Prealpi Venete e Trentine

Page Type Page Type: Area/Range
Location Lat/Lon: 45.99670°N / 11.46760°E
Activities Activities: Hiking, Mountaineering, Trad Climbing
Seasons Season: Spring, Summer, Fall, Winter
Additional Information Elevation: 8110 ft / 2472 m
Sign the Climber's Log

Overview

The Prealpi Venete and Trentine are an extended pre-Alpine area located mainly in the Veneto and Trentino regions and partly in Friuli Venezia Giulia. This vast mountainous area is located to the South of the Alpine chain and it slopes towards the Po valley (Padana plain) to the South. It borders to the North with the Alps, to the West with the Prealpi Bresciane e Gardesane, to the East with the Carnic Alps and to the south with the Po Valley. It's a chain of summits with an average height decidedly inferior to that of the Alps, less important than these latter and showing a less imposing landscape, moreover less known in Italy than abroad. Despite this, the Prealpi Venete and Trentine include many famous and important peaks, the highest of which and of the whole area is the Col Nudo,  reaching 2472 m of altitude and located in the sector Prealpi Bellunesi. Other notable and important peaks are Cima Dodici 2341 m and Cima Portule 2310 m, both in the Northern sector of the Asiago plateau, Cima Carega 2259 m in the Piccole Dolomiti group, Cima Palon 2232 m in the Pasubio Group, Monte Cavallo 2251 m and Monte Grappa 1775 m.

 

Con il nome di Prealpi Venete e Trentine si intende un'estesa area prealpina situata principalmente in Veneto e in Trentino ed in parte in Friuli-Venezia-Giulia. Questa vasta area montuosa è situata a Sud della catena alpina e digrada verso la Pianura Padana in direzione Sud. Confina a Nord con le Alpi, ad Ovest con le Prealpi Bresciane e Gardesane , ad Est con le Alpi Carniche e a Sud con la Pianura Padana. E' una catena che comprende cime meno importanti e di altezza media decisamente inferiore rispetto alle cime alpine, con un aspetto meno imponente e più conosciute all'estero che non in Italia. Nonostante ciò, le Prealpi Venete e Trentine comprendono importanti montagne, la più elevata delle quali è il Col Nudo, che raggiunge la quota di 2472 metri ed è situata nel settore delle Prealpi Bellunesi. Altre rilevanti e note cime sono Cima Dodici 2341 e Cima Portule 2310, nel settore settentrionale dell'Altopiano di Asiago, Cima Carega 2259 nelle Piccole Dolomiti, Cima Palon nel gruppo del Pasubio, Monte Cavallo 2251 e Monte Grappa 1775 m.

 

Autumn colors in Valle Agno di Lora
Autumn colors in Valle Agno di Lora, Piccole Dolomiti

 

You can imagine the Prealpi Venete e Trentine like a West-East belt that divides (and joins) the Padana plain to the alpine arc. It is morphologically very distinguished. The Prealpi Venete and Trentine begin from the Padana plain. They extend from the Sarca Valley to the Valcellina, between the provinces of Trento (Trentino region), Verona, Vicenza, Treviso, Belluno (Veneto region) and Pordenone (Friuli-Venezia Giulia region). As told they begin from the Padana plain, but it is not so clear and definite where they finish leaving the place to the true alpine groups. Moreover it goes noticed that between the authors there isn't a sure agreement on where exactly they end.

 

Le Prealpi Venete e Trentine possono essere immaginate come una cintura, orientata in direzione Ovest-Est,  che divide la Pianura Padana dall'arco alpino. Esse sono molto differenziate dal punto di vista morfologico e come detto iniziano dalla Pianura Padana e si estendono dalla Valle del Sarca alla Valcellina, tra le province di Trento (regione Trentino), Verona, Vicenza, Treviso, Belluno (regione Veneto) e Pordenone (regione Friuli-Venezia-Giulia). E' definito da dove le Prealpi Venete e Trentino iniziano a Sud, ma non è così chiaro dove esattamente terminano a Nord, per lasciar spazio alla catena alpina. E' da dire a riguardo che fra i vari autori non c'è un accordo preciso in merito.    

