli Alpinisti, ma poi forse neanche troppo, perché sù da queste parti li potete contar sulla punta delle dita. Allora é dei Cacciador d'Alpe, ma prima dell'apertura del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Nell'anno 1922 ...



The first sector of Valeille from Gimillan, by Osw

I Valloni pricipali con alcune Escursioni consigliate (10)


1)- Dalla Frazione di Lillaz al Lago di Loie (2346 m) all'inizio della Valeille nonché tra la medesima e l'adiacente Vallone di Bardoney: facile e non troppo lunga Escursione tramite sentiero verso Est-sudest passando le tre rinomate Cascate di Lillaz ed i Pascoli di Quertatset (1750 m), collocati sopra le stesse. Da questi con salita attraverso la foresta ed affianco al Torrent de Loie oltrepassando l'omonima alpe (2217 m) con sentiero n° 12 in direzione del Lago di Loie oppure Loe (T/F; 2h'30/3h'00).
2)- Dal Villaggio di Lillaz verso Sud oltre le tre omonime e famose Cascate ed insino al soprastante "Gran Masso" (1607 m, 1750 m): breve e facile Passeggiata a Meridione con sentiero di base n° 15 nella spianata erbosa-detritica con caratteristico masso erratico al vero e proprio ingresso nel Vallone di Valeille (T/F; 0h'45/1h'00).
3)- Sempre con partenza da Lillaz raggiungendo l'isolata Alpe di Valeille (1607 m, 1902 m): abbastanza breve nonché facile Passeggiata-Escursione tramite il solito sentiero sempre n° 15 verso Mezzogiorno insino al bivio 1910 metri, nelle vicinanze dell'Alpeggio di Valeille, appena al di là dell'omonimo torrente (E/F; 1h'15/1h'30).
4)- Dall'Alpe Valeille verso Oriente all'Alpe di Arolla presso il Casotto del P.N.G.P. (1902 m, 2258 m): lunga ma quasi sempre semplice Escursione con sentiero n° 15A ad Est in direzione del Colle Settentrionale d'Arolla (2915 m); dall'alpe la prosecuzione dell'itinerario richiede una discreta conoscenza del territorio (E/F+; 3h'45/4h'15).
5)- Dal bivio 1910 metri affianco all'Alpe di Valeille al Bivacco Antoldi Malvezzi: lunga, faticosa e dura Escursione tramite sentiero n° 15 a Mezzogiorno con sempre evidenti tracce in morena nella parte terminale sottostante al Bivacco Guido Antoldi-Laura Malvezzi (2920 m) al di sotto della Catena degli Apostoli (EE/F; 3h'45/4h'15).
6)- Dal Bivacco Guido Antoldi-Laura Malvezzi sotto la Torre di Sant'Andrea ed al Colle di Teleccio o Telessio (3312 m): discretamente facile Ascensione verso Sudovest attraversando il Ghiacciaio Occidentale di Valeille insino al soprastante Colle di Teleccio, tra la Punta di Ondezana e la Torre del Gran San Pietro (A/F+; 1h'45/2h'00).
7)- Dal Colle di Teleccio alla Punta di Ondezana (3487 m): piuttosto breve nonché abbastanza facile Ascensione verso Sudest tramite la facile Cresta Nordovest, formata da rocce molto rotte ed una serie di blocchi accatastati, della Punta Ondezana, al di sopra del Colle di Teleccio e subito ad Est della Catena degli Apostoli (A/F+; 1h'00/1h'15).
8)- Dal Bivacco Antoldi-Malvezzi attraverso il Ghiacciaio Orientale: lunga nonché piuttosto impegnativa Arrampicata con grande attraversata dapprima ad Est sulla parte inferiore del Ghiacciaio Occidentale di Valeille indi con salita tramite il ripido e pericoloso Canalone del Colle di Valeille Nordest (3121 m) e successiva traversata sullo spartiacque con Bardoney scavalcando la Cima Nordest di Valeille e la vicina Punta Centrale, il Colle di Valeille Sudest, la Cima Sudovest e Colle e vicina Punta Scatiglion (3298 m, 3311 m, 3201 m, 3357 m, 3291 m, 3397 m) insino alla Punta d'Ondezana con susseguente discesa per Cresta Nordovest al Colle di Teleccio (A/PD+/AD; dalle 8 alle 10 ore circa).
9)- Dal bivio 1910 metri vicino alll'Alpe di Valeille ed alla Punta di Valmiana o Vermiana (3202 m): facile ma piuttosto lunga Escursione-Ascensione ad Ovest priva di sentiero all'interno della Gran Val tramite alcune tracce nella parte finale verso il Colle di Valmiana o Vermiana (3090 m); da questo con la Cresta Sud-sudest alla Punta di Valmiana (EE/A/F+/PD-; 4h'15/4h'45). Altrimenti dalla quota 3200 metri circa internamente alla Gran Val direttamente sul Versante Sudest (EE/F+; 3h'45/4h'15). Ed ancora dal sentiero giusto prima del bivio medesimo ad Ovest senza sentieri e dentro il desolato Vallone di Maqueneille donde alla via precedente EE/F+; stesso tempo).
10)- Da Lillaz all'incrocio 2350 metri e Punta Fenilia (3053 m): facile Escursione con sentiero n° 16 verso Sudovest sino al bivio 2350 metri (sempre sentiero n° 16 ma proveniente con più largo giro partendo dal Comune di Cogne) e dall'incrocio continuando alla Punta Fenilia con sentierino non numerato (+; 3053 m) (E/F; 3h'45/4h'15).




Climbing on Valeille Northeastern steep Couloir,

by "Lupetto"


Images