 

Western Lessini panorama
Panorama from the Western Lessini taken near Passo Fittanze della Sega.  From left to right: the pre-alpine group of Monte Baldo, Monte Altissimo,  Monte Stivo and Monte Bondone. On background we see Carè Alto and Brenta Dolomites

 

The main groups included in the Veneto and Trento Prealps are:

 

- 1. Colli Berici 

- 2. Monti Lessini

- 3. Baldo-Altissimo

 

Monte Baldo standing out from the sea of clouds
Monte Baldo standing out from the sea of clouds

 

- 4. Piccole Dolomiti

- 5. Pasubio - Col Santo

 

The Tre Croci chain seen from Refuge Battisti
The Tre Croci chain (Piccole Dolomiti) seen from Refuge Battisti
Chamois on Monte Roite, Pasubio group
Chamois on Monte Roite, Pasubio group

 

- 6. Bondone - Stivo

 

Cornetto and Stivo seen from Monte Guil
The Bondone - Stivo ridge seen from Monte Guil

- 7. Altopiano di Asiago

- 8. Altipiani Trentini

- 9. Vigolana

- 10. Marzola

- 11. Prealpi Bellunesi

Col Nudo group from Cimon del Cavallo
Col Nudo group from Cimon del Cavallo - Photo Vid Pogachnik

 

- 12. Prealpi Trevigiane

 

Other Pre-Alps areas already described in SP are:

Prealpi Lombarde, Prealpi Bresciane e Gardesane, Prealpi Carniche N, Prealpi Carniche S, Prealpi Carniche E, Prealpi Carniche W.

Groups description

GROUP

ABSTRACT

MAIN TOPS

REFUGES & BIVOUACS

01 - Colli Berici

External links:

Tourist info for this zone

Wikipedia references (only italian)

The Colli Berici are a group of hills of moderate altitude separating the Po Valley (Padana plain) to the South from the town of Vicenza to the North. This small group of hills interrupts the uniformity of the Po Valley where from the South it heads towards the Alps. Here the words “the Pre-Alps” have the precise meaning: "before the Alps".

 

I Colli Berici sono un gruppo di cime di altezza modesta che separa la Pianura Padana a Sud dalla città di Vicenza a Nord, interrompendo l'uniformità della pianura. La parola "Prealpi" ha qui il preciso significato di: "prima delle Alpi".    

• Monte Alto m. 444

• Monte Mottolone m. 400

Not present.

02 - Monti Lessini

External links:

Tourist info for this zone

Wikipedia references (only italian) - see also ethnic minority Cimbri notices (english,italian,deutsch)

 

The "Lessinia" is a wide geographic zone sluice to the North from the deep and wild Ronchi valley and from the Piccole Dolomiti group; to the East from the Leogra valley, to the South from the Adige river and from the high veronese plain and to the West from the Val Lagarina. 

A part of the territory constitutes the Regional Natural Park of Lessinia.

The area is furrowed by numerous valleys that descend from the high pastures and flip out towards Verona and the plain.

The Western tops are between 1500 and 1800 meters; the central tops are attested instead between 1000 and the 1300 meters. 

 

Western Lessini panorama
Western Lessini panorama

 

La Lessinia è una vasta area geografica chiusa a Nord dalla profonda e selvaggia Valle dei Ronchi e dalle Piccole Dolomiti; ad Est dalla Val Leogra; a Sud dal Fiume Adige e dalle alte pianure veronesi; ad Ovest dalla Val Lagarina.  Una parte di questo territorio forma il Parco Regionale Naturale della Lessinia. L'area è solcata da numerose valli che scendono dagli alti pascoli e si protendono verso Verona e la pianura.

Le cime occidentali sono comprese tra 1500 e 1800 metri; le cime centrali si attestano invece tra 1000 e 1300 metri.

 

 

• Corno Mozzo m.1535

• Monte Castelberto m.1765

• Monte Tomba m.1766

• Monte Sparavieri m.1797

• Castel San Giorgio m. 1806

• Monte Grolla m. 1659

• Castel Malera m. 1722

• Cima Trapola m. 1865

• Rifugio Revolto

Rifugio Podestaria

Rifugio San Giorgio

Rifugio Malga Lessinia

Rifugio Monte Tomba

• Rifugio Boschetto 

03 - Baldo-Altissimo

go to SPgroup page

 

 External links:

Tourist info for this zone

Wikipedia references (only italian)

This long chain located in the Verona province  is disposed in the South-North direction and divides the Garda lake from the Adige river in the sector comprised between Verona and Rovereto. To the North it includes also the plateau of Brentonico that belongs to the province of Trento.

It is characterized by wide panoramas and easy hiking route. 

 

Monte Baldo seen from Cima Al Bal
Monte Baldo seen from Cima Al Bal

 

Questa lunga catena situata in provincia di Verona è disposta nella direzione Sud-Nord e divide il Lago di Garda dal Fiume Adige, nel tratto compreso tra Verona e Rovereto. A Nord comprende anche l'altopiano di Brentonico che appartiene alla provincia di Trento. Queste montagne offrono ampi panorami e facili percorsi escursionistici.

 

Baldo group from east
Baldo group from East
 

• Col Santo m. 2072

• Cima Telegrafo m. 2200

• Punta Pettorina m. 2192

• Cima Valdritta m. 2218

• Cima del Longino m. 2179

• Cima delle Pozzette m. 2132

• Corna Piana m. 1736

• Monte Altissimo di Nago m. 2079

• Monte Varagna m. 1779

Rifugio Damiano Chiesa

• Rifugio Monte Baldo 

Rifugio Campei

Rifugio Graziani

Rifugio Fiori del Baldo

• Rifugio "Fos-Ce"

• Rifugio Chierego

Rifugio "Baita dei Forti"

Rifugio "Telegrafo"

Rifugio "Cedron"

04 - Piccole Dolomiti

go to SP group page

 

External links:

Official Tourist info for this zone

Wikipedia references (only italian: Passso delle Tre Croci;Passo di Campogrosso;  Passo diPian delle Fugazze)

The most important group of the Prealpi Venete e Trentine is delimited to south from the Monti Lessini area and to the North from the Vallarsa with its Passo Pian delle Fugazze. Its main and dominant summit is Cima Carega (m. 2259).

All the group has dolomitic character, characterized from the presence of rock spires, towers, walls and steep throats. The name recalls their greater sisters, the Dolomites obviously, because of the chemical composition. The name “the small” is because of their smaller altitude and stateliness.

They have been interested by the military operations of the First World War and many hikings routes today follow the old routes of war, facilitating the access. But the Piccole Dolomiti do not go underrated! Even if they recall the hikers above all, the mountain climber will find true summits and fine and difficult climbing routes to get the top. The main ways of access by car: from North the Pian delle Fugazze pass, from South the locality of Giazza and from East the town of Recoaro and the Valle d'Agno.

 

Baffelan in autumn dress
Baffelan in autumn dress - Piccole Dolomiti 
 
E' questo il gruppo più importante delle Prealpi Venete e Trentine, delimitato a Sud dal gruppo dei Monti Lessini e a Nord dalla Vallarsa con il Passo Pian delle Fugazze. La sua cima principale e dominante è Cima Carega (m 2259). Tutto il gruppo ha carattere dolomitico, caratterizzato dalla presenza di guglie rocciose, torri, muri e gole ripide. Il nome ricorda le loro sorelle maggiori, ovviamente le Dolomiti, a causa della composizione chimica della roccia e dell'aspetto. Il nome "piccole" è dovuto alla loro minore altitudine e imponenza. Le Piccole Dolomiti sono state interessate dalle operazioni militari della Prima Guerra Mondiale e molti itinerari escursionistici seguono oggi gli antichi percorsi di guerra, facilitando l'accesso al gruppo. Ma le Piccole Dolomiti non vanno sottovalutate! Anche se richiamano soprattutto gli escursionisti, l'alpinista troverà vere vette e belle e difficili vie di arrampicata per arrivare in cima. Le principali vie di accesso in auto sono: da Nord il passo Pian delle Fugazze, da sud la località di Giazza e da Est la città di Recoaro e la Valle d'Agno

 

Monte Zevola  annotated panorama
Monte Zevola annotated panorama

Catena delle Tre Croci (from Sella del Campetto to Passo delle Tre Croci:

• Sasso de le Molesse m. 1801

• Cima Tre Croci m. 1939

• Guglia del Rifugio m. 1823

• Monte Zèvola m. 1976

• Monte Terrazzo m. 1876

• Monte Gramolon m. 1814

• Monte Telegrafo m. 1562

 

Gruppo del Carega (from Passo delle Tre Croci to  Passo Campogrosso):

• Fumante m. 1983

• Monte Obante m. 2072

• Cima Mosca m. 2141

Cima Carega m. 2215

• Cima del Cherlong m. 2215

• Cima della Neve m. 2157

• Cima Levante m. 2121

• Cima Posta m. 2259

 

Gruppo del Sengio Alto (from Passo Campogrosso pass to Passo Pian delle Fugazze):

• Monte Baffelan m. 1793

• Cima di Ofre m. 1780

• La Sisilla m. 1621

• Monte Cornetto m. 1899

• Giare Bianche m. 1675

• Torre Emmele m. 1795

Rifugio "Revolto"

• Rifugio "Passo Pertica"

• Rifugio "Bepi Bertagnoli"

Rifugio "Valdagno"

Rifugio "Cesare Battisti alla Gazza"

Rifugio "Toni Giuriolo - Campogrosso"

Rifugio "Pompeo Scalorbi"

Rifugio "Fraccaroli"

Rifugio "Malga Zugna"

Bivacco Sinel "Gianni Pedrinolla"

05 - Pasubio-Col Santo

External links:

Official Tourist info for this zone

Wikipedia references (italian,deutsch)

 

The Pasubio group developes itself from Rovereto city toward the Pian delle Fugazze pass in the West-East direction. It leaves to the South the Cima Carega and Piccole Dolomiti Group and to the North the plateaus of Folgaria, Lavarone, Luserna with the complicated geografy of the "Altipiani Trentini".

Like the Little Dolomites, the nearby Pasubio is a carbonate massif with marked dolomite characteristics. From some authors the two groups are considered a singlegroup  with the name of "Prealpi Vicentine". The Pasubio is located on the border between the provinces of Vicenza and Trento and is bordered by the Val Leogra, the Pian delle Fugazze Pass, the Vallarsa, the Val Posina. 

Also the Pasubio in its central part become famous because it had been theatre of important and great fighting during the First World War. But all the group is signed by the WWI: still today many beautiful hiking routes are carried out along the roads of war constructed in that time.

 

Refuge Lancia (Piccole Dolomiti)
Refuge Lancia (Pasubio Group)

 

Il gruppo del Pasubio si sviluppa dalla città di Rovereto verso il passo Pian delle Fugazze in direzione Ovest-Est. Lascia a Sud le Piccole Dolomiti e a Nord gli altipiani di Folgaria, Lavarone e Luserna con la complicata geografia degli "Altipiani Trentini". Come le Piccole Dolomiti, il vicino Pasubio è un massiccio carbonatico con spiccate caratteristiche dolomitiche. Da alcuni autori i due settori sono considerati come un unico gruppo chiamato "Prealpi Vicentine". Il Pasubio si trova al confine tra le province di Vicenza e Trento e confina con la Val Leogra, il Passo delle Fugazze, la Vallarsa, la Val Posina. Un altra caratteristica comune con le Piccole Dolomiti è che anche il Pasubio, soprattutto nella sua parte centrale,  fu teatro di importanti e grandi combattimenti durante la Prima Guerra mondiale. Ma tutto il gruppo è caratterizzato da resti e percorsi che risalgono dalla Grande Guerra: ancora oggi molti bellissimi percorsi escursionistici vengono effettuati lungo le strade di guerra costruite in quel tempo.
 
Pasubio 2007
Pasubio in wintertime
 

Northern ridge:

• Col Santo m. 2112

• Col Santino m. 2110

Monte Pazul m. 1477

• Monte Spil m. 1703

• Monte Sarta m. 1448

• Pilose m. 1426

• Monte di Geroli m. 1377

• Costa Alta m. 1340

 

Southern ridge:

Monte Pasubio m. 2232

• Dente Italiano m. 2220

• Zenevri m. 2141

• Dente Austriaco m. 2120

• Soglio dell'incudine 2114

• Monte Buso m. 2080

• Monte Roite m. 2144

• Campiluzzi m. 2040

• Monte Testo m. 1998

• Monte Sogi m. 1959

• Cherle m. 1834

• Corno Battisti m. 1760

• Soglio Rosso m. 1650.

• Soglio di Uderle 1600m.

• Monte Forni Alti

• Monte Trappola m. 1403

Rifugio "Gen: Achille Papa"

Rifugio "Vincenzo Lancia"

 

 

06 - Bondone-Stivo

go to SPgroup page

Official Tourist info for this zone

Wikipedia references (only italian)

The Bondone - Stivo mountain range is bordered to the North by the Vela stream, to the West by the Valle dei Laghi and the lower Sarca, to the East by the Adige valley. In its southern part the group pushes towards South-West a ridge known as the Bondone-Stivo, which culminates with the summit of Monte Stivo 2054 m, bordered to the south by the Loppio valley. Its geological composition is almost exclusively of sedimentary rocks, dolomites, limestones and marls. Within the group is located the "Integral Nature Reserve of the Tre Cime del Monte Bondone". The Bondone is traditionally the mountain of the city of Trento. The area is easily reached by the asphalted road that leads to the little plain named " Viote", that during winter is transformed as the nordic ski-center of the city.

Bondone - Stivo Ridge annotated seen from Monte Guil
Bondone - Stivo Ridge 

La catena montuosa Bondone - Stivo è delimitata a Nord dal torrente Vela, ad Ovest dalla Valle dei Laghi e dal basso Sarca, a Est dalla valle dell'Adige. Nella sua parte meridionale il gruppo spinge verso sud-ovest una dorsale conosciuta come Bondone-Stivo, che culmina con la cima del Monte Stivo 2054 m, delimitata a sud dalla valle del Loppio. La sua composizione geologica è quasi esclusivamente di rocce sedimentarie, dolomie, calcari e marne. All'interno del gruppo si trova la "Riserva naturale integrale delle Tre Cime del Monte Bondone". Il Bondone è tradizionalmente la montagna della città di Trento. L'area è facilmente raggiungibile dalla strada asfaltata che conduce alla piccola pianura denominata "Viote" che durante l'inverno si trasforma come centro sciistico nordico della città.

• Monte Cornetto m. 2180

• Doss d'Abramo m. 2140

• Cima Verde m. 2102

• Cima Palon m. 2090

• La Rosta m. 1832

Monte Stivo m. 2059

Rifugio "Prospero Marchetti" allo Stivo

Rifugio "Viote" (ex F.lli Tambosi

07 - Altopiano di Asiago

External links:

Official Tourist info for this zone

Le mete dell'Altopiano (only italian)

Wikipedia references (only italian - see also ethnic minority Cimbri notices inenglish,italian,deutsch)

Wikipedia WWI references (english,italian,deutsch)

The Altopiano di Asiago is a vast plateau located in the Northern part of the province of Vicenza. It is known also with the name of “Altopiano dei Sette Comuni” and it is located to the South of the Valsugana, extendings itself towards the plain of Vicenza. It is delimited to the West by the deep Val d'Astico, that separates it from the Altopiani del Trentino.

It is a massif with an almost quadrangular shape extended for about 25 km in the East-West direction and over 30 km in the North-South direction. It occupies a central position in the Prealpi Venete e Trentine. The plateau is formed by a central basin with an average altitude of about 1000 meters and it's bounded to the North by another summit plateau enclosed by different peaks rising above 2300 meters in height. The highest summit is Cima Dodici.

 

Busa delle Dodese bivouac: toward Cima Dodici top.
Bivouac Busa delle Dodese and Cima Dodici

 

Also this group is famous as an important theatre of war expecially because of the Strafexpedition, put into effect from the Austro-Hungarians during the WWI. The most alpine interesting mountains are found in the Northern chain, that is falling to the Valsugana valley with unevennesses of 1500 meters.

 

L'Altopiano di Asiago è un vasto altopiano situato nella parte settentrionale della provincia di Vicenza. È conosciuto anche con il nome di "Altopiano dei Sette Comuni" e si trova a sud della Valsugana, estendendosi verso la piana di Vicenza. È delimitato ad ovest dalla profonda Val d'Astico, che lo separa dagli Altopiani del Trentino. È un massiccio con una forma quasi quadrangolare esteso per circa 25 km in direzione Est-Ovest e oltre 30 km in direzione Nord-Sud. Occupa una posizione centrale nelle Prealpi Venete e Trentine. L'altopiano è formato da un bacino centrale con un'altitudine media di circa 1000 metri ed è delimitato a Nord da un altro altopiano sommitale racchiuso da diverse cime che superano i 2300 metri di altezza. La vetta più alta è Cima Dodici. Anche questo gruppo è famoso come importante teatro di guerra, soprattutto a causa della Strafexpedition, messa in atto dagli Austro-Ungarici durante la Prima Guerra Mondiale. Le montagne più interessanti sono quelle alpine che si trovano nella catena settentrionale, che domina la Valsugana con dislivelli di 1500 metri.

Monte Ortigara
Monte Ortigara

Cima Dodici m. 2340

• Monte Ortigara m. 2106

• Cima Portule m. 2310

• Corno di Campo Bianco m. 2043

• Monte Lozze m. 1920

• Monte Forno m. 1912

• Cima Mandriolo m. 2051

Pizzo di Levico m. 1908

• Monte Cimon m. 1486

• Monte Zebio m. 1717

• Monte Mosciagh m. 1556

• Monte Fior m. 1824

• Monte Lisser m. 1634

• Monte Baldo di Asiago m. 1678

• Monte Verena m. 2015

Rifugio "Stalder"

Rifugio "Verenetta"

Rifugio "Granezza"

Rifugio "Cima Larici"

Bivacco "Busa delle Dodese"

Bivacco "Baito del Cangi"

Bivacco "Baita Lanzola-Refatti"

• altri punti di appoggio nell'Altopiano (baiti, casare, malghe, rifugi) dal sito web del CAI di Asiago (only in italian)

08 - Altipiani Trentini

External links:

Official Tourist info for this zone

Wikipedia references (Lavarone-Folgaria-Luserna) see also ethnic minority Cimbri notices inenglish,italian,deutsch)

Wikipedia WWI references (english,italian,deutsch)

Lavarone-Folgaria-Luserna: these three plateaus with their forests and grass for alpine mountain barns are usually considered as a single unit, even if they are separated by furrows and deeps valleys. In reason of their uniformity the area is interesting for the hiker, not for the mountain climbers. As well as for hiking, these mountains are of interest  under the landscape, historical and cultural profile. Like also in the Altopiani d'Asiago, the WWI had here one of its “hot spots” especially during the “Strafexpedition” in the year 1916. The country of Luserna is inhabited from a Cimbri community where still today the ancient language is spoken about this ethnic minority.

 

Folgaria-Lavarone plateaus
Folgaria-Lavarone plateaus

 

Plateau of Luserna from Monte Toraro
Plateau of Luserna from Monte Toraro

Lavarone-Folgaria-Luserna: questi tre altipiani con le loro foreste ed erba per i granai alpini sono generalmente considerati come una singola unità, anche se separati da solchi e profondi valloni. In ragione della loro uniformità, l'area è interessante per l'escursionista, non per l'alpinista. Oltre che per l'escursionismo, queste montagne sono interessanti sotto il profilo paesaggistico, storico e culturale. Come anche negli Altopiani d'Asiago, la Prima Guerra Mondiale ebbe qui uno dei suoi "punti caldi" soprattutto durante la "Strafexpedition" nell'anno 1916. Il paese di Luserna è abitato da una comunità di Cimbri dove ancora oggi si parla l'antica lingua di questa minoranza etnica.

• Costa d'Agra m. 1822

• Monte Finonchio m. 1603

• Monte Campomolon m. 1855

• Monte Toraro m. 1899

• Monte Spitz di Tonezza m. 1696

"Rifugio Fratelli Filzi"

"Rifugio Baita Tonda"

"Rifugio Malga Campo"

• Rifugio "Rifugio Stella d'Italia"

Rifugio "Mariano Rumor"

 

 

09 - Vigolana

go to SPgroup page

 

 External links:

Official Tourist info for this zone

This limestone group that closes to the South-East the town of  Trento goes towards South until reaching the country of Folgaria joining therefore to the plateau of Folgaria-Lavarone. In spite of the vicinity to the town it has alpine characters and it does not go underrated, above all from who approaching from the North side.

 

Questo gruppo calcareo che chiude a Sud-Est la città di Trento si dirige verso Sud fino a raggiungere Folgaria collegandosi quindi all'altopiano di Folgaria-Lavarone. Nonostante la vicinanza alla città, ha caratteri alpini e non va sottovalutato, soprattutto da chi si avvicina dal lato nord.

 

Vigolana group from south
Vigolana group from south

• Becco di Filadonna m. 2150

Vigolana (with two tops) m. 2148-2128

Rifugio Casarota "Livio Ciola"

Rifugio "La Madonnina"

Rifugio "Paludei"

Bivacco "Alla Madonnina" - Vigolana

Bivacco "Malga Derocca"

10 - Marzola

go to SPgroup page

 

External links:

Official Tourist info for this zone

Small and isolated group situated to the East of the town of Trento. It divides the town from the Caldonazzo lake, located in Valsugana. Usually used on sunday by the Trento folks, because of its easy paths. Not important for alpinists, though it has a particulary place into the history of local climbers because here is (near the Pino Prati refuge)  the historical cliff arena “ai Bindesi” where they have begun generations of mountain climbers.

 

Marzola group viewed from south
Marzola group viewed from south

Piccolo e isolato gruppo situato ad est della città di Trento. Divide la città dal lago di Caldonazzo, situato in Valsugana. Solitamente utilizzato la domenica dalle persone di Trento, per via dei suoi facili percorsi. Non importante per gli alpinisti, anche se ha un posto particolare nella storia degli scalatori locali perché qui (vicino al rifugio Pino Prati) si trova la falesia storica dei " Bindesi",  dove hanno iniziato ad arrampicare generazioni di alpinisti trentini.

 

Marzola group
Marzola group

 

 

Marzòla m.1737

• Chegùl m. 1362

• Monte Celva m. 1000

"Rifugio Pino Prati" 

"Rifugio Maranza"

• "Bivacco Raffaele Bailoni"

 

11 - Prealpi Bellunesi

 

 External links:

Official Tourist info for this zone

Wikipedia WWI references (english,italian,deutsch)

The Prealpi Bellunesi are divided into two large groups: the Grappa Massif and the Cavallo-Visentin Chain. The Grappa Massif is wide, has a maximum height that doesn't reach 2000 meters (the highest peak is Monte Grappa 1775 m) and it's located between the Brenta river to the West and the Piave river to the East. To the North is defined from the valleys that joins the plain of Fonzaso with the cities of Feltre and Belluno. To the South it ends with the Po plain and more just with the city of Bassano del Grappa and the hills of Asolo. Its reputation is mainly due to the vicissitudes tied to the WWI. On the summit it accommodates a great cemetary of the war fallen. Today it is above all a reference for the tourists who go up from the plain taking advantage itself also of the asphalted road that reaches the top.

The Catena Cavallo-Visentin is the second largest mountain group of the Prealpi Bellunesi, located in their Eastern sector and it's shared between the provinces of Belluno and Treviso ( partly in Friuli-Venezia Giulia). It includes the highest summit of the whole Prealpi Bellunesi, the Col Nudo 2,472 m.

 

Col Nudo
Col Nudo

 

Le Prealpi Bellunesi sono divise in due grandi gruppi: il massiccio del Grappa e la catena Cavallo-Visentin. Il massiccio del Grappa è ampio, ha un'altezza massima che non raggiunge i 2000 metri (la vetta più alta è il Monte Grappa 1775 m) e si trova tra il fiume Brenta a ovest e il fiume Piave a est. A nord è definito dalle valli che si congiungono nelle pianure di Fonzaso con le città di Feltre e Belluno. A sud termina con la pianura e con la città di Bassano del Grappa e le colline di Asolo. La sua fama è dovuta principalmente agli avvenimenti  legati alla Prima Guerra Mondiale. Sulla cima ospita un grande cimitero dei caduti in guerra. Oggi è soprattutto un riferimento per i turisti che salgono dalla pianura approfittando anche della strada asfaltata che raggiunge la cima. La Catena Cavallo-Visentin è il secondo gruppo montuoso delle Prealpi Bellunesi, situato nel loro settore orientale ed è condiviso tra le province di Belluno e Treviso (in parte anche il Friuli-Venezia Giulia). Comprende la vetta più alta di tutte le Prealpi Venete e Trentine, il Col Nudo 2,472 m.

• Col Nudo m. 2472

• Monte Grappa m. 1775

• Monte Asolone m. 1520

• Monte Valderoa m. 1575

• Monte Fontana Secca m. 1608

• Cima della Mandria m. 1482

• Col dell'Orso m. 1677

• Col Moschin m. 1278

• Col della Berretta m. 1448

• Monte Pertica m. 1549

• Monte Prassolan m. 1481

Rifugio "Scarpon"

"Rifugio Alpe Madre"

 

12 - Prealpi Trevigiane

 

 External links:

Official Tourist info for this zone

Wikipedia references (only italian)

la geografia del Trevisano fra mare e monti (only italian)

isentieri delle Prealpi Trevigiane (only italian).

isentieri delle Prealpi TrevigianeBIS (only italian).

The Claudia Augusta Altinate roman road (english,italian, deutsch,

france)

 

 

 

 

The Prealpi Trevigiane are formed by the chain Monte Cesen-Col Visentin, by the Monte Pizzoc and a part of the Bosco del Cansiglio, by the moraine hills located between Valdobbiadene, Tarzo and Vittorio Veneto. Three are the passes that allow the access from the province of Belluno: the saddleback of Fadalto (m. 488), the Passo di San Boldo (m.707) and the Passo Praderadego (m. 910) through which it passed the roman military road “Via Claudia Augusta Altinate”, which joined the Adriatico sea with Feltre, Trento, Bolzano, Merano and - at last - the Passo di Resia (actually situateted on the border between the italian Sudtyrol and the Austria).

Monte Cesen
Monte Cesen

 

Le Prealpi Trevigiane sono formate dalla catena Monte Cesen-Col Visentin, dal Monte Pizzoc e da una parte del Bosco del Cansiglio, dalle colline moreniche situate tra Valdobbiadene, Tarzo e Vittorio Veneto. Tre sono i passi che permettono l'accesso dalla provincia di Belluno: la sella di Fadalto (m 488), il Passo di San Boldo (m.707) e il Passo Praderadego (m.910) attraverso i quali passò la strada militare romana "Via Claudia Augusta Altinate", che univa il mare Adriatico con Feltre, Trento, Bolzano, Merano e - infine - il Passo di Resia (in realtà situato al confine tra Sud Tirolo e Austria).

 

 

Casera Malga Mariech
Casera Malga Mariech

 

 

 

 

 

 

• Monte Nevegal m. 1600

• Monte Cesen m. 1570

• Monte Cimon m. 1438

• Col Visentin m. 1768

• Monte Pizzoc m. 1565

• Monte Millifret m. 1581

 

Rifugio "Posa Pruner"

Rifugio "Brigata Cadore"

Rifugio "Col Visentin"

Rifugio "Mariech"

Getting There

The international access happens from the Brennero Motorway and from Milano-Venezia Highway. For a detailed guideline more you can consult the street map of Globopix . • by car: motorway A22 del Brennero or motorway A4 Milano-Venezia • by train: line Milano-Venezia at south; line Trento-Venezia at North • by bus: see the local informations at the single group or mountain page in SP! • nearest airports: in Verona Aeroporto Valerio Catullo; in Venezia Aeroporto Marco Polo  

Red tape

In the last years a new proposal of subdivision of the entire alpine arc (SOIUSA) has appeared in Italy. This distribution considers the Alps like one great european chain, exceeding therefore the borders of the national states. You can confront the C.A.I. subdivision with the SOIUSA subdivision. Here the groups of the prealpine area Veneto-Trentino are described and attached to the existing SP subgroups-pages with the agreement that the change councils well will be accepted. Links convention: inner SP links are showed in blue-bold-underscore; external links are showed in blue-normal-underscore.

 

Useful information

• Azienda turistica del Trentino • Azienda turistica del Veneto 

Bibliography

Prealpi Venete Guidebook
Prealpi Venete e Trentine - La Grande Guerra 1915-18
Prealpi Trevigiane Guidebook
Guida ai Sentieri d'Acqua

 

"Cinquanta itinerari scelti fra Dolomiti, Lagorai, Primiero, Grappa, Prealpi Trevigiane e Bellunesi" by Danilo Zanetti

"Prealpi Venete e Trentine - La Grande Guerra 1915/18" by Walther Schaumann

"Escursioni nelle Prealpi Trevigiane in ogni stagione"  by Ennio Poletti

"Guida ai sentieri d'acqua" by Ennio Poletti

"Piccole Dolomiti e dintorni - Arrampicate scelte" by Guido Casarotto - An updated and complete selection of the best climbing routes in Little Dolomites, Ed. Cierre 2015

“Piccole Dolomiti – Pasubio” by Gianni Pieropan - Collana Guide dei Monti d’Italia, CAI TCI

Maps

Advised cartograpy by Kompass editor:

Kompass n. 102 - Lago di Garda-Monte Baldo 1:50.000
Kompass n. 101 - Rovereto-Monte Pasubio 1:50.000
Kompass n. 631 - Altipiani di Folgaria Lavarone e Luserna 1:25.000
Kompass n. 623 - Altopiano di Asiago 1:25.000
Kompass n. 075 - Trento-Levico-Lavarone 1:50.000
Kompass n. 078 - Altipiano dei Sette Comuni 1:50.000
Kompass n. 678 - Bondone-Stivo 1:25.000
Kompass n. 690 - Alto Garda e Ledro 1:25.000

Meteo Forecast

ARPAV - Meteo Veneto
Dolomiti Meteo
Meteotrentino